Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro


Pedra Bela, Vista da abbinare
Veduta di un braccio del fiume Cávado dal belvedere di Pedra Bela.
case di collina
Un villaggio disposto in salita, in mezzo ai campi di Gerês.
Al Sole delle Terre di Bouro
Stendibiancheria accanto al grande granaio di Casa dos Bernardos a Santa Isabel do Monte
Flusso solo per una coppia
Lagune cristalline del fiume Homem, nel cuore di Mata da Albergaria
monumento in granito
Roccia di granito staccata dalla catena montuosa, nei pressi di Campo do Gerês.
Piscina dell'uomo
Piccola laguna naturale del fiume Homem, all'interno della Mata da Albergaria
Esclusiva Piccola Laguna
Coppia gode di un pozzo fornito da Cascata do Arado.
Safari nello stile di Terras de Bouro
La mucca Cachena appare all'improvviso in un ambiente tipico di Terras de Bouro, con granito e abbondanza di felci.
chiesa e cimitero
Chiesa di Santa Isabel do Monte, tra campi di grano e altri campi agricoli
Divertimento in pietra e acqua
Coppia gode di un pozzo fornito da Cascata do Arado.
Una facciata non ortodossa
Facciata della chiesa di Santo António de Mixões da Serra, a Valdreu, Terras de Bouro
Sant'Antonio di Valdreu
Particolare della statua di Santo António, evidenziata sopra la chiesa di Santo António de Mixões da Serra
Chiesa di tutte le attenzioni
Chiesa di Santo António de Mixões da Serra, a Valdreu, Terras de Bouro
Strada in stile Gerês
Le auto salgono su un ripido pendio della Serra do Gerês, verso Miradouro da Pedra Bela.
Casa di campagna di Gerês
Casario de Campo do Gerês, visto da Miradouro da Pedra Bela
vacca cachena
Mucca Cachena in un ambiente tipico di Terras de Bouro, con granito e abbondanza di felci.
Fuori Cavado
Il fiume Cávado si è moltiplicato come si vede da una cresta sopra il monastero di São Bento da Porta Abera
Garranos delle Terre di Bouro
Garranos su un tappeto di felci, vicino a Valdreu
Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.

Come per puro capriccio fluviale, Cávado decide di moltiplicarsi.

Ci sono diversi ampi bracci di fiume che allungano, senza cerimonie, le catene montuose di Gerês. Dagli 829 metri di quota di Miradouro da Pedra Bela, ne abbiamo potuto scorgere uno, trattenuto dall'improvvisa pendenza del pendio.

Potevamo ancora vedere una seconda sbirciata, rivolta a nord-ovest. E, infine, un terzo puntato a sud-ovest, la direzione del corso principale del fiume.

In basso, sulle sue sponde, frazioni in fila annunciavano la località termale che accoglie gran parte dei villeggianti e usa e abusa del nome della regione.

Fiume Cávado, vista dal belvedere di Pedra Bela, Gerês, Portogallo

Veduta di un braccio del fiume Cávado dal belvedere di Pedra Bela.

Gerês ha lì il suo nucleo civile e logistico. Di norma, man mano che ci allontaniamo dal paese, la quiete aumenta di tono. Le eccezioni sono i piccoli doni della natura con una reputazione pari alla bellezza. È il caso della vicina cascata di Arado.

Cascade do Arado: purché difficile da raggiungere.

Quando la guardammo, una piccola folla si contendeva la soglia del parapetto di osservazione. Le autorità del parco nazionale scoraggiano l'accesso alle piscine naturali scavate nel granito fornite dalla cascata. Anche così, una coppia era salita lì. Ha mostrato il suo esclusivo parco giochi balneare e ha generato una crescente invidia nel pubblico su questo lato del canyon.

Eravamo tra coloro che, anche a quell'ora mattutina, sognavano di tuffarsi e sguazzare in angoli così abbaglianti. Rassegnati alla mancanza di tempo e di opportunità, siamo passati a uno scenario simile.

Filipa Gomes, originaria di Campo do Gerês, continua a guidarci attraverso i domini in cui è cresciuta. “Andiamo a Mata da Albergaria. Ci devono essere molte meno persone e c'è anche una piccola cascata dove andavamo io e i miei genitori!”

Come impresa simbolica, abbiamo attraversato il confine con la Spagna fino a Portela do Homem. Filipa ci lascia all'inizio di uno degli imperdibili sentieri della zona, parte di Geira.

Divenne così nota una strada militare che i romani costruirono in mezzo Bracara Augusta e Asturia Augusta (Astorga, Spagna). In connessione con un altro che collegava Portela do Homem a (Castro) Lavoro

Monumenti romani, Geira, Mata da Albergaria, fiume Homem, Gerês

Pietre miliari di Geira, sulla riva sinistra del fiume Homem.

Le irresistibili more dell'antica Geira romana

Quella strada sarebbe stata catalogata come Via nº18 della griglia Antonina, una complessa rete attraverso la quale si muovevano le legioni di soldati ei loro condottieri romani. Costruita intorno al I secolo d.C., Geira misurava 215 miglia, con ogni miglio corrispondente a XNUMX passi.

Stava a noi camminare e goderci il paesaggio ei segni cilindrici lasciati dai romani in una minuscola parte del tratto compreso tra il miglia XXVII e XXXIV.

Filipa ha preso il furgone con cui ci ha trasportato fino alla fine di quel tratto, con l'idea di venirci a prendere alla fine del percorso. Un imprevisto ci ha fatto impiegare molto più tempo del previsto e abbiamo deciso di anticipare l'incontro. I bordi della pista erano fitti di rovi.

I rovi, a loro volta, erano carichi di more mature e succose. A metà mattina, con la colazione leggera già finita, non potevamo rifiutare la festa. Di conseguenza, abbiamo completato la distanza in uno dei tempi più lenti di cui non ci sarà traccia.

Da un momento all'altro, il sentiero svela il letto roccioso del fiume Homem e il suo anfratto ricco di pozzi e lagune fluviali cristalline condivise da quattro o cinque fortunati bagnanti. A detrimento dei nostri peccati, siamo costretti ancora una volta ad andare avanti senza sosta ricreativa.

Da Vilarinho das Furnas Sommerso, Terras de Bouro in alto

Più avanti, Man si apre sul grande bacino contenuto dalla diga di Vilarinho das Furnas che, nel 1971, sommerse l'omonimo villaggio. Nei mesi di estrema siccità, l'acqua nella diga scende in modo tale da portare alla luce le rovine del villaggio. Nonostante l'impegno dell'estate, non era cosa per noi aspettare lì.

Invece, attraversiamo l'uomo attraverso la cresta dello sbarramento. Saliamo attraverso lo scenario roccioso e scosceso a nord del fiume. Ci siamo fermati di nuovo solo a Brufe, villaggio al sicuro dall'alluvione generata dalla diga ma vittima del lento prosciugamento dei suoi pochi abitanti.

Dalla metà del XNUMX° secolo, più della metà dei circa XNUMX abitanti di Brufe se ne sono andati in un modo o nell'altro. Adesso ne restano meno di cinquanta, anime che resistono al tempo e al destino come i cesti di granito in cui hanno a lungo conservato il loro sostentamento.

Le terre che continuiamo ad attraversare appartengono a Bouro.

Così come i Buri, una tribù germanica che arrivò nell'ovest della penisola iberica (compresa la Galécia) con gli Svevi, all'inizio del V secolo e che si stabilì in questa precisa zona montuosa tra i fiumi Cávado e Homem.

Fiume Cávado, Geres, Portogallo

Il fiume Cávado si è moltiplicato come si vede da una cresta sopra il monastero di São Bento da Porta Aberta

I Burio, gli Svevi e i Visigoti

Poco dopo, il Regno Svevo fu annesso dai Visigoti che invasero senza appello Hispania Romana e Galétia Swabian. I Burio rimasero. Si adattarono al dominio e ai modi visigoti. In modo tale da resistere nel nome della regione e nella genetica della sua gente.

I Burio arrivarono con credenze e costumi pagani. Ma già alla fine del VI secolo i monarchi svevi (varie teorie indicano re diversi) avevano ceduto all'azione evangelizzatrice dei missionari in azione nella penisola iberica.

Come la storia di Regioni di Gothorum, Vandalorum e Suevorum, opera dell'arcivescovo Isidoro di Siviglia, fu il vescovo Martinho de Braga a ottenere la sua conversione, grazie alla sua influenza su re Teodomiro, considerato il primo monarca cristiano ortodosso degli Svevi. Questo è, tuttavia, solo uno dei numerosi postulati che difendono il protagonismo di monarchi, missionari e epoche diverse.

Indipendentemente da come sia successo, i Terras de Bouro sono diventati cristiani. Col tempo, da ortodossi, sono diventati cattolici. I templi liturgici e granitici della fede millenaria costellano il paesaggio. Alcuni sono più eccentrici di altri.

Chiesa di Santo António de Mixões da Serra, Valdreu, Terras de Bouro, Portogallo

Facciata della chiesa di Santo António de Mixões da Serra, a Valdreu, Terras de Bouro

La mitica Chiesa di Santo António de Mixões da Serra

Da Brufe, andiamo a Valdreu. Lì troviamo il Santuario di Santo António de Mixões da Serra, una chiesa dall'architettura non convenzionale e dalle origini agli albori del medioevo.

Saliamo una scalinata che ci conduce ad una vetta sassosa. Da lì si proietta la classica statua del patrono Sant'Antonio, che regge un Gesù Bambino e, allo stesso tempo, la Bibbia.

Da quell'alto cristiano ammiriamo le case ei piccoli possedimenti sparsi nel selvaggio paesaggio circostante. E, appena sotto, la sommità della chiesa, con le sue torri gemelle che svettano sul frontone.

A giugno, la chiesa di Santo António de Mixões e il grande atrio antistante sono il palcoscenico di un'insolita cerimonia religiosa, la Benedizione degli Animali. Si dice che la tradizione sia emersa nel XVII secolo (altre fonti collocano la sua genesi all'inizio del XX secolo).

Deve essere stato causato da una pestilenza che si è diffusa in quei confini e ha ucciso buona parte del bestiame della regione. Avendo bisogno di animali, devastati dalla loro morte, i residenti hanno promesso a Santo António che gli avrebbero costruito un tempio se avesse fermato l'epidemia.

La benedetta benedizione degli animali

Santo António cedette alle preghiere dei credenti e gli costruirono una cappella in cima alla Serra. Oltre all'edificio, la gente della regione iniziò a portare i propri animali – dalle mucche ai cani e gatti – decorati con fiori, nastri e altri ornamenti alla chiesa di Mixões da Serra. Lì assistono alla messa.

Quindi il parroco asperge le creature con acqua santa e prega per la protezione divina.

Da Mixões da Serra, puntiamo a Santa Isabel do Monte. Lungo la strada, superammo branchi di cachena e avvistammo un altro branco, di garrot, al pascolo su un tappeto di felci e ginestre, sotto un forte con grossi massi di granito. Tutti gli animali che abbiamo visto sembravano essere in perfetta salute.

Più che la salute, un vigore e un presagio fisico possibili solo in una regione verde e fertile come quella che abbiamo continuato a setacciare.

Chiesa di Santa Isabel do Monte, Terras de Bouro, Portogallo

Chiesa di Santa Isabel do Monte, tra campi di grano e altri campi agricoli

Le Terras de Bouro a parte Santa Isabel do Monte

Filipa Gomes ha avuto un apprezzamento speciale per Santa Isabel do Monte. Un affetto in più che abbiamo rapidamente assimilato.

Qui i borghi sembravano ancora più remoti e orgogliosi di quelli altrove. “A volte passo di qui e devo rallentare perché gli animali corrono selvaggi ovunque.

I maiali, le galline le capre, è tutto loro! E ci sono così poche macchine che gli animali attraversano la strada senza troppa preoccupazione. Passavamo infatti davanti a maiali, rosa, galline e perfino tacchini impegnati in una frenetica ricerca di cibo dalla terra.

Dopo gli Abades, Casa dos Bernardos, versione profana

Filipa ci condusse in un altro elegante edificio secolare, la Casa dos Bernardos, un tempo abitata dagli abati (cistercensi) Bernardos e, sin dai tempi cardine della nazione portoghese, parte del Couto del Monastero di Bouro, un dominio che fu loro donato dallo stesso re Afonso Henriques.

Lì, siamo rimasti stupiti dal granaio più lungo del comune di Terras de Bouro, un imponente cesto di 16 metri di lunghezza e secondo la descrizione storica: “capacità di raccogliere 18 carri di pane” (leggi pannocchie di mais).

Casa Bernardos, Santa Isabel do Monte, Terras de Bouro

Grande granaio di Casa dos Bernardos, a Santa Isabel do Monte

Filipa ci presenta Dª Leopoldina. La padrona di casa apre la porta della cappella della casa e svela l'arredamento luminoso, con evidente ispirazione ingenuo della navata piccola della cappella.

Il pomeriggio stava correndo verso la fine, ma Filipa aveva un ultimo posto speciale nella manica. Ad un certo punto abbiamo lasciato la strada asfaltata per uno sterrato irregolare che portava al pendio.

Abbiamo progredito un po' più in là, a sbalzi. Ci fermiamo solo dall'altra parte della cresta in un mondo diverso e molto più aperto delle Terras de Bouro.

Davanti a noi, avevamo uno scenario complementare a quello di Miradouro da Pedra Bela, dove avevamo iniziato la giornata. Siamo saliti sulle scogliere di granito più vicine e ci siamo divertiti. Proprio sotto, il grande monastero di São Bento da Porta Aberta sembrava benedire il flusso di Cávado, “stellato” come eravamo abituati a vederlo.

João Vieira. Ci sono ancora Pastori così.

Ci siamo abbandonati a questa contemplazione quando il suono delle campane ha catturato la nostra attenzione. Dietro di noi, un pastore con una zappa in spalla seguiva un gregge di capre.

Lo fotografiamo mentre si avvicina lentamente. Già accanto a noi, il parroco ci scatta un “sguardo che ancora rompi quelle macchine fotografiche per aver sparato così tanto!”.

Fu l'inizio di una lunga conversazione in cui João Vieira non smise mai di stupirci. Il nuovo arrivato aveva quasi 50 anni. Fu pastore per gran parte della sua vita, così come suo padre e suo nonno. Possedeva 180 capre che teneva vicino alla chiesa di São Bento.

Pastore João Vieira, Terras de Bouro, Gerês, Portogallo

Il pastore di capre João Vieira durante una pausa nel suo pascolo, per conversare.

"I lupi?" gli abbiamo chiesto. "Quindi non ci sono?" metterci al sicuro. «Sono stato ucciso solo da venti capre. Cosa facciamo? Guarda... niente, cerchiamo di tenerli lontani ma non è sempre facile. L'ICNF dice che dovremmo avere un cane ogni dieci pecore o capre.

Ma chi paga il cibo per cani? Dicono che abbiamo il diritto di avere i cani gratis quando i lupi uccidono i nostri animali ma, se volete sapere, che per me è una tale truffa che non apro nemmeno le lettere che mi mandano!”.

Fine giornata (di nuovo), in alto sopra Cávado

Mentre parlavamo, il cellulare del parroco squillava più e più volte. João Vieira, ha risposto in un'occasione. "Ops, cosa vuoi adesso? Abbiamo parlato molto oggi, non vedi che sono impegnato! Sono qui con alcune persone. "

Ci siamo resi conto che la compagnia di nuove persone gli piaceva molto. Tanto che il pastore lasciò che le capre andassero per la loro strada e continuò a inaugurare una storia dopo l'altra. “Ora, per finire, ti dirò solo questo in più. Stai solo vedendo il monastero laggiù.

Il pastore João Vieira insegue le capre del suo gregge, in una catena montuosa sopra il monastero di São Bento da Porta Aberta.

Sai una cosa: sono anche andato a messa. Una volta, quando avevo 15 anni, in confessione, il prete decise di chiedermi se andavo dalle ragazze! Ti dico una cosa. Ero persino un bambino, ma ero così indignato che non ci ho più messo piede".

Il cellulare squillò di nuovo. João Vieira ha rifiutato ancora una volta la chiamata. Salutò e corse dietro alle capre che erano state a lungo impazienti.

Siamo rimasti abbagliati dal vederlo scomparire nella vastità della catena montuosa di Peneda-Gerês e dell'antica Terras de Bouro, con quelle di Montalegre e Barroso sul punto.

 

Gli autori desiderano ringraziare le seguenti entità per il loro supporto nella creazione di questo articolo:

Porto e Turismo del Nord

Equi'Challenges

Prenota la tua equitazione e altre attività a Gerês e Terras de Bouro sul sito web di Equi'Desafios.

Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Ilheu de Cima, Porto Santo, Portogallo

La prima luce di coloro che navigano dall'alto

Fa parte del gruppo di sei isolotti intorno all'isola di Porto Santo, ma è ben lungi dall'essere solo uno in più. Nonostante sia la soglia orientale dell'arcipelago di Madeira, è l'isolotto più vicino alla popolazione di Porto. Di notte fa anche il tifoso che conferma la giusta rotta per le navi provenienti dall'Europa.
Isola Pico, Azzorre

L'isola ad est del monte Pico

Di norma chi arriva a Pico sbarca sul suo versante occidentale, con il vulcano (2351 m) che sbarra la visuale sul versante opposto. Dietro il monte Pico, c'è un intero e meraviglioso "est" dell'isola che richiede tempo per svelarsi.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Architettura & Design
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
cavalieri del divino, fede nello spirito santo divino, Pirenopolis, Brasile
Cerimonie e Feste
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Atene, Grecia, cambio della guardia in piazza Syntagma
Città
Atene, Grecia

La Città che Perpetua la Metropoli

Dopo tre millenni e mezzo, Atene resiste e prospera. Da belligerante città-stato, divenne la capitale della vasta nazione ellenica. Modernizzato e sofisticato, conserva, in un nucleo roccioso, l'eredità della sua gloriosa Era Classica.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
La sposa entra in macchina, il matrimonio tradizionale, il tempio Meiji, Tokyo, Giappone
Cultura
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Indiano incoronato
Etnico
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Bark Europa, Canale di Beagle, Evolution, Darwin, Ushuaia nella Terra del Fuoco
Storia
Canale di Beagle, Argentina

Darwin e il Canale di Beagle: Sulla strada per l'evoluzione

Nel 1833 Charles Darwin salpò a bordo della "Beagle" attraverso i canali della Terra del Fuoco. Il suo passaggio attraverso questi confini meridionali ha plasmato la teoria rivoluzionaria da lui formulata della Terra e delle sue specie
Punto di vista del punto di vista, Alexander Selkirk, a Pele Robinson Crusoe, Cile
Isole
Isola Robinson Crusoe, Cile

Alexander Selkirk: Nella pelle del vero Robinson Crusoe

L'isola principale dell'arcipelago Juan Fernández ospitava pirati e tesori. La sua storia era fatta di avventure come quella di Alexander Selkirk, il marinaio abbandonato che ha ispirato il romanzo di Dafoe.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
i viaggiatori contemplano, monte fitz roy, argentina
Natura
El Chalten, Argentina

L'appello del granito della Patagonia

Due montagne rocciose hanno innescato una disputa sul confine tra Argentina e Cile. Ma questi paesi non sono gli unici contendenti: i monti Fitz Roy e Torre hanno attratto a lungo scalatori irriducibili.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Parchi Naturali
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Visitatore, Michaelmas Cay, Grande Barriera Corallina, Australia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Michaelmas Cay, Australia

Le miglia del Natale (parte I)

In Australia, viviamo il più insolito del 24 dicembre. Salpiamo per il Mar dei Coralli e atterriamo su un isolotto idilliaco che condividiamo con le sterne dal becco arancione e altri uccelli.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Spiagge
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
Libreria Sacra
Religione
Tsfat (sicuro), Israele

Quando la Kabbalah è una vittima di se stessa

Negli anni '50, Tsfat ha riunito la vita artistica della giovane nazione israeliana e ha recuperato la sua mistica secolare. Ma famosi convertiti come Madonna vennero a turbare la più elementare discrezione cabalista.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Fedeli cristiani che lasciano una chiesa, Upolu, Samoa occidentali
Società
Upolu, Samoa  

Nel cuore spezzato della Polinesia

L'immagine dell'idilliaco Sud Pacifico è indiscutibile a Samoa, ma la sua bellezza tropicale non paga i conti né per la nazione né per gli abitanti. Chiunque visiti questo arcipelago trova un popolo combattuto tra l'assoggettarsi alla tradizione e alla stasi finanziaria o lo sradicarsi in paesi con orizzonti più ampi.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Animali selvatici
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.