Armenia

La culla del cristianesimo ufficiale


Ai piedi del grande Aratat
Il monastero di Khor Virap, eretto nel luogo in cui fu imprigionato San Gregorio. Sullo sfondo il grande monte Ararat.
promesse e credenze
I credenti accendono candele all'ingresso del monastero di Geghard.
Messa in stile armeno
Un religioso si distingue dai fedeli che partecipano a una messa nella cattedrale di Echmiadzin.
Sagome di Yerevan
Passanti davanti alla Cattedrale di San Gregorio l'Illuminatore, una delle chiese più grandi della capitale armena Yerevan.
più fede
I credenti armeni pregano durante una messa tenuta nella cattedrale di Echmiadzin.
Un monastero scavato nella roccia
Il monastero di Geghard, costruito ai piedi di un pendio, nel luogo in cui si dice che Giuda Taddeo abbia portato la lancia del centurione Longino che ferì Cristo durante la crocifissione.
Benedizione divina
Il Catholicos - capo della chiesa armena - benedice i credenti fuori dalla cattedrale di Echmiadzin.
In un tempio di pietra
Un fedele cammina attraverso le camere rupestri scolpite che costituiscono gran parte del monastero di Geghard.
pura fede
Fedeli durante una messa nella cattedrale di Echmiadzin, una delle più antiche del mondo.
A soli 268 anni dalla morte di Gesù, una nazione sarà diventata la prima ad abbracciare la fede cristiana per decreto reale. Questa nazione conserva ancora la propria Chiesa Apostolica e alcuni dei più antichi templi cristiani del mondo. Viaggiando attraverso il Caucaso, li visitiamo sulle orme di Gregorio l'Illuminatore, il patriarca che ispira la vita spirituale dell'Armenia.

È appena spuntato l'alba, il cielo resta azzurro e il sole splende brillante come ogni giorno da quando abbiamo attraversato il confine con la Georgia meridionale, passando per la eccentrica e industriale cittadina di Alaverdi.

Una grande piscina ghiacciata resiste all'ingresso, nell'ombra creata dalla montagna sopra. Attraversammo il portico ad archi e avanzammo nell'atrio di pietra, sospettosi di ogni tradimento da parte del vecchio pavimento rossastro.

Uscendo dal crepuscolo, scopriamo l'imponenza e l'eleganza del monastero, scolpito nel pendio giallastro dal già lungo Autunno del Caucaso.

Le morbide carezze del grande divo e la visione immediata di molti khachkar incastonati nella roccia, ci esortano a rimanere fuori per apprezzare quegli incredibili monumenti, così caratteristici dell'arte cristiana medievale dell'Armenia, come lo sono i suoi abbondanti monasteri secolari.

Armenia culla del cristianesimo, Geghard

Il monastero di Geghard, costruito ai piedi di un pendio, nel luogo in cui si dice che Giuda Taddeo abbia portato la lancia del centurione Longino che ferì Cristo durante la crocifissione.

Monastero di Geghard, un abbagliante santuario della cristianità armena

Infine, entriamo nel Geghard, uno dei più venerati per la sua antichità e il significato storico.

Nonostante l'ora quasi presto, quando abbiamo spalancato la porta, abbiamo fatto luce sulla cupa sacrestia e abbiamo notato che alcuni fedeli stavano già accendendo dei ceri tra la famiglia delle colonne e, con il viso arrossato dalle fiamme delle promesse , sussurrando le loro preghiere in intima comunione con se stessi. e con DEUS.

Armenia Culla Cristianesimo, Candele

I credenti accendono candele all'ingresso del monastero di Geghard.

Procediamo verso l'interno di Avazan, una camera interamente ricavata da un'antica grotta con sorgente già utilizzata come luogo di culto pagano prima della diffusione del cristianesimo.

E saliamo al Jhamatum, altro tratto superiore che contiene le tombe di antichi principi armeni.

Un buco in un angolo ci permette di sbirciare in Avazan in basso. Lo scoprimmo e lo occupammo per un po', finché non ci accorgemmo che un altro visitatore ci stava osservando dall'ingresso. Dovremmo incrociarlo di nuovo e ritrovare in lui una sorprendente familiarità.

Si chiamava Fernando, era portoghese e da molto tempo girava il mondo. Lo abbiamo incontrato di nuovo al nostro ritorno a Tbilisi.

Abbiamo continuato ad esplorare Geghard, poi la cappella sopraelevata di San Gregorio l'Illuminatore, fondatore del monastero e principale mentore della precoce fede cristiana degli Armeni. Geghard significa lancia.

Il monastero prende il nome dall'apostolo Giuda Tadeu che avrebbe portato nel luogo in cui fu eretto la lancia con cui il Il centurione romano Longino ferì Gesù durante la crocifissione.

Gregorio Illuminatore, Santo Patrono della Nazione che portò il Cristianesimo in Armenia

Fu originariamente fondato sul luogo di una sorgente sacra da San Gregorio l'Illuminatore, oggi patrono dell'Armenia e mentore della Chiesa Apostolica Armena.

Gregorio (Gregor Lousavorich) nacque nel 257 d.C., ritenuto figlio di Anak il Partio, un principe armeno condannato a morte per l'assassinio del re Khosrov II. Lo stesso Gregorio scampò per un pelo all'esecuzione grazie all'aiuto dei suoi tutori.

Fu portato da loro in Cappadocia (oggi cuore della Turchia) perché potesse essere educato come un cristiano devoto, al sicuro dai persecutori. Gregorio prese sul serio gli insegnamenti. Sposò Miriam, anch'essa devota cristiana e figlia di un principe armeno cristiano della Cappadocia.

Ebbero diversi figli, ma a un certo punto Gregorio scelse di seguire una vita monastica. Tornò in Armenia con la speranza di riscattare il crimine di suo padre mediante l'evangelizzazione cristiana dell'Armenia.

A quel tempo regnava Tiridate III (Trdat o Drtat, in armeno) figlio del re Khosrov II. Temendo che Gregorio fosse figlio dell'assassino di suo padre, Tiridate III ordinò la sua reclusione per dodici anni in un fosso situato in una pianura vicino ai piedi del monte Ararat.

Armenia culla del cristianesimo, Geghard

Un fedele cammina attraverso le camere rupestri scolpite che costituiscono gran parte del monastero di Geghard.

Dopo qualche tempo, Tiridate si innamorò di Rhipsime, una monaca cristiana che si era rifugiata dalla persecuzione dei cristiani scatenata dall'imperatore romano Diocleziano in Armenia. Quando Rhipsime ha rifiutato, ha giustiziato lei e tutte le altre donne rifugiate.

Dopo questo evento – e si racconta che anche a causa del tradimento dell'imperatore romano Diocleziano che invase parte delle province occidentali della Grande Armenia – impazzì e adattò il comportamento di un cinghiale. La sorella di Tiridate ebbe una visione ricorrente che solo il prigioniero Gregorio poteva guarire il re.

Quasi morente, Gregorio si trovò salvato dal fossato, libero e con l'ardua missione di riportare Tiridate alla sanità mentale. Verrei a soddisfarlo. Tiridate si pentì presto delle atrocità che aveva commesso. Sia lui che la sua corte e l'esercito si convertirono al cristianesimo.

Khor Virap, un altro imperdibile monastero cristiano armeno

La fossa in cui fu imprigionato Gregorio ospitò in suo onore il monastero di Khor Virap.

Armenia Culla Cristianesimo, Cattedrale di San Gregorio Illuminatore

Passanti davanti alla Cattedrale di San Gregorio l'Illuminatore, una delle chiese più grandi della capitale armena Yerevan.

Entusiasti di continuare il percorso della vita dell'Illuminatore, la visitammo in uno dei giorni successivi, con una nuova incursione da Yerevan.

Viaggiammo verso sud, verso il fiume Arax che inumidiva l'atmosfera gelida.

Il confine con l'odiata Turchia e il monte Ararat che un tempo era armeno

Arax stabilisce il confine con la Turchia, pieno di filo spinato e mine e uno dei più travagliati sulla faccia della Terra per gli eventi del 1915-23 che gli armeni descrivono come il genocidio armeno con circa 1.5 milioni di vittime per mano di gli ottomani, mentre i turchi sostengono che il numero è molto più basso ed è dovuto alle mere disagi della prima guerra mondiale e dei tempi che seguirono.

Negli ultimi chilometri del percorso, ci avviciniamo nuovamente al Monte Ararat in bella vista. Ad un certo punto, la collina si erge nel prolungamento di vigne inaridite dal freddo.

Armenia Culla Cristianesimo, Monte Aratat

Il monastero di Khor Virap, eretto nel luogo in cui fu imprigionato San Gregorio. Sullo sfondo il grande monte Ararat.

Khor Virap, lo troviamo su un'altura rocciosa solo in apparenza, alla base del grande Ararat dove, nonostante le polemiche che circondano la questione, la maggior parte degli armeni ritiene che l'Arca di Noè sia stata immobilizzata dopo il Diluvio e che avrebbero dovuto farlo, comunque oggi, parte del territorio della loro nazione.

Cristina Kyureghian, la nostra guida, descrive anche uno dei curiosi capricci diplomatici tra armeni e turchi: “Sapete che i turchi hanno avuto il coraggio di chiederci di rimuovere il monte Ararat dalla nostra bandiera. Dicono che non ci appartiene.

I nostri rappresentanti hanno risposto che, in tal caso, non avrebbero mai dovuto includere la luna nella loro”.

Alla scoperta di Khor Virap, in compagnia di un entourage russo

Abbiamo vinto l'ultima rampa per il monastero. Siamo finiti per entrare nello stesso momento come un prete armeno ortodosso ricevuto dagli operai e da altri religiosi con il dovuto sfarzo.

Un gruppo di russi e alcuni altri visitatori provenienti da luoghi diversi esplorano l'interno del complesso.

È con i russi che condividiamo la cappella di Gevorg, prima di scendere nella lugubre fossa, profonda 6 m e di 4.4 m di diametro, in cui Gregorio sopravvisse per tredici anni solo perché una donna clemente di quella zona gli lanciava ogni giorno del cibo.

Tornati in superficie, abbiamo esaminato il resto del complesso e siamo saliti su una piccola altura nei pressi del monastero. Da lì si può ammirare il monte Ararat e il vasto cimitero ortodosso che si estende lungo il versante opposto al lungo rettilineo che porta al monastero.

Tiridate III, il monarca che ufficializzò il cristianesimo di stato in Armenia

Di tanto in tanto, percepiamo e seguiamo Ladas con vecchi occhi che viaggiano lentamente verso di noi. Presto, prendiamo la stessa strada e ci lasciamo alle spalle Khor Virap.

Tiridate III, quello, intraprese un cammino di fede senza ritorno in Armenia. Accettò che Gregorio battezzasse lui, i membri della corte e molti membri della classe superiore. Riconosciuto, nel 301 d.C., il re concesse inoltre a Gregorio il diritto di convertire tutti i sudditi.

Allo stesso tempo, è da tempo accettato dagli storici che abbia reso l'Armenia la prima nazione ad avere il cristianesimo come religione ufficiale di stato.

Sebbene questo fatto sia stato oggetto di controversia, vale a dire la possibilità che il monarca del regno di Odessa lo abbia fatto nel 218 d.C.

La monumentale cerimonia apostolica armena nella cattedrale di Echmiadzin

È già ad Echmiadzin che si comprende meglio l'indiscutibile rispetto che gli armeni nutrono per questa decisione di questo antico re e per la devozione del loro patrono di lunga data, il primo capo della Chiesa apostolica armena.

È domenica. Il giorno risplende di nuovo radioso. Yerevan riposa dal suo solito trambusto. Abbiamo così viaggiato molto più velocemente di quanto ci aspettassimo fino alla grande cattedrale, in tempo per la messa che stava per aver luogo.

Sempre più fedeli accorrono al portone principale della cattedrale, fatta costruire per ordine di Gregorio tra il 301 e il 303 al posto di un tempio pagano. Oggi, considerato il più antico del mondo.

Armenia Culla Cristianesimo, Messa in stile armeno

Un religioso si distingue dai fedeli che partecipano a una messa nella cattedrale di Echmiadzin.

Sono uomini e donne di tutte le età e, per ironia della sorte, anche soldati adolescenti nelle divise mimetiche bellicose che, anche in tempi più recenti, l'Armenia è stata costretta ad indossare.

Una volta entrati nell'interno grandioso e opprimente del santuario, accendono candele rosse e si dedicano alle successive preghiere.

Le piccole fiamme della fede scaldano i loro volti e le strisce di luce diagonale filtrano attraverso le vetrate in cima alla chiesa. Aggiungono un po' di misticismo all'atmosfera già arcana.

Armenia Culla Cristianesimo, Preghiere

I credenti armeni pregano durante una messa tenuta nella cattedrale di Echmiadzin.

Messa apostolica armena, la Messa ha poco a che fare con quelle a cui siamo abituati.

Si svolge in diverse sezioni della cattedrale.

Il coro produce potenti melodie da un rione. I capi dei sacerdoti, avvolti in splendenti vesti rosse o dorate, vocalizzano o fanno eco alla messa con riti e rituali lenti e ripetuti che coinvolgono scettri, crocifissi, libri religiosi e altri manufatti sacri.

Le sequenze di banca previste non hanno luogo. La maggior parte dei credenti resta in piedi e si sposta da un lato all'altro dello spazio cruciforme in una convivialità che si rivela tanto religiosa quanto sociale e informale.

Questa armonia è dolcemente rotta quando il Catholicos Armenia è presente alla cattedrale nel suo solito abito nero incappucciato coperto da una veste viola e circola tra i credenti che chiedono la benedizione della sua benedizione.

Cristianesimo culla dell'Armenia, benedizione del Catholicus

Il Catholicos – capo della chiesa armena – benedice i credenti fuori dalla cattedrale di Echmiadzin.

Riconosciamo la sua posizione suprema e focalizziamo tutta la nostra attenzione su di lui. Seguiamo il trambusto generato fino alla porta della cattedrale dove già decine di altri fedeli aspettano con ansia il capo della loro chiesa.

O Catholicos, salutali e benedicili. Inaspettatamente, quel personaggio voluminoso dal viso roseo e dalla barba bianchissima è strano per l'apparato fotografico che, al posto di un semplice crocifisso, abbiamo appeso al collo.

Ciononostante, finisce per benedirci prima ancora di scomparire, a capo di un seguito di sacerdoti, nelle stanze ritirate di Echmiadzin.

Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Suzdal, Russia

Secoli di devozione a un devoto monaco

Eutimio era un asceta russo del XIV secolo che si diede anima e corpo a Dio. La sua fede ha ispirato la religiosità di Suzdal. I fedeli della città lo venerano come il santo che è diventato.
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Gerusalemme, Israele

Più vicino a Dio

Tremila anni di una storia tanto mistica quanto travagliata prendono vita a Gerusalemme. Venerata da cristiani, ebrei e musulmani, questa città irradia polemiche ma attira credenti da tutto il mondo.
Suzdal, Russia

Mille anni di Russia antiquata

Era una capitale sontuosa quando Mosca era solo un villaggio rurale. Lungo il percorso perse rilevanza politica ma accumulò la più grande concentrazione di chiese, monasteri e conventi nel paese degli zar. Oggi, sotto le sue innumerevoli cupole, Suzdal è tanto ortodossa quanto monumentale.
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
Monte Sinai, Egitto

Forza nelle gambe e fede in Dio

Mosè ricevette i Dieci Comandamenti sulla vetta del monte Sinai e li rivelò al popolo di Israele. Oggi centinaia di pellegrini conquistano, ogni notte, i 4000 passi di quella dolorosa ma mistica ascesa.
lago Sevan, Armenia

Il grande lago agrodolce del Caucaso

Racchiuso tra montagne a 1900 metri di altitudine, considerato un tesoro naturale e storico dell'Armenia, il Lago Sevan non è mai stato trattato come tale. Il livello e la qualità delle sue acque si deteriorano da decenni e una recente invasione di alghe prosciuga la vita che vi sussiste.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Architettura & Design
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Sfilata e sfarzo
Cerimonie e Feste
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Ingresso alla città di Dunhuang delle sabbie, Cina
Città
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
La sposa entra in macchina, il matrimonio tradizionale, il tempio Meiji, Tokyo, Giappone
Cultura
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Omero, Alaska, baia di Kachemak
In viaggio
ancorare a Homer, EUA

Viaggio fino alla fine dell'autostrada dell'Alaska

Se Anchorage è diventata la città più grande del 49° stato degli Stati Uniti, Homer, a 350 km di distanza, è la sua strada senza uscita più famosa. I veterani di queste terre considerano questa strana lingua di terra un terreno sacro. Venerano anche il fatto che, da lì, non possono andare da nessuna parte.
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Etnico
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Angra do Heroísmo, Terceira, Azzorre, da capitale storica a Patrimonio dell'Umanità, arte urbana
Storia
Angra do Heroismo, Terceira, Azzorre

Eroina del Mare, dei Nobili, Città Coraggiosa e Immortale

Angra do Heroísmo è molto più della capitale storica delle Azzorre, dell'isola di Terceira e, in due occasioni, del Portogallo. A 1500 km dalla terraferma, ha conquistato un ruolo di primo piano nella nazionalità portoghese e nell'indipendenza di cui poche altre città possono vantare.
Ilhéu do Farol, Porto Santo, Ilhéu de Cima, Porto Santo, di fronte a Ponta do Passo.
Isole
Ilheu de Cima, Porto Santo, Portogallo

La prima luce di coloro che navigano dall'alto

Fa parte del gruppo di sei isolotti intorno all'isola di Porto Santo, ma è ben lungi dall'essere solo uno in più. Nonostante sia la soglia orientale dell'arcipelago di Madeira, è l'isolotto più vicino alla popolazione di Porto. Di notte fa anche il tifoso che conferma la giusta rotta per le navi provenienti dall'Europa.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Case in miniatura, Chã das Caldeiras, vulcano Fogo, Capo Verde
Natura
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan “francese” alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Parchi Naturali
Moçamedes a PN Iona, Namibe, Angola

Grande ingresso all'Angola das Dunas

Sempre partendo da Moçâmedes, abbiamo viaggiato alla ricerca delle sabbie del Parco Nazionale di Namibe e Iona. La meteorologia del cacimbo impedisce la continuazione tra l'Atlantico e le dune dello splendido sud di Baía dos Tigres. Sarà solo questione di tempo.
sul palco, Antigua, Guatemala
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Antigua, Guatemala

Guatemala ispanico in stile antigua

Nel 1743, diversi terremoti devastarono una delle più affascinanti città coloniali pioniere delle Americhe. Antigua si è rigenerata ma conserva la religiosità e la drammaticità del suo passato epico-tragico.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Vista del monte Teurafaatiu, Maupiti, Isole della Società, Polinesia francese
Spiagge
Maupiti, Polinesia Francese

Una società al margine

All'ombra della fama quasi planetaria della vicina Bora Bora, Maupiti è remota, scarsamente abitata e anche meno sviluppata. I suoi abitanti si sentono abbandonati ma chi la visita è grato per l'abbandono.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Religione
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Isola di Sentosa, Singapore, Famiglia sulla spiaggia artificiale di Sentosa
Società
Sentosa, Singapore

L'evasione e il divertimento di Singapore

Era una roccaforte in cui i giapponesi uccisero prigionieri alleati e ospitarono truppe che inseguivano sabotatori indonesiani. Oggi l'isola di Sentosa combatte la monotonia che si è impadronita del paese.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Animali selvatici
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.