Valle della Morte, EUA

Risorto dal posto più caldo


Escursionisti-Rail-Zabskie-Point-Death-Valley-California-USA
La coppia cammina lungo un sentiero abrasivo vicino a Zabriskie Point.
cattive acque
Badwater Salt Flat Una delle vaste distese di sale che ricoprono la Death Valley.
Modello di erosione
Pista erosa vicino a Zabriskie Point.
Uno sguardo dantesco
Vista infernale della Valle della Morte dalla cima di una cresta circostante.
Vastness-Dunes-Eureka-Death-Valley-California-USA
La morbidezza delle basse dune di Eureka rafforza l'asprezza delle montagne dietro.
ancora più DIP
Il segnale stradale segna un'ulteriore depressione nella già profonda Valle della Morte (86 metri) sotto il livello del mare.
scultura di erosione
Uno scenario logorato dalle piogge rare ma aggressive che cadono di tanto in tanto sulla Death Valley.
Eureka
Impronte nelle dune di Eureka.
Vastness-Dunes-Eureka-Death-Valley-California-USA
La morbidezza delle basse dune di Eureka rafforza l'asprezza delle montagne dietro.
Car-Rides-Death-Valley-California-Stati Uniti d'America
L'auto viaggia dritta lungo una colorata ma inospitale pianura della Death Valley
117 F -
Il termometro dell'auto segna 117 gradi Fahrenheit, ancora a poche decine di chilometri dal cuore della Death Valley.
Dal 1921 Al Aziziyah, in Libia, era considerato il luogo più caldo del pianeta. Ma la controversia intorno al 58° misurato lì fece sì che, 99 anni dopo, il titolo fosse restituito alla Death Valley.

Non era la prima volta che lasciavamo Seal Beach, fuori Los Angeles, per lunghi viaggi su strada attraverso la California e altri stati del West americano.

Questa volta, però, zia Lily e zio Guy – così ci siamo abituati a trattare questi familiari dall'altra parte del mondo – sembravano più irrequieti del solito e ripetevano più e più volte la stessa richiesta: “Non dimenticare chiamare, va bene? Almeno quando arrivano agli hotel. Dai un'occhiata se non dimentichi!”

Resistiamo alla curiosità per qualche tempo. È proprio quando stiamo per chiedere di cosa si tratta che Zio Guy si presenta con sei o sette pallet di acqua in bottiglia da mettere nel bagagliaio e risolviamo il mistero: Death Valley!

Avevano paura della Valle della Morte e non avremmo resistito.

Facciamo del nostro meglio per rassicurare i padroni di casa. Non appena la missione sembra compiuta, usciamo sull'asfalto di Orange County, puntato nelle profondità della California.

Dante's View, Death Valley, California, Stati Uniti d'America

Vista infernale della Death Valley dal punto di vista di Dante.

Verso le profondità dantesche della California

Abbiamo viaggiato per centinaia di miglia lungo l'autostrada 15, in gran parte lungo il deserto del Mojave. Abbiamo superato la città perduta nel nulla di Barstow. Poco dopo, tagliamo a nord.

Mentre completiamo gli ultimi chilometri del percorso sulla statale 190, la temperatura aumenta vertiginosamente. Il termometro digitale verde fosforo dell'auto lo informa solo in Fahrenheit ed è con salti sorprendenti in questa scala che possiamo vedere come la fornace si intensifica all'esterno: 103F … 107F … 109F…

Il termometro dell'auto segna 117 gradi Fahrenheit, ancora a poche decine di chilometri dal cuore della Death Valley.

Quando raggiungiamo Dante's View, il caldo è già di 47.2 gradi (117F) e siamo ancora ben al di sopra della depressione coperta di sale affondata da terremoti preistorici consecutivi ai piedi della catena del Panamint.

BadWater Basin fa parte di quella vista distante. Segna il punto più profondo del Nord America.

Lì, dal sottosuolo sgorga dell'acqua in superficie, ma la salinizzazione è tale che, come in tutta la storia dell'Occidente, le carovane di muli assetati hanno voluto berla, quella sorgente serviva solo come salvezza per alghe, insetti e lumache intrepide che continuano a colonizzarlo.

Bacino di Badwater, Death Valley, California, Stati Uniti d'America

Badwater Salt Flat Una delle vaste distese di sale che ricoprono la Death Valley.

Troppo caldo per sopportare

La giornata avanza ed è cucinata dalla radiazione solare. Per evitare che lo stesso accada a noi, torniamo alla serra dell'auto e, tornando nel cuore residenziale della valle, accendiamo l'aria condizionata al massimo della potenza.

Lungo il percorso, deviamo ancora per dare un'occhiata al Natural Bridge Canyon e il ripido ma insignificante percorso verso la prima ombra concessa dal canyon si rivela una sorta di tortura inflitta dall'aria bruciante e secca sui polmoni.

Natural Bridge, Death Valley, California, Stati Uniti d'America

Il visitatore cammina lungo il pendio che porta al Ponte Naturale.

Percorriamo le colorate piste di Artist Drive quando notiamo che il sole è già alto. Ci viene in mente che faremmo meglio a riprenderci dall'esaurimento nell'ambiente refrigerato di Furnace Creek prima di intraprendere ulteriori incursioni.

Un bar con cui tenere noi e altri visitatori irrigatori l'intera lunghezza del tuo arco. All'interno troviamo la limonata ghiacciata e la bevanda completa quel trattamento misericordioso.

Timbisha, i residenti nativi resilienti

Per altri motivi di cui solo loro e i loro dei saranno a conoscenza, gli indiani Timbisha hanno abitato la Death Valley e l'oasi di Furnace Creek per secoli e la tribù ha persino una riserva nell'area.

Oggi le persone sono solo 15 o 16, ma costituiscono la maggioranza della popolazione locale, che si è ridotta a 24 persone. C'era una volta, la comunità era molto più importante e forniva gli artigiani e i lavoratori che hanno contribuito a erigere gli edifici del resort originale della Fred Harvey Company, nonché le infrastrutture del parco.

Molto tempo prima, altre società avevano sfruttato le ricchezze geologiche della valle, come la Pacific Coast Borax Company, che, utilizzando 20 squadre di muli, estraeva il minerale e lo trasportava attraverso il deserto del Mojave per venderlo a società chimiche e produrre il suo allora famoso Sapone al borace.

Il luogo che ospitava gli impianti si chiamava allora Greenland Ranch, nome che non sfuggiva mai ai lavoratori, massacrati dal sole giorno dopo giorno.

Artist Drive cartello stradale, Death Valley, California, Stati Uniti d'America

La targa identifica Artist Drive, un'area che prende il nome dalla tavolozza dei colori delle piste circostanti

# 58: Troppo caldo per essere vero

Il 1913 si rivelò un anno climatico straordinario, con un caldo molto più intenso del solito. Il 10 luglio, la stazione meteorologica della città ha registrato 56.7º.

Nello stesso mese, c'è stata una sequenza di 5 giorni con un massimo di 54º o più e, coincidenza o meno, l'8 gennaio, la Death Valley ha avuto la sua temperatura invernale più bassa: -10º. Il record positivo non ha tardato ad avere concorrenza.

Dal 1919 il personale militare italiano di stanza in una base situata a 55 km a sud di Tripoli effettua misurazioni di temperature estreme. Tre anni dopo, le autorità riferirono di aver ottenuto il 58° posto ad Al-Aziziyah, il 13 settembre 1922.

Questo valore ha ottenuto un'ampia accettazione della temperatura più alta del mondo, registrata in condizioni standard. Il record si trova ancora in innumerevoli opere geografiche e libri di testo scolastici, ma nel tempo ha incontrato diversi oppositori.

Amilcare Fantoli e il mismeasurement di Al-Azizyah

Uno di loro, il fisico italiano Amilcare Fantoli, ha analizzato le condizioni in cui era stata effettuata la misurazione. Li interroga in diversi articoli dedicati e chiarisce nel volume 18 della Rivista di Meteorologia Aeronautica, del 1958: “nel 1922 non potevamo fare a meno di credere al numero mostrato, anche esplicitamente confermato, via radio, dai militari dislocati in El- Aziz, (un altro dei grafici di Al-Azizyah) che è rimasto isolato per qualche tempo per ragioni strategiche e, poco dopo, osservando i fogli di registrazione… quando è stato possibile vedere questi dati…”.

Dopo aver esaurientemente descritto gli strumenti e le procedure utilizzate nella misurazione, Fantoli ha ritenuto che “la temperatura massima estrema sarebbe stata di soli 56º”.

Valle scolpita dall'erosione, Death Valley, California, Stati Uniti d'AmericaUno scenario logorato dalle piogge rare ma aggressive che cadono di tanto in tanto sulla Death Valley.

Il 17 settembre l'OMM – l'agenzia meteorologica delle Nazioni Unite – ha reso noti i risultati di un'indagine condotta nel 2010 e nel 2011 da una giuria di esperti provenienti da Libia, Italia, Spagna, Egitto, Francia, Marocco, Argentina, nordamericani e britannici che hanno concluso che c'erano cinque problemi distinti con la misurazione di Al-Azizyah.

Difetti vari e improbabilità geografica del vecchio record

La prima da considerare è stata la problematica strumentazione: il termometro consueto della stazione era stato recentemente danneggiato ed è stato sostituito da uno convenzionale simile a quelli usati nelle serre. È stato quindi sottolineato da un osservatore più che probabilmente inesperto che l'OMM ha concluso di aver effettuato la misurazione basandosi sull'estremità opposta del cilindro all'interno del termometro.

È stato inoltre rilevato il fatto che “il punto di misura è stato posizionato su un materiale di tipo asfaltico non rappresentativo del suolo natio del deserto e, infine, “la scarsa equivalenza di tale temperatura estrema rispetto a quelle registrate in località vicine e la scarsa equivalenza di temperature successive registrazioni registrate nello stesso luogo”.

Nonostante i caldi venti del Ghibli, che soffiano dal cuore del deserto del Sahara sui monti Jabal Nafusah e sono riscaldati mentre scendono dai pendii esposti a nord, la distanza di Al-Azizyah al Mar Mediterraneo non sembrava consentire una temperatura così estrema.

Quando si controllavano i dati dei luoghi circostanti per quella data – Tripoli, Sidi Mesri, Homs, Zuara Marina, tra gli altri – erano tutti molto al di sotto delle aspettative, in alcuni casi fino al 20°.

Pendio sotto Zabriskie Point, Death Valley, California, Stati Uniti d'America

Pista erosa vicino a Zabriskie Point.

99 anni dopo, una Death Valley più calda che mai

A titolo di condanna finale, gli esperti hanno concluso che la misurazione del 1922 sarebbe stata di circa 7 gradi centigradi superiore al valore reale. L'agenzia ha recentemente annunciato la sua invalidazione e riabilitazione del record del Greenland Ranch del 1913.

Il provvedimento è stato a lungo atteso e commentato. Già nel novembre 2010 il Daily Telegraph, ad esempio, aveva pubblicato un articolo ironico dal titolo “Rotto Il termometro ha portato a un record interruttore".

I pochi abitanti della Death Valley e del EUA, in generale, ha ricevuto la notizia con grande piacere. Il titolo del luogo più caldo ha per i meteorologi lo stesso peso dell'Everest per i geografi.

La sua riconquista dovrebbe portare maggiore notorietà e molti più incuriositi outsider che, come noi, la visitano in piena stagione estiva per il privilegio di assistere alla sua dura realtà climatica. Ma in passato, alcuni visitatori non lo capivano o non lo rispettavano adeguatamente. Era costoso per loro.

La vista marziana da Zabriskie Point

Ci manca la pazienza di aspettare che si raffreddi. Furnace Creek e Death Valley sono ancora bollenti quando lasciamo il bar e torniamo al volante.

Indichiamo il famoso Zabriskie Point, una sezione dell'Amargosa Range un tempo sommersa dal lago preistorico di Furnace Creek, soprannominato Christian Brevoort Zabriskie, vicepresidente e manager della Pacific Coast Borax Company.

Dalla cima del belvedere, puoi vedere i sentieri che attraversano la superficie extraterrestre di Badlands. Le linee tortuose del percorso invitano all'avventura, ma un avvertimento del Parco nazionale della Valle della Morte avverte dei rischi connessi e non esita a descrivere una delle tragedie del passato per smobilitare i più incauti.

Escursionisti sotto Zabriskie Point, Death Valley, California, Stati Uniti d'America

La coppia cammina lungo un sentiero abrasivo vicino a Zabriskie Point.

Ingrid e Gerhard Jonas: La morte nella valle. A due.

Erano passati solo pochi giorni dalla fine della vacanza nordamericana di Ingrid e Gerhard Jonas quando arrivarono nella Valle della Morte. La guida che hanno usato ha descritto l'eccentricità dell'ambientazione tra Golden Canyon e Zabriskie Point. Gerhard era abituato a passeggiate molto più lunghe.

Mal consigliato dall'apparente insignificanza del percorso di 4.8 km e dalla vicinanza al villaggio di Furnace Creek, ha ignorato che era giugno ed era già mezzogiorno, che la temperatura sarebbe stata di 37º e sarebbe aumentata molto. Sbagliava anche nel concludere che sarebbe bastato meno di un litro d'acqua per mantenersi idratati.

Hanno convenuto che Ingrid sarebbe andata all'altra estremità del percorso e si sarebbero incontrati a Zabriskie Point, da dove avrebbe potuto persino guardarlo avvicinarsi nel paesaggio colorato.

Tre ore dopo, Ingrid non vide alcun segno di suo marito. Ha allertato i ranger del parco e hanno iniziato una ricerca a una temperatura di 45º. Un breve sorvolo dell'aereo di servizio ha rivelato Gerhard, privo di sensi, nel corso inferiore di Gower Gulch. I ranger lo raggiunsero un'ora e mezza dopo l'allerta.

Aveva ceduto a un colpo di calore e alla stanchezza appena 5 ore dopo aver lasciato sua moglie. La Death Valley è stata all'altezza del suo nome e ha rivendicato una nuova vittima. Dalla metà degli anni '90 ce ne sono stati almeno dodici. Per curiosità, l'uso incauto dei GPS di cui sono dotati i veicoli noleggiati ha contribuito ad alcuni casi.

Toni caldi in una vallata rovente

L'auto viaggia dritta lungo una colorata ma inospitale pianura della Death Valley

Il profilo estremo ed eccentrico della Death Valley

In termini di geologia e geografia, la Valle della Morte giustifica sia temperature da record che un po' di apprensione e apprensione. Nessun altro mostra una combinazione così radicale di profondità e morfologia, motivo principale delle temperature estive estreme.

La Valle della Morte forma una conca lunga e stretta situata a 85 metri sotto il livello del mare. Sebbene deprimente, è racchiuso da imminenti ripide montagne e altre più lontane, con vette evidenti al Mount Telescope (3367 m) - la più eccezionale della catena montuosa del Panamint - e al Mount Whitney (4.421 m), questa, la più alta elevazione in Stati Uniti Stati contigui, a soli 136 km di distanza.

Ci sono quattro catene montuose che trattengono le nuvole provenienti dall'Oceano Pacifico. Gli stessi che li costringono a salire e scendere sotto forma di pioggia o neve ancora sui loro versanti occidentali. Quelli provenienti dall'Atlantico e dal Golfo del Messico, in particolare, sono troppo lontani per potervi arrivare con una frequenza significativa.

Di conseguenza, l'aria sopra la Death Valley è secca e rarefatta e la sua scarsa vegetazione invita il sole a riscaldare la superficie del deserto. Il calore che si irradia dalle rocce e dal terreno sale ma rimane intrappolato tra i pendii che lo circondano ed è costretto a scendere.

Le sacche d'aria verso il basso sono solo leggermente più calde dell'aria circostante. Quando tornano a terra, la bassa pressione atmosferica li mette in forte compressione e li riscalda ancora più che all'origine.

Panoplia di temperature da record della Death Valley

Da giugno a ottobre, la ripetizione di questo processo si traduce nelle più alte temperature atmosferiche sulla faccia della Terra, un fenomeno che può protrarsi senza fine apparente. Nel 2001, l'estate della Death Valley ha avuto 154 giorni consecutivi con massime superiori a 37°.

Nel 1996 c'erano quaranta giorni sopra il 48° e centocinque giorni sopra il 43°. La mattina del 12 luglio, Death Valley ha battuto altri due record non così popolari ma rilevanti. Poco prima dell'alba, il termometro di Furnace Creek era sceso da un massimo diurno di 53.3° a un modesto 41.7°.

Così, sono state registrate la temperatura minima più alta sulla faccia della Terra e la sua temperatura media più alta in 24 ore: 47.5º.

Eureka Dunes, Valle della Morte, California, Stati Uniti d'America

Impronte nelle dune di Eureka.

Nella data in cui lo esploriamo, il tardo pomeriggio offre un sollievo abbastanza accettabile che cogliamo l'occasione per esaminare altri angoli e scenari: la piccola stazione degli autobus di Stovepipe Wells, le rovine dell'Harmony Borax Works, il Mustard Canyon e le espansioni di Dune di Mesquite ed Eureka.

Tuttavia, la grande stella cade dietro la catena montuosa del Panamint. L'ombra tramonta, poi il crepuscolo e poi l'oscurità. Nonostante la pseudo-freschezza della notte, la Valle della Morte era ancora una volta il luogo più caldo della superficie del pianeta.

Key West, EUA

Il selvaggio West tropicale degli Stati Uniti

Siamo giunti alla fine della Overseas Highway e all'ultima ridotta della propaganda Florida Keys. Il Stati Uniti continentali qui si arrendono a un'abbagliante vastità marina color smeraldo-turchese. E un sogno ad occhi aperti del sud alimentato da una sorta di incantesimo caraibico.
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Grand Canyon, EUA

Viaggio attraverso l'abisso del Nord America

Il fiume Colorado e gli affluenti iniziarono a confluire nell'omonimo altopiano 17 milioni di anni fa, esponendo metà del passato geologico della Terra. Hanno anche scolpito una delle sue viscere più sbalorditive.
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Navajo Nation, EUA

Attraverso Navajo Nation Lands

Da Kayenta a Page, passando per Marble Canyon, esploriamo l'altopiano del Colorado meridionale. Drammatica e desertica, le ambientazioni di questo dominio indigeno ritagliato in Arizona si rivelano magnifiche.
deserto di Atacama, Cile

La vita ai margini del deserto di Atacama

Quando meno previsto, il luogo più arido del mondo svela nuovi scenari extraterrestri al confine tra l'inospitale e l'accogliente, lo sterile e il fertile che i nativi sono abituati ad attraversare.
Las Vegas, EUA

Capitale mondiale del matrimonio contro Sin City

L'avidità del gioco d'azzardo, la lussuria della prostituzione e l'ostentazione diffusa fanno tutti parte di Las Vegas. Come le cappelle che non hanno né occhi né orecchie e promuovono matrimoni eccentrici, veloci ed economici.
Las Vegas, EUA

La culla della città del peccato

La famosa Strip non ha sempre focalizzato l'attenzione di Las Vegas. Molti dei suoi hotel e casinò replicavano il glamour neon della strada che un tempo spiccava di più, Fremont Street.
Florida Keys, EUA

Il trampolino di lancio dei Caraibi degli Stati Uniti

Os Stati Uniti i continenti sembrano finire, a sud, nella sua capricciosa penisola della Florida. Non si fermano qui. Più di cento isole di corallo, sabbia e mangrovie formano un'eccentrica distesa tropicale che ha sedotto a lungo i vacanzieri nordamericani.
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Little Havana, EUA

L'Avana degli anticonformisti

Nel corso dei decenni e fino ad oggi, migliaia di cubani hanno attraversato lo Stretto della Florida alla ricerca della terra della libertà e dell'opportunità. Con gli Stati Uniti a soli 145 km di distanza, molti non sono andati oltre. La sua Little Havana a Miami è oggi il quartiere più emblematico della diaspora cubana.
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
Juneau, Alaska

La piccola capitale della Grande Alaska

Da giugno ad agosto, Juneau scompare dietro le navi da crociera che attraccano al suo molo marginale. Tuttavia, è in questa piccola capitale che si decide il destino del 49° stato nordamericano.
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
Pearl Harbor, Havai

Il giorno in cui il Giappone è andato troppo lontano

Il 7 dicembre 1941, il Giappone attaccò la base militare di Pearl Harbor. Oggi, parti delle Hawaii sembrano colonie giapponesi, ma gli Stati Uniti non dimenticheranno mai l'affronto.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Chiesa coloniale di San Francesco d'Assisi, Taos, New Mexico, USA
Architettura & Design
Taos, EUA

Il Nord America ancestrale di Taos

Viaggiando attraverso il New Mexico, siamo rimasti abbagliati dalle due versioni di Taos, quella del villaggio indigeno di adobe di Taos Pueblo, uno dei villaggi della EUA abitato più a lungo e continuamente. E quella di Taos, la città che i conquistatori spagnoli lasciarono in eredità alla Messicoo Messico cedette a Stati Uniti e che una comunità creativa di discendenti nativi e artisti migranti migliora e continua a lodare.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Cerimonie e Feste
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Dotonbori, Osaka, Giappone
Città
Osaka, Giappone

Il Giappone giovanile urbano di Osaka

La terza città più popolosa del Giappone e una delle più antiche, Osaka non perde troppo tempo in formalità e cerimonie. La capitale della regione del Kansai è famosa per la sua gente estroversa sempre pronta a celebrare la vita.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Cultura
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
In viaggio
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
sagome islamiche
Etnico

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Concorso del boscaiolo dell'Alaska, Ketchikan, Alaska, Stati Uniti
Storia
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Bufali, isola di Marajo, Brasile, Bufali della polizia acida
Isole
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Natura
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Fortezza di Masada, Israele
Parchi Naturali
Massada, Israele

Masada: l'ultima roccaforte ebraica

Nel 73 d.C., dopo mesi di assedio, una legione romana scoprì che i resistenti in cima a Masada si erano suicidati. Ancora una volta ebrea, questa fortezza è ora l'ultimo simbolo della determinazione sionista
Cime boscose, Huang Shan, Cina, Anhui, montagna gialla dei picchi galleggianti
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Huang Shan, Cina

Huang Shan: Le montagne gialle dei picchi galleggianti

Le cime granitiche delle montagne gialle e fluttuanti di Huang Shan, da cui spuntano i pini acrobati, appaiono in innumerevoli illustrazioni artistiche della Cina. Lo scenario reale, oltre ad essere remoto, rimane più di 200 giorni nascosto sopra le nuvole.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
personaggi
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
El Nido, Palawan l'ultima frontiera filippina
Spiagge
El Nido, Filippine

El Nido, Palawan: l'ultima frontiera filippina

Uno dei paesaggi marini più affascinanti del mondo, i vasti e aspri isolotti di Bacuit nascondono sgargianti barriere coralline, piccole spiagge e lagune idilliache. Per scoprirlo, basta bangka.
Glamour vs Fede
Religione
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Intervento della Polizia, Ebrei Utraortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele
Società
Jaffa, Israele

proteste non ortodosse

Un edificio a Jaffa, Tel Aviv, minacciava di profanare quelle che gli ebrei ultra-ortodossi pensavano fossero vestigia dei loro antenati. E nemmeno la rivelazione che erano tombe pagane impediva loro di contestare.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Animali selvatici
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.