Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio


pura curiosità
Cavalli incuriositi dal passaggio di un entourage umano sui loro pascoli sul letto asciutto del fiume Marsyangdi.
buddismo deco
Angolo all'interno del tempio buddista della Grotta di Milarepa.
Scala Milarepa
Scalinata per il gompa della Grotta di Milarepa.
La storia sotto forma di segno
Un grande cartello ai margini del sentiero riassume la storia di Milarepa e della sua grotta.
fiamme della fede
I fedeli accendono candele davanti all'altare di Jaksun Milarepa, vicino a Brakka.
La Via del Buddha
Indicazione in nepalese sulla strada per la Grotta di Milarepa.
In Formazione Capra
Mandria di capre in procinto di tornare a Manang dopo una giornata di pascolo sulle rive del fiume Marsyangdi.
letto-albero-fiume-Marsyangdi-Circuit-Annapurna-Nepal
Albero sul letto del fiume Marsyangdi appassito dal rigido inverno dell'Annapurna.
Buddismo in linea
Particolare di statuette di Buddha all'interno del tempio della Grotta di Milarepa.
Il vecchio ponte del bestiame
Mandria di capre attraversa il fiume Marsyangdi su un ponte nelle vicinanze di Manang.
Vista-di-Braga-(Brakka)-Circuito-Annapurna-Nepal
Vista su Braga (Brakka) dal sentiero che sale alla Grotta di Milarepa.
Le stanze
Veduta del gompa della Grotta di Milarepa, che un tempo ospitava decine di monaci buddisti.
La grande valle del Marsyangdi
Panorama dal sentiero che porta alla grotta di Milarepa, a valle del fiume Marsyangdi.
Ferrovia Art
Indicazione in caratteri nepalesi, sopra la neve sul versante del monte Annapurna III.
calzature all'esterno
I credenti si tolgono le scarpe all'ingresso del tempio buddista della Grotta di Milarepa.
Sulla spiaggia dell'Annapurna
Vista dal pendio del monte Annapurna III, la 42a montagna del mondo.
In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.

Il percorso imponeva di tornare indietro di poco più di 3 km che separavano Manang e Braga (Brakrà).

Quest'ultimo villaggio ci aveva talmente sorpreso e contento che la sola prospettiva di attraversarlo di nuovo prima di proseguire sul circuito era solo la ricompensa.

Una mattina di sole ci unimmo a un gruppo internazionale di compagni di circuito e partimmo.

Per mezz'ora abbiamo guidato lungo la strada Manang Sadak che seguiva il fiume Marsyangdi. Poco dopo Braga la attraversiamo con un ponte sospeso in ferro e filo che ci conduce sul terreno asciutto e ghiaioso della grande valle alluvionale.

Come sempre accade in queste parti montuose del Nepal, ci troviamo presto di fronte a un pendio infinito, un altro dei tanti pendii della catena montuosa dell'Annapurna che abbiamo continuato a costeggiare.

Percorso per la Grotta di Milarepa, Annapurna III, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Vista dal pendio del monte Annapurna III, la 42a montagna del mondo.

Sul pendio dell'Annapurna

In questo caso, situata da qualche parte ai piedi di due delle sontuose vette nepalesi dell'Himalaya, l'Annapurna III (7.555 m), la 42a montagna più alta della Terra, e il gangapurna, solo cento metri più in basso.

Da quasi il centro della valle, si scorgono ancora le sue cime innevate, evidenziate sopra una pineta spruzzata di bianco.

La valle è durata quanto è durata. A colpo d'occhio ci trovavamo su un ripido sentiero che serpeggiava lungo il pendio, qua e là, coperto di neve o fangoso dallo scioglimento dei ghiacci nelle zone esposte al sole.

Segno dipinto, sulla strada per la grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal

Indicazione in caratteri nepalesi, sopra la neve sul versante del monte Annapurna III.

Salendo, abbiamo perso le tracce della bianca corona delle montagne, dove il Lago di ghiaccio (Kicho Tal) a cui eravamo da poco ascesi.

Allo stesso tempo, il tempio buddista tibetano e il case a Braga e, alla massima distanza, quelli di Manang, si esposero e si insinuarono sul versante opposto, dal quale, fino ad allora, non li avevamo ancora apprezzati.

Veduta di Braga (Brakka), circuito dell'Annapurna, Nepal

Vista su Braga (Brakka) dal sentiero che sale alla grotta di Milarepa.

Una dolorosa ascensione

Saliamo. Siamo saliti al ritmo che ci permettevano le nostre cosce in fiamme, con il cuore che batteva come un matto, i nostri polmoni inondati dalla stessa aria fredda e pesante, sempre meno ossigenata, che ci faceva arrossire il viso.

È stato ansimando che siamo progrediti. E ansimando, siamo entrati in una radura che ospitava uno stupa e un circuito di bandiere buddiste multicolori e sventolanti che glorificavano un tanto atteso riposo.

Poche dozzine di scivolosi zigzag dopo, abbiamo lasciato la dittatura verde-marrone dei pini per un crinale imponente che ci ha aperto un nuovo panorama.

Panorama dalla strada per la grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal

Panorama dal sentiero che porta alla grotta di Milarepa, a valle del fiume Marsyangdi.

Più avanti, Chulu (6419 m), la montagna che aveva Braga sulla tua base. A sud-ovest, la valle del Marsyandgi in tutta la sua ampiezza, racchiusa dal seguito di maestose montagne che, dal già lontano Chame, ci siamo lasciati alle spalle.

E sopra, una sequenza al confronto spogliata del sentiero, ceduta a una folta vegetazione bruciata dall'inverno e dal vento.

Siamo saliti un po' più in là su questo pendio. Si intravede un nuovo stand di bandiere buddiste, ad una certa altezza, allineato con una rozza scalinata, fatta di lastre di pietra tagliate e montate quel tanto che basta per generare gradini impegnativi.

Prima di raggiungerlo, un cartello quadrato, con fondo ocra e un'esaustiva scritta gialla, cattura la nostra attenzione. "Grotta di Milerepa, un'interessante credenza religiosa!” era il titolo.

ai margini di inevitabile acclimatazione, era per il buddismo, per il significato di quel luogo e il suo misticismo, non tanto per la grotta stessa, che eravamo lì. Ok, ci siamo fermati a studiare la sinossi inaspettata.

Cartello esplicativo per la Grotta di Milarepa - Circuito dell'Annapurna, Nepal

Un grande cartello ai margini del sentiero riassume la storia di Milarepa e della sua grotta.

Viaggio nella vita di Mila Thö-pa-Ga, meglio conosciuta come Jetsün Milarepa

Riassumeva la vita di Milarepa - Jetsün Milarepa, nata come Mila Thö-pa-Ga -, un tibetano che, nonostante un inizio poco promettente, visse e divenne famoso nel buddismo durante l'XI e il XII secolo.

Gran parte del poco che si sa della sua vita proviene da opere pionieristiche scritte da Tsangnyon Heruka (il nome di un autore traducibile come il Crazy Heruka di Tsang), già nel XV secolo.

Tra realtà e leggenda, Tsangnyon Heruka ha raccolto quanto a lungo si è raccontato di generazione in generazione su Milarepa, in due titoli ormai classici della letteratura tibetana: “Vita di Milarepa"E"Le raccolte di canti di Milarepa".

Se non contiamo sulle testimonianze scritte e orali, sono solo poche le reliquie attribuite a Milarepa, in particolare un mantello di pelle d'orso che indossava nei giorni più freddi.

Milarepa: da giovinezza travagliata a stregone incontrollato

Ora, secondo la biografia, Milarepa è nata in una famiglia benestante. Quando suo padre morì, gli zii privarono lui e sua madre della ricchezza a cui avevano diritto.

Ma Milarepa ha perso anche molti altri familiari e amici, vittime di fazioni rivali nel suo villaggio.

Ad un certo punto, su richiesta della madre, Milarepa lasciò la casa per imparare la stregoneria e acquisire poteri soprannaturali che gli avrebbero permesso di vendicarsi.

Divenne uno stregone.

Un mago così straordinario che non riuscì più a gestire le sue azioni e finì per uccidere diverse persone.

Statuette di Buddha, tempio della grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal

Dettaglio di statuette di Buddha all'interno del tempio rupestre di Milarepa.

Anni dopo, se ne pentì. Alla disperata ricerca della risurrezione, divenne apprendista di Marpa la Traduttrice, una saggia buddista.

Milarepa si diede corpo e anima al Buddismo e sopportò successive prove iniziatiche di umiltà e obbedienza imposte dal maestro per invertire il karma negativo che portava.

Milarepa li ha superati con abnegazione e determinazione.

Il maestro accettò di continuare a istruirlo e gli trasmise preziosi insegnamenti tantrici, casi di trasmissioni di aura. tumo e mahamudra, un grande sigillo spirituale che conferma che tutti i fenomeni sono segnati dal binomio inscindibile di conoscenza e vuoto.

Albero secco, fiume Marsyangdi, circuito dell'Annapurna, Nepal

Albero fenomenale sul letto del fiume Marsyangdi inaridito dal rigido inverno dell'Annapurna.

Milarepa, l'apprendista che ha raggiunto la perfezione di Siddha

Milarepa raggiunse presto la forma fisica e l'illuminazione spirituale che gli valsero il raro status di siddha.

Il giovane apprendista si è evoluto fino a diventare uno degli yogi e poeti più apprezzati al mondo. Tibete. E Marpa decise che doveva viaggiare e praticare la meditazione eremitica, in fedele comunione con la natura, nelle grotte e nei rifugi di montagna.

Fu durante le sue peregrinazioni che la sua vita entrò nella grotta di Milarepa. Continuammo all'inseguimento, puniti dall'inclemenza della gravità.

Scalinata per Milarepa gompa, circuito dell'Annapurna, Nepal

Scalinata per il gompa della Grotta di Milarepa.

Abbiamo conquistato la scala di lastroni. In cima, tra le bandiere sventolate dal vento che quasi ci faceva decollare, scopriamo una struttura a metà tra un portale e una nicchia aperta che ospitava una grande statua di Buddha.

Alcune fonti assicurano che questo portale conduce all'inafferrabile grotta che accolse l'asceta. In quel caso, e all'epoca, l'accesso all'interno si rivelò vietato.

Alla ricerca dell'inafferrabile grotta di Milarepa i nepalesi

Comunque sia, i racconti di diversi viaggiatori testimoniavano che quell'ingresso era solo simbolico, che il vero rifugio nella roccia, attraverso il quale scorreva la sorgente perenne che dava da bere a Milarepa sarebbe stato quindici minuti su per la montagna.

E che il grande terremoto dell'aprile 2015 che ha devastato Kathmandu e colpito gran parte del Nepal, l'avrebbe fatto crollare.

Anche in tutta la sua integrità, la grotta di Milarepa che cercavamo era solo una delle circa venti in cui il saggio si rifugiò durante la sua vita. Lungi dall'essere il più famoso.

Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal

I fedeli accendono candele davanti all'altare di Jaksun Milarepa, vicino a Brakka.

Questa, nota come Grotta di Namkading, si trovava centinaia di chilometri a est, situata su un pendio sotto la Strada dell'Amicizia sino-nepalese, al centro del territorio tibetano che, dal 1950 in poi, Pechino trasformato in cinese.

La grotta ora nepalese che ci aveva portato lì da Manang assicurò all'eremita poco più che una dolorosa sopravvivenza.

Un essere vivente ma solo un po'

La storia racconta che, dopo il cibo con cui aveva viaggiato, Milarepa si nutrisse di piante commestibili che trovava nelle vicinanze.

La mancanza di cibo, vestiti e compagnia lo aiutarono a rimanere concentrato sullo scopo spirituale superiore del suo ritiro, al punto che riuscì, invece di espellere i demoni invasori dal rifugio, imponendo loro i principi comportamentali buddisti della dharma

Il costo fisico di questa spiritualità si rivelò atroce. I pochi pellegrini che visitavano saltuariamente il luogo riferirono di incontri con uno quasi scheletro con capelli lunghi e la pelle tinta di un verde extraterrestre, per le grandi dosi di clorofilla che consumava.

Con il passare dei secoli e la crescita della reputazione religiosa dell'asceta, il suo ritiro nell'Annapurna meritava sempre più pellegrinaggi da parte dei fedeli buddisti.

A ciò si aggiunge la recente notorietà del Circuito dell'Annapurna tra alpinisti ed escursionisti, che vi porta ogni anno centinaia di nuovi credenti e curiosi.

Grotta di Milarepa: il pellegrinaggio che funge anche da acclimatamento

Spesso, i nativi e gli estranei condividono il tempio a loro dedicato nel gompa vertice.

Gompa, Grotta di Milarepa, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Veduta del gompa della Grotta di Milarepa, che un tempo ospitava decine di monaci buddisti.

Abbiamo vagato per edifici elementari che servivano da stanze per dozzine di monaci che vi si erano installati. Oggi ce ne sono al massimo due o tre, a seconda della situazione o dell'occasione.

Evidenziato in alto, vicino ai piedi della grande collina rocciosa, troviamo il minuscolo tempio che benediceva il gompa e i suoi visitatori. Abbiamo lasciato le scarpe alla porta, in compagnia di una grande ruota di preghiera buddista. Una volta purificati, entriamo.

Adoratori si tolgono le scarpe, Milarepa gompa, circuito dell'Annapurna, Nepal

I credenti si tolgono le scarpe all'ingresso del tempio buddista della Grotta di Milarepa.

Abbiamo cercato di integrarci nel misticismo del lume di candela e della finestra ancora colorata del santuario. Qualche istante dopo, una famiglia nepalese appena arrivata ci sorprende.

Consapevoli di quanto fosse ristretto lo spazio, abbiamo dato priorità a loro e ai loro riti di fede: l'offerta di incenso, l'accensione di candele ai piedi dell'altare e il sussurro di mantra.

Prove di un'esistenza soprannaturale

Più apprendevamo del martirio a cui fu sottoposto Jetsün Milarepa, più ci convincevamo della gravità della sua sacralizzazione, raggiunta dopo che le autorità buddiste avevano verificato in lui la totale liberazione dal mondo materiale e la perfezione buddista richiesta a un Siddha .

Le biografie successive descrissero persino Milarepa come un Buddha tibetano, anche se non ha mai vissuto o ricevuto insegnamenti da un maestro indiano e non ha mai visitato l'India.

Indicazione in Nepalese, Grotta di Milarepa, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Indicazione in nepalese sulla strada per la grotta di Milarepa.

Che fossero il risultato della stregoneria che aveva appreso in gioventù o delle abilità acquisite in seguito, Milarepa dimostrò a un pubblico di studenti buddisti la sua maestria. logico.

Una delle prodezze che mostrò fu muovere una mano nell'aria con tale velocità e forza da generare un boom sonico che echeggiò attraverso la caverna.

L'altro consisteva nel spingere con una mano il muro della sua caverna per fargli modellare la roccia come se fosse d'argilla e, lasciandovi dentro, il suo stampo. Alcuni degli studenti hanno cercato di emulare l'abilità di Milarepa.

Tutto ciò che hanno ricevuto sono state ferite alle mani e frustrazione.

Anche il Santo Ritorno a Manang

La fatica, il freddo e il vento cominciavano a ferire i nostri corpi empi. Con il sole che stava per calare dietro le montagne, era giunto il momento di iniziare il viaggio di ritorno.

Abbiamo ancora sbirciato la morena del ghiacciaio che, proprio accanto ad essa, scorreva giù per l'Annapurnas. Si torna quindi ai zigzag della pineta e al letto del Marsyangdi.

Cavalli in un pascolo, fiume Marsyangdi, circuito di Annapurna, Nepal

Cavalli incuriositi dal passaggio di un entourage umano sui loro pascoli sul letto asciutto del fiume Marsyangdi.

Invece di attraversarlo direttamente a Manang Sadak, abbiamo deciso di tornare attraverso la vastità che il fiume in rimpicciolimento aveva lasciato percorribile. Superammo cavalli che pascolavano su una paglia quasi bassa.

Già all'ombra, in prossimità del ponte adiacente Manang, ci lasciamo passare da un lungo branco di capre irsute in bianco e nero.

Mandria di capre, Manang, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Mandria di capre in procinto di tornare a Manang dopo una giornata di pascolo sulle rive del fiume Marsyangdi.

Quando rientriamo Manang, ci rallegriamo per gli ultimi raggi del giorno che illuminano il settore settentrionale e per la vista di una fila di donne che girano le ruote della preghiera del villaggio, riscaldate dalla benevolenza della grande stella e dal comune conforto della loro fede.

Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Architettura & Design
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 – Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Aventura
Viaggi in barca

Per coloro che si stancano di navigare in rete

Sali a bordo e lasciati trasportare da imperdibili gite in barca come l'arcipelago filippino di Bacuit e il mare ghiacciato del Golfo di Botnia finlandese.
cavalieri del divino, fede nello spirito santo divino, Pirenopolis, Brasile
Cerimonie e Feste
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Perth Lonely City Australia, CBD
Città
Perth, Australia

la città solitaria

A più di 2000 km da un luogo simile degno di questo nome, Perth è considerata la città più remota sulla faccia della Terra. Nonostante sia isolata tra l'Oceano Indiano e il vasto Outback, poche persone si lamentano.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
cibo
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
Cultura
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Natale in Australia, Platipus = ornitorinco
In viaggio
Altopiano di Atherton, Australia

Le miglia del Natale (parte II)

Il 25 dicembre esploriamo la campagna alta, bucolica ma tropicale del Queensland settentrionale. Ignoriamo il luogo in cui si trova la maggior parte degli abitanti e siamo sorpresi dall'assoluta assenza del periodo natalizio.
Da questa parte dell'Atlantico
Etnico

Isola di Goreia, Senegal

Un'isola schiava della schiavitù

Erano diversi milioni o solo migliaia di schiavi di passaggio da Gorea diretti alle Americhe? Qualunque sia la verità, questa minuscola isola senegalese non si libererà mai dal giogo del suo simbolismo.

portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Rabat, Malta, Medina, Palazzo Xara
Storia
Rabat, Malta

Un ex sobborgo nel cuore di Malta

Se Mdina divenne la capitale nobile dell'isola, i Cavalieri Ospitalieri decisero di sacrificare la fortificazione dell'odierna Rabat. La città fuori le mura si espanse. Sopravvive come contrappunto popolare e rurale all'attuale museo vivente di Medina.
Viaggio Sao Tomé, Ecuador, São Tomé e Principe, Pico Cão Grande
Isole
São Tomé, São Tomé e Príncipe

Viaggio dove São Tomé punta l'equatore

Ci dirigiamo verso la strada che collega l'omonimo capoluogo allo spigolo vivo dell'isola. Quando siamo arrivati ​​a Roça Porto Alegre, con l'isolotto di Rolas e l'Ecuador davanti, ci siamo persi più e più volte nel dramma storico e tropicale di São Tomé.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
Letteratura
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Tombolo e Punta Catedral, Parco Nazionale Manuel Antonio, Costa Rica
Natura
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Bagnante, The Baths, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgin Gorda, Isole Vergini Britanniche
Parchi Naturali
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I “Caraibi” divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Barche con fondo di vetro, Kabira Bay, Ishigaki
Spiagge
Ishigaki, Giappone

Tropici giapponesi insoliti

Ishigaki è una delle ultime isole del trampolino di lancio che si estende tra Honshu e Taiwan. Ishigakijima ospita alcune delle spiagge e dei paesaggi costieri più incredibili di queste parti dell'Oceano Pacifico. I sempre più giapponesi che li visitano si divertono a fare il bagno poco o meno.
Santo Sepolcro, Gerusalemme, chiese cristiane, sacerdote con stolto
Religione
Basilica del Santo Sepolcro, Gerusalemme, Israele

Il Tempio Supremo delle Chiese Antiche Cristiane

Fu costruito dall'imperatore Costantino sul luogo della crocifissione e risurrezione di Gesù e un antico tempio di Venere. Nella sua genesi, opera bizantina, la Basilica del Santo Sepolcro è oggi condivisa e contesa da diverse confessioni cristiane come il grande edificio unificatore della cristianità.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Tabatô, Guinea Bissau, tabanca Mandingo musicisti. Baidi
Società
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Maria Jacarés, Pantanal Brasile
Animali selvatici
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.