Assuan, Egitto

Dove il Nilo accoglie l'Africa nera


Controllare la posta elettronica
Elder passa attraverso una banca chiusa di comunicazioni e servizi elettronici sull'Isola Elefantina.
una strana spedizione
Carovana di visitatori stranieri su cammelli e guide avanza nel deserto.
carico di testa
Un residente nubiano tiene in equilibrio un container in uno dei tanti vicoli colorati dell'isola Elefantina.
Portachiavi Divino
Abdul Kareem, guardiano nubiano del tempio di Ramses II.
1200 km a monte del suo delta, il Nilo non è più navigabile. L'ultima delle grandi città egiziane segna la fusione tra territorio arabo e nubiano. Fin dalla sua sorgente nel Lago Vittoria, il fiume ha dato vita a innumerevoli popoli africani dalla carnagione scura.

Siamo arrivati ​​avvisati che Assuan era una delle città più soleggiate, asciutte e calde del mondo.

Il nuovo giorno lo ha dimostrato.

Presto saremmo stati bruciati da un sole torrido e da ben oltre 40º.

Ci eravamo svegliati alla vista favolosa di un case multicolori e sgargiante come se fosse arenata in mezzo al fiume.

La vista pittoresca ci si è rivelata all'alba e ci ha prevalso a lungo.

Quando è stato il momento di decidere dove volevamo andare prima nella grande Assuan, l'isola Elefantina – l'ex quartier generale militare e religioso del potente regno di Abu – di cui faceva parte, si è rivelata una priorità.

Siamo saliti sulla passerella della nave, abbiamo fatto qualche decina di gradini e ne siamo risaliti un altro che portava a un piccolo molo coperto.

Da lì partivano a poche decine di metri le zattere che attraversavano uno dei due rami del Nilo, entrambi creati dalla meta che cercavamo.

Situata appena a nord della prima delle cascate del Nilo - ce ne sono diverse in questo tratto - l'isola Elefantina ospitava il più antico insediamento di Assuan.

Case multicolori nei piccoli villaggi tradizionali dell'Isola Elefantina, Siou e Koti.

Era conosciuto come Abu, termine che nell'antico Egitto significava sia elefante che avorio e che, come quello attuale, rifletteva l'importanza che l'isola aveva allora nel commercio dell'avorio.

Intorno al 3000 aC ricevette una fortezza che segnò l'ultimo confine meridionale dei popoli egiziani e accolse gli eserciti che fronteggiavano il temuto nemico del sud, la Nubia.

Tremila anni fa, gli abitanti di Abu adoravano dozzine di divinità assortite, molte delle quali prese in prestito dai loro vicini settentrionali.

I tempi sono diversi. Diversi secoli dopo la tempesta di sabbia maomettana che ha colpito il Nord Africa, anche la maggior parte della popolazione di Assuan è islamizzata e si veste e si comporta di conseguenza.

Il residente porta una bombola di gas. Un asino li porta entrambi.

Durante la traversata, uno dei tanti passeggeri maschi con la barba lunga e il viso austero mi ha detto: “è in una zona solo per donne.

Devi cambiare posto". Ho seguito la norma, ho tenuto loro compagnia e, tutto ha portato a credere, in nome dell'Islam, sono stato costretto a lasciare Sara da solo nei restanti momenti di navigazione.

Una volta atterrati sull'isola, non ci è voluto molto per vedere che eravamo gli unici estranei a girare con le telecamere appese al collo e che gli abitanti di Siou e Koti - come venivano chiamati i villaggi - stavano fuggendo o proteggersi.

Un residente nubiano cammina in un terreno parzialmente irrigato da panni lavati, a Elefantina.

Ci siamo persi tra vicoli e vicoli senza alcuna paura. Ovunque ci trovassimo sull'isola lunga, dovevamo solo viaggiare per meno di un quarto di miglio a ovest oa est ed eravamo di nuovo sulle coste.

All'estremità meridionale, un po' più lontano, troveremmo le rovine millenarie di Abu, un complesso di templi eretti in onore del dio Khnum dalla testa di ariete, creatore dell'umanità e del diluvio. Altre teste occupavano posti diversi.

Teschi di coccodrillo del Nilo abbelliscono l'ingresso di un negozio di artigianato sull'Isola Elefantina.

Nel periodo di massimo splendore di quella civiltà, i due concetti camminavano fianco a fianco, poiché solo il brusco innalzamento delle acque del Nilo rendeva possibile la vita.

Frequenti sacrifici furono fatti per condizionare i tempi e il volume delle inondazioni.

Ma solo i vari nilometri installati sull'isola Elefantina davano un'indicazione attendibile dei livelli del Nilo, dell'abbondanza dei raccolti e delle tasse reali ad essi associati.

Case multicolori nei piccoli villaggi tradizionali dell'Isola Elefantina, Siou e Koti.

Invece dell'antica città tempio di Abu, che l'imposizione del cristianesimo per l'integrazione di quest'area nell'impero romano ha portato via il suo significato nel XIX secolo. IV dC, Siou e Koti, erano molto vivi.

Nelle sue arterie anguste, le donne parlavano, si prendevano cura dei bambini.

E si nascondevano la faccia o gridavano – di solito in modo materno e affettuoso, in buon modo nubiano – ogni volta che osavamo puntare una delle telecamere nella loro direzione.

Un anziano residente dell'Isola Elefantina è protetto dall'interesse fotografico dei visitatori stranieri.

Li trovavamo quasi sempre seduti su panchine di cemento o di adobe, provvidenziali arredi urbani attaccati alla base delle loro case colorate che ha fornito loro lunghi momenti di socializzazione all'aria aperta.

Nel frattempo, gli uomini si occupavano dei lavori di manutenzione o degli animali domestici della famiglia.

Due giovani donne chiacchierano nel tardo pomeriggio contro una delle tante facciate colorate dell'Isola Elefantina.

Siamo arrivati ​​a metà mattina. Il sole aneale Assuan. Dalla città avevamo solo esplorato quella piccola roccaforte rustica. Ma c'era di più, molto di più.

Oltre ad essere soleggiata, calda e secca, Assuan era l'ultima delle grandi città egiziane.

Aveva una popolazione di 1.4 milioni di abitanti che ha continuato ad aumentare, in gran parte a causa dello status di capoluogo amministrativo, burocratico regionale e centro universitario.

In piena estate, Assuan era anestetizzata dal caldo ansante. Ma durante l'alta stagione, quando tutte le crociere sul Nilo sembravano scaricare passeggeri ai moli, la città divenne frenetica quasi quanto la famosa Luxor.

Non sarà adesso.

Antichi documenti che la identificano come Swenet (antica parola egizia per commercio) la narrano come l'ultima frontiera egiziana, la guarnigione militare preparata per gli scontri militari contro la Nubia ma anche come una fiorente città mercato al crocevia di varie rotte carovaniere.

In questi giorni, il suq locale è, infatti, uno dei più grandi ed esotici al di fuori del Cairo.

Nell'antichità Assuan era ancora sede di innumerevoli cave che fornivano la materia prima per le piramidi, i templi, le statue colossali e gli obelischi millenari che i visitatori dell'Egitto continuano a godere al Cairo, ad Alessandria e Nilo sopra o sotto.

Gli antichi egizi orientavano la priorità della loro vita in base al flusso delle acque del Nilo. Pertanto, Swenet era considerata la città che aprì il regno.

Falluca solca le acque profonde del fiume Nilo, che, a breve, a monte, non sarà più navigabile.

Come oggi, poco dopo la Prima Cataratta, la navigazione era possibile verso il Delta del Mediterraneo.

A monte, a parte l'incanalamento del fiume e numerosi altri ostacoli geologici, alla fine del XIX secolo, spinti dalla crescita incontrollata della popolazione egiziana, i coloni britannici dotarono il Nilo di quella che, all'epoca, divenne la più grande diga nel mondo. .

Successivamente, sei chilometri a monte, sarebbe stata aperta una seconda diga, la Barragem Alta.

Attualmente, il più antico è utilizzato solo come attrazione turistica.

Se non fosse stato per la lunga (1960-1980) Campagna di Soccorso Nubiano dell'UNESCO e di altre istituzioni, il sublime patrimonio millenario della Nubia come il Tempio di Iside (sull'isola di Philae) e il tempio di Abu Simbel sarebbe stato distrutto per sempre da la salita artificiale, le acque del Nilo e del lago Nasser.

I guardiani del tempio di Ramses II conversano alla base di una delle imponenti statue del monumento.

Nel caso di Abu Simbel, per quattro anni, un team multidisciplinare e internazionale ha dovuto dividerlo in 2000 blocchi con tra le 10 e le 40 tonnellate.

Lo ricostruì nuovamente all'interno di una montagna a 210 metri dall'acqua e 65 metri più alta.

"Svegliatevi amici, non fate le mummie!" ci grida la guida Edid volendo assicurarsi che il suo gruppo sia tutto a piedi. Sono le tre del mattino. Ci svegliamo con il cattivo umore di un faraone ingannato.

Solo gradualmente, con la comodità di una colazione al sacco, siamo riusciti a lasciare la nave da crociera ancorata ad Assuan per l'ultimo dei complessi archeologici.

Il villaggio di Abu Simbel si trovava a quasi 300 km a sud ea soli 40 km dal confine con il Sudan, quindi in un territorio che le autorità egiziane consideravano problematico. Per questo motivo, ci uniamo a una carovana di jeep che percorre il percorso ad alta velocità.

Siamo i primi ad arrivare. E farsi rilevare dalle colossali sentinelle che custodiscono il sud dal grande tempio che Ramses II dedicò a se stesso e agli dei Ra-Horakhty, Amon e Ptah.

Le quattro statue colossali del faraone Ramesse II ad Abu Simbel.

Li abbiamo sfidati, da soli, per quasi venti minuti. Finché il resto della carovana non porta la folla e il tempo per anticipare il ritorno ad Assuan.

Quel pomeriggio, il vento soffia sul deserto prima del solito e presto i felluca invasero il Nilo con le loro vele a pinna di squalo spiegate, suonando per i passeggeri.

Abbiamo ammirato lo spettacolo incantevole dell'alta sponda orientale del Nilo e abbiamo ipotizzato che uno di quelli felluca potrebbe condurci ad una visione ancora più privilegiata di Assuan.

Una barca turistica aperta percorre uno dei rami del fiume Nilo lungo l'isola Elefantina che la divide.

Abbiamo attraversato ancora una volta verso Elefantina. È stato in un molo improvvisato dall'altra parte dell'isola che abbiamo inaugurato questa richiesta.

Il poliglotta Nubian Mustafa ci appare in una jilaba grigia, più che sorridente, ovviamente bene con la vita: "Allora, navighiamo?" inizia chiedendoci, in inglese, solo di fare conversazione.

il si

Avevamo navigato solo per mezzo minuto quando confessa il suo sollievo in modo drammatizzato ma comico: “Mi hai salvato in modo buono! Sai che mia moglie deve sempre mangiare carne. Se non lo prendo, mordimi le braccia!"

La conversazione rimane più divertente che formativa. Tuttavia, arrivammo alla sponda occidentale sabbiosa del Nilo, da dove un enorme gruppo di estranei era appena partito sui cammelli per il deserto.

Noi, manteniamo il piano di visione supremo. Indichiamo le alture della tomba di Aga Khan III, il 48° Imam, fondatore e primo presidente della Lega musulmana, protettrice dei diritti dei musulmani in India.

Da lì, con il sole quasi al tramonto, abbiamo ammirato il flusso del Nilo biforcato e, ancora, la dolce navigazione del felluca, poi, il fitto e verde palmeto e, dietro, le case informi e color deserto di Assuan.

Una felluca naviga lungo il Nilo con le case di Assuan oltre la sponda orientale.

In lontananza, possiamo ancora distinguere il vecchio Old Cataract Hotel, che viene promosso con il fatto storico che Agatha Christie vi scrisse parte del suo famoso romanzo "La morte sul Nilo" e che sarebbe stato utilizzato come uno degli scenari del film adattamento con Peter Ustinov e Mia Farrow.

Nel film, Simon Doyle uccide la moglie e la ricca ereditiera Linnet Ridgeway con la complicità della sua amante Jacqueline.

Tutto accade a bordo della crociera SS Karnak in una travagliata navigazione lungo il “sangue d'Egitto” che, tenuto conto della sequenza degli scali, si rivelerebbe del tutto impossibile nello scenario reale.

Il Nilo che abbiamo ammirato, questo, non potrebbe essere più reale.

Falluca sul fiume Nilo al largo di Assuan ed Elefantina.

Veniva dalle profondità di lago vittoria e dall'Africa.

Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Chiang Hong - Luang Prabang, Laos

Barca lenta, fiume Mekong sotto

La bellezza e il basso costo del Laos sono buoni motivi per navigare tra Chiang Khong e Luang Prabang. Ma questa lunga discesa del fiume Mekong può essere estenuante quanto pittoresca.
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Monte Sinai, Egitto

Forza nelle gambe e fede in Dio

Mosè ricevette i Dieci Comandamenti sulla vetta del monte Sinai e li rivelò al popolo di Israele. Oggi centinaia di pellegrini conquistano, ogni notte, i 4000 passi di quella dolorosa ma mistica ascesa.
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
matmata, Tataouine:  Tunisia

La base terrestre di Star Wars

Per motivi di sicurezza, il pianeta Tatooine di "Il risveglio della forza" è stato girato ad Abu Dhabi. Torniamo indietro nel calendario cosmico e rivisitiamo alcuni dei luoghi tunisini di maggior impatto della saga.  
Tataouine, Tunisia

Festival of the Ksour: castelli di sabbia che non crollano

Gli ksour furono costruiti come fortificazioni dai berberi del Nord Africa. Hanno resistito alle invasioni arabe ea secoli di erosione. Il Festival Ksour rende loro un doveroso omaggio ogni anno.
da Edfu a Kom Ombo, Egitto

Nilo in alto, da tolemaico dell'Alto Egitto

Dopo aver completato l'inevitabile ambasciata a Luxor, l'antica Tebe e la Valle dei Re, si procedeva controcorrente del Nilo. In Edfu e Kom Ombo, ci arrendiamo alla magnificenza storica lasciata in eredità dai successivi monarchi Tolomeo.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Una città perduta e ritrovata
Architettura & Design
Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas

Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
La crocifissione ad Helsinki
Cerimonie e Feste
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Candia, Dente di Buddha, Ceylon, lago
Città
Kandy, Sri Lanka

Incursione nella Radice Dentale del Buddismo Singalese

Situata nel cuore montuoso dello Sri Lanka, alla fine del XV secolo Kandy divenne la capitale del regno dell'antico Ceylon, che resistette ai successivi tentativi coloniali di conquista. Divenne anche il suo nucleo buddista, a cui continua a contribuire il fatto che conservi un sacro dente del Buddha.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Mar de Parra
Cultura
Mendoza, Argentina

Viaggio attraverso Mendoza, la grande provincia vinicola argentina

I missionari spagnoli si resero conto, nel XVI secolo, che l'area era destinata alla produzione del “sangue di Cristo”. Oggi la provincia di Mendoza è al centro della più grande regione vinicola dell'America Latina.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Alaska, da Homer's Alla ricerca di Whittier
In viaggio
Homer a Whittier, Alaska

Alla ricerca del furtivo Whittier

Lasciamo Homer, alla ricerca di Whittier, un rifugio costruito durante la seconda guerra mondiale e che ospita circa duecento persone, quasi tutte in un unico edificio.
piccolo soggetto
Etnico

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Da questa parte dell'Atlantico
Storia

Isola di Goreia, Senegal

Un'isola schiava della schiavitù

Erano diversi milioni o solo migliaia di schiavi di passaggio da Gorea diretti alle Americhe? Qualunque sia la verità, questa minuscola isola senegalese non si libererà mai dal giogo del suo simbolismo.

Spiaggia di Penedo, isola di Porto Santo, Portogallo
Isole
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Natura
strade imperdibili

Grandi viaggi, grandi viaggi

Con nomi pomposi o semplici codici stradali, alcune strade attraversano scenari davvero sublimi. Dalla Road 66 alla Great Ocean Road, sono tutte avventure di guida imperdibili.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Fortezza di Masada, Israele
Parchi Naturali
Massada, Israele

Masada: l'ultima roccaforte ebraica

Nel 73 d.C., dopo mesi di assedio, una legione romana scoprì che i resistenti in cima a Masada si erano suicidati. Ancora una volta ebrea, questa fortezza è ora l'ultimo simbolo della determinazione sionista
Funivia di Sanahin, Armenia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
Controllo corrispondenza
personaggi
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Balandra Beach, Messico, Baja California, vista aerea
Spiagge
Spiaggia di Balandra e Il Tecolote, Baja California Sur, Messico

Tesori balneari del Mare di Cortes

Spesso proclamata la spiaggia più bella del Messico, la troviamo nella caletta frastagliata di spiaggia Balandra è un grave caso di esotismo paesaggistico. In duo con il vicino spiaggia Tecolote, risulta essere uno dei beachfront davvero imperdibili della vasta Baja California.
Barca sul fiume Giallo, Gansu, Cina
Religione
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Magome a Tsumago, Nakasendo, Way Medieval Japan
Società
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Parco nazionale delle Everglades, Florida, Stati Uniti, volo sopra i canali delle Everglades
Animali selvatici
PN delle Everglades, Florida, EUA

Il Grande Fiume di Erba della Florida

Chiunque voli sopra il sud del 27° stato rimane stupito dalla vastità verde, liscia e fradicia che contrasta con i toni oceanici circostanti. Questo esclusivo ecosistema di praterie e paludi degli Stati Uniti ospita una fauna prolifica dominata da 200 degli 1.25 milioni di alligatori della Florida.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.