Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola


Ingresso di Thorong Phedi
Il gateway per la zona inferiore di Thorong Phedi.
yak al sole
Il bestiame himalayano si scongela al sole del mattino.
SDWS
termologia
Termini utilizzati da Safe Drinking Water Station per fornire acqua calda agli escursionisti.
I meandri della ferrovia e del fiume
Valle del fiume Jharsong Khola, con l'Annapurna sullo sfondo.
yak-kharka-thorong-pedi-circuito-annapurna-cat
yak-kharka-thorong-pedi-circuit-annapurna-employees-water-station
yak-kharka-thorong-pedi-circuit-annapurna-donos-tea-house-Deaurli
Coppia alla Tea House Deaurli, a breve distanza da Thorong Phedi.
signora del The
Proprietario di una casa da tè tra Yak Kharka e Thorong Phedi, insieme a foto di famiglia.
Post vecchio stile
Messaggi e Informazioni affisse all'ingresso del New Phedi Hotel.
Pericolo di frane
Il cartello avverte del rischio di una delle zone più pericolose del sentiero tra Yak Kharka e Thorong Phedi.
vecchia al sole
Un residente di un villaggio fuori Yak Kharka.
Yak destinazione
La testa di uno yak funge da amuleto su una casa di nuova costruzione.
In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.

Eravamo andati a letto alle otto di sera. Ci siamo svegliati verso le sette del mattino.

Furono undici ore di sonno corroborante più che meritato, accompagnato da un altro vantaggio. Nonostante la frenesia da ubriaco della sera prima, Don era già sveglio. Tutto indicava che era pronto per partire.

Durante la colazione, ci siamo resi conto che avremmo continuato da soli. Tatiana, una delle due tedesche, e Cris, uno dei due ragazzi brasiliani, non stavano bene.

Il resto del gruppo ha deciso di rimanere un giorno in più yak karkha, per vedere se i sintomi di mal di montagna erano attenuati.

Pensavamo ancora di restare, per solidarietà e amore per il gruppo, ma ci eravamo già trascinati per un tempo esagerato a Pokhara, preparandoci per la passeggiata.

Inoltre, ci sentivamo in perfette condizioni, ansiosi di conquistare Thorong La Gorge, per continuare, in tranquillità, dall'altra parte.

Ok, dopo colazione, quando ci siamo resi conto della deliberazione del gruppo al sole, ci siamo salutati.

Senza grandi drammi o cerimonie, preoccupati di trasmettere la fiducia che tutti avrebbero ripreso la passeggiata la mattina dopo e che, come era successo prima, ci saremmo incontrati di nuovo più tardi.

Poi abbiamo aperto il percorso di quasi 7 km, con un dislivello di 400 m.

Sulla strada per Thorong Phedi

Passiamo davanti a un piccolo branco di yak che contribuiscono al significato di Yak Karkha, termine traducibile come yak corral.

Vediamo le loro sagome taglienti contro le montagne innevate del Annapurna.

Alla nostra destra, il grande Chulu West (6419 m), una delle montagne più alte, ma conquistabile senza grandi pretese tecniche.

Raggiungiamo Churi Ledar (4200 m) e le sue case da tè.

Entrando nella prima, troviamo Don in una piacevole chiacchierata con il proprietario, un familiare con cui non era in contatto da molto tempo.

Ci fermiamo. beviamo un latte. Abbiamo parlato un po' con entrambi, abbiamo fotografato entrambi e con entrambi.

Continuiamo, solo noi. Don ci dice che sarebbe rimasto a parlare con la signora, che ci avrebbe beccati. A quel punto, non avevamo motivo di dubitare.

Un'altra stazione di acqua sicura

Poco dopo siamo arrivati ​​ad uno dei “Stazione di acqua potabile sicura” del circuito.

Una giovane donna nepalese ci accoglie.

Da quello che si vedeva attraverso la finestra che lo incorniciava, l'interno della struttura aveva un inaspettato fascino nepalese.

Era fatto di legno ingiallito, riempito di scaffali rivestiti di acrilici o carte colorate dove erano conservati una serie di thermos e utensili da cucina.

Abbiamo passato un po' di tempo con le signore, già abituate al passaggio e alla curiosità degli stranieri, anche i più impiccioni, come noi.

Ci siamo salutati, riforniti di acqua fresca, preparati per gli alti e bassi e i bruschi meandri, approfonditi dal fiume Jharsong Kola, che dovevano ancora venire.

Due ponti su Jharsong Kola. un'indecisione

Ad un certo punto, da un punto alto, vediamo il bivio del sentiero. Si prosegue verso un ponte sospeso sopra il torrente. E da un altro ramo, più sinuoso e profondo, che attraversava il fiume su un ponte di legno.

Senza segnaletica a segnalarci, abbiamo optato per l'ultimo che ci avrebbe permesso di fotografare gli escursionisti che attraversano il ponte sospeso, con le montagne sullo sfondo.

Ce ne siamo quasi pentiti. La pista inferiore rivela una superficie di ciottoli sciolti e scivolosi.

La cura che richiede ci irrita subito, a parte il fatto che, per qualche motivo ancora sconosciuto o forse solo perché i nuovi arrivati ​​imitavano l'opzione dei precedenti escursionisti, nessuno voleva attraversare il ponte sospeso.

Per fortuna, a causa delle nostre buone condizioni fisiche, questi erano quasi tutti i nostri problemi.

I primi sintomi imprevisti di indisposizione

Dopo aver attraversato il fiume, abbiamo cominciato a provare un leggero capogiro, che non avevamo mai sentito prima. Avevamo anche ancora la pancia più piena del solito e supponevamo, da porridge e frutta, un errore che, al mattino, ci siamo dimenticati di evitare.

Con l'aumento dell'altitudine, l'ossigeno che il sangue trasportava al cervello diminuiva. La digestione incompiuta aggravava le vertigini.

Crediamo nella ragione meno dannosa, attenti alle fatiche degli altri escursionisti che abbiamo attraversato.

Il mal di montagna li aveva già rovesciati, trattenendo da loro i compagni, frustrati, sottomessi al dovere di riportarli nelle terre basse.

Non era il primo caso. Né sarebbe l'ultimo.

Come temevamo, siamo vittime di una spiccata irrequietezza. Abbiamo raggiunto la cima dall'altra parte del fiume, all'ingresso di un altro casa da tè.

Oltre al tè e una serie di snack e prodotti, “Deaurli” ha offerto agli escursionisti una struttura di panchine in pietra con vista panoramica sui zigzag di Jharsong Kola, il sentiero che avevamo percorso per arrivarci e la vastità che lo circonda.

Abbiamo visto tutto questo e il Annapurna sopra.

Quello che non abbiamo visto era un segno di Don ovunque lungo il sentiero. Il "Ti prenderò" a cui ha risposto quando lo abbiamo lasciato era tutt'altro che soddisfatto.

L'esagerata scomparsa di Don

Pur servendoci nuovi tè al latte, i proprietari di Dearli si rendono conto che siamo sconvolti, ma lo pensano a causa di qualche amico che si è sentito male.

Quando ne diamo loro il motivo, aprono una strana spiegazione che svela la rivalità etnica in cui vive il Nepal e quella zona alta dell'Annapurna, in particolare.

Ci viene detto che Don doveva essere di una certa etnia che non era originaria della zona ma che si trasferiva sempre più lì, in cerca di soldi dal trattori.

Aggiungono che questo gruppo etnico mancava di senso di responsabilità e che quasi ogni volta che c'erano problemi con i nepalesi, era colpa loro.

Non avevamo idea di quale etnia appartenesse Don. Il bere la sera prima ci aveva lasciato l'idea che poteva metterci nei guai da un momento all'altro.

Abbiamo aspettato quasi un'ora nel punto panoramico, molto più del necessario per riprenderci dalla salita e bere il tè.

Alla fine di quel tempo, vediamo finalmente un punto rosso, in lontananza, che si avvicina. Pochi minuti dopo, abbiamo identificato il cappotto di Don.

Abbiamo notato che il portiere stava quasi correndo.

Quando sale il pendio e arriva a noi, i titolari di Deaurli, figure carismatiche di quelle parti, gli danno un atteggiamento che non ha bisogno di alcun complemento da parte nostra.

Don si scusa. Prometti che non farai più tardi così.

Bevi solo acqua. Anticipaci.

L'ultimo e insidioso pendio

Un cavaliere nepalese con cui avevamo già parlato a Yak Karkha, con indosso un berretto di pelliccia e occhiali scuri, appare, ci saluta e ci dà qualche consiglio. “il sentiero, da qui a Pedi, è il più pericoloso.

C'è il rischio di frane e, se ci sono bovini al pascolo in cima, possono prenderlo con sassi più piccoli”.

Grazie per gli avvisi. Senza alternative, corriamo il rischio. A seguire Don.

Poche decine di metri più avanti, un cartello con la scritta “Area di frana, passo delicatamente”, conferma l'avviso.

Il sentiero solca il pendio sopra il fiume, in una stretta valle a V con terra sciolta su entrambi i lati, cosparsa di rocce già scivolate che, nel tempo, hanno causato vittime.

Abbiamo seguito in una modalità di velocità silenziosa, senza mai fermarci. Ci sono voluti quasi venti minuti per liberare la zona di pericolo, a sinistra di Jharsong Kola.

Quando lo riceviamo, ci troviamo faccia a faccia con la taglia di Thorong Pedi.

L'ingresso del sole a Thorong Pedi

Il villaggio sembra essere murato, con un portico d'ingresso che identificava il Campo Base di Thorong.

Al contrario di High Camp, corredata da altre targhe promozionali, da “Panetteria Fresca","Caffè vero" ed ovviamente, "torta di mele".

Gli escursionisti frettolosi hanno scelto di allungare la corda.

Progredevano direttamente al Campo Alto. La salita era di solo 1 km. A quella distanza, saliva 400 metri.

Era uno dei più ripidi del circuito.

Ancora in attesa di essere sicuri che le vertigini e il mal di testa fossero dovuti alla colazione abbondante, eravamo in dubbio.

Per evitare alberghi sovraffollati, siamo saliti a 4540 m, la cima del villaggio.

Siamo entrati in una Nuova Phedi. Abbiamo dato un'occhiata alle strutture e ci siamo seduti nella stanza riscaldata, aspettando con impazienza un po' di riposo e un vero pasto.

Stavamo scegliendo un tavolo quando abbiamo trovato Sara e Manel, una coppia di Porto che, senza sapere chi fossero o da dove venissero, avevamo già visto lasciando Manang.

Ci sediamo con loro, parliamo. Abbiamo parlato un po' di tutto, tutto il pomeriggio.

A quel tempo, la stanza era piena di vaganti appena arrivati.

La tormenta di fine giornata che imbianca le montagne

Il tempo era cambiato.

Una ventosa bufera di neve ha ricoperto di bianco la valle di Jharsong Kola. Chi è arrivato, è entrato stanco e congelato. Cercò un posto vicino alle salamandre che riscaldavano la stanza, da una certa altezza, invano.

Se, all'inizio, sia noi che Sara e Manel eravamo titubanti sull'opportunità di salire direttamente a High Camp, l'improvviso maltempo ha deciso per noi.

Alle 20:XNUMX, con i dipendenti nepalesi della New Phedi che spengono le salamandre, andiamo a letto.

Il piano era di svegliarsi alle tre del mattino e vedere com'era il tempo. Se la neve si fosse fermata, se il cielo fosse stato sereno, saremmo saliti.

Almeno fino al Campo Alto.

Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Scala del palazzo di Itamaraty, Brasilia, Utopia, Brasile
Architettura & Design
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Sydney, la città criminale esemplare dell'Australia, Harbour Bridge
Città
Sydney, Australia

Dall'esilio criminale alla città esemplare

La prima delle colonie australiane fu costruita da detenuti in esilio. Oggi, gli australiani di Sydney si vantano degli ex detenuti del loro albero genealogico e sono orgogliosi della prosperità cosmopolita della megalopoli in cui abitano.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
cabina affollata
Cultura
Saariselka, Finlândia

Il delizioso caldo artico

Si dice che i finlandesi abbiano creato SMS in modo da non dover parlare. L'immaginazione dei freddi nordici si perde nella nebbia delle loro amate saune, vere e proprie sedute di terapia fisica e sociale.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Santuario dell'eterna primavera
In viaggio

Gola di Taroko, Taiwan

Nelle profondità di Taiwan

Nel 1956, i taiwanesi scettici dubitano che i primi 20 km della Central Cross-Island Hwy fossero possibili. La gola di marmo che l'ha sfidata è oggi l'ambiente naturale più straordinario di Formosa.

Creel, Chihuahua, Carlos Venzor, collezionista, museo
Etnico
Chihuahua a Creel, Chihuahua, Messico

Sulla via di Creel

Con Chihuahua all'indietro, indichiamo il sud-ovest e le terre ancora più alte nel nord del Messico. Accanto a Ciudad Cuauhtémoc, abbiamo visitato un anziano mennonita. Intorno a Creel, abbiamo vissuto per la prima volta con la comunità indigena Rarámuri della Serra de Tarahumara.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Pellegrini in cima, Monte Sinai, Egitto
Storia
Monte Sinai, Egitto

Forza nelle gambe e fede in Dio

Mosè ricevette i Dieci Comandamenti sulla vetta del monte Sinai e li rivelò al popolo di Israele. Oggi centinaia di pellegrini conquistano, ogni notte, i 4000 passi di quella dolorosa ma mistica ascesa.
Mexcaltitán, Nayarit, Messico, dall'alto
Isole
Mexcaltitán, Nayarit, Messico

Un'isola tra mito e genesi messicana

Mexcaltitán è un'isola lacustre tondeggiante, piena di case e che, durante la stagione delle piogge, è percorribile solo in barca. Si crede ancora che potrebbe essere Aztlán. Il villaggio che gli Aztechi lasciarono in un peregrinare che terminò con la fondazione di Tenochtitlan, la capitale dell'impero che gli spagnoli avrebbero conquistato.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Natale in Australia, Platipus = ornitorinco
Natura
Altopiano di Atherton, Australia

Le miglia del Natale (parte II)

Il 25 dicembre esploriamo la campagna alta, bucolica ma tropicale del Queensland settentrionale. Ignoriamo il luogo in cui si trova la maggior parte degli abitanti e siamo sorpresi dall'assoluta assenza del periodo natalizio.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Cumbre Vieja, La Palma, Eruzione, Tsunami, Apocalisse televisiva
Parchi Naturali
La Palma, Isole CanarieSpagna

Il più mediatico dei cataclismi che accadrà

La BBC ha riferito che il crollo di un pendio vulcanico sull'isola della Palma potrebbe generare un mega tsunami. Ogni volta che l'attività vulcanica nell'area aumenta, i media colgono l'occasione per spaventare il mondo.
Roça Sundy, Príncipe Island, Teoria della Relatività, Belvedere
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Roca Sundy, Ilha do Principe, São Tome e Principe

La certezza della teoria della relatività

Nel 1919, Arthur Eddington, un astrofisico britannico, scelse il Sundy Garden per provare la famosa teoria di Albert Einstein. Più di un secolo dopo, il nord dell'isola di Príncipe che lo ha accolto è ancora tra i luoghi più belli dell'universo.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
mini snorkeling
Spiagge
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Barca sul fiume Giallo, Gansu, Cina
Religione
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Singapore, Isola del Successo e Monotonia
Società
Singapore

L'isola del successo e della monotonia

Abituata a pianificare e vincere, Singapore seduce e recluta persone ambiziose da tutto il mondo. Allo stesso tempo, sembra annoiare a morte alcuni dei suoi abitanti più creativi.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Animali selvatici
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.