Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola


Ingresso di Thorong Phedi
Il gateway per la zona inferiore di Thorong Phedi.
yak al sole
Il bestiame himalayano si scongela al sole del mattino.
SDWS
termologia
Termini utilizzati da Safe Drinking Water Station per fornire acqua calda agli escursionisti.
I meandri della ferrovia e del fiume
Valle del fiume Jharsong Khola, con l'Annapurna sullo sfondo.
yak-kharka-thorong-pedi-circuito-annapurna-cat
yak-kharka-thorong-pedi-circuit-annapurna-employees-water-station
yak-kharka-thorong-pedi-circuit-annapurna-donos-tea-house-Deaurli
Coppia alla Tea House Deaurli, a breve distanza da Thorong Phedi.
signora del The
Proprietario di una casa da tè tra Yak Kharka e Thorong Phedi, insieme a foto di famiglia.
Post vecchio stile
Messaggi e Informazioni affisse all'ingresso del New Phedi Hotel.
Pericolo di frane
Il cartello avverte del rischio di una delle zone più pericolose del sentiero tra Yak Kharka e Thorong Phedi.
vecchia al sole
Un residente di un villaggio fuori Yak Kharka.
Yak destinazione
La testa di uno yak funge da amuleto su una casa di nuova costruzione.
In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.

Eravamo andati a letto alle otto di sera. Ci siamo svegliati verso le sette del mattino.

Furono undici ore di sonno corroborante più che meritato, accompagnato da un altro vantaggio. Nonostante la frenesia da ubriaco della sera prima, Don era già sveglio. Tutto indicava che era pronto per partire.

Durante la colazione, ci siamo resi conto che avremmo continuato da soli. Tatiana, una delle due tedesche, e Cris, uno dei due ragazzi brasiliani, non stavano bene.

Il resto del gruppo ha deciso di rimanere un giorno in più yak karkha, per vedere se i sintomi di mal di montagna erano attenuati.

Pensavamo ancora di restare, per solidarietà e amore per il gruppo, ma ci eravamo già trascinati per un tempo esagerato a Pokhara, preparandoci per la passeggiata.

Inoltre, ci sentivamo in perfette condizioni, ansiosi di conquistare Thorong La Gorge, per continuare, in tranquillità, dall'altra parte.

Ok, dopo colazione, quando ci siamo resi conto della deliberazione del gruppo al sole, ci siamo salutati.

Senza grandi drammi o cerimonie, preoccupati di trasmettere la fiducia che tutti avrebbero ripreso la passeggiata la mattina dopo e che, come era successo prima, ci saremmo incontrati di nuovo più tardi.

Poi abbiamo aperto il percorso di quasi 7 km, con un dislivello di 400 m.

Sulla strada per Thorong Phedi

Passiamo davanti a un piccolo branco di yak che contribuiscono al significato di Yak Karkha, termine traducibile come yak corral.

Vediamo le loro sagome taglienti contro le montagne innevate del Annapurna.

Alla nostra destra, il grande Chulu West (6419 m), una delle montagne più alte, ma conquistabile senza grandi pretese tecniche.

Raggiungiamo Churi Ledar (4200 m) e le sue case da tè.

Entrando nella prima, troviamo Don in una piacevole chiacchierata con il proprietario, un familiare con cui non era in contatto da molto tempo.

Ci fermiamo. beviamo un latte. Abbiamo parlato un po' con entrambi, abbiamo fotografato entrambi e con entrambi.

Continuiamo, solo noi. Don ci dice che sarebbe rimasto a parlare con la signora, che ci avrebbe beccati. A quel punto, non avevamo motivo di dubitare.

Un'altra stazione di acqua sicura

Poco dopo siamo arrivati ​​ad uno dei “Stazione di acqua potabile sicura” del circuito.

Una giovane donna nepalese ci accoglie.

Da quello che si vedeva attraverso la finestra che lo incorniciava, l'interno della struttura aveva un inaspettato fascino nepalese.

Era fatto di legno ingiallito, riempito di scaffali rivestiti di acrilici o carte colorate dove erano conservati una serie di thermos e utensili da cucina.

Abbiamo passato un po' di tempo con le signore, già abituate al passaggio e alla curiosità degli stranieri, anche i più impiccioni, come noi.

Ci siamo salutati, riforniti di acqua fresca, preparati per gli alti e bassi e i bruschi meandri, approfonditi dal fiume Jharsong Kola, che dovevano ancora venire.

Due ponti su Jharsong Kola. un'indecisione

Ad un certo punto, da un punto alto, vediamo il bivio del sentiero. Si prosegue verso un ponte sospeso sopra il torrente. E da un altro ramo, più sinuoso e profondo, che attraversava il fiume su un ponte di legno.

Senza segnaletica a segnalarci, abbiamo optato per l'ultimo che ci avrebbe permesso di fotografare gli escursionisti che attraversano il ponte sospeso, con le montagne sullo sfondo.

Ce ne siamo quasi pentiti. La pista inferiore rivela una superficie di ciottoli sciolti e scivolosi.

La cura che richiede ci irrita subito, a parte il fatto che, per qualche motivo ancora sconosciuto o forse solo perché i nuovi arrivati ​​imitavano l'opzione dei precedenti escursionisti, nessuno voleva attraversare il ponte sospeso.

Per fortuna, a causa delle nostre buone condizioni fisiche, questi erano quasi tutti i nostri problemi.

I primi sintomi imprevisti di indisposizione

Dopo aver attraversato il fiume, abbiamo cominciato a provare un leggero capogiro, che non avevamo mai sentito prima. Avevamo anche ancora la pancia più piena del solito e supponevamo, da porridge e frutta, un errore che, al mattino, ci siamo dimenticati di evitare.

Con l'aumento dell'altitudine, l'ossigeno che il sangue trasportava al cervello diminuiva. La digestione incompiuta aggravava le vertigini.

Crediamo nella ragione meno dannosa, attenti alle fatiche degli altri escursionisti che abbiamo attraversato.

Il mal di montagna li aveva già rovesciati, trattenendo da loro i compagni, frustrati, sottomessi al dovere di riportarli nelle terre basse.

Non era il primo caso. Né sarebbe l'ultimo.

Come temevamo, siamo vittime di una spiccata irrequietezza. Abbiamo raggiunto la cima dall'altra parte del fiume, all'ingresso di un altro casa da tè.

Oltre al tè e una serie di snack e prodotti, “Deaurli” ha offerto agli escursionisti una struttura di panchine in pietra con vista panoramica sui zigzag di Jharsong Kola, il sentiero che avevamo percorso per arrivarci e la vastità che lo circonda.

Abbiamo visto tutto questo e il Annapurna sopra.

Quello che non abbiamo visto era un segno di Don ovunque lungo il sentiero. Il "Ti prenderò" a cui ha risposto quando lo abbiamo lasciato era tutt'altro che soddisfatto.

L'esagerata scomparsa di Don

Pur servendoci nuovi tè al latte, i proprietari di Dearli si rendono conto che siamo sconvolti, ma lo pensano a causa di qualche amico che si è sentito male.

Quando ne diamo loro il motivo, aprono una strana spiegazione che svela la rivalità etnica in cui vive il Nepal e quella zona alta dell'Annapurna, in particolare.

Ci viene detto che Don doveva essere di una certa etnia che non era originaria della zona ma che si trasferiva sempre più lì, in cerca di soldi dal trattori.

Aggiungono che questo gruppo etnico mancava di senso di responsabilità e che quasi ogni volta che c'erano problemi con i nepalesi, era colpa loro.

Non avevamo idea di quale etnia appartenesse Don. Il bere la sera prima ci aveva lasciato l'idea che poteva metterci nei guai da un momento all'altro.

Abbiamo aspettato quasi un'ora nel punto panoramico, molto più del necessario per riprenderci dalla salita e bere il tè.

Alla fine di quel tempo, vediamo finalmente un punto rosso, in lontananza, che si avvicina. Pochi minuti dopo, abbiamo identificato il cappotto di Don.

Abbiamo notato che il portiere stava quasi correndo.

Quando sale il pendio e arriva a noi, i titolari di Deaurli, figure carismatiche di quelle parti, gli danno un atteggiamento che non ha bisogno di alcun complemento da parte nostra.

Don si scusa. Prometti che non farai più tardi così.

Bevi solo acqua. Anticipaci.

L'ultimo e insidioso pendio

Un cavaliere nepalese con cui avevamo già parlato a Yak Karkha, con indosso un berretto di pelliccia e occhiali scuri, appare, ci saluta e ci dà qualche consiglio. “il sentiero, da qui a Pedi, è il più pericoloso.

C'è il rischio di frane e, se ci sono bovini al pascolo in cima, possono prenderlo con sassi più piccoli”.

Grazie per gli avvisi. Senza alternative, corriamo il rischio. A seguire Don.

Poche decine di metri più avanti, un cartello con la scritta “Area di frana, passo delicatamente”, conferma l'avviso.

Il sentiero solca il pendio sopra il fiume, in una stretta valle a V con terra sciolta su entrambi i lati, cosparsa di rocce già scivolate che, nel tempo, hanno causato vittime.

Abbiamo seguito in una modalità di velocità silenziosa, senza mai fermarci. Ci sono voluti quasi venti minuti per liberare la zona di pericolo, a sinistra di Jharsong Kola.

Quando lo riceviamo, ci troviamo faccia a faccia con la taglia di Thorong Pedi.

L'ingresso del sole a Thorong Pedi

Il villaggio sembra essere murato, con un portico d'ingresso che identificava il Campo Base di Thorong.

Al contrario di High Camp, corredata da altre targhe promozionali, da “Panetteria Fresca","Caffè vero" ed ovviamente, "torta di mele".

Gli escursionisti frettolosi hanno scelto di allungare la corda.

Progredevano direttamente al Campo Alto. La salita era di solo 1 km. A quella distanza, saliva 400 metri.

Era uno dei più ripidi del circuito.

Ancora in attesa di essere sicuri che le vertigini e il mal di testa fossero dovuti alla colazione abbondante, eravamo in dubbio.

Per evitare alberghi sovraffollati, siamo saliti a 4540 m, la cima del villaggio.

Siamo entrati in una Nuova Phedi. Abbiamo dato un'occhiata alle strutture e ci siamo seduti nella stanza riscaldata, aspettando con impazienza un po' di riposo e un vero pasto.

Stavamo scegliendo un tavolo quando abbiamo trovato Sara e Manel, una coppia di Porto che, senza sapere chi fossero o da dove venissero, avevamo già visto lasciando Manang.

Ci sediamo con loro, parliamo. Abbiamo parlato un po' di tutto, tutto il pomeriggio.

A quel tempo, la stanza era piena di vaganti appena arrivati.

La tormenta di fine giornata che imbianca le montagne

Il tempo era cambiato.

Una ventosa bufera di neve ha ricoperto di bianco la valle di Jharsong Kola. Chi è arrivato, è entrato stanco e congelato. Cercò un posto vicino alle salamandre che riscaldavano la stanza, da una certa altezza, invano.

Se, all'inizio, sia noi che Sara e Manel eravamo titubanti sull'opportunità di salire direttamente a High Camp, l'improvviso maltempo ha deciso per noi.

Alle 20:XNUMX, con i dipendenti nepalesi della New Phedi che spengono le salamandre, andiamo a letto.

Il piano era di svegliarsi alle tre del mattino e vedere com'era il tempo. Se la neve si fosse fermata, se il cielo fosse stato sereno, saremmo saliti.

Almeno fino al Campo Alto.

Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Visitatori del Jameos del Agua, Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Architettura & Design
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
lagune e fumarole, vulcani, PN tongaro, nuova zelanda
Aventura
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Isola di Miyajima, Shintoismo e Buddismo, Giappone, Porta dell'Isola Santa
Cerimonie e Feste
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
estate scarlatta
Città

Da Valencia a Xativa, Spagna

Dall'altra parte dell'Iberia

Lasciando da parte la modernità di Valencia, esploriamo gli ambienti naturali e storici che la "comunidad" condivide con il Mediterraneo. Più viaggiamo, più siamo sedotti dalla sua vita sfarzosa.

Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Pitões das Junias, Montalegre, Portogallo
Cultura
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Portico d'ingresso a Ellikkalla, Uzbekistan
In viaggio
Uzbekistan

Viaggio attraverso lo Pseudo-Tar in Uzbekistan

Passarono i secoli. Le vecchie e fatiscenti strade sovietiche tagliano i deserti e le oasi un tempo percorse dalle carovane del Via della Seta. Soggetto al suo giogo per una settimana, sperimentiamo ogni sosta e incursione nei luoghi e nei paesaggi uzbeki come ricompense della strada storica.
Spaventoso
Etnico

Ambergris Caye, Belize

Parco giochi del Belize

Madonna l'ha cantata come La Isla Bonita e ha rafforzato il motto. Oggi, né gli uragani né i litigi politici scoraggiano i VIP e i vacanzieri benestanti dal godersi questa vacanza tropicale.

tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Nelson Dockyards, Antigua Docks,
Storia
English Harbour, Antigua

Nelson's Dockyard: l'Antica Base navale e Dimora dell'Ammiraglio

Nel XNUMX° secolo, quando gli inglesi contestarono il controllo dei Caraibi e il commercio dello zucchero con i loro rivali coloniali, presero il controllo dell'isola di Antigua. Lì si imbatterono in una baia frastagliata che chiamarono English Harbour. Ne fecero un porto strategico che ospitava anche l'idolatrato ufficiale di marina.
Mahu, Terzo sesso della Polinesia, Papeete, Tahiti
Isole
Papeete, Polinesia Francese

Il Terzo Sesso di Tahiti

Eredi dell'antica cultura polinesiana, i Mahu conservare un ruolo insolito nella società. Persi da qualche parte tra i due sessi, questi uomini-donne continuano a lottare per il senso delle loro vite.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
In attesa, vulcano Mauna Kea nello spazio, Big Island, Hawaii
Natura
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Premio Kukenam
Parchi Naturali
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
intersezione
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Ungherese, Filippine

Filippine in stile country

I GI sono partiti con la fine della seconda guerra mondiale ma la musica delle campagne americane che stavano ascoltando anima ancora la Cordillera de Luzon. È in triciclo e al tuo ritmo che visitiamo le terrazze di riso di Hungduan.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Il pescatore manovra la barca vicino alla spiaggia di Bonete, Ilhabela, Brasile
Spiagge
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
pianura santa, Bagan, Myanmar
Religione
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Intervento della Polizia, Ebrei Utraortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele
Società
Jaffa, Israele

proteste non ortodosse

Un edificio a Jaffa, Tel Aviv, minacciava di profanare quelle che gli ebrei ultra-ortodossi pensavano fossero vestigia dei loro antenati. E nemmeno la rivelazione che erano tombe pagane impediva loro di contestare.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Rottnest Island, Wadjemup, Australia, Quokka
Animali selvatici
Wadjemup, isola di Rottnest, Australia

Tra i Quokka e altri Spiriti Aborigeni

Nel XNUMX° secolo, un capitano olandese soprannominò quest'isola circondata da un turchese Oceano Indiano, “Rottnest, un nido di topi”. I quokka che gli sfuggivano erano, tuttavia, marsupiali, considerati sacri dagli aborigeni Whadjuk Noongar dell'Australia occidentale. Come l'isola edenica su cui i coloni britannici li martirizzarono.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.