São Tomé (città), São Tome e Principe

La capitale dei tropici santomei


Forte di San Sebastiano
Colori del forte in contrasto con l'oscurità basaltica che lo circonda.
Rullo sul mare
Gli amici si ritrovano al Beira-Mar Rollotte di recente apertura.
parla con il sole
Due compagni di scuola dialogano in completa assenza di ombra.
Moto
I motociclisti si sono allineati su una strada vicino al mercato di São Tomé.
La Cattedrale
Gli studenti passano davanti alla Cattedrale di São Tomé.
Filoni sulla costa
Vecchie chiatte semiaffondate al largo di São Tomé
Chiloli
Zona con architettura coloniale nella capitale di São Tomé e Príncipe.
Conversazione all'ombra della storia
Gli amici chiacchierano all'ombra della statua di uno degli scopritori dell'arcipelago di São Tomé.
equilibrio precoce
Acrobazie sul basalto vicino al forte di São Sebastião.
Le difese di allora
Angolo storico dell'antico Forte di São Sebastião.
Armi portoghesi
Armi della guardia della corona portoghese nel museo del Forte de São Sebastião.
moda ideale
Abitanti della città di São Tomé, ben posizionata per la "Moda ideale"
Obelisco e scopritori
Installazione storica intorno all'obelisco "offerto" al presidente Amílcar Cabral e alla casa mobile Beira-Mar.
Obelisco e scopritori II
L'obelisco "di Amilcar Cabral" e gli scopritori di São Tomé e Príncipe.
Commessa
Commessa meticcia, accanto a un chiosco di frutta nella città di São Tomé.
La Ponta do Faina
Gli acquirenti aspettano altro pesce su un molo sull'estensione del mercato municipale.
vicolo giallo
Un dipendente dà scala all'architettura ingiallita del Forte di São Sebastião.
Avenue das Vans
Confusione del Mercato Comunale, aggravata dalla piazza del furgone che lo serve e dalla città.
Pescivendoli contrari alla foto
Peixeiras gode della presenza di fotografi impiccioni nel loro mercato.
Il bar di Xico
L'azione dello Xico's Bar vista dall'ultimo piano dello stabilimento.
Fondata dai portoghesi nel 1485, São Tomé prosperò per secoli, come la città, perché le merci in entrata e in uscita passavano attraverso l'omonima isola. L'indipendenza dell'arcipelago lo ha confermato come la capitale indaffarata in cui giravamo, sempre sudati.

La prima volta che abbiamo preso di mira il Forte di São Sebastião, lo abbiamo trovato inaccessibile.

L'orario di chiusura era alle 4:30 del pomeriggio, troppo presto per quello che stavamo per dirti.

Esclusi dall'interno del Museo Nazionale di São Tomé e Príncipe, ci siamo trovati incuriositi dallo strano, allo stesso tempo, familiare ambiente del monumento.

La fortezza occupa un tratto sabbioso della punta che racchiude la baia di Ana Chaves, a sud.

È preceduto dal lungo Av. Marginal 12 de Julho, battezzato come commemorazione di strada dell'indipendenza dell'arcipelago della colonia nel 1975.

Nel caso di São Tomé e Príncipe, sono numerosi, ovunque, i legami che uniscono la nazione dell'equatore alla vecchia metropoli.

Il Museo Coloniale Fortificato del Forte di São Sebastião

Il viale si estende tra case coloniali, ombreggiate da alberi africani, e l'Oceano Atlantico. Su una curva che lo orienta verso ovest, ci lascia accanto a un'installazione storica.

Proprio lì, al centro di un prato irregolare, spicca un obelisco, eretto per commemorare la visita nel 1970 del presidente portoghese a São Tomé.

In quell'occasione, Américo Tomás sbarcò dalla nave “Principe Perfeito”. Isola del Principe, l'aveva già visitata sei anni prima.

Direttamente, tre statue bianche si affacciano sul forte.

Rappresentano i navigatori e coloni João de Santarém, Pêro Escobar e João de Paiva.

Fino all'indipendenza, queste e altre statue di figure e personalità portoghesi occuparono posti di rilievo in piazze e giardini isola di São Tomé.

Nel 1975, le autorità di São Tomé e Príncipe ne raccolsero molti nel museo. Come abbiamo visto, l'obelisco e le statue sono a piede libero.

Hanno l'azienda di Rolotte – Beira Mar, un'espressione di design del marchio Sagres che sembra più una scatola di tovaglioli di carta, con alberi di cocco come antenne.

Ogni volta che veniva confermata la mancanza di clienti, il giovane al banco usciva dall'interno lugubre e claustrofobico del bar.

Quando un amico fa visita, chiacchierano all'ombra di Pêro Escobar.

A pianta quadrangolare, il forte è circondato da sabbia o grandi pietre basaltiche, alcune delle quali levigate e arrotondate dall'andirivieni delle maree e delle onde.

In quel momento è in vigore la bassa marea.

Un gruppo di studenti, certificati dalle divise, vaga avanti e indietro da un albero che la sterilità e la salinità del suolo avevano torturato e spogliato.

Facciamo il giro del forte, senza fretta, attenti alle successive espressioni della storia e della vita santomea.

Tornando al punto di partenza dell'obelisco, giriamo verso l'inizio della baia di Ana Chaves, dove ci imbattiamo in piccoli plotoni di altri studenti che lasciano la scuola.

Da Beira Atlântico al Frenetico Mercato Municipale di São Tomé

Abbiamo camminato a piedi, lungo la baia.

Arrivati ​​ai moli sul prolungamento di Praça da Independência, con la dogana rosa e le palme imperiali sullo sfondo, ci troviamo di fronte a un compito inaspettato.

In cima al molo, munito di grossi secchi e ciotole, diverse donne attendevano e sembravano litigare per il pesce appena pescato, sempre a bordo di motoscafi elementari.

La pesca non sembrava soddisfare la domanda, né risolvere la crescente impazienza dei pescivendoli.

Tagliamo nel cuore della città, attraverso Travessa do Pelourinho. Poco tempo dopo, ci troviamo di fronte alla vera genesi del problema.

Il mercato comunale era pieno di acquirenti interessati ai prodotti freschi. Le bacchette sapevano i soldi che questa ricerca avrebbe potuto portare loro. Erano frustrati per abbinare.

Il mercato di São Tomé si rivela un intero mondo africano e frenetico di colori e forme, soprattutto all'aperto, dove la luce naturale rimane intatta.

Risalta le sfumature di frutta e verdura dei tropici, le fantasie esuberanti degli abiti delle commesse e quelle di alcuni ombrelloni che ti danno rifugio dal braciere del pomeriggio.

Il mercato municipale di São Tomé è un dominio matriarcale.

È composto da donne e ragazze autoritarie che non amano le incursioni fotografiche dei visitatori.

Non ci aspettavamo che, anche favoriti dalla comune lingua portoghese, e dall'esperienza che abbiamo a che fare con tali casi, ci saremmo trovati di fronte a una tale resistenza.

Come non ci aspettavamo di trovare un supermercato vicino, chiamato Pingo Doxi e con un'immagine di marca che emulasse quella dell'azienda originaria.

Una passeggiata al ritmo di São Tomé

Salvo poche eccezioni, i lavoratori maschi più vicini occupano una vasta area dell'Av. Concezione, il prossimo.

Sono gli autisti di una flotta gialla di taxi, piccoli bus e furgoni stile Hiace che, come molti mototaxi, percorrono la città e la collegano ai paesi più vicini.

Con così tanto nella capitale ancora da scoprire, abbiamo proceduto a piedi.

Prendiamo l'Av. da Independência, che abbiamo seguito fino a identificare il fiume fiancheggiato da vegetazione che dà il nome al viale adiacente, Água Grande.

Attraverso quest'ultimo, dirigendoci nuovamente verso l'oceano, attraversiamo lo spazio urbano davanti alla Cattedrale di São Tomé e al Palazzo di Persona rosa chiaro, noto anche come Palazzo del Popolo ma che, per ragioni di protocollo e di sicurezza, il popolo si tiene lontano.

Si intravede la coreografia delle guardie presidenziali, in divisa verde truppa e caschi e stivali bianchi, sotto la bandiera sventolante della nazione.

Senza molto altro da apprezzare lì, la sua ripresa dell'immobilità, indebolita da tanto camminare, attraversiamo l'Água Grande ancora una volta indicando la griglia di edifici coloniali per le strade con i nomi portoghese-africani e africani di Patrice Lumumba, Angola e Mozambico.

Per un breve momento, il fascino azzurro-rosa e giovanile del Salone di Bellezza “Moda Ideal” ci trattiene.

Bar Xico's e un pescivendolo che la storia ha lasciato sull'isola di São Tomé

Riteniamo che i fisici siano già a brandelli. È con sollievo che ci imbattiamo nello Xico's Café, l'omonimo “sapore del Portogallo a São Tomé”, gestito da un portoghese trasferitosi da Sintra.

All'epoca viveva già da un decennio a São Tomé, come una sorta di collegamento tra l'ex Metropolis e lo splendido rifugio tropicale.

Ci sistemiamo a un tavolo in alto, allietati dall'azione gastronomica e conviviale sottostante e con la degustazione degli snack metà portoghesi e metà africani che abbiamo ordinato.

All'uscita, i venditori ambulanti ci rifilano frutta colorata.

Almeno fino a quando la tenacia fotografica con cui rispondiamo alla sfida li logora e li commuove.

Un'altra donna li supera. Ha un viso che ci sembra portoghese e la sua pelle è molto dorata dal sole equatoriale. Indossa una capulana a motivi caldi sotto un top rosa.

Porta sulla testa una ciotola piena di pesci, portati dal molo dove eravamo già stati.

Una breve conversazione ci fa capire che non era a suo agio con l'attenzione che abbiamo dedicato alla sua differenza dai cittadini convenzionali di São Tomé.

Ci siamo resi conto, tuttavia, che qualche capriccio della storia l'avrebbe separata dagli oltre quattromila residenti coloniali che, negli anni '70, abbandonarono l'arcipelago per la metropoli.

I rimpatriati dall'Angola e la "Città di Tchiloli"

Nello stesso momento in cui molte centinaia di São Tomé stavano entrando nel isole dell'ecuador, fuggiaschi dall'instabilità politico-militare dell'Angola post-indipendenza.

Abbiamo intuito che, a seguito di uno di questi flussi urgenti, era diventato semi-allocato a São Tomé. E che, visitatori curiosi a parte, viveva bene con la sua realtà.

Le signore della frutta condividono i pettegolezzi. Mandano le loro bocche bonarie, quasi altrettanto ben intenzionate.

Quando giriamo l'obiettivo alla sua vetrina di banane, mango, papaia, frutto della passione e persino alcuni cacao fornito. per un po' di roccia, afferrare le capulane sciolte e coprirsi completamente.

Nelle vicinanze troviamo la sede dell'impresa edile Teixeira Duarte, sulla scia di un vecchio manifesto che annunciava la mostra “La città di Tchiloli”, allungato sulla squallida facciata color salmone di un edificio abbandonato e in decomposizione.

La mostra mostrava immagini della complessa, ma ricca coadazione delle culture europea e africana, visibili, evidenti, in tutta la città che avevamo attraversato e attraversato di nuovo.

Il giorno successivo, siamo tornati al Forte di San Sebastiano. puntuale. Di nuovo tra gli studenti liberati dai loro obblighi.

Noi entriamo.

Esaminiamo il patrimonio che attesta oltre mezzo millennio abitato, colonizzato, asservito.

Finalmente rilasciato e consegnato al suo destino di São Tome e Principe.

In questo periodo, São Tomé ha evoluto ciò che si è evoluto. Crebbe in modo misurato, in un'armonia di civiltà che continuava ad abbagliarci.

São Tomé, São Tome e Principe

Attraverso il Tropical Cocuruto di São Tomé

Con l'omonimo capoluogo alle nostre spalle, ci siamo messi alla scoperta della realtà dell'azienda agricola Agostinho Neto. Da lì, abbiamo preso la strada costiera per l'isola. Quando finalmente l'asfalto si arrende alla giungla, São Tomé si è confermata in cima alle più belle isole africane.
São Tomé, São Tomé e Príncipe

Viaggio dove São Tomé punta l'equatore

Ci dirigiamo verso la strada che collega l'omonimo capoluogo allo spigolo vivo dell'isola. Quando siamo arrivati ​​a Roça Porto Alegre, con l'isolotto di Rolas e l'Ecuador davanti, ci siamo persi più e più volte nel dramma storico e tropicale di São Tomé.
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Ilhéu das Rolas, São Tome e Principe

Ilhéu das Rolas: São Tomé e Principe a Latitudine Zero

Il punto più meridionale di São Tomé e Príncipe, l'Ilhéu das Rolas è lussureggiante e vulcanica. La grande novità e punto di interesse di questa estensione insulare della seconda nazione africana più piccola è la coincidenza dell'attraversamento della Linea dell'Equatore.
Príncipe, São Tome e Principe

Viaggio al Retiro Nobre sull'Isola del Principe

150 km di solitudine a nord della matriarca São Tomé, l'isola di Príncipe sorge dal profondo Atlantico in un paesaggio brusco e vulcanico di una montagna ricoperta di giungla. A lungo chiusa nella sua natura tropicale mozzafiato e in un passato luso-coloniale contenuto ma commovente, questa piccola isola africana ospita ancora più storie da raccontare che visitatori da ascoltare.
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan "francese" alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Salt Island, Capo Verde

Il sale dell'isola di Sal

Nell'imminenza del XIX secolo Sal rimase priva di acqua potabile e praticamente disabitata. Fino all'estrazione e all'esportazione dell'abbondante sale si favorì un progressivo popolamento. Oggi le saline e le saline danno un altro sapore all'isola più visitata Capo Verde.
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Di Santa Maria, Sale, Capo Verde

Santa Maria e la benedizione atlantica di Sal

Santa Maria nasce nella prima metà dell'XNUMX come magazzino per l'esportazione del sale. Oggi, grazie alla provvidenza di Santa Maria, Sal Ilha vale molto di più della materia prima.
Isola del fuoco, Capo Verde

Intorno al fuoco

Il tempo e le leggi della geomorfologia imponevano che l'isola-vulcano di Fogo dovesse essere arrotondata come nessun altro a Capo Verde. Alla scoperta di questo esuberante arcipelago della Macaronesia, lo giriamo contro il tempo. Abbagliamo nella stessa direzione.
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Centro São Tomé, São Tome e Principe

Da Roça a Roça, verso il Cuore Tropicale di São Tomé

Sulla strada tra Trindade e Santa Clara, ci imbattiamo nel terrificante passato coloniale di Batepá. Passando per i campi Bombaim e Monte Café, la storia dell'isola sembra essersi diluita nel tempo e nell'atmosfera intrisa di clorofilla della giungla santomea.
Roca Sundy, Ilha do Principe, São Tome e Principe

La certezza della teoria della relatività

Nel 1919, Arthur Eddington, un astrofisico britannico, scelse il Sundy Garden per provare la famosa teoria di Albert Einstein. Più di un secolo dopo, il nord dell'isola di Príncipe che lo ha accolto è ancora tra i luoghi più belli dell'universo.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Fogli da Bahia, Eternal Diamonds, Brasile
Architettura & Design
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Cerimonie e Feste
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Canale per il tempo libero
Città
Amsterdam, Olanda

Di canale in canale, in un'Olanda surreale

Liberale quando si tratta di droga e sesso, Amsterdam ospita una folla di estranei. Tra canali, biciclette, caffetterie e finestre di bordelli, cerchiamo invano il suo lato più tranquillo.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
ombra di successo
Cultura
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Devils Marbles, da Alice Springs a Darwin, Stuart hwy, Top End Way
In viaggio
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Cahuita National Park, Costa Rica, Caraibi, Punta Cahuita vista aerea
Etnico
Cahuita, Costa Rica

Un Costarica di Rasta

Viaggiando attraverso l'America Centrale, abbiamo esplorato una costa del Costa Rica che è afro come i Caraibi. In Cahuita, Pura Vida è ispirata da un'eccentrica fede in Jah e da un'esasperante devozione alla cannabis.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Passage, Tanna, Vanuatu in Occidente, Meet the Natives
Storia
Tanna, Vanuatu

Da qui Vanuatu è stato portato in Occidente

Lo show televisivo "Soddisfare , il nativi” ha portato i rappresentanti tribali di Tanna a visitare la Gran Bretagna e gli Stati Uniti Visitando la loro isola, ci siamo resi conto del perché niente li entusiasmava di più del tornare a casa.
Fajãzinha, Isola di Flores
Isole
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Nube lenticolare, Mount Cook, Nuova Zelanda
Natura
Mount Cook, Nova Zelândia

Nubi del Monte Fura

Aoraki/Mount Cook può essere molto al di sotto del tetto del mondo, ma è la montagna più imponente e più alta della Nuova Zelanda.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Victoria Falls, Zambia, Zimbabwe, Zambesi
Parchi Naturali
Victoria Falls, zimbabwe

Dono tonante di Livingstone

L'esploratore stava cercando una rotta per l'Oceano Indiano quando gli indigeni lo portarono a un salto del fiume Zambesi. Le cascate che trovò erano così maestose che decise di nominarle in onore della sua regina.
Isola del nord, Nuova Zelanda, Maori, Meteo surf
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Isola del nord, Nova Zelândia

Viaggio lungo il sentiero della maggioranza

La Nuova Zelanda è uno dei paesi in cui i discendenti di coloni e nativi si rispettano di più. Mentre esploravamo la sua Isola del Nord, abbiamo appreso della maturazione interetnica di questa nazione Repubblica come maori e polinesiano.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Magnifiche giornate atlantiche
Spiagge
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal
Religione
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
Società
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Tartaruga appena nata, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.