Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai


Convivialità Masai
Francis, il giovane capo del villaggio di Mkama e gli amici, conversano affabilmente.
vero riposo
Il giovane leone riposa su un piccolo termitaio con vegetazione in cima.
Pericolo di morte
Avvertimento decorativo e organico avverte del pericolo di avvicinarsi alle sponde del fiume Mara senza guide qualificate.
reciprocità elencata
Le zebre si graffiano a vicenda sulla savana del Masai Mara.
pastorizia audace
Masai guida una mandria di mucche nel territorio sondato da molti dei predatori del Masai Mara.
furia felina
Il giovane leone mostra il suo dispiacere per l'avvicinamento non autorizzato l'uno dell'altro.
otarda gigante
Un esemplare dell'uccello volante più pesante dell'Africa assume una strana posa grafica sussunto nell'erba alta della savana.
Accanto al fuoco, al chiuso
Il capo del villaggio masai di Mkama, Francis Ole Timan, osserva una delle sue tante mogli mentre prepara il tè davanti al fuoco all'interno della sua capanna.
corsa in alto
Mandria di giraffe verso uno stagno ai piedi di un pendio arido.
guardiani del fiume
Babbuini all'ingresso di uno dei ponti che attraversano il fiume Mara.
Danza Masai Adomu
I giovani Masai eseguono un ballo di benvenuto all'ingresso del villaggio di Mkama.
In piena allerta
Impala allarmato dal possibile avvicinamento dei predatori.
notizie dalla savana
Le guide keniote si incontrano ad un certo punto nella Riserva Nazionale del Masai Mara.
nessuna fine in vista
Il veicolo viaggia attraverso la vasta savana del Masai Mara su una delle sue strade sterrate.
flora africana
Piccole acacie sparse nella savana semiarida al confine sud-occidentale del Masai-Mara.
fuoco vecchio stile
I giovani Masai mostrano la facilità con cui generano il fuoco utilizzando solo una delle tecniche preistoriche.
prosperità bovina
Masai in mezzo alla mandria di mucche nel villaggio di Mkama. Le mucche sono ancora la forma di ricchezza più pregiata per il popolo Masai.
Il crepuscolo a Mara
I topi pascolano accanto a un'acacia solitaria in un'altra fine della giornata nella savana di Mara.
La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.

Quasi trecento chilometri e sette ore dopo aver lasciato Nairobi, siamo finalmente arrivati ​​al Sekenani Gate, uno dei numerosi ingressi al Masai Mara.

John Mulei lascia la jeep. Prendere le carte per la verifica del rangers.

Noi, usciamo per intorpidire le gambe. Ci troviamo vittime di un primo attacco. Una banda di donne Masai ci circonda. Prova a rifilarci gioielli e manufatti.

“Guarda qui, guarda qui! Molto carina, per la tua signora!» girano con evidente padronanza del marketing tribale.

Non appena possono, tirano fuori il trucco del romanticismo e della cavalleria. "E che ne dici di questo?" Chiedono come una soluzione di risorse, mostrandoci rungo, le massicce doghe di legno che usano i guerrieri della tua tribù.

Non eravamo nemmeno atterrati dal viaggio. Lo stress con lo shopping era l'ultima cosa che volevamo. Di fronte a questa evidente riluttanza, le commesse notano le nostre macchine fotografiche. Proponici le tue immagini. “Fai delle foto a noi. Sono solo cinque dollari!

A questo punto, sapevamo già a memoria che catturare qualsiasi immagine non invisibile dei Masai senza pagare era impossibile.

Ed è stato molto più difficile per noi resistere all'esotismo delle loro figure snelle, alle teste rasate, agli abiti sgargianti e alla serie di gioielli che le adornano.

Eravamo appena entrati nel tuo dominio. Si sarebbero presentate altre opportunità.

Il veicolo viaggia attraverso la vasta savana del Masai Mara su una delle sue strade sterrate.

John torna alla jeep. Le donne infilano le mani attraverso le finestre. Hanno colpito le finestre.

Più che abituata a quella pressione, la guida manda loro qualche bocca in dialetto masai che – a parte il suo nativo KambaDi swahili, inglese e altre lingue da quelle parti dell'Africa – anche imparato a usare.

Una Loggia Perduta nel Masai Mara

Ci avviamo verso il rifugio.

Abbiamo pranzato tardi e di fretta. Solo dopo ci siamo sistemati nella tenda raffinata e accogliente, ma qualcosa di lontano che eravamo stati.

“Ancora un po', staremmo in Tanzania” spariamo scherzosamente a due dipendenti che ci vedono arrivare in camera. "Se solo arrivassero vivi!" uno di loro risponde, di buon umore, indicando la recinzione elettrificata che impediva agli animali di visitare l'albergo.

Sulla via di nuovo, ci siamo imbattuti in un paio di dik-dik, fugaci esemplari di antilopi che riuscivamo a malapena a distinguere nel crepuscolo della fitta vegetazione.

Sarebbero i primi di numerosi esemplari della famiglia delle antilopi che avremmo visto nei giorni successivi.

Riserva del Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Impala

Impala allarmato dal possibile avvicinamento dei predatori.

Nubi nere come la pece coprono il cielo. Si leva un vento che fa presagire una tempesta.

La pioggia monsonica che muove i grandi gnu e la migrazione delle zebre

In un lampo, l'unica pioggia che, in più di tre settimane dalla fine della stagione secca, sentiamo irrigare Kenya e Tanzania.

Sebbene ancora lontani, nelle terre basse e meridionali del contiguo Serengeti, gli gnu avevano già iniziato la loro annuale migrazione verso il Masai Mara.

Inaspettatamente, solo pochi giorni dopo, ci siamo imbattuti nelle loro mandrie iperboliche, impolverate e agitate.

Consapevoli che il tempo stava cambiando, i leoni bramavano la cattura dei buoi-cavalli, più facile e garantita delle altre specie che predano. Passiamo alle letali zebre, per esempio.

Riserva del Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, zebre

Le zebre si graffiano a vicenda sulla savana del Masai Mara.

A loro volta, i visitatori del Masai Mara erano ansiosi di avvistare branchi di leoni.

John ci prova a modo suo. Scende un pendio su ruote che l'alta vegetazione ha reso quasi impercettibile. Ci fermiamo senza preavviso.

La guida scruta il prato circostante. “Beh, credo che li abbiamo trovati”, ci dice con una calma insolita. Guarda proprio qui accanto a noi. In effetti, una coppia stava sonnecchiando nell'erba alta.

O leone maschio si alza. Si sposta in cima a un termitaio.

Riserva di Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, leone

Il giovane leone riposa su un piccolo termitaio con vegetazione in cima.

Da lì può vedere nelle vicinanze branchi di bufali, giraffe ed elefanti, prede che, da sole, i due non avevano il potere di sconfiggere.

La luce non impiega molto a svanire. I visitatori si riuniscono presso le logge. I predatori si danno alle loro cacce notturne.

Visita al Villaggio Masai di Mkama

Ci svegliamo all'alba, divoriamo la colazione e ci dirigiamo verso Mkama, uno dei tanti villaggi Masai intorno alla riserva del Masai Mara.

Francis Ole Timan – il suo giovane capo – ci accoglie con un eloquente discorso in inglese.

A quell'ora del mattino, gli anziani radunavano le mucche del villaggio, la loro ossessiva ricchezza, per condurle al pascolo. Li accompagniamo per qualche centinaio di metri, tra gli animali.

Tornando al nucleo recintato del villaggio, Francesco ci invita per il tè nell'interno buio e spartano di una capanna fatta di ginestre e feci essiccate di vacca.

Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, falò Masai

Il capo del villaggio masai di Mkama, Francis Ole Timan, osserva una delle sue tante mogli mentre prepara il tè davanti al fuoco all'interno della sua capanna.

Ci siamo seduti con lui, una delle sue otto mogli e due bambini.

Francis ignora il grido di uno dei bambini. Spiega più che può sulla vita quotidiana in quelle capanne costruite solo dalle donne del villaggio.

Dopo il tè masala, siamo tornati all'esterno.

Adumu: L'abbagliante danza del salto Masai

Il capo e gli altri giovani sono raggruppati insieme. Abbracciali con un ballo Masai di benvenuto.

Fianco a fianco, William, Moses, Ole Reya, Oloshurua, Moseka, Mancha, Luka e Francis inaugurano un affascinante canto gutturale.

Spinti dal brano che segue, da soli o in coppia, si distinguono a loro volta dalla scaletta. Eseguono una lunga sequenza di salti impressionanti.

Riserva del Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya

I giovani Masai eseguono un ballo di benvenuto all'ingresso del villaggio di Mkama.

Quando la mostra è finita, abbiamo chiesto loro quale di loro fosse saltato più in alto. “Ah, quella è sempre la Mancia”, confessano quasi in coro.

Diamo un'occhiata più da vicino al ragazzo e notiamo le sue calzature uniche. “Uhmm, indossate tutti sandali Masai (con suole di pneumatici), Mancha è l'unico che indossa crocs. Questo non ti rende sospettoso?” li provochiamo.

Francis e William, che padroneggiano meglio l'inglese, percepiscono l'intrigo e lo trasmettono ai loro amici. La sfida genera una risata comune che piace a tutti.

Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità

Francis, il giovane capo del villaggio di Mkama e gli amici, conversano affabilmente.

Facciamo ancora il giro del piccolo mercato artigianale del paese, inevitabile ulteriore fonte di reddito per i Masai sempre mercantilisti.

Subito dopo, ci siamo salutati e abbiamo ripreso ad esplorare la Mara circostante.

Ritorno alla distesa selvaggia del Masai Mara

Lungo il percorso, carovane di giraffe si dirigono verso un piccolo stagno. Si concedono un'eccentrica ginnastica per sorseggiare dell'acqua.

Riserva del Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, giraffe

Mandria di giraffe verso uno stagno ai piedi di un pendio arido.

Impala, gazzelle e enormi eland sono sparsi nella distesa verde. perlustrato anche da voraci beccacce e struzzi.

Nell'immediato e in lontananza, zebre e occasionali gnu randagi punteggiano la vasta savana fino all'orizzonte che, con la fine del pomeriggio, si tinge di nuovo di rosso.

Riserva del Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya

I topi pascolano accanto a un'acacia solitaria in un'altra fine della giornata nella savana di Mara.

E genera graziose sagome di acacie distanziate e alcuni animali più voluminosi, come i topi.

Ci fermiamo ad ammirare un ghepardo che sonnecchia, indifferente alla nostra presenza.

Pochi chilometri più avanti, i mandriani Masai radunano un'enorme mandria di mucche.

Riserva di Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, mucche

Masai in mezzo alla mandria di mucche nel villaggio di Mkama. Le mucche sono ancora la forma di ricchezza più pregiata per il popolo Masai.

Camminano avvolti nei loro panni rossi e brandendo lance.

Tieni d'occhio la minaccia dei predatori. Sebbene i Masai riescano a rubare prede appena catturate a branchi di leoni, alcuni Masai, con tranquille incursioni pedonali.

Riserva del Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, pastorizia audace

Masai guida una mandria di mucche nel territorio sondato da molti dei predatori del Masai Mara.

Già prima dell'alba successiva iniziammo il viaggio verso il Serengeti.

Abbiamo attraversato gran parte del Mara e siamo rimasti abbagliati dalla bellezza dei paesaggi africani che abbiamo attraversato, attenti alla ricca fauna.

Osserviamo enormi stormi di donnole muoversi come basse tempeste, iene che tendono agguati alle antilopi d'acqua e otarde giganti - gli uccelli volanti più pesanti dell'Africa - in strane pose vettoriali.

Riserva del Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Great Bustard

Un esemplare dell'uccello volante più pesante dell'Africa assume una strana posa grafica sussunto nell'erba alta della savana.

Poco dopo si sale al colle di Loldopai.

Contempliamo il paesaggio ricco di macchie formate dalla vegetazione e dall'ombra delle nuvole, designate dal termine Masai “mara” che ha ispirato il nome della regione.

Riserva di Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Savannah

Piccole acacie sparse nella savana semiarida al confine sud-occidentale del Masai-Mara.

Quando arriviamo all'omonimo fiume, un branco di leoni pattuglia il belvedere dove finisce la strada, quindi non possiamo uscire a goderci il panorama.

Decine di irascibili ippopotami si contendono il meandro del fiume di fronte.

E, prima di attraversare il ponte sul Mara, ci siamo imbattuti ancora in uno stormo di babbuini ruffiani.

Riserva di Masai Mara, Masai Land Travel, Kenya, ponte

Babbuini all'ingresso di uno dei ponti che attraversano il fiume Mara.

Dopo averli cacciati via, abbiamo lasciato la riserva e siamo emigrati nel Serengeti.

Sulla stessa rotta dell'incessante navetta di gnu e zebre da queste parti di Africa.

Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Giardino scultoreo, Edward James, Xilitla, Huasteca Potosina, San Luis Potosi, Messico, Cobra dos Pecados
Architettura & Design
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Big Freedia e buttafuori, Fried Chicken Festival, New Orleans
Cerimonie e Feste
New Orleans, Louisiana, Stati Uniti

Big Freedia: in Modo Bounce

New Orleans è la culla del jazz e dei suoni jazz e risuona nelle sue strade. Come previsto, in una città così creativa emergono nuovi stili e atti irriverenti. Visitando il Big Easy, ci siamo avventurati alla scoperta dell'hip hop di Bounce.
Assuan, Egitto, fiume Nilo incontra l'Africa Nera, Isola Elefantina
Città
Assuan, Egitto

Dove il Nilo accoglie l'Africa nera

1200 km a monte del suo delta, il Nilo non è più navigabile. L'ultima delle grandi città egiziane segna la fusione tra territorio arabo e nubiano. Fin dalla sua sorgente nel Lago Vittoria, il fiume ha dato vita a innumerevoli popoli africani dalla carnagione scura.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
Cultura
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
piccolo soggetto
Etnico

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Storia
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Graciosa, Azzorre, Monte da Ajuda
Isole
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Natura
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Mangrovie tra Ibo e Quirimba Island-Mozambico
Parchi Naturali
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
Thingvelir, Origins Democracy Islanda, Oxará
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
PN Thingvellir, Islândia

Sulle origini della remota democrazia vichinga

Le basi del governo popolare che mi vengono in mente sono quelle elleniche. Ma quello che si ritiene essere il primo parlamento al mondo fu inaugurato a metà del X secolo, nella gelida campagna islandese.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Cargo Cabo Santa Maria, Isola di Boa Vista, Capo Verde, Sal, Evocando il Sahara
Spiagge
Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Funivia di Sanahin, Armenia
Religione
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Kogi, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia
Società
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
PN Tortuguero, Costa Rica, battello pubblico
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Costa Rica e Tortuguero allagati

Il Mar dei Caraibi e i bacini di numerosi fiumi bagnano il nord-est della nazione tica, una delle zone più umide e ricche di fauna e flora dell'America centrale. Così chiamato perché nelle sue sabbie nere nidificano le tartarughe verdi, Tortuguero si estende, da lì nell'entroterra, per 312 km.2 della splendida giungla acquatica.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.