Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale


autostop
Un mucchio di becchi aperti
volo dello squadrone
Verso le reti
Sulla mia strada
Manovre sul ponte
nebbia mattutina
Barche rustiche ormeggiate in una zona paludosa del Maguri Beel.
ninfee splendenti
Tutto pronto
bestiame intimidatorio
Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.

Didas era consapevole dell'orribile traffico che avremmo incontrato sui 170 km che collegavano Sivasagar al Babblers Inn, nelle vicinanze di Tinsukia e Maguri Bill.

Sceglie, quindi, di condurci lungo un percorso alternativo, molto più rurale e pittoresco, che attraversa successivi piccoli appezzamenti lungo la strada, allevati di fronte a infinite risaie che la fuga dei monsoni, verso la fine di settembre, ha avuto lasciato asciugare.

Dallo stato dell'Assam sopra

La maggior parte di questi villaggi e villaggi sono islamici. Il solo stato indiano dell'Assam ospita oltre trenta milioni di persone. Di questi, un terzo sono musulmani di profonda origine storica, che hanno resistito ai flussi della spartizione dell'India del 1947 e alla migrazione forzata verso il Bangladesh o Pakistan.

Dida è indù. Ci dice che molti dei trentatré distretti dello stato hanno addirittura la maggioranza islamica. E assicura che l'aumento delle loro popolazioni per l'alto tasso di natalità ma, ancor di più, per la fissazione non documentata di Bangladesh da oltre confine si è intensificato.

Al punto che il governo di Delhi lo considera uno dei suoi problemi prioritari.

Ciclista sul ponte sul fiume Doom-Domla, Maguri Beel, Assam, India

Il ciclista emerge dalla nebbia mattutina sul ponte sul fiume Doom-Domla.

Così come abbiamo potuto vederlo attraverso i finestrini delle auto, l'abbondanza di uomini barbuti in jilaba e turbanti bianchi e il susseguirsi di piccole moschee locali hanno confermato il fenomeno.

Paragonabile alla realtà del Kashmir ma in cui, contrariamente a quanto accade in Assam, la resistenza indipendentista resta molto attiva.

Tre ore e mezza dopo la partenza, siamo passati per Tinsukia. Non ci volle molto per trovare il Babblers Inn. Partha Sarathi Das, il proprietario, ci accoglie con sciarpe di benvenuto di seta e ci prepara. Abbiamo pranzato tranquillamente. Verso le tre, noi tre uscimmo insieme.

Maguri Bill o Maguri Beel: una abbagliante laguna assamese

Amante della fotografia e della vita animale, Partha ha voluto mostrarci le meraviglie del Maguri Bill, una laguna lunga e frastagliata, alimentata dal fiume Doom Dooma che la relativa siccità dell'inverno dell'India nordorientale manteneva allora poco profonda, costellata di isole e isolotti .di vegetazione.

Nebbia mattutina, Maguri Beel, Assam, India

Barche rustiche ormeggiate in una zona paludosa del Maguri Beel.

Maguri Bill è stato arginato sotto il flusso dei fiumi Dibru e Brahmaputra e una delle sue più grandi lingue insulari, Dibru Saikhowa, tra l'altro, un rinomato parco nazionale in India e una delle sue riserve della biosfera più grandi e ricche.

Anche vicino era ancora il grande isola di Majuli, che visiteremo.

Dopo essersi esteso su questa vasta distesa di lago, Doom Dooma riprende il suo profilo sinuoso del fiume e sfocia in Dibru. Non siamo stati testimoni di questa unione.

Partha si ferma per un momento in un Kohuwa Eco Camp che fungeva da base per le incursioni nella laguna. Da lì, ci siamo diretti verso un grande ponte di ferro dall'aspetto militare sul Dibru.

Partha ci presenta un barcaiolo locale. Questo ci fa salire a bordo. Appena ci vede appoggiati allo schienale, salpa controcorrente.

I pescatori portano le reti, Maguri Beel, Assam, India

I pescatori si preparano a stendere le reti a monte del Maguri Beel.

In questo periodo dell'anno, la laguna non è così bassa come può diventare. Ciononostante, i barcaioli che vivono di essa spingono barche di legno con lunghi pali.

Li usano come leva ogni volta che si incagliano su banchi di sabbia o nella fitta giungla dei giacinti d'acqua.

I pescatori di queste parti chiamavano la scena Beel. C'era una volta proliferare a Beel che abbiamo continuato a scalare il magur, una specie molto ricercata di pesce gatto.

Di conseguenza, il nome completo dello stagno divenne Maguri Beel (stagno pieno di Magurs). Nel corso degli anni e della pesca, il pesce gatto sarà diminuito. Diverse altre specie continuano ad abitarvi, con una predominanza di uccelli.

Stormo di becchi aperti, Maguri Beel, Assam, India

White Open Nozzles attraversa il cielo sopra il Maguri Beel.

Un paradiso ornitologo remoto

Mentre la barca scivola lungo, stormi successivi di anatre, oche, aironi, cicogne, cormorani e simili, tutti con curiose nomenclature reagiscono alla nostra incursione. Alcuni nuotano fino al limite della sfiducia. Solo allora iniziano a volare.

Altri, più intolleranti, decollano quando siamo ancora a poche decine di metri.

Ci limitiamo a seguire e fotografare i movimenti degli stormi che restano alla portata del nostro obiettivo, con una frequenza di White-Open-Beaks, un tipo di cicogna più piccolo di quello comune in Portogallo, con beccuccio che, come suggerisce il nome, non si chiude mai del tutto.

Becchi bianchi aperti, Maguri Beel, Assam, India

Becchi bianchi aperti si stagliano sopra la Maguri Beel dorata.

Sia Maguri Beel che la vicina Dibru Saikhowa attirano un'orda di turisti per il birdwatching ossessionati dall'individuare le specie e gli esemplari dei loro sogni.

Succede, però, che alcuni di loro arrivino eccitati dalle dimensioni e dalla fama suprema del Parco Nazionale Dibru Saikhowa, ma si scoraggino presto per le difficoltà logistiche e la pazienza che vi vengono imposte.

In questi casi finiscono per arrendersi alla facilità e all'immediatezza dell'Ape Maguri dove, in una semplice mattinata a bordo di una barca di legno, rilevano la maggior parte delle specie che ritenevano esclusive della Riserva Biologica.

In effetti, questo era il motivo per cui il BirdLife International – una rete globale di organizzazioni dedicate alla conservazione degli uccelli e dei loro habitat e diversità – ha dichiarato un IBA (Importante sito di birdwatching).

I pescatori e raccoglitori abitanti di Maguri Beel

Sotto il tappeto di giacinti d'acqua e ninfee, il Maguri Beel ospita anche una miriade di pesci e creature anfibie.

Avvertiti di questa disponibilità di cibo, gli indigeni tengono le reti da pesca installate in luoghi strategici.

Uccello su giacinti galleggianti, Maguri Beel, Assam, India

L'uccellino approfitta dell'approdo formato da giacinti d'acqua galleggianti.

Improvvisano utilizzando zanzariere o grandi sacchi usati dalle vicine piantagioni del famoso tè Assam. Utilizzano anche barriere fatte di canne, molto più ecologiche in quanto consentono il passaggio dei pesci più giovani.

E li vediamo anche ricorrere a modelli da lancio, con pesi alle estremità e che permettono loro di pescare con disinvoltura. Alcuni pescatori stanno in tende di base che piantano su sezioni di terraferma.

Queste tende improvvisate consentono loro di prolungare le attività di pesca e aumentare i propri guadagni. Una piccola minoranza possiede case di legno, solitamente (ma non sempre), al riparo dalle inondazioni portate dai monsoni.

Nelle zone più basse del Maguri Beel, dove l'acqua è appena sopra le ginocchia, possiamo ancora vedere uomini e donne che raccolgono e filtrano grossi cespi imbevuti di vegetazione.

Partha ci vede incuriositi e spiega: “Stanno catturando lumache d'acqua che si aggrappano alle radici. Le persone qui ci amano.

Li vendono facilmente nei mercati”.

Ritorno alla locanda Shore e Babblers

Dopo un'ora e mezza di deambulazione a bordo, abbiamo notato che l'atmosfera era rosa, poiché il sole tramontava all'orizzonte nascosto dietro una fitta coltre di nuvole.

Ninfee, Maguri Beel, Assam, India

Le ninfee molto rigogliose si stagliano al tramonto

Allo stesso tempo, il riflesso della grande stella si posava lentamente sull'Ape Maguri e la tingeva di toni magenta coerenti con quelli delle tante ninfee rimaste aperte. Invertiamo la rotta.

Con la corrente, siamo tornati in un lampo al molo del Kohuwa Eco Camp. Partha ci fa accomodare a un tavolo esterno.

Ci serve un piccolo spuntino che include latte molto caldo. A quell'ora tarda, con tanta acqua intorno, un gelido pozzo invernale si era impossessato dei nostri corpi. I tè zuccherati mascherano immediatamente il disagio e rinnovano il tuo umore.

Torniamo al Babblers Inn. Abbiamo cenato. Partha ci invita a unirci a lui e al suo testimone attorno a un fuoco. "E ti uniresti a noi per un po' di alcol?" ci interrogano senza tante cerimonie, con il più grande desiderio che ci integriamo.

Abbiamo bevuto quello che stavano bevendo. Abbiamo passato molto tempo a parlare. Fino a quando il calore del fuoco e l'alcol non si uniscono alla fatica della gita mattutina e dei successivi risvegli precoci.

Partha aveva fissato l'alba successiva per le cinque. Un sonno presto, cullato dalla carezza del fuoco e dalla convivialità, è tornato utile.

Un nuovo raid mattutino

Ci siamo svegliati a quell'ora crudele ma essenziale. Noi tre siamo ripartiti verso il Maguri Beel. Una fitta nebbia avvolge di mistero la laguna, senza alcun segno di cedimento.

Partha suggerisce di camminare invece di salire a bordo all'ancoraggio del giorno prima. Abbiamo attraversato il ponte verso l'altro lato del Doom Dooma, all'interno della comunità lungo il fiume di Purani Motapung.

Proseguimmo lungo la strada sterrata che da essa si estendeva, lungo un cespuglio verde umido coronato da strani pennacchi a forma di pavone che si stagliavano contro la foschia.

Pescatrice, Maguri Beel, Assam, India

Un residente di Maguri Beel, in procinto di uscire per una piccola pesca mattutina.

Partha ci porta alla casa di corda e bambù di una delle famiglie residenti. Si erano appena svegliati. Si stavano preparando per uscire a fare il loro lavoro.

Partha li saluta, li presenta e chiede loro notizie sulla fauna lagunare; Volevo sapere, in particolare, se sapevano se i bufali che di solito si aggirano lungo le sue sponde erano nelle vicinanze.

Rispondono che non li avevano notati quella mattina, ma che era ancora presto e che era possibile che fossero più all'interno del Maguri Beel.

Partha decide di cercarli. Ha incaricato il barcaiolo che ci ha accompagnato di salvare una nave mentre proseguivamo la strada verso una zona meno profonda della laguna dove – secondo tutte le indicazioni – saremmo riusciti a salire sulla barca senza impantanarci.

Faccia a faccia con un'Armata di bufali asiatici

Abbiamo ripreso la navigazione libera della sera precedente, tra reti da pesca sospese, specie di veli lacustri che il sole ancora diffuso ma sempre più insinuante trasformava in sagome e riflessi enigmatici.

La disputa tra la nebbia e la grande stella inondò la palude di un forte misticismo mattutino. La guida e il barcaiolo ci portano più avanti nella laguna. Teniamo d'occhio gli uccelli mimetizzati dal candore fluttuante. Dotato di binocolo, Partha vede più avanti.

"Accosta laggiù!" dice eccitato al barcaiolo. Sbarchiamo di nuovo e facciamo una leggera deviazione illusoria. Quando abbiamo puntato un teleobiettivo nella direzione che stava indicando, abbiamo capito il motivo del suo sussulto.

Una grande mandria di bufali asiatici condivideva una zona umida tra un prato lussureggiante e una nuova foresta di erba alta.

Mandria di bufali asiatici, Maguri Beel, Assam, India

La mandria di bufali asiatici è sorpresa dall'intrusione degli umani nel loro territorio.

"Ci avvicineremo, ma molto, molto lentamente". comunicaci. “Di norma, semplicemente non tollerano movimenti improvvisi verso di loro o troppo vicini. Se avanziamo a poco a poco, se rimaniamo a buona distanza, non ci metteremo nei guai”.

A dire il vero, la formazione di diverse dozzine di quei bovidi iperbolici, dotati di corna lunghe e affilate, ci ha lasciato a disagio. Anche perché il loro riflesso nell'acqua ferma della piana fangosa dava l'idea di essere raddoppiato.

Sapevamo che, ovunque esistano, i bufali selvatici causano un numero considerevole di vittime tra gli esseri umani. Questi sarebbero della stessa specie o simili a quelli che fecero naufragio al largo. Isola brasiliana di Marajo e lì continuano a proliferare.

Sapevamo anche che Partha sfruttava il Maguri Bill e li incontrava spesso.

D'accordo, ti seguiamo.

Ritorno alla base

Miriamo gli obiettivi. Ci rallegriamo il più possibile quando i grandi capi maschili si rivolgono a noi e cercano di intuire le nostre intenzioni.

Ci siamo avvicinati un po'. Uno dei maschi alfa alza il muso, sondando ciò che la brezza sta trasportando, e raschia una delle sue zampe a terra.

Barca tra amache, Maguri Beel, Assam, India

La navigazione in barca sul Maguri Beel si avvicina alle grandi reti da pesca.

La ripetizione del suo segnale per uno o due esemplari in più è sufficiente per concludere che eravamo lì da troppo tempo e che avevamo abbastanza immagini. Ci siamo imbarcati.

Abbiamo invertito la direzione verso il canale dove il Maguri Bill si è incanalato nel canale che lo ha portato al grande Dibru, al di qua del maestoso e mitico Bramaputra

Torniamo al Babblers Inn. Sono le dieci e mezza del mattino quando salutiamo Partha e la famiglia.

Trascorse le successive dieci ore tornando a Guwahati, la città anche sulle rive del Brahmaputra, dove avevamo inaugurato quel lungo viaggio attraverso l'Assam.

 

Got2Globe ringrazia le seguenti entità per il loro supporto nella stesura di questo articolo: Ambasciata dell'India a Lisbona; Ministero del Turismo, Governo dell'India; Assam Development Corporation e Babblers Inn, Tinsukia.

Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque

Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Meghalaya, India

Ponti di popoli che mettono radici

L'imprevedibilità dei fiumi nella regione più umida della terra non ha mai scoraggiato Khasi e Jaintia. Di fronte all'abbondanza di alberi ficus elastico nelle loro valli queste etnie si abituavano a modellare rami e ceppi. Dalla loro tradizione perduta nel tempo, hanno lasciato in eredità centinaia di abbaglianti ponti di radici alle generazioni future.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer

La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Architettura & Design
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
lagune e fumarole, vulcani, PN tongaro, nuova zelanda
Aventura
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
cavalieri del divino, fede nello spirito santo divino, Pirenopolis, Brasile
Cerimonie e Feste
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
sagome islamiche
Città

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Tabato, Guinea Bissau, Balafons
Cultura
Tabato, Guinea Bissau

Tabatô: al Ritmo di Balafom

Durante la nostra visita alla tabanca, a colpo d'occhio, il djidius (poeti musicisti)  i mandinga sono organizzati. Due dei prodigiosi balafonisti del villaggio prendono il comando, affiancati da bambini che li imitano. Cantanti con megafoni in mano, cantano, ballano e suonano la chitarra. C'è un suonatore di chora e diversi djambe e tamburi. La sua mostra genera successivi brividi.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Las Cuevas, Mendoza, attraverso le Ande, Argentina
In viaggio
Mendoza, Argentina

Da un lato all'altro delle Ande

Lasciando la città di Mendoza, la strada N7 si perde tra i vigneti, sale ai piedi del monte Aconcagua e attraversa le Ande verso il Cile. Pochi tratti transfrontalieri rivelano l'imponenza di questa salita forzata
Contadino, Majuli, Assam, India
Etnico
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Pitões das Junias, Montalegre, Portogallo
Storia
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
Isole
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Natura
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Parchi Naturali
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
corteo sfarzoso
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Suzdal, Russia

Mille anni di Russia antiquata

Era una capitale sontuosa quando Mosca era solo un villaggio rurale. Lungo il percorso perse rilevanza politica ma accumulò la più grande concentrazione di chiese, monasteri e conventi nel paese degli zar. Oggi, sotto le sue innumerevoli cupole, Suzdal è tanto ortodossa quanto monumentale.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Il pescatore manovra la barca vicino alla spiaggia di Bonete, Ilhabela, Brasile
Spiagge
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Cambogia, Angkor, Ta Phrom
Religione
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná sotto, a bordo del Treno Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Erika Mae
Società
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Tombolo e Punta Catedral, Parco Nazionale Manuel Antonio, Costa Rica
Animali selvatici
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.