Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas


Una città perduta e ritrovata
La vista più famosa della città che gli Inca avrebbero abbandonato al momento della conquista ispanica dell'Impero Inca.
in abiti quechua
Il visitatore peruviano di Machu Picchu si gode lo scenario andino circostante, in colorati costumi tradizionali.
Architettura & Natura
Un albero emerge da una delle terrazze su cui si può vedere l'urbanistica Inca della cittadella che costruirono nel XV secolo.
fauna locale
I lama occupano una terrazza su un pendio di fronte alle cime principali della cittadella di Machu Picchu.
rovine inca
Particolare di una delle solide strutture su cui si basava la città, fatta di pietre scolpite e perfettamente montate da operai Inca.
Lettura andina
Un visitatore legge con la vista di uno dei precipizi in cui si può vedere la cittadella di Machu Picchu, che Hiram Bingham considerava uno dei luoghi meglio difesi dalla natura in quella regione del Perù.
in coda peruviana
I visitatori salgono su una delle lunghe scale di Machu Picchu, in rotta verso un punto più alto del complesso di rovine
Stile peruviano
Gli amici peruviani di Machu Picchu si proteggono dal sole con cappelli particolari.
La Valle Sacra
Scenario verde intorno al fiume Urubamba, ai piedi delle montagne che accolsero la città Inca.
Tipologia di ruderi abitativi
Strutture di ex case a Machu Picchu con piccoli grumi di umidità sullo sfondo.
contrasto camelide
I lama sono visti su una delle terrazze create a Machu Picchu dai fondatori Inca della città.
Un viale Inca
Un sentiero che costeggia Machu Picchu, conquistato sul pendio lussureggiante e lastricato di pietra scolpita
A riposo
I visitatori riposano dalle lunghe e faticose escursioni necessarie per visitare Machu Picchu
Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.

In due giorni di graduale acclimatamento all'altitudine, la grandiosità coloniale di Cusco ci ha colpito ancora, ma i primi metri della Ferrovia di Santa Ana erano stonati.

Invece di scorrere in modo dignitoso e fluido, la composizione singhiozzava. Non ci sarebbe voluto molto per fermarsi e invertire la rotta, cosa che si è ripetuta ancora un paio di volte.

Lo strano fenomeno che i residenti e i lavoratori di PeruRail hanno chiamato “Lo zig zag” ha permesso al convoglio di conquistare il pendio riparato alla periferia della città. E, poco dopo, affrontare la discesa verso la valle sacra del fiume Urubamba.

La Valle Sacra

Scenario verde intorno al fiume Urubamba, ai piedi delle montagne che accolsero la città Inca.

L'abbagliante approccio cinematografico di Werner Herzog

Avevamo ammirato, per la prima volta, quelle soste rigogliose, negli epici scatti di apertura di “Aguirre, l'ira degli dei".

Nel film, un distaccamento di militari e missionari guidati da Gonçalo Pizarro, supportati da portatori indigeni, muli e lama si fanno strada nella nebbia lungo tracce insidiose incastonate nel pendio sopra il letto infuriato dell'Urubamba.

contrasto camelide

I lama sono visti su una delle terrazze create a Machu Picchu dai fondatori Inca della città.

Poco dopo Pizarro si arrende alle difficoltà del terreno e decreta la divisione dell'entourage. Parte di quella che discende il fiume si trova in difficoltà nelle sue rapide e nei suoi vortici.

Ispirato dai successi di Hernán Cortéz, Don Lope de Aguirre (interpretato dall'irascibile Klaus Kinski che avrebbe ricevuto, come cachet, un terzo del budget del lungometraggio) non ha impiegato molto a strappare la leadership del gruppo. In poco tempo, rivela la sua malsana ossessione per El Dorado.

Nei giorni in cui stavamo esplorando l'area tropicale di Ucayali, El Dorado era, per tutti i passeggeri a bordo, qualcos'altro.

Lettura andina

Un visitatore legge con la vista di uno dei precipizi in cui si può vedere la cittadella di Machu Picchu, che Hiram Bingham considerava uno dei luoghi meglio difesi dalla natura in quella regione del Perù.

La stazione finale di Aguas Calientes, alla base della misteriosa città di Machu Picchu

Ogni minuto del viaggio lo rendeva più reale. Il treno percorre le ultime centinaia di metri tra la giungla chiusa e l'Urubamba. Ci lascia alla stazione di Aguas Calientes da dove proseguiamo in autobus verso le altezze intermedie (2.430 m) della catena montuosa andina.

Siamo solo due delle migliaia di visitatori che salgono su quella montagna con il viso di una vecchia, il significato Inca del termine Machu Picchu e – così tanti adepti difendono – la vista subliminale del rilievo.

Gli indigeni della zona sapevano da tempo dell'esistenza delle rovine.

C'è chi dice, infatti, che la cittadella, anziché essere isolata e remota, fosse accessibile da diversi sentieri che la collegavano a piccoli nuclei familiari indigeni.

Gli esploratori europei ai quali i nativi rivelarono Machu Picchu

Oltre a questi, è ancora possibile che almeno due missionari britannici, un ingegnere tedesco, suo connazionale che, nel 1860, acquistò un terreno nelle vicinanze, nonché tre esploratori di Cusco: Enrique Palma, Gabino Sánchez e Agustín Lizárraga, conosceva già il posto.

Indipendentemente dal fatto che i suoi crediti (e anche quelli di molti altri) siano mai stati provati, è stato Hiram Bingham, storico, professore, esploratore e, in seguito, senatore americano nato alle Hawaii, che si è dedicato maggiormente allo studio di Machu Picchu e lo ha rilasciato a il mondo.

Fu anche Bingham a dare origine alle innumerevoli incursioni agevolate che la città vecchia accoglie oggi, giorno dopo giorno.

in abiti quechua

Il visitatore peruviano di Machu Picchu si gode lo scenario andino circostante, in colorati costumi tradizionali.

Il 24 luglio 1911, Melchor Arteaga, un indigeno che Bingham considerava "molto migliore del solito" vide l'estraneo vagare per la capanna di paglia che teneva nella sua piantagione di Mandor Pampa.

Arteaga vendeva erba, erba e bevande alcoliche a chiunque passasse di lì. Consapevole del probabile interesse dello straniero per i resti storici, desideroso di guadagnare qualche soldo in più, si offrì di mostrargli alcune rovine che conosceva per soli 50 centesimi al giorno.

Bingham accettò immediatamente la proposta. Il giorno successivo, senza grosse difficoltà, affrontò la città abbandonata.

Una città perduta e ritrovata

La vista più famosa della città che gli Inca avrebbero abbandonato al momento della conquista ispanica dell'Impero Inca

La scoperta ti avrà sicuramente deliziato. Tuttavia, l'esploratore non ha mai avuto il privilegio di ammirarlo completamente ricostruito, come facciamo con assoluto stupore, dopo essere salito alla capanna dei Vigilantes da Pedra Funerária, dove si ritiene che i nobili Inca defunti fossero mummificati.

Da lì, tra lama altezzosi e alpaca, ci godiamo la visione classica e più completa di Machu Picchu.

fauna locale

I lama occupano una terrazza su un pendio di fronte alle cime principali della cittadella di Machu Picchu.

Le teorie che ancora non hanno spiegato Machu Picchu

È a quel punto che cerchiamo di intuire il perché di un edificio così maestoso. Sappiamo che la tesi più popolare lo spiega, sulla base di un documento ispanico del XVI secolo, come ritiro di montagna degli imperatori Inca Pachacutec Inca Yupanqui e Tupac Inca Yupanqui, che vissero tra il 1438 e il 1493.

Sarebbe stato costruito intorno al 1450, al culmine dell'Impero Inca.

Fu abbandonato un secolo dopo, quando i conquistatori spagnoli presero il controllo dei territori indigeni, anche se si ritiene che non abbiano mai scoperto la posizione di Machu Picchu.

Un viale Inca

Un sentiero che costeggia Machu Picchu, conquistato sul pendio lussureggiante e lastricato di pietra scolpita

In un primo momento, Bingham ha annunciato che lo era Vilcabamba la Vieja, l'ultima città da cui gli ultimi sovrani Inca resistettero alla conquista spagnola, durante il XVI secolo.

Altri archeologi scoprirebbero che questa sarebbe stata, in realtà, Espíritu Pampa, 130 km a ovest di Cusco.

Dopo uno studio approfondito delle rovine, delle ossa umane e di altri elementi, Bingham ha difeso, quindi, che Machu Picchu era emerso come una sorta di vivaio del "Vergini Inca del Sole” un ordine sacro delle donne dedicato al dio Inti. Tuttavia, sarebbe dimostrato che molte delle ossa erano, dopo tutto, maschili.

Una teoria alternativa dell'archeologo e antropologo Johan Reinhardt sostiene che la presenza della città in un luogo così remoto fosse dovuta agli Inca che consideravano sacro il fiume Urubamba e il paesaggio circostante.

Architettura & Natura

Un albero emerge da una delle terrazze su cui si può vedere l'urbanistica Inca della cittadella che costruirono nel XV secolo.

E perché hanno scoperto che l'alba e il tramonto, negli equinozi e nei solstizi, visti da certi punti, erano allineati con le montagne di Machu Picchu.

Ora, come il fiume, le montagne lo avevano grande significato religioso per gli indigeni.

Una conquista frettolosa e irregolare di Pico Huayna Picchu

Dopo aver varcato le porte del Tempio del Sole, della Piazza Sacra, dei Templi delle Tre Finestre e del Tempio Maggiore, abbiamo investigato la Casa del Sommo Sacerdote.

Quindi, siamo saliti al santuario di Intihuatana, da dove gli astronomi Inca seguivano i "movimenti" del sole, predicevano i solstizi e altre posizioni chiave della stella.

Abbiamo anche deciso di salire sulla cima di Huayna Picchu, da dove ci è stata garantita una vista suprema delle rovine e del paesaggio circostante.

in coda peruviana

I visitatori salgono su una delle lunghe scale di Machu Picchu, in rotta verso un punto più alto del complesso di rovine

Anche se la morfologia di questa cresta aguzza spaventa ogni alpinista occasionale, ci siamo presto resi conto che l'unico problema serio che avremmo dovuto affrontare era di doverla conquistare contro il tempo perché le autorità hanno chiuso il sentiero molto prima del complesso in generale.

Di conseguenza, con le gambe in un lungo surriscaldamento, abbiamo raggiunto la vetta in 45 minuti.

Dedichiamo altri 15 o 20 per recuperare il nostro respiro violento, contemplando la cittadella sui contrafforti irregolari e le successive pendici della verde catena montuosa in cui l'hanno collocata gli Inca.

Tipologia di ruderi abitativi

Strutture di ex case a Machu Picchu con piccoli grumi di umidità sullo sfondo.

È già dopo la scadenza che scendiamo, in evidente eccesso di velocità, lungo lo stesso sentiero delle capre andine. A metà della via si ripassa per un tratto stretto, tenuto in pura vertigine tra una parete rocciosa sporgente e un abisso senza apparente fine.

Lì, Sara si lascia intimidire. Si appoggia troppo al dirupo e inciampa su una piccola lastra staccata da terra. Quando atterra, ha il viso sulla soglia tra la vita e la morte e contempla il precipizio sulla valle sacra.

Il destino o gli dei Inca volevano che il resto del suo corpo fosse sostenuto dalla superficie stretta della passerella.

Non abbiamo nemmeno il tempo di riprenderci dallo spavento.

Con la mente guarita e qualche piccolo graffio spazzato via, abbiamo continuato il corso in esecuzione.

Siamo gli ultimi a prendere l'ultimo autobus ma scendiamo comunque senza cadere nel sempre furioso Urubamba.

Grande Zimbabwe

Grande Zimbabwe, mistero infinito

Tra l'XI e il XIV secolo, i popoli bantu costruirono quella che divenne la più grande città medievale dell'Africa subsahariana. Dal 1500 in poi, con il passaggio dei primi esploratori portoghesi provenienti da Mozambico, la città era già in declino. Le sue rovine, che hanno ispirato il nome dell'attuale nazione dello Zimbabwe, hanno molte domande senza risposta.  
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Rapa Nui - Isola di Pasqua, Cile

Sotto lo sguardo dei Moai

Rapa Nui fu scoperta dagli europei il giorno di Pasqua del 1722. Ma se il nome cristiano Isola di Pasqua ha un senso, la civiltà che l'ha colonizzata dagli osservatori moai rimane avvolta nel mistero.
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Scala del palazzo di Itamaraty, Brasilia, Utopia, Brasile
Architettura & Design
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Cerimonie e Feste
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Omero, Alaska, baia di Kachemak
Città
ancorare a Homer, EUA

Viaggio fino alla fine dell'autostrada dell'Alaska

Se Anchorage è diventata la città più grande del 49° stato degli Stati Uniti, Homer, a 350 km di distanza, è la sua strada senza uscita più famosa. I veterani di queste terre considerano questa strana lingua di terra un terreno sacro. Venerano anche il fatto che, da lì, non possono andare da nessuna parte.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
tatuaggio sulla terra
Cultura
matmata, Tataouine:  Tunisia

La base terrestre di Star Wars

Per motivi di sicurezza, il pianeta Tatooine di "Il risveglio della forza" è stato girato ad Abu Dhabi. Torniamo indietro nel calendario cosmico e rivisitiamo alcuni dei luoghi tunisini di maggior impatto della saga.  
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
In viaggio
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Case in miniatura, Chã das Caldeiras, vulcano Fogo, Capo Verde
Etnico
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan “francese” alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Struzzo, Capo di Buona Speranza, Sud Africa
Storia
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
Solostsky autunnale
Isole
Isole Soloveckie, Russia

L'Isola Madre dell'Arcipelago Gulag

Ospitò uno dei più potenti domini religiosi ortodossi in Russia, ma Lenin e Stalin lo trasformarono in un gulag. Con la caduta dell'URSS, Solotsky ritrova pace e spiritualità.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Montezuma e Malpaís, le migliori spiagge della Costa Rica, Catarata
Natura
Montezuma, Costa Rica

Di nuovo nelle braccia tropicali di Montezuma

Sono passati 18 anni da quando siamo stati abbagliati da questa delle coste benedette del Costa Rica. Solo due mesi fa, l'abbiamo ritrovato. Accogliente come lo conoscevamo.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Parchi Naturali
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Rematori Intha su un canale del Lago Inlé
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Lago Inle, Myanmar

L'Abbagliante Birmania Lacustre

Con una superficie di 116 km2, Il Lago Inle è il secondo lago più grande del Myanmar. È molto più di questo. La diversità etnica della sua popolazione, la profusione di templi buddisti e l'esotismo della vita locale ne fanno un'imperdibile roccaforte del sud-est asiatico.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Cabo Ledo Angola, moxixeiros
Spiagge
Capo Ledo, Angola

Cabo Ledo e la sua Baia di Gioia

A soli 120 km a sud di Luanda, le onde capricciose dell'Atlantico e le scogliere coronate da moxixeiros competono per la terra del musseque. La grande insenatura è condivisa da stranieri arresi alla scena e residenti angolani che da tempo sono sostenuti dal generoso mare.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
Religione
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Vulcano Ijen, schiavi di zolfo, Java, Indonesia
Società
Ijen Vulcano, Indonesia

Schiavi di zolfo del vulcano Ijen

Centinaia di giavanesi si arrendono al vulcano Ijen dove vengono consumati da gas velenosi e carichi che deformano le loro spalle. Ogni turno guadagna meno di 30 euro, ma tutti sono grati per il martirio.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Animali selvatici
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.