Tokyo, Giappone

Pachinko: Il video – Dipendenza che deprime il Giappone


Notte di Tokio
I grattacieli illuminati della capitale giapponese, una delle città più grandi del mondo e rifugio privilegiato per i giocatori di pachinko
Palle del caso
Recipienti di sfere usati e vinti dai giocatori di Pachinko.
completa alienazione
Giocatori immersi nei diversi schermi di un salotto di Pachinko.
Pachinko ancora di salvezza
Ci sono migliaia di giapponesi, principalmente dalle grandi città, che vengono coinvolti nella dipendenza da Pachinko.
Dipendenti
Un lungo corridoio pieno di giocatori di un salotto di Pachinko.
V
Le vincite elettroniche e i profitti in contanti formano un'illusione che cattura migliaia di giapponesi ogni anno
Mango con pachinko
Un passante passa davanti a un muro decorato con l'immagine di uno dei personaggi di un tempo con cui i giovani giapponesi sono cresciuti da molto tempo, nei manga, nei videogiochi e anche nel pachinko
salottino pachinko
I passanti passano davanti alla facciata di un casinò a Shibuya, Tokyo.
Notte di Tokio
I passanti attraversano un ampio viale di Tokyo, circondati, come la maggior parte, da diversi salotti di pachinko.
I giocatori
Giocatori fianco a fianco su sedili decorati e davanti a sgargianti schermi elettronici Pachinko
Un'altra notte di pachinko
Il traffico scorre su un viale di Tokyo illuminato dalla luce crepuscolare e dall'illuminazione urbana della capitale giapponese
Tenendo d'occhio Tokyo
Ciclista in una piazza illuminata a Tokyo.
All'inizio era un giocattolo, ma l'appetito di profitto del Giappone ha rapidamente trasformato il pachinko in un'ossessione nazionale. Oggi, 30 milioni di giapponesi si sono arresi a queste macchine da gioco alienanti.

La giornata volge al termine.

Tokyo continua ad essere votata a una primavera con cieli azzurri e sole radioso. Abbiamo vagato per le strade di Shibuya. Sulla via del ritorno, gruppi di studenti in minigonna scozzese e pullover grigi si perdono in malizia e malizia.

lolita sgargianti e gyaro affascinante passare accanto a salariati grigi all'incrocio più attraversato del mondo. I giovani su moderne biciclette avanzano attraverso spazi inutilizzati seguendo il flusso e il controcorrente della folla.

Dall'altra parte, entriamo in un vicolo commerciale pieno di vetrine che attirano adolescenti assetati di novità.

Una parete decorata con poster con personaggi de manga e caratteri giapponesi su sfondo giallo. Abbiamo esaminato l'edificio che sembrava qualcosa di simile Blade Runner.

Pachinko Hall, Dipendenza da video, Giappone

I passanti passano davanti alla facciata di un casinò a Shibuya, Tokyo.

Le sale rumorose, fumose e alienanti di Pachinko

Arriviamo al suo ingresso principale, sbarrato da una porta che obbedisce ai sensori. E con una tana rumorosa, fumosa, tecnologica. Era uno dei migliaia di saloni pachinko che infestano il Giappone.

Dentro, decine di anime perdono ore della loro vita davanti a multicolori acquari elettronici in cui sprigionano sfere scintillanti. La maggior parte dei giocatori perde la cognizione della realtà e molte migliaia di yen.

Pachinko, dipendenza da video, Giappone

Giocatori immersi nei diversi schermi di un salotto di Pachinko.

L'ironia dell'ironia è che tutto è iniziato con un semplice giocattolo.

Bagatelle corinzie: la sorprendente ispirazione occidentale

Nel 1920, i giapponesi scoprirono un gioco per bambini americano, Corinthian Bagatelle. Hanno creato la loro versione che hanno chiamato gemette korinto.

Dieci anni dopo, l'aggeggio si è innamorato degli adulti di Nagoya. Da questa città il fenomeno si è diffuso nel resto della nazione.

Dopo che la seconda guerra mondiale cessò la sua diffusione, l'hobby tornò presto in Giappone, sconfitto e distrutto. Quindi, i premi del gioco erano prodotti di valore sul mercato nero, come sapone e cioccolato.

Gamers, Pachinko, Video Addiction, Giappone

Giocatori fianco a fianco su sedili decorati e davanti a sgargianti schermi elettronici Pachinko

Da Mere Hobby, alla rete giapponese dei saloni Pachinko

Nel 1948, nella stessa Nagoya, compaiono i primi saloni commerciali. Hanno raggruppato macchine che usavano campane per segnalare gli stati del gioco e pinne che proiettava le sfere con impatti regolabili.

Queste macchine rimasero in uso fino alla fine degli anni 80. Da allora in poi, le rivoluzione elettronica giapponese garantiti modelli sempre più futuristici e seducenti.

Nella stessa sala di Shibuya, i giocatori seri continuano a ignorare la miriade di piaceri dei grandi spazi aperti.

È normale che arrivino molto prima dell'apertura delle case per competere per le macchine più familiari o meno sofisticate, che credono di poter manipolare più facilmente.

Pachinko, dipendenza da video, Giappone

Un passante passa davanti a un muro decorato con l'immagine di uno dei personaggi di un tempo con cui i giovani giapponesi sono cresciuti da molto tempo, nei manga, nei videogiochi e anche nel pachinko

Macchine per "bambini" giapponesi che succhiano la vita per adulti

Poi si siedono fianco a fianco, gambe contro gambe. Per ore subiscono l'alienazione digitale di "Storia del mare","Star Wars"O"Parco Mappy” – temi grafici e di programmazione del gioco.

È raro che comunichino tra loro o addirittura distolgano lo sguardo. La minima perdita di concentrazione provoca la sconfitta nel gioco in cui sono coinvolti.

esploreremmo pachinko in diverse città. Senza molta conoscenza, inseriamo solo yen infiniti.

Ci annoiamo più velocemente di quanto pensassimo, guardando le sfere infernali seguire il proprio destino tra pioli e altre barriere. Contrariamente a quanto pensavamo, il pachinko ci dà poco o nessun controllo.

Per le vittime del gioco, invece, le luci, i suoni dei bambini e il cerchio delle sfere sono ipnotici.

Tokyo, dipendenza da video di Pachinko, Giappone

Il traffico scorre su un viale di Tokyo illuminato dalla luce crepuscolare e dall'illuminazione urbana della capitale giapponese

Pachinko: un lungo dramma sociale latente

Anche se il gioco consente jackpot massimi di 40 euro e tassi di perdita mai superiori a 1.5 euro al minuto, pachinko ha il potere di cambiare la vita. Quasi sempre in peggio, comunque.

È il motivo per cui le società proprietarie proteggono al meglio l'identità dei giocatori. E perché ci costringono a fare ripetuti esercizi del gatto e del topo con le loro guardie di sicurezza per ottenere foto decenti all'interno dei saloni.

Sentiamo quanti giapponesi si rifugiano davanti alle macchine dalla pressione schiacciante del loro lavoro. E come, dopo un po', perdono lavoro dopo lavoro. Rovinano se stessi e le loro famiglie e sono costretti a unirsi a gruppi di giocatori compulsivi anonimi.

Tokyo, città della dipendenza da video di Pachinko, Giappone

I passanti attraversano un ampio viale di Tokyo, circondati, come la maggior parte, da diversi salotti di pachinko.

Stranamente, queste non sono nemmeno le conseguenze più drammatiche. Quasi ogni anno due o tre bambini muoiono per il caldo eccessivo quando i genitori li lasciano in macchina dopo essere entrati nei corridoi per giocare “pochi minuti”.

Eppure, quando ai giapponesi in generale viene chiesto delle abitudini di gioco della loro nazione, la maggior parte dice semplicemente che è illegale o che i giapponesi non giocano d'azzardo. Queste risposte dimostrano il grado di marginalità tollerata o camuffata del pachinko.

In effetti, il Giappone ha dieci volte più macchine da gioco del Stati Uniti.

Tossicodipendenti, Pachinko, videodipendenza, Giappone

Un lungo corridoio pieno di giocatori di un salotto di Pachinko.

Una dipendenza da video che rovina le famiglie e arricchisce le aziende

Trenta dei suoi quasi 130 milioni di abitanti frequentano i salotti di pachinko dove lasciano più di 150 miliardi di euro ogni anno. Provocano perdite stimate nell'ordine di 40 miliardi di euro.

Minacciati dalla crescente industria dei videogiochi e di altre forme di gioco d'azzardo, i promotori e i proprietari di pachinko hanno scelto di presentarsi come divertenti ed eccitanti.

Hanno persino preso in prestito per la loro facciata e le decorazioni interne, il tipo di personaggi e la grafica manga che i videogiochi giapponesi ipersofisticati hanno perfezionato.

Pachinko, dipendenza da video, Giappone

Le vincite elettroniche e i profitti in contanti formano un'illusione che cattura migliaia di giapponesi ogni anno

Gli uomini d'affari giapponesi sono ossessionati dal denaro tanto quanto i giocatori di pachinko. Ricorrono a trucchi ancora più bassi. Entriamo anche nei saloni la mattina.

In queste occasioni il rumore di musica e giochi si rivela esagerato visto il numero di clienti. Non ci vuole molto per scoprire che le sale suonano continuamente una colonna sonora che simula un tutto esaurito.

Questa canzone esorta i nuovi arrivati ​​a rimanere e spendere. Quando le varie strategie funzionano, le case dei pachinko si riempiono in pochissimo tempo.

Molto più veloce dei canestri in cui i giocatori tengono le sfere che conquistano.

Negli spazi vediamo i giocatori più esperti o fortunati alzarsi e chiamare i dipendenti per raccoglierli.

Questi, si precipitano a soddisfare i desideri del cliente, versano le sfere in un dispositivo da banco e riportano una ricevuta che il giocatore scambia con denaro.

Balls of Chance, Pachinko, Video Addiction, Giappone

Recipienti di sfere usati e vinti dai giocatori di Pachinko.

Il gioco ai margini dei premi Pachinko

In teoria, i premi del pachinko dovrebbero essere solo prodotti. Ogni salone ha la propria boutique con i profumi Channel, le sveglie Hello Kitty e altri oggetti quasi insignificanti, assorbenti, penne, riviste ecc., che possono essere scambiati con poche centinaia di perline.

In effetti, quasi tutti i giocatori preferiscono ricevere denaro. Per aggirare la legge, i salotti hanno creato “la nostra speciale premi” manichino e senza valore che i vincitori portano in oscure case commerciali situate nelle vicinanze.

In queste case, altri dipendenti scambiano le perline con la valuta giapponese desiderata.

Lo yen non tarda ad entrare nelle macchine e rinnovare il circolo vizioso di pachinko.

Tokyo, Pachinko, Dipendenza da video, Giappone

I grattacieli illuminati della capitale giapponese, una delle città più grandi del mondo e rifugio privilegiato per i giocatori di pachinko

Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Tokyo, Giappone

Le fusa usa e getta

Tokyo è la più grande delle metropoli, ma nei suoi angusti appartamenti non c'è posto per le mascotte. Gli uomini d'affari giapponesi hanno rilevato il divario e hanno lanciato un "allevamento" in cui gli affetti felini sono pagati a ore.
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Tokyo, Giappone

Moda di Tokyo

Nel Giappone ultra popoloso e ipercodificato, c'è sempre spazio per più raffinatezza e creatività. Che siano nazionali o importati, è nella capitale che iniziano a sfilare i nuovi look giapponesi.
Ogimashi, Giappone

Un Giappone storico-virtuale

"Higurashi no Naku Koro ni” è stata una serie di giochi per computer e di animazione giapponese di enorme successo. A Ogimashi, villaggio di Shirakawa-Go, viviamo con un gruppo di kigurumi dei loro personaggi.
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
Iriomote, Giappone

Iriomote, una piccola amazzone del Giappone tropicale

Le foreste pluviali e le impenetrabili mangrovie riempiono Iriomote sotto il clima di una pentola a pressione. Qui, i visitatori stranieri sono rari come il yamaneko, un'inafferrabile lince endemica.
Nikko, Giappone

La processione finale dello Shogun Tokugawa

Nel 1600, Ieyasu Tokugawa inaugurò uno shogunato che unì il Giappone per 250 anni. In suo onore, Nikko rievoca, ogni anno, il trasferimento medievale del generale nel sontuoso mausoleo di Toshogu.
Nara, Giappone

La colossale culla del buddismo giapponese

Nara ha cessato da tempo di essere la capitale e il suo tempio Todai-ji è stato retrocesso. Ma la Sala Grande rimane il più grande edificio antico in legno del mondo. E ospita il più grande buddha di bronzo vairocano.
Takayama, Giappone

Takayama dell'antico Giappone e dell'Hida medievale

In tre delle sue strade, Takayama conserva un'architettura tradizionale in legno e concentra vecchi negozi e produttori di sake. Intorno si avvicina a 100.000 abitanti e si arrende alla modernità.
Okinawa, Giappone

Il piccolo impero del sole

Risorta dalla devastazione causata dalla seconda guerra mondiale, Okinawa ha riacquistato l'eredità della sua secolare civiltà Ryukyu. Oggi, questo arcipelago a sud di Kyushu ospita a Giappone sulla riva, circondato da un Oceano Pacifico turchese e ispirato a un peculiare tropicalismo giapponese.
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
Ogimashi, Giappone

Un villaggio fedele al

Ogimashi rivela un'affascinante eredità di adattabilità giapponese. Situato in uno dei luoghi più innevati sulla faccia della Terra, questo villaggio ha perfezionato case con vere e proprie strutture anti-crollo.
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
Architettura & Design
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Aventura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Processione ortodossa
Cerimonie e Feste
Suzdal, Russia

Secoli di devozione a un devoto monaco

Eutimio era un asceta russo del XIV secolo che si diede anima e corpo a Dio. La sua fede ha ispirato la religiosità di Suzdal. I fedeli della città lo venerano come il santo che è diventato.
buon consiglio buddista
Città
Chiang Mai, Thailandia

300 Watt di energia spirituale e culturale

I thailandesi chiamano ogni tempio buddista wat e la loro capitale settentrionale li ha in evidente abbondanza. Consegnata a eventi successivi tenuti tra santuari, Chiang Mai non si spegne mai del tutto.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Efate, Vanuatu, trasferimento a "Congoola/Lady of the Seas"
Cultura
Efate, Vanuatu

L'isola sopravvissuta "Survivor"

Gran parte di Vanuatu vive in uno stato benedetto post-selvaggio. Forse per questo, Reality show in cui competono aspiranti candidati Robinson Crusoe si stabilirono uno dopo l'altro sulla loro isola più accessibile e famigerata. Già un po' stordita dal fenomeno del turismo convenzionale, anche Efate ha dovuto resistergli.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Devils Marbles, da Alice Springs a Darwin, Stuart hwy, Top End Way
In viaggio
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Coba, Viaggio alle rovine Maya, Pac Chen, ora Maya
Etnico
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Vittoriosa, Birgu, Malta, Lungomare, Marina
Storia
Birgu, Malta

Alla conquista della Città Vittoriosa

Vittoriosa è la più antica delle Tre Città di Malta, sede dei Cavalieri Ospitalieri e, dal 1530 al 1571, sua capitale. La resistenza che offrì agli ottomani nel Grande Assedio di Malta mantenne l'isola cristiana. Anche se, in seguito, Valletta ha assunto il ruolo amministrativo e politico, la vecchia Birgu risplende di gloria storica.
Vulcano Teide, Tenerife, Isole Canarie, Spagna
Isole
Tenerife, Isole Canarie

Il vulcano che infesta l'Atlantico

A 3718 m, El Teide è il tetto delle Canarie e della Spagna. Non solo. Se misurato dal fondo dell'oceano (7500 m), solo due montagne sono più pronunciate. Gli indigeni Guanche la consideravano la dimora di Guayota, il loro diavolo. Chiunque viaggi a Tenerife sa che il vecchio Teide è ovunque.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Natura
Morondava, Viale dei Baobab, Madagascar

Il sentiero malgascio per stupire

Uscendo dal nulla, una colonia di baobab alta 30 metri e vecchia di 800 anni fiancheggia un tratto di strada di argilla e ocra parallela al Canale del Mozambico e alla costa peschereccia di Morondava. Gli indigeni considerano questi alberi colossali le madri della loro foresta. I viaggiatori li venerano come una specie di corridoio iniziatico.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Ippopotamo nella laguna di Anôr, isola di Orango, Bijagós, Guinea Bissau
Parchi Naturali
Isola Keré ad Orango, Bijagos, Guinea Bissau

Alla Ricerca degli Ippopotami Lacustri-Marini e sacri delle Bijagós

Sono i mammiferi più letali dell'Africa e, nell'arcipelago di Bijagós, conservati e venerati. A causa della nostra particolare ammirazione, ci siamo uniti a una spedizione nella loro ricerca. Partendo dall'isola di Kéré e arrivando nell'entroterra di Orango.
Victoria Falls, Zambia, Zimbabwe, Zambesi
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Victoria Falls, zimbabwe

Dono tonante di Livingstone

L'esploratore stava cercando una rotta per l'Oceano Indiano quando gli indigeni lo portarono a un salto del fiume Zambesi. Le cascate che trovò erano così maestose che decise di nominarle in onore della sua regina.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Vista aerea di Moorea
Spiagge
Moorea, Polinesia Francese

La sorella polinesiana che qualsiasi isola vorrebbe avere

A soli 17 km da Tahiti, Moorea non ha una sola città e ospita un decimo degli abitanti. I tahitiani osservano il tramonto da molto tempo e trasformano l'isola accanto in una sagoma nebbiosa, solo per restituirle, ore dopo, i suoi colori e le sue forme esuberanti. Per chi visita queste parti lontane del Pacifico, conoscere Moorea è un doppio privilegio.
Funivia di Sanahin, Armenia
Religione
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Festival di Kente Agotime, Ghana, oro
Società
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Parco nazionale delle Everglades, Florida, Stati Uniti, volo sopra i canali delle Everglades
Animali selvatici
PN delle Everglades, Florida, EUA

Il Grande Fiume di Erba della Florida

Chiunque voli sopra il sud del 27° stato rimane stupito dalla vastità verde, liscia e fradicia che contrasta con i toni oceanici circostanti. Questo esclusivo ecosistema di praterie e paludi degli Stati Uniti ospita una fauna prolifica dominata da 200 degli 1.25 milioni di alligatori della Florida.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.