Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution


lombrichi
Gli edifici MOLTO controversi del Teatro della Musica e della Sala delle Esposizioni, nel cuore della valle del fiume Mtkvari (Kura) che attraversa il centro della città.
manovre di fede
Contro i capricci del vento, i lavoratori cercano di apporre un segno religioso ortodosso accanto alla Chiesa dell'Assunzione a Metekhi.
Da quel Mtkvari sopra
La Chiesa dell'Assunzione di Metekhi, situata sulla sponda alta del fiume Mtkvari (Kura).
Fede, ecc.
I credenti accendono candele all'interno dorato della Chiesa dell'Assunzione di Metekhi.
Colori di Tbilisi
Vista panoramica della dorata Tbilisi in autunno e con il fiume Mtkvari che la divide.
una libertà d'oro
La statua di São Jorge nel cuore di Praça da Liberdade.
Fai da te in quota
Due uomini riparano il tetto di un edificio storico vicino alle terme sulfuree di Tbilisi.
figure semplici
I visitatori camminano fino alla cima della fortezza di Narikala, arroccata sulle pendici di Sololoaki.
Vakhtang Gorgasali I
La statua del fondatore di Tbilisi Vakhtang Gorgasali, in evidenza tra la chiesa di Metekhi e quasi sopra il fiume Mtkvari.
Direzione inversa
Un bambino osserva gli estranei durante una messa nella Chiesa dell'Assunzione a Metekhi.
nell'ultima luce
Il traffico risale un elegante isolato della capitale georgiana.
Tempo libero
Gli uomini giocano a backgammon presso i bagni di zolfo di Tbilisi.
case a schiera vecchio stile
Case storiche ai margini della sponda scoscesa del fiume Mtkvari (Kura).
Santos & co.
Dipinti ortodossi decorano l'interno della Chiesa dell'Assunzione di Metekhi.
una pace ondulata
Il Peace Bridge è controverso anche per il Mtkvari, un'opera inaugurata nel 2010, contro un'intensa opposizione.
naso
La fortezza di Narikala dorata dal sole al tramonto.
La fede, ecc. II
Un fedele prega isolato in un angolo della chiesa dell'Assunzione di Metekhi.
URSS (urbanizzazione sovietica nelle repubbliche sovietiche)
Grande edificio residenziale sovietico evidenziato sopra le case storiche della città.
Vakhtang Gorgasali 2
La statua del fondatore di Tbilisi in una notte mistica della città.
Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.

Il fine settimana si avvicina e le autorità religiose della capitale e della Georgia stanno preparando l'area intorno alla chiesa dell'Assunzione di Metekhi per le celebrazioni ortodosse che si terranno il giorno successivo.

Quella mattina, per miracolo meteorologico, l'atmosfera grigia e piovosa in cui eravamo arrivati ​​aveva ceduto il posto a quella opposta, limpida, con un cielo azzurro e soleggiato in armonia.

Il vento si era alzato dall'alba. Ha irritato i funzionari della città che hanno lottato con enormi manifesti iconografici destinati ad essere affissi in cima all'alto muro accanto alla statua del re fondatore di Tbilisi, Vakhtang Gorgasali.

Posizionamento poster Religios, Tbilisi, Georgia

Contro i capricci del vento, i lavoratori cercano di apporre un segno religioso ortodosso accanto alla Chiesa dell'Assunzione a Metekhi.

I manifesti evitavano la destinazione finale come se fosse un incontro con il Diavolo. Solo con astuzia e tenacia meccanica gli uomini riuscirono a dominarli, anche così, prima della fine della messa che si svolgeva nel mistico interno del tempio.

Un corpulento prete con una tonaca nera e una lunga barba bianca drappeggiata su due enormi crocifissi pendenti lascia mentre ci prepariamo ad entrare. Anche in fretta, ci esamina da cima a fondo e conferma che difficilmente faremmo parte del suo gregge.

Una messa in buona maniera ortodossa

All'interno, le decine di candele che i fedeli accendevano, accentuavano un oro sacro. Hanno creato l'atmosfera accogliente in cui sono cresciuti pregando, con la Bibbia o quaderni biblici in mano, o con uno sguardo speranzoso alle immagini di Cristo e dei santi.

Credenti nella Chiesa dell'Assunzione di Metekhi, Tbilisi, Georgia

I credenti accendono candele all'interno dorato della Chiesa dell'Assunzione di Metekhi.

Il sacerdote di turno riemerge dalle profondità della nave. Raccoglie davanti a sé il gregge e riprende il servizio religioso dove lo aveva lasciato. Uno dei tuoi credenti tiene in braccio un bambino, con le spalle all'altare. Incuriosito dal nostro trambusto fotografico, il bambino ci fissa per minuti e minuti, senza mai lamentarsi della conversione invertita in cui la madre l'ha tenuta.

La scena che abbiamo osservato faceva parte della consueta Tbilisi, ma sia il Paese del Caucaso meridionale che la sua capitale laica hanno subito recenti improvvisi cambiamenti.

Dall'eredità sovietica di Josef Stalin alla Rivoluzione delle Rose

Dal 1921 al 1991, la Georgia ha fatto parte della sfera sovietica. Il più famigerato e machiavellico dei leader sovietici, Josef Stalin, era un georgiano di Gori, originariamente chiamato Iosif Vissarionovich Dzhugashvili. Eduard Shevardnadze, un altro georgiano, è rimasto ministro degli Affari esteri dell'Unione Sovietica dal 1985 al 1991.

È stato responsabile di molte delle decisioni fondamentali della presidenza perestroikika di Michail Gorbaciov. Non sorprende che quattro anni dopo l'indipendenza della Georgia nel dicembre 1991, Shevardnadze vinse la seconda presidenza della Georgia. Passarono altri otto anni.

La popolazione georgiana si stancò di ciò che la loro nazione stava diventando, uno stato praticamente fallito. Nel novembre 2003, il popolo georgiano era completamente saturo. Scese in piazza in successive manifestazioni concentrate davanti al parlamento di Tbilisi.

I visitatori camminano in cima alla fortezza di Narikala, Tbilisi, Georgia

I visitatori camminano fino alla cima della fortezza di Narikala, arroccata sulle pendici di Sololoaki.

Ad un certo punto, un gruppo di manifestanti guidati dal leader della rivoluzione Mikheil Saakashvili ha invaso pacificamente il parlamento. Armati di rose, gli oratori hanno interrotto un discorso di Eduard Shevardnadze.

Quest'ultimo è fuggito con le sue guardie di sicurezza, ha dichiarato lo stato di emergenza e ha cercato, invano, di mobilitare le forze armate e la polizia. Ha finito per annunciare le sue dimissioni. Successivamente, una folla di oltre XNUMX persone ha celebrato il successo rivoluzionario con fuochi d'artificio e concerti rock.

Nel 2004, ampio sostegno da EUA, di diversi paesi europei e l'autoproclamato magnate filantropo George Soros e la sua Open Society Foundation, si sono assicurati l'elezione di Saakashvili a terzo presidente della Georgia.

Una ripresa prodigiosa, schiena contro schiena Russia

Saakashvili attuò immediatamente politiche di secessione con la sfera russa e di riavvicinamento con l'Europa occidentale. Nonostante diverse battute d'arresto, stimolate da una forte espansione del settore bancario, l'economia del Paese si è ripresa e si è allineata, mentre la piaga della corruzione è stata mitigata.

La statua del fondatore di Tbilisi Vakhtang Gorgasali, Tbilisi, Georgia

La statua del fondatore di Tbilisi Vakhtang Gorgasali, in evidenza tra la chiesa di Metekhi e quasi sopra il fiume Mtkvari.

Nella classifica della Banca Mondiale, la Georgia è salita dal 122° paese al 18°. Nel lungo periodo, gli investimenti esteri sono rimasti intorno ai tre miliardi di dollari e la crescita annua del Paese al 9.5%.

Questo improvviso aumento della prosperità non ha reso i georgiani ricchi dall'oggi al domani, ma ha creato un sollievo tanto atteso dato che, prima della rivoluzione, lo stipendio ufficiale di un ministro georgiano era di 75 dollari.

L'apertura sociale e l'imprenditorialità così generate continuano a prosperare nelle antiche ed eleganti strade di Tbilisi. Gli edifici sovietici mantengono il loro posto.

L'eredità architettonica dell'URSS contro i nuovi edifici della controversia

Abbiamo alloggiato in un albergo poco sopra il palazzo del parlamento, così quando scendiamo verso il centro, le colonne successive del massiccio edificio sono il primo elemento architettonico di quell'epoca che ci assale.

Ne stanno emergendo molti altri, con enfasi sull'attuale sede della Bank of Georgia, un tempo il Ministero georgiano per la costruzione di autostrade, completata nel 1975, con un aspetto eccentrico di lego.

I "monos" sovietici sono, tuttavia, sfidati da altri più audaci di quanto molti abitanti della città volessero. È il caso del nuovo Music Theatre and Exhibition Hall, nel Rhike Park, una coppia di strutture tubolari progettate dalla coppia italiana Maximiano e Doriana Fuksas.

Teatro musicale e sala espositiva, Tbilisi, Georgia

Gli edifici MOLTO controversi del Teatro della Musica e della Sala delle Esposizioni, nel cuore della valle del fiume Mtkvari (Kura) che attraversa il centro della città.

Vladimir, l'autista armeno che, a volte, ci sembrava piuttosto nostalgico dell'epoca sovietica, ci informa di essere stato chiamato “i vermi” e che la costruzione era stata sospesa.

Per molto tempo dopo che li abbiamo scoperti, i passanti hanno continuato a passare, un po' sospettosi delle intenzioni delle “bocche” degli “alieni” in cui finivano gli enormi ed invasivi edifici.

Il Ponte della Pace sul fiume mtkvari. La pace possibile.

Il fiume Mtkvari scorre appena più avanti, lungo la lunga valle che ha scavato secolo dopo secolo. È attraversato da un ponte non meno controverso. Nonostante il suo nome, e come il Teatro della Musica e la Sala delle Esposizioni, Ponte da Paz ha suscitato un'ondata di critiche da più parti.

Ponte della pace, Tbilisi, Georgia

Il Peace Bridge è controverso anche per il Mtkvari, un'opera inaugurata nel 2010, contro un'intensa opposizione.

Ha generato accuse, in particolare, di essere troppo esuberante per il quartiere storico della città e di oscurarne le attrazioni storiche. Tuttavia, amici e giovani coppie, siano essi stranieri o cittadini, la attraversano deliziati dalle luci che si accendono al loro passaggio e dalle forme curvilinee di cui sfruttano per comporre nuove selfies.

Il cuore storico di Tbilisi appare dall'altra parte della sponda occupata dai vermi del Teatro della musica e della sala espositiva. Si estende tra la sponda opposta e il ripido pendio di Sololoaki su cui è stata installata la fortezza di Narikala.

L'antico nucleo di Tbilisi. Su entrambi i lati del Mtkvari.

Le sue strade e vicoli sono stati modellati ai tempi in cui erano un crocevia di rotte commerciali eurasiatiche. Sono delimitate da edifici medievali, classici, liberty, anche in questa zona antica, anche da alcuni stalinisti e modernisti.

Fortezza di Narikala, Tbilisi, Georgia

La fortezza di Narikala dorata dal sole al tramonto.

Siamo saliti in funivia sulle alture della imponente fortezza. Usciamo dalla capanna ai piedi della statua d'argento di Kartlis Deda, la Madre della Georgia in epoca sovietica, che da lì contempla la grande città della nazione. Da lì ammiriamo le case antiche, colorate e armoniose, “i vermi” e il Ponte da Paz.

Anche la chiesa di Metekhi e il susseguirsi di storiche ville a schiera adagiate sulla sommità dell'alta e ripida sponda del fiume. E, a pochi metri di distanza, la facciata di un iperbolico edificio sovietico, dispiegata in innumerevoli finestre bianche e blu.

Palazzi di Tbilisi, Georgia

Grande edificio residenziale sovietico evidenziato sopra le case storiche della città.

Nel centro storico si moltiplicavano bar, caffetterie, case vinicole e artigianali, locande e persino discoteche, alcune attività più pittoresche di altre, tutte con la stessa missione: conquistare l'attenzione dei viaggiatori con lo zaino che diffondevano la fama di Tbilisi, proclamata senza tante cerimonie, la più aperta e dinamica delle capitali del Caucaso.

Tamara Giorgadze e gli alti e bassi dell'indipendenza georgiana

Eppure, molto è cambiato di nuovo. L'economia non è riuscita a crescere ai livelli degli anni successivi alla rivoluzione. Con il rallentamento del modello capitalista, l'individualismo e l'avidità sono aumentati, così come la disoccupazione e l'instabilità generale della vita dei georgiani. Tamara Giorgadze è nata a Tbilisi nel 1985 ed è la nostra ospite nella sua città.

Tbilisi, case in Georgia

Due uomini riparano il tetto di un edificio storico vicino alle terme sulfuree di Tbilisi.

Ci spiega che una certa nostalgia ha preso piede soprattutto nelle generazioni dei genitori e dei nonni. “Guarda la differenza: mio padre è di un villaggio della Georgia occidentale, è venuto qui per studiare. Aveva una casa a Tbilisi, ma poiché il regime consentiva solo una casa per famiglia, lui e mia madre divorziarono in modo da poter avere una casa ciascuno.

Gli anziani apprezzano la vita ora e li trovano a sospirare per l'Unione Sovietica. La maggior parte anche continuano a rispettare il Stalin. A quel tempo avevano i loro soldi ma non potevano spenderli perché non c'era niente da comprare.

Quando ero piccolo, di tanto in tanto ci arrivavano caramelle dalla Turchia. Era così raro che sembrava quasi Natale per noi. Io e la mia generazione vediamo già le cose in modo diverso. Finché ci sono i soldi, possiamo comprare tutto ma lo stipendio medio è ancora di soli 350 o 400 euro.

La Chiesa dell'Assunzione di Metekhi, Tbilisi, Georgia

La Chiesa dell'Assunzione di Metekhi, situata sulla sponda alta del fiume Mtkvari (Kura).

Stanno vedendo ciò di cui abbiamo bisogno per evolvere... Comunque, in Georgia, niente sarà mai facile, tanto meno garantito. Siamo un piccolo Paese ma siamo in un posto strategico che è pieno. Tutti vogliono controllarci".

Le terme e il vino georgiano. Due preziosi attributi di Tbilisi.

Scendevamo dalla fortezza che tante volte assicurava la resistenza di Tbilisi ai suoi piedi. Abbiamo rilevato un'influenza musulmana più evidente nella moschea di Jumah, di cui spiccava il suo esuberante minareto di mattoni.

Alla base, un gruppo di uomini accompagna altri due che si affrontano in una partita a backgammon giocata su un muro delle terme storiche della città, dove sia i residenti che i viaggiatori-commercianti sono abituati al relax.

Gioco del backgammon, Tbilisi, Georgia

Gli uomini giocano a backgammon presso i bagni di zolfo di Tbilisi.

Rimangono Sulfureo e Orbeliani, quest'ultimo più vicino ai piedi del pendio che ospitava la fortezza e la cascata sulfurea Dzveli che da essa sgorga. Un ulteriore edificio raccoglie i bagni pubblici. Alla vecchia maniera, costringe i clienti a separarsi in base al sesso.

Cosa rara a Tbilisi, dove, in modo sempre meno irreggimentato, gli innamorati mostrano la loro passione senza grandi vincoli morali, ispirandosi alle cantine più golose del Caucaso. La Georgia prende sul serio la sua affermazione di essere il luogo di nascita mondiale della produzione di vino.

Da abbinare, a Tbilisi si sono diffuse cantine ed enoteche che vendono e mostrano i migliori nettari del paese. Ma se il vino è il prodotto d'elezione per le strade di Metekhi, altri si esibiscono con uguale zelo e orgoglio. Frutta in genere, uva in particolare, quando è di stagione.

Durante tutto l'anno, il colorato chuckela, un curioso derivato di entrambi. Quando le abbiamo viste per la prima volta, abbiamo pensato che fossero candele della chiesa. Fino a quando Tamara non ci ha illuminato e abbiamo insistito per provarli.

Una specie di salsiccia scanalata, la forma di quel famoso dolce georgiano è realizzata con un impasto di succo d'uva e farina. Si tratta di un delizioso ripieno di noci.

Una processione mistica dell'antica fede ortodossa

Ne abbiamo comprati alcuni chuckelas già verso il tramonto. Continuiamo lungo via Betlemi, puntando ancora all'area della chiesa di Metekhi e all'immensa piazza Europa che, dall'altra parte del fiume, la annuncia.

Mentre ci avvicinavamo, la processione religiosa che avevamo visto prepararsi era in pieno svolgimento e ingombrava il ponte di pietra. Era guidato da credenti in pittoreschi abiti ortodossi che, a lume di candela, cantavano litanie liturgiche.

Per quanto la Georgia e Tbilisi siano cambiate (nel bene e nel male), buona parte dei georgiani potrà sempre trovare il conforto della propria tradizione e religiosità millenaria.

Statua di Vakhtang Gorgasali, Tbilisi, Georgia

La statua del fondatore di Tbilisi in una notte mistica nella capitale georgiana.

Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Armenia

La culla del cristianesimo ufficiale

A soli 268 anni dalla morte di Gesù, una nazione sarà diventata la prima ad abbracciare la fede cristiana per decreto reale. Questa nazione conserva ancora la propria Chiesa Apostolica e alcuni dei più antichi templi cristiani del mondo. Viaggiando attraverso il Caucaso, li visitiamo sulle orme di Gregorio l'Illuminatore, il patriarca che ispira la vita spirituale dell'Armenia.
Uplistsikhe e Gori, Georgia

Dalla culla della Georgia all'infanzia di Stalin

Alla scoperta del Caucaso, esploriamo Uplistsikhe, una città troglodita che ha preceduto la Georgia. E a soli 10 km di distanza, a Gori, troviamo il luogo dell'infanzia travagliata di Joseb Jughashvili, che sarebbe diventato il più famoso e tirannico dei leader sovietici.
Samarcanda, Uzbekistan

L'astronomo Sultano

Nipote di uno dei grandi conquistatori dell'Asia centrale, Ulugh Beg preferiva le scienze. Nel 1428 costruì un osservatorio spaziale a Samarcanda. I suoi studi sulle stelle gli diedero il nome di un cratere sulla Luna.
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
Khiva, Uzbekistan

La fortezza della Via della Seta che l'Unione Sovietica Velluta

Negli anni '80, i leader sovietici rinnovarono Khiva in una versione ammorbidita, che, nel 1990, l'UNESCO dichiarò Patrimonio dell'Umanità. L'URSS si disintegrò l'anno successivo. Khiva ha conservato il suo nuovo splendore.
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
Samarcanda, Uzbekistan

Un'eredità monumentale della Via della Seta

A Samarcanda, il cotone è ora la merce più scambiata e Lada e Chevrolet hanno sostituito i cammelli. Oggi, invece delle roulotte, Marco Polo troverebbe i peggiori guidatori in Uzbekistan.
Mare d'Aral, Uzbekistan

Il lago assorbito dal cotone

Nel 1960, il Lago d'Aral era uno dei quattro laghi più grandi del mondo, ma i progetti di irrigazione hanno prosciugato gran parte dell'acqua e dello stile di vita dei pescatori. In cambio, l'URSS ha inondato l'Uzbekistan di oro bianco vegetale.
Mtsketa, Georgia

La città santa della Georgia

Se Tbilisi è la capitale contemporanea, Mtskheta è stata la città che ha ufficializzato il cristianesimo nel regno di Iberia, predecessore della Georgia, e che ha diffuso la religione in tutto il Caucaso. Chi visita vede come, dopo quasi due millenni, è il cristianesimo a governare la vita lì.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Thorong Pedi a High Camp, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Escursionista solitario
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
pianura santa, Bagan, Myanmar
Architettura & Design
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
La crocifissione ad Helsinki
Cerimonie e Feste
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Scirocco, Arabia, Helsinki
Città
Helsinki, Finlândia

Il design che è venuto dal freddo

Con gran parte del territorio sopra il Circolo Polare Artico, i finlandesi rispondono al clima con soluzioni efficienti e un'ossessione per l'arte, l'estetica e il modernismo ispirati dalla vicina Scandinavia.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Big Freedia e buttafuori, Fried Chicken Festival, New Orleans
Cultura
New Orleans, Louisiana, Stati Uniti

Big Freedia: in Modo Bounce

New Orleans è la culla del jazz e dei suoni jazz e risuona nelle sue strade. Come previsto, in una città così creativa emergono nuovi stili e atti irriverenti. Visitando il Big Easy, ci siamo avventurati alla scoperta dell'hip hop di Bounce.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
In viaggio
Moçamedes a PN Iona, Namibe, Angola

Grande ingresso all'Angola das Dunas

Sempre partendo da Moçâmedes, abbiamo viaggiato alla ricerca delle sabbie del Parco Nazionale di Namibe e Iona. La meteorologia del cacimbo impedisce la continuazione tra l'Atlantico e le dune dello splendido sud di Baía dos Tigres. Sarà solo questione di tempo.
Impressioni Mostra di Lijiang, Yangshuo, Cina, Red Entusiasmo
Etnico
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Donne a Jaisalmer Fort, Rajasthan, India
Storia
Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer

La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.
Rottnest Island, Wadjemup, Australia, Quokka
Isole
Wadjemup, isola di Rottnest, Australia

Tra i Quokka e altri Spiriti Aborigeni

Nel XNUMX° secolo, un capitano olandese soprannominò quest'isola circondata da un turchese Oceano Indiano, “Rottnest, un nido di topi”. I quokka che gli sfuggivano erano, tuttavia, marsupiali, considerati sacri dagli aborigeni Whadjuk Noongar dell'Australia occidentale. Come l'isola edenica su cui i coloni britannici li martirizzarono.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Natura
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Mangrovie tra Ibo e Quirimba Island-Mozambico
Parchi Naturali
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
Ingresso alla città di Dunhuang delle sabbie, Cina
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Balo Beach Creta, Grecia, l'isola di Balos
Spiagge
Balos a Seitan Limani, Creta, Grecia

L'olimpo balneare di Chania

Non è solo Chania, la polis secolare, immersa nella storia mediterranea, nell'estremo nord-est di Creta ad abbagliare. Rinfrescandola, i suoi abitanti e visitatori, Balos, Stavros e Seitan, tre delle coste più esuberanti della Grecia.

Intervento della Polizia, Ebrei Utraortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele
Religione
Jaffa, Israele

proteste non ortodosse

Un edificio a Jaffa, Tel Aviv, minacciava di profanare quelle che gli ebrei ultra-ortodossi pensavano fossero vestigia dei loro antenati. E nemmeno la rivelazione che erano tombe pagane impediva loro di contestare.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
patpong, go go bar, bangkok, mille e una notte, thailandia
Società
bangkok, Thailandia

Mille e una notte perduta

Nel 1984 Murray Head cantava la magica e notturna bipolarità della capitale thailandese in "Una notte a Bangkok". Diversi anni, colpi di stato e manifestazioni dopo, Bangkok rimane insonne.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
PN Tortuguero, Costa Rica, battello pubblico
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Costa Rica e Tortuguero allagati

Il Mar dei Caraibi e i bacini di numerosi fiumi bagnano il nord-est della nazione tica, una delle zone più umide e ricche di fauna e flora dell'America centrale. Così chiamato perché nelle sue sabbie nere nidificano le tartarughe verdi, Tortuguero si estende, da lì nell'entroterra, per 312 km.2 della splendida giungla acquatica.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.