Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica


costa dolce
Figura sulla spiaggia di Curral, sulla costa occidentale di Ilhabela.
Spiaggia di Castelhanos
Una delle spiagge più emblematiche di Ilhabela, per la sua bellezza e il suo terribile passato.
gua Branca
La cascata di Água Branca, una delle più visibili e dolci di Ilhabela.
piccola isola
Ilhéu Pedregoso al largo della costa occidentale di Ilhabela.
Brasile, brasiliano
Una goletta dipinta patriottica ormeggiata al largo della spiaggia di Jabaquara.
Guida per le cascate
Le frecce indicano la direzione di due delle cascate più famose di Ilhabela.
In linea
I pescatori tentano la fortuna a Curral Beach.
Punto di osservazione dei crostacei
Caranguejo avverte di una sabbia scura di Ilhabela.
traversata anfibia
La jeep attraversa un ruscello poco profondo sulla strada per la spiaggia di Castelhanos.
affari senza paura
L'insegna della Sandwicheria "Borrachudo" onora l'insetto più odiato di Ilhabela.
Prospezione marina
I bambini catturano bivalvi vicino al Centro Nautico Ilhabela.
sabbia stretta
Spiaggia di sabbia fine, sulla costa occidentale di Ilhabela.
Elegante minaccia
Serpente corallo, una delle specie più fotogeniche e pericolose della Foresta Atlantica di Ilhabela.
crepuscolo balneare
Silhouette su una spianata di Praia do Curral.
Velocità furiosa
Il motoscafo viaggia attraverso le calme acque del canale di São Sebastião.
Rifugio Nautico
Barche ormeggiate intorno al Centro Nautico Ilhabela.
Faro minimo
Il faro di Ponta das Canas, che guida la navigazione nel nord-ovest di Ilhabela.
costa d'oro
Praia do Curral, con le montagne dell'interno di Ilhabela sullo sfondo.
Riunione balneare
La famiglia Ades si è riunita sulla sabbia della spiaggia di Jabaquara.
Foresta atlantica e atlantica
Una delle tante spiagge selvagge di Ilhabela.
Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.

Mentre la jeep arrancava lungo la strada fangosa, Alexandre ha sottolineato con una vera caiçara brasiliana: “Questo non è niente adesso. Dovresti vedere Ilhabela in estate. Ci sono momenti in cui una fila di veicoli si blocca e nessun altro può andare avanti”.

Questa è solo una delle sfaccettature ribelli di Ilhabela. Al di sopra della quota di 200 metri, le ville di lusso, come qualsiasi altro tipo di abitazione, vengono lasciate alle spalle e lasciano il posto a un ripido dominio selvaggio con una fitta vegetazione dove tutto è possibile.

La delimitazione del Parco Statale ha protetto la foresta dall'invasione umana, ad eccezione delle roulotte fuoristrada che portano i visitatori sul versante atlantico, a Baía dos Castelhanos, una dolorosa traversata prima su e poi giù che dura circa due ore.

La jeep attraversa il fiume, Ilhabela, Brasile

La jeep attraversa un ruscello poco profondo sulla strada per la spiaggia di Castelhanos

Un'isola bella e vasta

Siamo a maggio. Le pesanti nuvole passano a grande velocità sul Pico de São Sebastião (1378 m), la più alta quota di Ilhabela. Nonostante questo il sole ha avuto spazio per splendere ed è passato molto tempo dalle fulminanti piogge tropicali di dicembre, gennaio e febbraio, responsabili del caos del traffico fuoristrada descritto dalla guida.

Con una superficie di 340 km2, Ilhabela è la più grande isola al largo della costa di Brasile. Fa parte dell'omonimo arcipelago a cui appartengono anche le isole di Búzios, Vitória, più gli isolotti di Pescadores, Sumítica, Serraria, Cabras, Figueira, Castelhanos, Lagoa e Anchovas.

Le sue origini vulcaniche sono ben marcate in una topografia maestosa e brusca che, per la posizione che occupa, appena sotto il Tropico del Capricorno, è ricoperta da un lussureggiante manto verde che nasconde decine di torrenti cristallini e circa 360 cascate.

Cascata Água Branca, Ilhabela, Brasile

La cascata di Água Branca, una delle più visibili e dolci di Ilhabela

Dai Tupi-Guarani ai coloni portoghesi

In epoca precedente alla scoperta, queste terre erano dominio delle tribù Tupi-Guarani, come testimonia il proliferare di toponimi indiani come Pacoíba, Baepí, Pirabura, Pirassununga (esatto, quello della famosa cachaça!), Jabaquara, Perequê, Itaquanduba, Itaguaçu, Cocaia, Guarapocaia, Piava, Piavu, Pequeá, Papagaio, Itapecerica, Sepituba ecc. eccetera. eccetera.

La storia coloniale di Ilhabela inizia quando i membri della prima spedizione inviata dal Portogallo nel Paese di Santa Cruz giunsero a Maembipe il 20 gennaio 1502, giorno consacrato dalla Chiesa a São Sebastião. Fu questa spedizione a ribattezzare l'isola di Maembipe in onore del santo, ma poco altro cambiò.

Solo nel 1608, 106 anni dopo, si sarebbero stabiliti i primi coloni e schiavi, ivi trasportati per alimentare un intenso traffico di schiavi o per lavorare nella coltivazione della canna da zucchero e conseguente produzione di cachaça.

Entrambe le attività fecero la fortuna dei sorveglianti e dei signori di Ilhabela, una ricchezza che si può testimoniare, ancora oggi, nelle dimensioni e nella sontuosità di alcune case padronali, come la fattoria Engenho d'Água.

Dalla sua scoperta da parte dei portoghesi fino al XNUMX° secolo, le acque intorno a Ilhabela furono intensamente pattugliate da avventurieri, corsari e pirati europei e, successivamente, argentini. Tra i più famosi c'erano gli inglesi Francis Drake, Thomas Cavendish e Anthony Knivet.

Un altro cliente abituale era il francese Duguay Trouin.

Goletta al largo di Jabaquara Beach, Ilhabela, Brasile

Una goletta dipinta patriottica ormeggiata al largo della spiaggia di Jabaquara.

L'orribile storia di Ilhabela

A seguito di attacchi oa causa di un mare insidioso che gli antichi marinai sostenevano avesse un campo magnetico che ingannava gli strumenti, ovviamente, l'area divenne nota come il Triangolo delle Bermuda del Sud America.

Decine di navi affondate dei più svariati tipi giacciono intorno a Ilhabela, molte delle quali vittime di naufragi recenti come il transatlantico di lusso”principe di Asturie”, nel 1916, o l'inglese “cresta“, nel 1982. 

La spiaggia dove ci stavamo dirigendo ora – Castelhanos – così come altre due situate proprio accanto ad essa, prendevano il nome da una delle tante storie dell'orrore marittimo che, contrariamente al suo nome, erano legate all'isola.

Come dicono i locali, i castigliani erano i naufraghi che si sono arenati sulla costa dopo che la barca su cui stavano viaggiando è affondata. Come se non bastasse, il sangue che hanno versato quando sono stati scagliati contro le rocce ha dato origine a Praia Vermelha e, qualche tempo dopo, la maggior parte dei corpi in decomposizione sono stati ritrovati in quella che oggi è Praia da Caveira.

Attualmente, se trascuriamo le petroliere che inquinano visivamente il canale di São Sebastião e le canoe dei pescatori di caiçara, la maggior parte delle barche che circolano intorno a Ilhabela sono da diporto. Offrono momenti di puro svago, non dramma.

Centro Nautico Ilhabela, Brasile

Barche ormeggiate intorno al Centro Nautico Ilhabela

Un rifugio popolare per i paulisti

Grazie al forte vento che attraversa il Canale di São Sebastião, Ilhabela è la capitale brasiliana della vela. Ogni anno ospita numerose competizioni nazionali e internazionali di questo sport e, nel suo porto turistico, ospita centinaia di barche a vela, oltre a molti motoscafi di ogni dimensione e forma.

Ilhabela è una specie di parco giochi insulare per i paulisti più ricchi. Di tanto in tanto, puoi vedere, sul canale di São Sebastião, un altro elicottero VIP, come la famosa presentatrice Ana Maria Braga e l'attrice Regina Duarte che hanno ville per le vacanze sull'isola.

La coppia che ci accompagnava, andando a sbattere contro il retro della jeep, stava molto meglio e veniva dalla povera periferia di San Paolo ma, sfruttando i risparmi e l'ospitalità di alcuni amici del posto, aveva diritto anche a qualche giorno in una delle divina ritiri dello Stato. 

Le due ore sono trascorse con le conversazioni più disparate comprese le spiegazioni sulla fauna locale. Come sempre accade in Brasile, ancora una volta sentiamo leggende di giaguari e ocelot che vagano per la giungla locale, vederli è come non pensarci.

La strada tortuosa, già in discesa, svelava finalmente, tra le vigne, le acque color smeraldo della baia.

Praia dos Castelhanos, Ilhabela, Brasile

Una delle spiagge più emblematiche di Ilhabela, per la sua bellezza e il suo terribile passato.

Da lì sono bastati pochi minuti per raggiungere la sabbia bianca e, in poco tempo, ci siamo arrampicati su un punto panoramico improvvisato su uno dei pendii della baia per apprezzare e fotografare il popolare cuore della spiaggia.

Seguì una nuotata, con poche bracciate nel mix, e poi un pranzo semplice ma gratificante in uno degli umili ristoranti locali.

Il giorno dopo abbiamo scambiato il sussulto della jeep con il dondolio di una goletta. Nel modo rilassato del Brasile, la partenza prevista per le 9.30 è stata ritardata.

Il motivo: “il tizio che doveva portare i drink non si è più fatto vivo”.

La riunione della famiglia Adés

Fortunatamente, al molo del villaggio, la famiglia Adés – che era in una specie di diaspora per motivi professionali e aveva noleggiato la barca per un tour in ricordo della loro riunione – è arrivata in ritardo o in ritardo rispetto al responsabile delle bevande.

Riunione di famiglia alla spiaggia di Jabaquara, Ilhabela, Brasile

La famiglia si è riunita sulla sabbia della spiaggia di Jabaquara

Quindi, gli unici ad aspettare eravamo noi e l'equipaggio, ma, tenendo conto che il comandante Marcos ha approfittato del tempo morto per svolgere le sue inesauribili conoscenze su Ilhabela, la navigazione in generale e la meteorologia locale, nessuno è rimasto da perdere.

Dopo le bibite e il piccolo ghiaccio rimasti lì, abbiamo preso la famiglia Adés e ci siamo diretti a nord, lungo la costa, verso un altro degli incantesimi paesaggistici dell'isola: la spiaggia di Jabaquara.

Lungo il percorso, troverai alcuni dei punti chiave del nord dell'isola, come Praia da Armação, il faro di Ponta das Canas e Praia da Pacuíba.

Lo scenario si fa più verde e naturale man mano che avanziamo lungo la costa nord e, dopo aver aggirato un'imponente rientranza rocciosa, ci troviamo faccia a faccia con la caletta che protegge la spiaggia.

Con sabbie giallo-brunastre e una fila di palme da cocco, Jabaquara lasciò l'Adés così felice di essere tornato che alcuni membri della famiglia (i più giovani, ovviamente) non aspettarono nemmeno che la goletta gettasse l'ancora e la barca per portarli al mare, solo per perderli. . Si sono semplicemente tuffati e sono andati a nuotare.

Jabaquara è una spiaggia che delizia qualsiasi visitatore ma, come le altre 38 e altre attrazioni naturali di Ilhabela, fa pagare un prezzo molto alto, a morsi.

Insegna gommosa del negozio di sandwich

L'insegna della Sandwicheria "Borrachudo" onora l'insetto più odiato di Ilhabela

Il merlo – un minuscolo ma persistente insetto vampiro – è una costante della vita a Ilhabela, al punto che c'è, nel villaggio, una paninoteca intitolata in suo onore.

Durante ogni visita all'isola, o lo strato repellente viene rinforzato con immancabile regolarità, oppure la mente viene preparata a giorni di prurito e ancora prurito.  

I nativi hanno optato da tempo per la seconda opzione e sono così preparati che non gli interessa più. Non pensare di raggiungere questo karma in pochi giorni di visita. È qualcosa che ottieni nel tempo. A lungo.

Costa meridionale: bellezza interiore ma principalmente costiera

Dato che stavamo sulla costa di fronte al Brasile, l'unica con una strada asfaltata (che percorrevamo più di una volta al giorno) e dopo i tour che avevamo già fatto, avevamo chiaramente bisogno di esplorare il sud di Ilhabela. Quello era il prossimo piano da realizzare.

Il giorno successivo, siamo partiti molto presto e siamo andati a dare un'occhiata alla sezione che era in fondo al porto dei traghetti. Con una vista molto più piacevole rispetto alla zona a nord, ci sono piccole spiagge o semplici insenature senza sabbia: Praia da Feiticeira, Praia do Julião, Praia Grande, Praia do Curral.

Figura a Praia do Curral, Ilhabela, Brasile

Figura sulla spiaggia di Curral, sulla costa occidentale di Ilhabela.

Per la parte opposta, lo scenario è grandioso. Cime imponenti che lasciano il posto a lunghi pendii costeggiati da alberi maestosi.

È interessante notare che il grandioso è anche armonioso in questa zona dell'isola. Qualcosa che spiega non solo l'altera regola delle montagne lussureggianti.

Ci sono anche le cappelle a strapiombo sul mare, la stradina che da un momento all'altro sembra essere inghiottita dalla vegetazione e la presenza discreta ma amichevole di Ilha das Cabras.

È tutto questo ma molto di più. Dovremmo ancora camminare fino al Vicino villaggio di pescatori di Bonete.

Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu, Brasile

Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu: febbre da watt

Nel 1974 migliaia di brasiliani e paraguaiani si sono incontrati nella zona di costruzione della diga più grande del mondo. 30 anni dopo il completamento, Itaipu genera il 90% dell'energia del Paraguay e il 20% di quella brasiliana.
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua

Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.
Chapada Diamantina, Brasile

Bahía de Gema

Fino alla fine del sec. Nel XNUMX° secolo, Chapada Diamantina era una terra di prospezioni e ambizioni smisurate.Ora che i diamanti sono rari, gli estranei sono ansiosi di scoprirne gli altipiani e le gallerie sotterranee.
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque

Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.
Pirenópolis, Brasile

Una Polis nei Pirenei sudamericani

Le miniere di Nossa Senhora do Rosário da Meia Ponte furono costruite da pionieri portoghesi, nel periodo di massimo splendore del ciclo dell'oro. Per nostalgia, probabilmente gli emigranti catalani chiamavano le montagne intorno ai Pirenei. Nel 1890, già in un'era di indipendenza e di innumerevoli ellenizzazioni delle loro città, i brasiliani battezzarono questa città coloniale Pirenópolis.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
dall'ombra
Architettura & Design
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Cerimonie e Feste
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Bridgetown, città del ponte e capitale delle Barbados, spiaggia
Città
Bridgetown, Barbados

La città (del ponte) delle Barbados

Originariamente fondata come "Indian Bridge", accanto a una palude maleodorante, la capitale delle Barbados si è evoluta nella capitale delle British Windward Isles. I barbadiani lo chiamano "The City"”. È la città natale della ben più famosa Rihanna.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Cultura
Dali, Cina

Flash Mob di moda cinese

L'ora è fissata e il luogo è noto. Quando la musica inizia a suonare, una folla segue la coreografia in modo armonioso fino allo scadere del tempo e ognuno torna alla propria vita.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
I musicisti di Karanga si uniscono alle rovine del Grande Zimbabwe, Zimbabwe
Etnico
Grande ZimbabweZimbabwe

Grande Zimbabwe, Piccola Danza Bira

I nativi Karanga del villaggio di KwaNemamwa mostrano le tradizionali danze Bira ai visitatori privilegiati delle rovine del Grande Zimbabwe. Il luogo più iconico dello Zimbabwe, quella che, dopo la proclamazione dell'indipendenza della Rhodesia coloniale, ispirò il nome della nuova e problematica nazione.  
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Centro culturale Jean Marie Tjibaou, Nuova Caledonia, Great Pebble, Sud Pacifico
Storia
Grande Terre, Nuova Caledonia

Il grande sassolino del Pacifico meridionale

James Cook chiamò così la lontana Nuova Caledonia perché gli ricordava la Scozia di suo padre, mentre i coloni francesi erano meno romantici. Dotati di una delle più grandi riserve di nichel al mondo, chiamarono Le Caillou l'isola madre dell'arcipelago. Nemmeno la sua attività mineraria gli impedisce di essere uno dei pezzi di terra più belli dell'Oceania.
Isole
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Letteratura
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
Cabo da Cruz, colonia di foche, foche a croce del capo, Namibia
Natura
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Parchi Naturali
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
I vulcani Semeru (in lontananza) e Bromo a Giava, in Indonesia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
PN Bromine Tengger Semeru, Indonesia

Il mare vulcanico di Giava

La gigantesca caldera di Tengger sorge a 2000 m nel cuore di una distesa sabbiosa di Giava orientale. Da esso si proiettano la montagna più alta di quest'isola indonesiana, Semeru, e molti altri vulcani. Dalla fertilità e dalla misericordia di questo scenario sublime come dantesco prospera una delle poche comunità indù che hanno resistito al predominio musulmano intorno.
Controllo corrispondenza
personaggi
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Bagnante, The Baths, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgin Gorda, Isole Vergini Britanniche
Spiagge
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I “Caraibi” divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Rostov Veliki Cremlino, Russia
Religione
Rostov Velikij, Russia

Sotto le cupole dell'anima russa

È una delle città medievali più antiche e importanti, fondata durante le origini ancora pagane della nazione degli Zar. Alla fine del XV secolo, inglobato nel Granducato di Mosca, divenne un imponente centro di religiosità ortodossa. Oggi, solo lo splendore del Cremlino Mosca batte quella della tranquilla e pittoresca cittadella di Rostov Velikij.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Graffiti della dea inquietante, Haight Ashbury, San Francisco, USA, Stati Uniti d'America
Società
L'Haight, San Francisco, EUA

Orfani dell'estate dell'amore

Anticonformismo e creatività sono ancora presenti nel vecchio quartiere Flower Power. Ma quasi 50 anni dopo, la generazione hippie ha lasciato il posto a giovani senzatetto, incontrollati e persino aggressivi.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Parco Nazionale Etosha Namibia, pioggia
Animali selvatici
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.