Grande Strada dell'Oceano, Australia

Ocean Out, attraverso il Greater South Australia


Dodici Apostoli
Lo scenario più famoso della Great Ocean Road, formato da successive scogliere a strapiombo sul mare.
dal mare
La coppia si rilassa accanto al surf prodotto lì da un mix di oceani Indiano e Antartico.
L'arco
Un'altra opera di forte erosione costiera, nei pressi del London Bridge caduto qualche anno fa.
sulla strada per la pioggia
Una strada secondaria attraversa una palude e immette in una grande massa d'aria umida.
sonno facile
Uno dei tanti koala che si possono vedere nei boschetti di eucalipti lungo la Great Ocean Road.
Spuntino in camper
Una coppia si gode un pasto pratico in un camper noleggiato per esplorare l'Australia Meridionale.
Verde giallo
Lo stagno in un vasto prato assume la stessa tonalità profonda del cielo tempestoso, in prossimità dei Dodici Apostoli.
tornare alla base
I bodyboarder tornano ai loro camper dopo un po' di tempo nelle gelide acque dell'Oceano Antartico.
tour con la bassa marea
I visitatori della Great Ocean Road camminano lungo un lungomare generato dalle acque che si ritirano ai piedi delle scogliere.
sotto l'arco
Gli amici passano sotto The Arch per tornare al livello Great Ocean Road.
Costa grandiosa
Paesaggio dell'estremo sud dello stato di Victoria, vicino ai Dodici Apostoli.
Panorama nascosto
Il turista fotografa lo scenario marittimo a sud della Great Ocean Road.
Grande tramonto sull'oceano
Il sole cade all'orizzonte e aggiunge colore a una baia a ovest di Pointe Esse.
balcone improvvisato
Coppia fotografa amici in acqua, su una spiaggia vicino a Warrnambool.
crepuscolo meridionale
Intensi tramonti colorano lo scenario drammatico e gelido della Great Ocean Road con toni caldi.
dopo il tramonto
Gli isolotti rocciosi punteggiano il mare al largo di Warrnambool al crepuscolo.
Una meta preferita dai residenti dello stato australiano del Victoria, la rotta B100 svela una costa sublime modellata dall'oceano. Ci sono voluti solo pochi chilometri per capire perché si chiamava The Great Ocean Road.

Pochi giorni fa ci siamo goduti il L'ospitalità di Tim Reynolds, nella sua villa a Caulfield, un sobborgo a 12 km a sud est di Melbourne.

Non eravamo gli unici. Il cinquantenne pensionato ha anche accolto Max Weise e Yinka Kehinde, una giovane coppia tedesca, come noi, in viaggio alla scoperta dell'Australia.

A un certo punto Tim si è fatto da parte con la sua gentilezza, con il cuore aperto, senza esitazioni né imbarazzo, perché avremmo capito il suo nuovo modo di vivere: “Vuoi fare una passeggiata sulla Great Ocean Road? ?" ci ha chiesto durante una cena in un ristorante thailandese a cosa avesse invitato la sua ragazza di origine thailandese. «Vorrei che lo sapessi laggiù.

Ti presto la mia macchina, ma dai un'occhiata... portala intera!" Per qualche secondo ci fissammo, attoniti, non sapendo come rispondere in modo dignitoso.

Infine, abbiamo accettato l'offerta un po' goffamente e abbiamo ascoltato le informazioni e le spiegazioni che Tim ha insistito per aggiungere alla sfida, sia sulla sua Ford Fiesta rossa che sulla famosa Great Ocean Road, uno dei percorsi stradali davvero imperdibili sulla parete di la Terra.

Portico del Parco Nazionale di Port Campbell, Great Ocean Road, Victoria, Australia

Il turista fotografa lo scenario marittimo a sud della Great Ocean Road.

Grande Strada dell'Oceano. Una grande strada nell'entroterra australiano

Ufficialmente chiamata B100, la Great Ocean Road inizia a Torquay. Per un tortuoso 243 km, si estende verso ovest e rivela la Shipwreck Coast, lo Stretto di Bass e il Great Australian Bay Sea, in cima al punto di contatto piuttosto diffuso tra l'Oceano Indiano e l'Oceano Antartico.

Come se Melbourne fosse considerata anno dopo anno come una delle tre città al mondo con la migliore qualità della vita, la strada è a solo un'ora e mezza di auto dalla metropoli.

Abituati al benessere urbano ma, in senso buono ozzy, sempre desiderosi di entrare in contatto con la natura, gli abitanti di Melbourne e del circostante stato del Victoria lasciano le loro case ogni volta che possono verso queste grandiose profondità del continente australiano. Non ci è voluto molto per seguire le loro orme, con il metodico Max al volante.

Da Aireys Inlet ai koala del fiume Kenneth

Ad Aireys Inlet troviamo le prime spiagge degne di una sosta e di un tuffo. Su quei lati, l'atmosfera sofisticata del villaggio contrasta con le scogliere vulcaniche che nascondono lagune di marea lungo la costa frastagliata. E anche con gli scenari del cespuglio dell'Otway Range, parte di un parco statale chiamato Angahook-Lorne e del molto più grande Great Otway National Park.

Da Lorne a ovest, ci spostiamo tra il mare e le colline ricoperte da fitti alberi di eucalipto. Nel fiume Kenneth brulicano questi boschetti di eucalipti gengive rosso fiume si rivelano essere case per comunità di koala letargici. Ci fermiamo a un lato della strada già pronta ad accogliere i viaggiatori curiosi.

Scrutiamo attraverso i rami e il fogliame con occhi per vedere. Non ci volle molto per individuare alcuni esemplari meno mimetizzati, dediti al sonnolento pascolo del fogliame, indifferenti alle frequenti invasioni umane del loro territorio arboreo.

Koala, Great Ocean Road, Victoria, Australia

Uno dei tanti koala che si possono vedere nei boschetti di eucalipti lungo la Great Ocean Road.

Dopo qualche chilometro in più, entriamo in Apollo Bay, altro villaggio di pescatori, idolatrato dai vacanzieri della città che si sono arresi alle sue dolci colline e alle sue spiagge bianche e aperte.

È anche una base perfetta per esplorare il Parco Nazionale di Otway, Blanket Bay e Cape Otway.

La soglia meridionale di Cape Otway

Cape Otway segna il punto più meridionale del percorso. Australia, a sud, solo il isola della tasmania.

Da Cape Otway a ovest, le spiagge appaiono in fondo a enormi scogliere frastagliate, battute da onde e correnti che non sapevamo bene cosa aspettarci. Inoltre, nell'imminenza dell'inverno australiano, l'acqua è rimasta ghiacciata e – lo sappiamo da tempo – probabilmente pattugliata da grandi squali bianchi. Il pericolo che rappresentano costringe le autorità a chiudere spesso molte delle spiagge sulla Great Ocean Road ai bagnanti.

Consapevoli dell'enorme rischio che correremmo entrando in quell'oceano turbolento e sospettoso, abbiamo continuato a rimandare l'ambito bagno. Maestosa, grandiosa come implicava il suo nome e storica da abbinare, la strada meritava un tributo migliore che unirsi alla crescente lista di vittime degli squali bianchi nei mari al largo.

Di conseguenza, abbiamo continuato a viaggiare, ogni volta che potevamo, anche attraverso il passato quasi secolare del suo asfalto.

Grande tangenziale di Ocean Road, Victoria, Australia

Una strada secondaria attraversa una palude e immette in una grande massa d'aria umida.

Grande Strada dell'Oceano. Una strada commemorativa australiana

I lavori che diedero origine alla Great Ocean Road iniziarono nel settembre 1919. Le autorità Australiani di Victoria lo progettò come un monumento “utile” che potesse onorare gli Alleati perduti nella prima guerra mondiale. Allo stesso tempo, dovrebbe collegare diversi villaggi ancora isolati nell'entroterra dell'Australia e favorire gli scopi dell'industria del legno e del turismo.

Con questi vari scopi in vista, è stata nominata una serie di tecnici di prospezione sul campo. Determinata e qualificata, la squadra ha persino esplorato il territorio selvaggio a una velocità media di 3 km al mese. Ad essa sono seguiti tremila operai, incaricati, a mano e con l'uso di esplosivi, pale e picconi, carriole e macchinari più piccoli, di realizzare la pista a terra.

Nel corso dei mesi decine di lavoratori sono morti principalmente a causa di frane nei tratti montuosi della costa. Per alleviare il disagio causato da queste ed altre tragedie e difficoltà, la direzione dell'opera ha tenuto a disposizione un pianoforte, un grammofono, giochi, giornali e riviste, lussi inauditi nelle costruzioni di questo genere.

Il relitto del “Casino”. La fortuna inaspettata dei lavoratori della Great Ocean Road

Eppure, la festa dei partiti sbarcò quando, nel 1924, un battello a vapore di sua grazia”Casinò” si schiantò contro una scogliera, si incagliò vicino a Cape Patton e lasciò cadere in mare cinquecento barili di birra e centoventi casse di alcolici.

Per quanto generosa quanto inaspettata, l'offerta costrinse i responsabili a decretare una pausa di due settimane, si dice che questo fosse il tempo approssimativo impiegato dai lavoratori per consumare il carico.

In termini relativi, l'interruzione ha avuto poco o nessun ritardo nel lavoro. Il lavoro si stava trascinando per un lustro. Sarebbe terminato solo nel 1932. In quell'anno fu completata la sezione Lorne-Apollo Bay. Il tanto atteso completamento del progetto ha giustificato una solenne inaugurazione – data la consueta repulsione australiana per lo sfarzo eccessivo – del più grande monumento ai caduti mai costruito.

Cento anni dopo (nel 2019), il percorso Great Ocean Road continua a sorprendere e deliziare curva dopo curva, soprattutto da Anglesea, quando il suo percorso semiurbanizzato viene lasciato alle spalle.

In questa roccaforte, la costa della Costa dei Relitti si rivela più capricciosa e imponente che mai.

Scogliere del Parco Nazionale di Port Campbell, Great Ocean Road, Victoria, Australia

I visitatori della Great Ocean Road camminano lungo un lungomare generato dalle acque che si ritirano ai piedi delle scogliere.

Great Ocean Road e il cimitero nautico di costa del naufragio

Nel corso del tempo, la fine del mare inclemente che ci ha lasciato in piedi dietro di noi ha reclamato diverse barche. Alcuni furono vittime di potenti correnti, altri di nebbia e scogliere aguzze. Sono tutti sprofondati nella storia. Quasi tutti pongono sfide entusiasmanti per storici e sommozzatori di tesori.

Nel 1878, ilLoch Ard” affondò al largo di Mutton Bird Island l'ultima notte di un lungo viaggio dall'Inghilterra. Cinquantatre dei suoi 55 passeggeri hanno perso la vita. IL "Cascate di Halladale” – un traghetto da Glasgow – si è perso nell'ultima tappa della sua rotta da New York a Melbourne. Anche il traghetto britannico"Nuovo campo" e il neozelandese "La bellezza”, tra gli altri, è andato fino in fondo.

Sempre nel mezzo della Shipwreck Coast, entriamo nel dominio del Parco Nazionale di Port Campbell. È qui che si estende il tratto più ammirato della Great Ocean Road.

Il Parco Nazionale di Port Campbell è costellato di scogliere, alte circa settanta metri, scavate molti millenni fa dalla forza dell'oceano. È anche adornato con curiose sculture rupestri lasciate dalla grande isola.

L'Arco, Great Ocean Road, Victoria, Australia

Gli amici passano sotto The Arch per tornare al livello Great Ocean Road.

I dodici apostoli che non sono più di otto

Queste rocce e massi successivi che provocano l'innalzamento anticipato delle onde servono come approdo per ventose e per la restante fauna marina della regione. I polloni, in particolare, giustificano la presenza degli squali bianchi, i temuti re degli oceani che ci tenevano a terra.

La più famigerata di queste formazioni, i Dodici Apostoli, è oggi oggetto di un vero e proprio culto fotografico internazionale.

I circa due milioni di visitatori annuali a cui ci uniamo noi quattro, a loro volta, hanno portato le autorità vittoriane a fornire ai dintorni infrastrutture e condizioni di visita speciali: voli panoramici regolari e le passerelle di legno che percorriamo sopra e sotto le scogliere, per raggiungere citarne solo alcuni.

Dodici Apostoli, Great Ocean Road, Victoria, Australia

Lo scenario più famoso della Great Ocean Road, formato da scogliere che si susseguono a strapiombo sul mare.

Fino al 1922 la formazione era conosciuta con il nome di bestiame-profano La sega e i maialini (La scrofa e i porcellini). In quell'anno, le preoccupazioni turistiche e i culti superiori dell'Autorità per il turismo del Victoria dettarono il loro ribattesimo come Dodici Apostoli. Questo, nonostante ci fossero solo nove scogli che sporgono dal mare.

Come accadeva da molti millenni, gli scogli continuavano ad essere in balia delle onde, con le loro basi che perdevano circa 2 cm all'anno.

Nel luglio 2005, un altro crollo di uno di loro, ha ridotto il gruppo a otto. Eppure, nel tempo che ci siamo dedicati ai punti di vista che li svelano dalla costa, ne abbiamo individuati solo sette.

Uno dei sopravvissuti è rimasto e rimane fuori portata, a meno che non si approfitti del culmine della spiaggia del mare per scendere alla base delle scogliere ed esplorare la sabbia e gli scogli. Non avevamo tempo per una tale deviazione.

L'Arco, Great Ocean Road, Victoria, Australia

Un'altra opera di forte erosione costiera, nei pressi del London Bridge caduto qualche anno fa.

Da altre sculture marine da PN Port Campbell a L'imminenza di Warrnambool

Abbiamo trovato le prossime sculture oceaniche a ovest di Port Campbell. La roccia arcuata The Arch, di fronte a Point Esse. E, vicino, il London Bridge, un'altra recente vittima dell'erosione.

Negli ultimi 12 km della Great Ocean Road le scogliere diminuiscono notevolmente di altezza, ma il mare rimane freddo e poco invitante, adatto solo a surfisti e bodyboarder intrepido.

Bodyboarder, Great Ocean Road, Victoria, Australia

I bodyboarder tornano ai loro camper dopo un po' di tempo nelle gelide acque dell'Oceano Antartico

Ai margini di una delle spiagge più morbide di queste parti, ci siamo riposati giocosamente con una giovane coppia di kiwi che stava facendo un picnic, appollaiata sulla scatola del loro camper, un furgone spartano, graffiato di arte e buon umore.

Spuntino in camper, Great Ocean Road, Victoria, Australia

Una coppia si gode un pasto pratico in un camper noleggiato per esplorare l'Australia Meridionale.

Presto, raggiungiamo le vicinanze di Warrnambool.

La Great Ocean Road ha lasciato il posto alla Princess Highway lì. Abbiamo invertito il percorso. Siamo arrivati ​​a Caulfied molto più tardi del previsto e abbiamo salvato Tim dalla sua irrequietezza. Era passato solo un giorno.

Tramonto, Great Ocean Road, Victoria, Australia

Intensi tramonti colorano lo scenario drammatico e gelido della Great Ocean Road con toni caldi.

Un giorno aussie passò in grande stile come richiedeva la Great Ocean Road.

Florida Keys, EUA

Il trampolino di lancio dei Caraibi degli Stati Uniti

Os Stati Uniti i continenti sembrano finire, a sud, nella sua capricciosa penisola della Florida. Non si fermano qui. Più di cento isole di corallo, sabbia e mangrovie formano un'eccentrica distesa tropicale che ha sedotto a lungo i vacanzieri nordamericani.
Penisola di Banks, Nova Zelândia

Il frammento della terra divina della penisola di Banks

Dall'alto, il rigonfiamento più evidente sulla costa orientale dell'Isola del Sud sembra essere imploso più e più volte. Vulcanica ma verdeggiante e bucolica, la Banks Peninsula racchiude nella sua geomorfologia quasi a ruota dentata l'essenza della vita sempre invidiabile della Nuova Zelanda.
Perth ad Albany, Australia

Attraverso il selvaggio West australiano

Poche persone venerano l'evasione come fanno Australiani. Con l'estate meridionale in pieno svolgimento e il fine settimana alle porte, i Perthiani si stanno rifugiando dalla routine urbana nell'angolo sud-occidentale della nazione. Da parte nostra, senza compromessi, esploriamo l'infinito Western Australia fino al suo limite meridionale.
Melbourne, Australia

Un'Australia "separata".

capitale culturale aussie, Melbourne è anche spesso votata come la città con la migliore qualità della vita al mondo. Quasi un milione di emigranti orientali ha approfittato di questa accoglienza immacolata.
Sydney, Australia

Dall'esilio criminale alla città esemplare

La prima delle colonie australiane fu costruita da detenuti in esilio. Oggi, gli australiani di Sydney si vantano degli ex detenuti del loro albero genealogico e sono orgogliosi della prosperità cosmopolita della megalopoli in cui abitano.
strade imperdibili

Grandi viaggi, grandi viaggi

Con nomi pomposi o semplici codici stradali, alcune strade attraversano scenari davvero sublimi. Dalla Road 66 alla Great Ocean Road, sono tutte avventure di guida imperdibili.
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
alla Scoperta di Tassiè, Parte 1 - Hobart, Australia

La porta sul retro dell'Australia

Hobart, la capitale della Tasmania e la più meridionale dell'Australia, fu colonizzata da migliaia di esuli dall'Inghilterra. Non sorprende che la sua popolazione mantenga una forte ammirazione per gli stili di vita marginali.
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Altopiano di Atherton, Australia

Le miglia del Natale (parte II)

Il 25 dicembre esploriamo la campagna alta, bucolica ma tropicale del Queensland settentrionale. Ignoriamo il luogo in cui si trova la maggior parte degli abitanti e siamo sorpresi dall'assoluta assenza del periodo natalizio.
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Perth, Australia

la città solitaria

A più di 2000 km da un luogo simile degno di questo nome, Perth è considerata la città più remota sulla faccia della Terra. Nonostante sia isolata tra l'Oceano Indiano e il vasto Outback, poche persone si lamentano.
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Red Center, Australia

Nel cuore spezzato dell'Australia

Il Red Centre ospita alcuni dei monumenti naturali imperdibili dell'Australia. Ci colpisce la grandiosità degli scenari ma anche la rinnovata incompatibilità delle sue due civiltà.
Wycliff Wells, Australia

I piccoli file segreti di Wycliffe Wells

Residenti, esperti di UFO e visitatori sono stati testimoni di avvistamenti intorno a Wycliffe Wells per decenni. Qui Roswell non ha mai dato l'esempio e ogni nuovo fenomeno viene comunicato al mondo.
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Visitatori del Jameos del Agua, Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Architettura & Design
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Aventura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Cerimonie e Feste
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
Santo Domingo, Città Coloniale, Repubblica Dominicana, Diego Colombo
Città
Santo Domingo, Repubblica Dominicana

L'antico coloniale più longevo delle Americhe

Santo Domingo è la colonia abitata più lunga del Nuovo Mondo. Fondata nel 1498 da Bartolomeo Colombo, la capitale della Repubblica Dominicana conserva intatto un vero tesoro di resilienza storica.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
tatuaggio sulla terra
Cultura
matmata, Tataouine:  Tunisia

La base terrestre di Star Wars

Per motivi di sicurezza, il pianeta Tatooine di "Il risveglio della forza" è stato girato ad Abu Dhabi. Torniamo indietro nel calendario cosmico e rivisitiamo alcuni dei luoghi tunisini di maggior impatto della saga.  
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
valle profonda, terrazze di riso, batad, filippine
Etnico
Familiare, Filippine

Le terrazze che sostengono le Filippine

Oltre 2000 anni fa, ispirati dal loro dio del riso, il popolo Ifugao si sviluppò sulle pendici di Luzon. Il cereale che vi coltivano gli indigeni nutre ancora una parte significativa del paese.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Torshavn, Isole Faroe, pagaia
Storia
Tórshavn, Isole Faroe

Il porto faroese di Thor

È stato il principale insediamento delle Isole Faroe almeno dall'850 d.C., anno in cui i coloni vichinghi stabilirono lì un parlamento. Tórshavn rimane una delle capitali più piccole d'Europa e il rifugio divino di circa un terzo della popolazione faroese.
piccolo browser
Isole
Honiara e Gizo, Isole Salomone

Il Tempio sconsacrato delle Isole Salomone

Li nominò un navigatore spagnolo, desideroso di ricchezze come quelle del re biblico. Devastate dalla seconda guerra mondiale, da conflitti e disastri naturali, le Isole Salomone sono lontane dalla prosperità.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Natura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Hell's Bend dal Fish River Canyon, Namibia
Parchi Naturali
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Hiroshima, città ceduta alla pace, Giappone
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Hiroshima, Giappone

Hiroshima: una città arresa alla pace

Il 6 agosto 1945 Hiroshima soccombette all'esplosione della prima bomba atomica usata in guerra. Dopo 70 anni, la città si batte per la memoria della tragedia e per lo sradicamento delle armi nucleari entro il 2020.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
personaggi
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Montezuma e Malpaís, le migliori spiagge della Costa Rica, Catarata
Spiagge
Montezuma, Costa Rica

Di nuovo nelle braccia tropicali di Montezuma

Sono passati 18 anni da quando siamo stati abbagliati da questa delle coste benedette del Costa Rica. Solo due mesi fa, l'abbiamo ritrovato. Accogliente come lo conoscevamo.
Motociclista nella gola di Sela, Arunachal Pradesh, India
Religione
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
patpong, go go bar, bangkok, mille e una notte, thailandia
Società
bangkok, Thailandia

Mille e una notte perduta

Nel 1984 Murray Head cantava la magica e notturna bipolarità della capitale thailandese in "Una notte a Bangkok". Diversi anni, colpi di stato e manifestazioni dopo, Bangkok rimane insonne.
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Jeep attraversa Damaraland, Namibia
Animali selvatici
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.