Gerusalemme, Israele

Più vicino a Dio


città d'oro
Gerusalemme, disposta al di là delle antiche mura fatte ricostruire dal sultano ottomano Suleiman I, a partire dal 1537.
giochi di potere
I residenti arabi palestinesi giocano a backgammon in un vicolo della città vecchia.
Nel profondo della religione
Un credente indaga su antiche scritture davanti al Kotel, il famoso Muro Occidentale del Giudaismo.
sciarpe arabe
Donne palestinesi camminano lungo una strada del quartiere arabo, nel cuore della Città Vecchia di Gerusalemme.
preghiere e lamenti
Adoratori ultra-ortodossi rigorosamente vestiti pregano davanti al Muro Occidentale.
La casa della discordia
La Porta di Damasco al tramonto, con le case dei vari rioni della Città Vecchia di Gerusalemme che riempiono completamente l'interno delle mura.
fragile equilibrio
Il giovane arabo tiene un vassoio di tè e altre bevande in un caffè arabo nella Città Vecchia.
Il controverso Monte del Tempio
Le donne musulmane salgono le scale per il Monte del Tempio.
vista di Sion
Due ebrei ortodossi si godono la vista da un balcone sul Monte degli Ulivi.
Il soldato di David
Un soldato dell'IDF porta una bandiera di David attorno al Muro del Pianto.
Maria Maddalena in oro
Le cupole dorate del Monastero di Maria Maddalena.
Il Monastero di Maria Maddalena
Monastero di Maria Maddalena tra i cipressi alle pendici del Monte degli Ulivi
Convivialità del quartiere ebraico
Gli ebrei vivono all'ombra in un cortile del quartiere ebraico
Moschea di Al Aqsa
I fedeli musulmani affollano la moschea di Al Aqsa.
Ebrei al Muro del Pianto
Uomini ebrei in kippa e cappelli tradizionali al Muro Occidentale.
Celebrazione del sionismo
I soldati delle forze di difesa israeliane festeggiano al Muro del Pianto.
Monte Sion
Veduta del monte Sion, altra zona biblica di Gerusalemme.
Donna ebrea
La moglie ebrea si vestiva modestamente, come richiesto dai precetti sociali ebraici.
Olivo secolare
Uno degli ulivi secolari alle pendici del Monte degli Ulivi.
Patriarchi
Patriarchi religiosi dialogano con il Muro Occidentale sullo sfondo.
Tremila anni di una storia tanto mistica quanto travagliata prendono vita a Gerusalemme. Venerata da cristiani, ebrei e musulmani, questa città irradia polemiche ma attira credenti da tutto il mondo.

Il lento crepuscolo sta per finire un altro venerdì d'estate, quando la lunga e bassa sirena del Sabbath risuona per la Città Vecchia e segna l'inizio del riposo obbligatorio.

Mossa dalla propria fede e identità religiosa, una folla di ebrei scende per le strade labirintiche e anguste di Gerusalemme. Il movimento fa il tzizit (frange di corda) dai fianchi dei fedeli Haredim (i cosiddetti ultra-ortodossi).

E lo stesso accade peta, i capelli ricci che pendono dalle tempie come a voler sfuggire al chiostro delle kippa e alla schiera dei cappelli (borsalinos, fedoras, shtreimel, kolpik, trilby etc) che coronano il loro tipico abbigliamento, a seconda della provenienza geografica di ciascuna setta.

Gerusalemme, Dio, Israele, ebrei al Muro del Pianto

Uomini ebrei in kippa e cappelli tradizionali al Muro Occidentale.

Le donne accompagnano il breve pellegrinaggio, passo dopo passo, in abiti semplici ma con tutte le estremità lunghe, come consiglia la condotta. tzniut che richiede modestia di aspetto e di comportamento.

Non ci volle molto a confermare l'importanza del nero per gli ultraortodossi, il suo colore di severità che denota il timore per il cielo di chi lo indossa, il rispetto per Dio e per la vita e il totale ripudio della frivolezza.

Col passare del tempo si rivela preponderante nei costumi lunghi (bekish, kapoteh e rekel) che sono raggruppati nella sezione maschile del Muro dei Lamenti (Caldaia come preferiscono essere chiamati gli ebrei).

Non intacca l'onda di festa e di commozione generale che si confronta con il silenzio millenario delle sue gigantesche pietre e ne prende il posto.

militare, muro del pianto, bandiera giuramento IDF, Gerusalemme, Israele

I militari e i fedeli ortodossi e hadi (convenzionali) condividono la loro fede e solidarietà davanti al Muro Occidentale.

Il Muro del Pianto in festa

Da ciascuno degli ingressi, sempre più ebrei solidali con la piazza attigua, predisposti a rinnovare le proprie convinzioni religiose o a commemorare il trionfo del sionismo.

Gruppi euforici di giovani soldati dell'IDF – Israel Defense Forces – arrivano in divisa verde oliva.

Gerusalemme, Dio, Israele, Forze di difesa israeliane militari

Un soldato dell'IDF interrompe la formazione spontanea per cercare qualcosa o qualcuno

Gli studenti si uniscono a loro yeshiva, tempo libero dai suoi studi della Torah e del Talmud.

Secondo il quarto comandamento delle scritture ebraiche, il sabato suggerisce la venerazione dell'impegno di Dio verso il popolo d'Israele (Esodo 31: 13-17), la celebrazione del giorno in cui si riposò dopo aver completato la Creazione (Esodo 20: 8-11) e la fine dei sette giorni settimanali di schiavitù a cui erano soggetti gli israeliti in Egitto (Deuteronomio 5:12-15) fino al riscatto guidato da Mosè.

In modo sfaccettato e persino contrastante, queste determinazioni sono rigorosamente rispettate. Ci impressionano come ogni altro Gentile che si vede seguire questi eventi.

Su un primo fronte, alcuni Haredim oscillano vicino al muro, o si aggrappano ad esso e persino lo baciano nel loro sforzo incondizionato di invocazione divina.

Dio di Gerusalemme, Israele, Preghiere e Lamentazioni al Muro del Pianto

Adoratori ultra-ortodossi rigorosamente vestiti pregano davanti al Muro Occidentale.

A questa linea ne seguono altre in cui, seduti su sedie, munite anche di libri di preghiere, le Haredim – e occasionale hadith (credenti convenzionali) ripetono le preghiere divine.

Il suono che emettono si fonde con quello di molte conversazioni parallele. Genera un ronzio che fa da sottofondo alla baldoria compiuta più indietro da soldati e studenti.

Abbracciati, formano un cerchio in cui ballano e cantano in coro o come randagi, sotto lo sventolare vittorioso della bandiera israeliana.

reclute di gruppo in cerchio, muro del pianto, giuramento della bandiera dell'IDF, Gerusalemme, Israele

Un gruppo di reclute festeggia l'adesione alle forze di difesa israeliane.

L'origine millenaria e complessa del Muro del Pianto

Circa 2000 anni fa, i costruttori del Muro del Pianto non avrebbero mai potuto prevedere o comprendere che la loro modesta creazione sarebbe stata promossa al più importante santuario religioso del popolo ebraico.

Parte di un progetto ordinato da Erode circa vent'anni prima della nascita di Cristo, per compiacere Cesare, il muro contribuì alla ristrutturazione del Secondo Tempio, costruito da Ciro II di Persia nello stesso luogo in cui sorgeva il Tempio di Salomone.

Questo rimodellamento era considerato da molti ebrei una profanazione poiché mancava di rispetto al modello rivelato da Dio a David, il secondo re del Regno Unito di Israele.

La profanazione si rivelò solo una delle difficoltà che gli ebrei dovettero sopportare sotto il giogo romano. Quando Tito Flavio schiacciò la prima delle sue rivolte contro l'impero nel 70 d.C., il tempio e le tre mura che lo proteggevano furono devastate.

Come gran parte di Gerusalemme.

Pochi anni dopo, Adriano (successore di Tito Flavio) nominò la città Aelia Capitolina. Condannò ancora una volta gli ebrei all'esilio.

La distruzione del tempio e il rinnovamento della diaspora, sostanziata nei secoli dall'invasione di popoli successivi da quella che era stata la loro patria, condannò la vita religiosa ebraica a un'era di caos.

Per molti, quell'era si è conclusa solo con la fondazione dello stato di Israele.

Nel 617 d.C., i Persiani presero la città dai Romani. Di fronte a un'imminente rivolta cristiana, permisero agli ebrei di regnare per tre anni.

Durante questo periodo, i rimpatriati evitarono l'area del Monte del Tempio per paura di calpestarla sanctum sanctorum, accessibile solo ai sommi sacerdoti.

Secondo i testi rabbinici nel frattempo compilati, il sechina, (presenza divina) non avrebbe mai disertato le rovine della cinta muraria.

Dio di Gerusalemme, Israele, Nel profondo della religione

Un credente indaga su antiche scritture davanti al Kotel, il famoso Muro Occidentale del Giudaismo.

Di conseguenza, i fedeli ne fecero il loro santuario.

Sono andati lì a pregare.

L'era musulmana che ha sradicato gli ebrei. E la Controversa Cupola della Roccia

Due decenni dopo, la città si arrese agli eserciti del califfo Omar. Per quattrocentosessantadue anni i disegni della città furono lasciati ai musulmani. Tra il 688 e il 691 i musulmani eressero la Cupola della Roccia per proteggere una lastra sacra sia all'Islam che all'ebraismo.

Secondo i testi del Corano, la Cupola della Roccia sarebbe nel luogo da cui il profeta Maometto sarebbe partito verso il cielo, per prendere posto accanto ad Allah. Gerusalemme è quindi la terza città più santa, dopo La Mecca e Medina.

Secondo le scritture ebraiche, la Cupola della Roccia sarebbe davvero il centro del mondo, il luogo esatto in cui Abramo si preparò a sacrificare uno dei suoi figli.

Gli scopi del mentore dell'opera, il califfo Abd al-Malik, si sono rivelati tanto devoti quanto strategici. La sacralizzazione di Gerusalemme era diventata da tempo tripartita.

gerusalemme dio, israele, giochi di potere

I residenti arabi palestinesi giocano a backgammon in un vicolo della città vecchia.

Soprattutto, era preoccupato che la crescente influenza dei cristiani e la Basilica del Santo Sepolcro avrebbero sedotto le menti arabe.

Il governatore ordinò quindi che la sua rotonda fosse usata come modello, ma non gli interni lugubri e le austere facciate in pietra.

Decorò invece la moschea con splendidi mosaici e versetti del Corano, mentre la cupola era ricoperta d'oro massiccio in modo che brillasse come un faro per l'Islam.

Gerusalemme, Dio, Israele, f

I fedeli musulmani affollano la moschea di Al Aqsa.

In termini visivi, l'obiettivo è stato raggiunto. Secoli dopo, la struttura dorata continua a distinguersi dalle case in pietra del Centro Storico.

Nonostante la supremazia politico-militare dello stato ebraico, la Cupola della Roccia è, oggi, uno dei grandi simboli di Gerusalemme e uno degli edifici più fotografati sulla faccia della Terra.

Spicca come nessun altro edificio della città nella vista panoramica dal Monte degli Ulivi.

gerusalemme, dio, israele, cupola della roccia

La Cupola della Roccia resa ancora più dorata dalla luce del tramonto a ovest di Gerusalemme.

L'ascesa del cristianesimo e le successive crociate

Circa un millennio dopo la nascita del suo messia a Betlemme, il cristianesimo si era diffuso. Divenne una solida religione, con sede a Roma, ramificata da innumerevoli regni e territori credenti, dal Medio Oriente all'estremità occidentale dell'Europa.

A quel tempo, Gerusalemme era diventata santa anche dai cristiani. Di conseguenza, eserciti crociati multinazionali viaggiarono dai quattro angoli dell'Europa, in più ondate. Li incoraggiò a riconquistare i sacri musulmani.

Le sue conquiste non hanno mai resistito a lungo alle schiaccianti risposte dell'Islam. E con il caduta di acro, nel 1291, la Terra Santa passò ancora una volta in mani “infedeli”.

Dio di Gerusalemme, Israele, sciarpe arabe nel quartiere cristiano

Donne palestinesi camminano lungo una strada del quartiere arabo, nel cuore della Città Vecchia di Gerusalemme.

Seguì l'integrazione nell'impero ottomano (1516) che durò fino alla fine della prima guerra mondiale.

Durante quel lungo periodo, il muro – che conviveva sul Monte del Tempio con la Cupola della Roccia – divenne un luogo di pellegrinaggio che gli ebrei si recavano per piangerne l'antica scomparsa.

Così, divenne popolare come "Lamentazioni".

Ma lo svolgersi dell'epopea era ben lungi dal finire qui. Negli anni a venire, i popoli e le religioni che hanno condiviso e combattuto per Gerusalemme hanno continuato ad incrociarsi nella storia.

fragile equilibrio

Il giovane arabo tiene un vassoio di tè e altre bevande in un caffè arabo nella Città Vecchia.

Come abbiamo visto accadere, giorno dopo giorno, nelle tue strade.

Il Mausoleo Cristiano della Basilica del Santo Sepolcro

Mentre la Cupola della Roccia risplende in compagnia della Moschea di Al-Aqsa e il Muro Occidentale riceve innumerevoli lamenti, il luogo più sacro della cristianità nella Città Vecchia, la Basilica del Santo Sepolcro, ha trascorso i secoli ritirandosi nella struggente memoria dell'ultimo Gesù ore.

Fin dall'inizio (apertura al pubblico alle 4.30), pellegrini provenienti dai quattro angoli del mondo entrano nella sua struttura complessa e cupa, determinati a lodare il sacrificio del messia.

Li vediamo farsi la croce e i loro oggetti più illustri, appoggiati sulla Pietra dell'Unzione, la lastra su cui il corpo di Cristo fu preparato per la sepoltura da José de Arimatea, il senatore ebreo che ottenne da Pilato l'autorizzazione a rimuoverlo dalla croce.

Quindi, sali una piccola scalinata e accedi al Monte Calvário. Lì trovano il Golgota (il presunto luogo della crocifissione) e, in una piccola cappella greca, la pietra che sorreggeva la croce.

All'imponente rotonda della basilica, si allineano in fila sotto lo sguardo profondo dei sacerdoti ortodossi e aspettano il loro turno per intravedere l'Altare della Crocifissione.

Santo Sepolcro, Gerusalemme, Chiese cristiane, La Porta dell'Edicola

Sacerdote ortodosso all'ingresso dell'Edicola.

La complessità della profondità storica di Gerusalemme

Come la Basilica del Santo Sepolcro – che è molto più grande di quanto mostrano le facciate – anche Gerusalemme ci inganna per grandezza e ricchezza.

Sono trascorsi cinque o sei giorni senza che il centro storico venisse adeguatamente esplorato e prima che ci si rendesse conto della dimensione di ciò che c'è da scoprire intorno ad esso.

La maggior parte dei visitatori accede all'interno delle mura di Suleiman attraverso la Porta di Giaffa. È la stessa porta che il generale Edmund Allemby ha attraversato quando ha consumato il trionfo alleato sull'impero ottomano nella prima guerra mondiale.

Poco prima, tra tante affermazioni sensate e qualche spacconeria, un incendiario proclamava: "Oggi le Crociate sono finite". Per qualche ragione è passato alla storia come il Toro insanguinato. 

Dalla Porta di Giaffa, è sempre in discesa ovunque nei quattro quartieri interni: l'ebreo, l'armeno (il più piccolo), il musulmano e il cristiano. Possiamo vedere che ognuno di questi quartieri ha la sua vita e le sue dinamiche.

gerusalemme dio, israele, la casa della discordia

La Porta di Damasco al tramonto, con le case dei vari rioni della Città Vecchia di Gerusalemme che riempiono completamente l'interno delle mura.

E, a parte l'intersezione confusa tra cristiano e musulmano, sembrano facili da identificare, soprattutto l'ebreo che costituisce un mondo reale a parte.

Dall'Appello Sionista di Theodor Herzl alla Dichiarazione di Indipendenza di Israele

All'inizio del XX secolo, il movimento sionista ispirato dal giornalista ebreo austro-ungarico Theodor Herzl stava guidando il ritorno della diaspora in Palestina come mai prima d'ora. La popolazione installata lì ammontava a quasi 20.000 persone. Il quartiere ebraico non è mai stato interamente ebraico.

Al contrario, una parte significativa delle case e dei negozi veniva affittata dai loro occupanti waqf, Proprietà musulmane per scopi religiosi e caritatevoli.

Il 14 maggio 1948, il giorno prima della fine del mandato britannico di Palestina, Israele dichiarò l'indipendenza.

Gerusalemme, Dio, Israele, l'esercito delle forze di difesa israeliane

Un soldato dell'IDF porta una bandiera di David attorno al Muro del Pianto.

Fu immediatamente attaccato da diverse nazioni musulmane in quella che divenne nota come la Guerra Arabo-Israeliana o Guerra d'Indipendenza.

I circa 2000 ebrei che stavano resistendo all'escalation del conflitto nel quartiere ebraico furono radunati. Furono costretti ad andarsene, espulsi dalle truppe giordane.

La guerra dei sei giorni che restituì Gerusalemme agli ebrei

A quel tempo, Cidade Velha si trovava dall'altra parte della linea di demarcazione. Il quartiere rimase sotto la giurisdizione giordana fino alla Guerra dei Sei Giorni del 1967, quando un esercito israeliano determinato e pesantemente armato conquistò l'intera Città Vecchia e distrusse il quartiere Mughrabi (marocchino) adiacente al Muro Occidentale.

In seguito, circa 6.000 abitanti musulmani sarebbero stati espropriati e sfrattati. Nel 1969 le autorità sioniste fondarono la Jewish Quarter Development Company, con l'obiettivo di ricostruire il vecchio quartiere ebraico.

Gerusalemme, Dio, Israele, Donna ebrea

La moglie ebrea si vestiva modestamente, come richiesto dai precetti sociali ebraici.

Di conseguenza, a differenza dei vicini a nord, il Quartiere Ebraico è, a suo modo, moderno e soprattutto residenziale, costruito in pietra nuova, dotato di aree giochi per bambini, infrastrutture per sedie a rotelle e un o altro pozzo tecnologico di sicurezza mascherato dall'aspetto apparentemente storico.

Un'altra differenza che abbiamo rilevato in tre periodi è che è vissuta e visitata quasi esclusivamente dalla comunità ebraica e da visitatori stranieri.

Gerusalemme, Dio, Israele, quartiere ebraico Convivialità

Gli ebrei vivono all'ombra in un cortile del quartiere ebraico

Lo esploriamo per assorbire il più genuino misticismo ebraico nelle sue strade e sinagoghe (soprattutto Hurva e Ramban).

Determinato anche a divorare il delizioso snack dei bar residenti: il shoarma pitas, hummus e falafel, solo per citare i più apprezzati.

La nuova miscellanea sacra del monte Sion

Abbiamo lasciato il quartiere ebraico. Abbiamo attraversato l'armeno, abbiamo varcato la porta di Sion e siamo arrivati ​​al monte Sion. C'è una nuova confluenza del sacro che, per non parlare, coinvolge le tre grandi religioni abramitiche.

Il monte Sion concentra un eclettico mix di monumenti e storie: in un ambito prettamente biblico, è il luogo della tomba di David, ha ospitato l'Ultima Cena (vi si trova il Cenacolo) e il sonno eterno della Vergine Maria.

Gerusalemme, Dio, Israele, il monte Sion

Veduta del monte Sion, altra zona biblica di Gerusalemme.

Meno antico dei personaggi precedenti ma eternamente eroico per gli ebrei e per il mondo, vi riposa anche Oskar Schindler.

Dalla cima di Sion, ci dirigiamo verso la Valle del Cedron (di cui fa parte la Valle di Giosafat) è la parte più antica di Gerusalemme con resti archeologici risalenti a più di quattro millenni.

Al termine di una solitaria passeggiata attraverso l'arida e profonda periferia di Gerusalemme dove fu fondata la leggendaria Città di Davide, ci imbattiamo nelle tombe attribuite ad Absalom (terzo figlio di Davide) e al profeta Zaccaria.

Gerusalemme, Dio, Israele, Templi Kidron Valley

Tempio di Absalom su una collina nella Valle di

E il Monte degli Ulivi. Biblico e scenico come nessun altro

Alla base del suo pendio spiccano la Chiesa di tutti i Popoli e il Giardino del Getsemani. Accanto ad essa, in una grotta a lutto, appare la tomba della Vergine Maria, altro luogo riservato ai credenti cristiani che in essa rinnovano la loro fede e la loro commozione.

Il Monte degli Ulivi è anche prolifico in siti e monumenti biblici. Alla base del suo pendio si trovano la Chiesa di tutti i Popoli e il Giardino del Getsemani. Accanto ad essa, in una grotta a lutto, è la tomba della Vergine Maria,

A metà altezza, possiamo vedere il bagliore delle tre cupole dorate della Chiesa ortodossa russa di Maria Maddalena, costruita nel 1888 da Alessandro III in memoria di sua madre.

Gerusalemme, Dio, Israele, Monastero di Maria Maddalena

Monastero di Maria Maddalena tra i cipressi alle pendici del Monte degli Ulivi

Il cimitero ebraico occupa buona parte del Monte degli Ulivi.

Aumentato fin dai tempi biblici dal desiderio degli ebrei di essere a Gerusalemme il Giorno del Giudizio, il suo infinito lego di depositi rocciosi scavati forma un paesaggio funerario autonomo, paragonabile solo - se molto più sorprendente - al cimitero musulmano adiacente al muro orientale di Suleiman. .

Si fa buio quando ammiriamo le case gialle e irregolari della Città Santa da un belvedere in cima al Monte degli Ulivi. Con ogni minuto che passa, il tramonto indora di più Gerusalemme.

Allo stesso tempo, un gruppo di ebrei Haredim, tutto travestito, prosegue con un incontro tra le tombe omogeneizzate dei loro antenati. La visione funge da preambolo visivo alla città.

Gli conferisce un ulteriore misticismo di cui godiamo con forte stupore fino a quando scende la notte e Gerusalemme viene consegnata al Dio adorato da tutti i suoi residenti e pellegrini.

gerusalemme dio, israele, città d'oro

Gerusalemme, disposta al di là delle antiche mura fatte ricostruire dal sultano ottomano Suleiman I, a partire dal 1537.

Il ritorno a Gerusalemme era ed è, per molti ebrei, il miglior compenso possibile per la diaspora.

Anche così, un passato di circa tremila anni ha dimostrato e dimostrato ancora una volta che, nella Città Santa, la storia è sempre controversa.

Non è mai solo scritto.

Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Armenia

La culla del cristianesimo ufficiale

A soli 268 anni dalla morte di Gesù, una nazione sarà diventata la prima ad abbracciare la fede cristiana per decreto reale. Questa nazione conserva ancora la propria Chiesa Apostolica e alcuni dei più antichi templi cristiani del mondo. Viaggiando attraverso il Caucaso, li visitiamo sulle orme di Gregorio l'Illuminatore, il patriarca che ispira la vita spirituale dell'Armenia.
Massada, Israele

Masada: l'ultima roccaforte ebraica

Nel 73 d.C., dopo mesi di assedio, una legione romana scoprì che i resistenti in cima a Masada si erano suicidati. Ancora una volta ebrea, questa fortezza è ora l'ultimo simbolo della determinazione sionista
Jaffa, Israele

proteste non ortodosse

Un edificio a Jaffa, Tel Aviv, minacciava di profanare quelle che gli ebrei ultra-ortodossi pensavano fossero vestigia dei loro antenati. E nemmeno la rivelazione che erano tombe pagane impediva loro di contestare.
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
Monte Sinai, Egitto

Forza nelle gambe e fede in Dio

Mosè ricevette i Dieci Comandamenti sulla vetta del monte Sinai e li rivelò al popolo di Israele. Oggi centinaia di pellegrini conquistano, ogni notte, i 4000 passi di quella dolorosa ma mistica ascesa.
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Mar Morto, Israele

Sopra l'acqua, nelle profondità della Terra

È il luogo più basso della superficie del pianeta e teatro di numerosi racconti biblici. Ma il Mar Morto è speciale anche per la concentrazione di sale che rende la vita impossibile ma sostiene chi vi si bagna.
San Giovanni d'Acri, Israele

La fortezza che ha resistito a tutto

Era un obiettivo frequente delle Crociate e fu preso e riconquistato più e più volte. Oggi, israeliano, Acri è condiviso da arabi ed ebrei. Vive in tempi molto più sereni e stabili di quelli che ha vissuto.
Tsfat (sicuro), Israele

Quando la Kabbalah è una vittima di se stessa

Negli anni '50, Tsfat ha riunito la vita artistica della giovane nazione israeliana e ha recuperato la sua mistica secolare. Ma famosi convertiti come Madonna vennero a turbare la più elementare discrezione cabalista.
Jaffa, Israele

Dove Tel Aviv si stabilisce sempre a festeggiare

Tel Aviv è famosa per la notte più intensa del Medio Oriente. Ma se i vostri ragazzi si divertono fino allo sfinimento nei locali della costa mediterranea, è sempre più nella vicina Vecchia Giaffa che si sposano.
Basilica del Santo Sepolcro, Gerusalemme, Israele

Il Tempio Supremo delle Chiese Antiche Cristiane

Fu costruito dall'imperatore Costantino sul luogo della crocifissione e risurrezione di Gesù e un antico tempio di Venere. Nella sua genesi, opera bizantina, la Basilica del Santo Sepolcro è oggi condivisa e contesa da diverse confessioni cristiane come il grande edificio unificatore della cristianità.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Chiesa coloniale di San Francesco d'Assisi, Taos, New Mexico, USA
Architettura & Design
Taos, EUA

Il Nord America ancestrale di Taos

Viaggiando attraverso il New Mexico, siamo rimasti abbagliati dalle due versioni di Taos, quella del villaggio indigeno di adobe di Taos Pueblo, uno dei villaggi della EUA abitato più a lungo e continuamente. E quella di Taos, la città che i conquistatori spagnoli lasciarono in eredità alla Messicoo Messico cedette a Stati Uniti e che una comunità creativa di discendenti nativi e artisti migranti migliora e continua a lodare.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Cerimonie e Feste
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
Bridgetown, città del ponte e capitale delle Barbados, spiaggia
Città
Bridgetown, Barbados

La città (del ponte) delle Barbados

Originariamente fondata come "Indian Bridge", accanto a una palude maleodorante, la capitale delle Barbados si è evoluta nella capitale delle British Windward Isles. I barbadiani lo chiamano "The City"”. È la città natale della ben più famosa Rihanna.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Celebrazione nahuatl
Cultura

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Creel, Chihuahua, Carlos Venzor, collezionista, museo
In viaggio
Chihuahua a Creel, Chihuahua, Messico

Sulla via di Creel

Con Chihuahua all'indietro, indichiamo il sud-ovest e le terre ancora più alte nel nord del Messico. Accanto a Ciudad Cuauhtémoc, abbiamo visitato un anziano mennonita. Intorno a Creel, abbiamo vissuto per la prima volta con la comunità indigena Rarámuri della Serra de Tarahumara.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
Etnico
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Ross Bridge, Tasmania, Australia
Storia
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Elafonisi, Creta, Grecia
Isole
Chania ad Elafonisi, Creta, Grecia

Gita in spiaggia in stile Creta

Alla scoperta dell'ovest del Cretan, lasciamo Chania, viaggiamo attraverso la gola di Topolia e attraverso gole meno marcate. Pochi chilometri dopo, raggiungiamo un angolo mediterraneo di acquarello e sogno, l'isola di Elafonisi e la sua laguna.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Residente a Nzulezu, Ghana
Natura
Nzulezu, Gana

Un villaggio a galla in Ghana

Partiamo dalla località balneare di Busua, verso l'estremità occidentale della costa atlantica del Ghana. A Beyin, deviiamo a nord verso il lago Amansuri. Lì troviamo Nzulezu, uno dei villaggi lacustri più antichi e genuini dell'Africa occidentale.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Cahuita, Costa Rica, Caraibi, spiaggia
Parchi Naturali
Cahuita, Costa Rica

Un ritorno adulto a Cahuita

Durante un tour con lo zaino in spalla in Costa Rica nel 2003, ci siamo dilettati nel calore caraibico di Cahuita. Nel 2021, dopo 18 anni, siamo tornati. Oltre a una prevista ma misurata modernizzazione e ispanizzazione del persone, poco altro era cambiato.
Torres del Paine, drammatica Patagonia, Cile
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
PN Torres del Paine, Cile

Il più drammatico della Patagonia

In nessun altro luogo le zone meridionali del Sud America sono così mozzafiato come nella catena montuosa del Paine. Lì, un forte naturale di colosso granitico circondato da laghi e ghiacciai si protende dal pampas e si sottomette ai capricci del tempo e della luce.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Mangrovie tra Ibo e Quirimba Island-Mozambico
Spiagge
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Religione
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Matrimoni a Jaffa, Israele,
Società
Jaffa, Israele

Dove Tel Aviv si stabilisce sempre a festeggiare

Tel Aviv è famosa per la notte più intensa del Medio Oriente. Ma se i vostri ragazzi si divertono fino allo sfinimento nei locali della costa mediterranea, è sempre più nella vicina Vecchia Giaffa che si sposano.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Animali selvatici
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.