Viti Levu, Fiji

L'improbabile condivisione dell'isola di Viti Levu


Tutti a bordo
I passeggeri delle Fiji e dell'Indo-Fiji condividono un autobus urbano dalla capitale Suva.
L'India lontana dall'India
I contadini indo-fiji vendono verdure al mercato di Ba.
superficie del sud pacifico
Costa idilliaca di un'isola al largo di Viti Levu.
suva rosa
I passanti passano sotto i portici colorati in una strada a Suva, la capitale delle Figi.
Viti Levu rurale
Contadino di origine indiana con due sue mucche nella campagna settentrionale di Viti Levu.
montagne rasate
Prime alture settentrionali di Viti Levu, ancora molto al di sotto degli altopiani interni di Nausori.
Nella comodità di casa
Giovane famiglia nella loro casa alla periferia di Suva.
Domicilio del paese
Casa rurale tra le palme nel nord-est di Viti Levu.
solito posto
Due giovani figiani riposano fuori da un negozio.
mare interno
Baia verde dell'entroterra sulla costa nord-orientale di Viti Levu.
Pascolo sotto gli alberi di cocco
La mucca pascola davanti a uno dei tanti palmeti di cocco a Viti Levu.
L'isola del tesoro delle Figi
Veduta aerea dell'isola del tesoro, una delle tante al largo della costa settentrionale delle Figi.
protezione materna
Madre e figlia etniche delle Fiji sotto un cappello da pioggia a colori.
Nuoto in acque calme
Gli indigeni fanno il bagno accanto a una barca a vela ormeggiata all'ingresso di Suva.
passeggero solitario
Un residente di Suva viaggia a bordo di un autobus colorato dalla capitale.
isola sommersa
Prospettiva aerea di un banco di sabbia al largo della costa settentrionale di Viti Levu.
bandito giovanile
I bambini delle Fiji improvvisano pose in un villaggio fuori Suva.
Percorso Suva Gaji Road
Un autobus sgargiante viaggia lungo una strada a Suva.
Scenario irrigato
Stretti meandri di un fiume fangoso a nord di Viti Levu.
Centro Commerciale Nadovi
Titolari di un piccolo negozio a Nadovi dal nome ambizioso.
Nel mezzo del Pacifico meridionale, una vasta comunità di discendenti indiani reclutati da ex coloni britannici e dalla popolazione indigena melanesiana ha diviso a lungo l'isola principale delle Fiji.

All'arrivo a Viti Levu, abbiamo trovato l'aeroporto di Nadi sovraccarico.

È pieno di famiglie dell'Oceania, desiderose di atterrare sui lettini dei resort offshore, ma anche di viaggiatori zaino in spalla rilassati e senza fretta.

Nadi si scontra con le immagini che la maggior parte dei visitatori occidentali porta nella loro mente. Predominano cemento e asfalto, interrotti solo da piccole radure di vegetazione tropicale contesa da stormi di corvidi dei tropici.

Nuovi arrivati ​​in questo ambiente urbano, siamo rimasti sorpresi di vedere come prospera la comunità indo-fijiana modernizzata delle Fiji. Innumerevoli autonoleggi, hotel e locande, negozi e ristoranti sono nelle mani di famiglie con parenti dimenticati nel subcontinente.

Hanno nomi che non lasciano dubbi: Singh Motel, Narwhal Tours o Shandilya Flowers.

Centro commerciale Nadovi, Condivisione dell'isola di Viti Levu, Figi

Titolari di un piccolo negozio a Nadovi dal nome ambizioso.

“Capiamo che per te è affascinante che siamo finiti qui così lontano, ma è stata una questione di destino…” Sharmila ci assicura, passando lo spolverino sul cruscotto del veicolo non preparato per le strade fangose ​​della interno, che stava per consegnarci. “Abbiamo da tempo una nuova realtà.

E ogni volta che le cose diventano più instabili da queste parti, la nostra mente si rivolge all'Australia o alla Nuova Zelanda, non all'India. Abbiamo membri della famiglia sia australiani che kiwi. Personalmente non mi dispiaceva muovermi affatto".

Casa indiana, condivisione dell'isola di Viti Levu, Figi

Casa rurale tra le palme nel nord-est di Viti Levu.

Fijiani indigeni melanesiani e indiani reclutati britannici

Oggi, la convivenza degli indo-fiji con i melanesiani più discreti dal punto di vista commerciale è spesso messa in discussione dagli interessi politici ed economici dei leader del paese.

Gli indo-figiani, più abili nell'arte del lobbying, vincono elezioni dopo elezioni, a volte in alleanza con rappresentanti delle Fiji. Ma troppo spesso, l'esercito prevalentemente delle Fiji rifiuta la sottomissione agli "invasori" e compie colpi di stato correttivi.

Dal 1987 ad oggi sono stati tre. Il primo causò l'espulsione - temporanea ma prolungata - delle Fiji dal Commonwealth. I successivi diedero quasi origine a guerre civili e nuove espulsioni dalla comunità anglofona.

Eppure la coesistenza politica di entrambe le etnie è una testimonianza viva e mutevole del passato coloniale delle Fiji.

I passeggeri delle Fiji e dell'Indo-Fiji condividono un autobus urbano dalla capitale Suva

A metà del XNUMX° secolo, i coloni inglesi si stavano già infiltrando in importanti sezioni del principali isole dell'arcipelago. A poco a poco, li hanno coperti con piantagioni di canna da zucchero, cotone e tabacco in cui hanno ridotto in schiavitù gli indigeni rapiti nelle odierne Isole Salomone e Vanuatu.

La canna da zucchero, in particolare, si espanse oltre misura e richiedeva sempre più tagliatori che i coloni non potevano più ottenere nelle isole circostanti poiché il lavoro schiavo era, nel frattempo, vietato in Gran Bretagna.

Contratti che hanno espatriato per sempre i lavoratori indiani

In alternativa, gli inglesi ricorsero all'inesauribile forza lavoro della Crown Jewel. Tra il 1879 e il 1916, oltre 60.000 indiani furono legalmente portati alle Fiji.

I contratti quinquennali stipulati erano stati inizialmente visti dai firmatari come benedizioni divine, ma questa percezione è cambiata a colpo d'occhio di fronte alla crudeltà del lavoro e alle misere condizioni di vita in generale, aggravate da lunghi mancati pagamenti e alloggi sovraffollati, condivisi da membri di caste e religioni diverse.

Dopo le scadenze, la maggior parte dei girmitya (girmit significa accordo) ha deciso o è stato costretto a rimanere nelle Fiji. Molte famiglie sono venute dall'India per unirsi a loro.

Suva, Condivisione dell'isola di Viti Levu, Figi

I passanti passano sotto i portici colorati in una strada a Suva, la capitale delle Figi

Le conseguenze di questa immigrazione forzata hanno alterato per sempre il panorama etnico del paese. Oggi, su quasi un milione di abitanti, le Fiji sono più del 40% indo-fiji.

Mentre guidiamo per Viti Levu, vediamo come, come contrappunto sociale ai cittadini indo-fiji di Nadi e Lautoka, piccoli nuclei rimangano nell'entroterra rurale.

Lavorano le terre che ancora esistono, fedeli alla loro esistenza originaria e alla cultura della madrepatria, che dista circa 11.000 km.

Contadino, Condivisione dell'isola di Viti Levu, Figi

Contadino di origine indiana con due sue mucche nella campagna settentrionale di Viti Levu.

India Lontano dall'India di Viti Levu

Come in alcune zone dell'India, per diffondere la propria fede ed evitare confusione, anche a Viti Levu segnano le famiglie indù le loro case con piccole bandiere rosse, mentre le donne musulmane le dipingono preferenzialmente con il verde e il bianco dell'Islam.

Nei mercati, le donne avvolte in sgargianti sari vendono frutta e verdura mentre gli uomini musulmani continuano a indossare i loro abiti salwaar-kameez.

I contadini indo-fiji vendono verdure al mercato di Ba.

Poco è cambiata la cucina, supportata da un'immancabile passione per i rotis serviti direttamente dai forni di casa, per i curry speziati accompagnati dal riso e seguiti dai tradizionali dolci mithai.

Anche il tempo libero continua a seguire le mode di Mumbai e New Delhi che le nuove tecnologie consentono ora di seguire con relativa facilità.

Quasi senza eccezioni, i cinema indù nelle principali città riproducono regolarmente i classici e le nuove hit di Bollywood e, nelle case dei loro fan, i DVD li riproducono più e più volte, così come le stridenti colonne sonore.

Queste e altre abitudini della comunità indo-fijiana hanno convissuto nel tempo con lo stile di vita originario dell'isola. Ma non tutti riconoscono o approvano la spartizione della nazione.

E i Fijiani melanesiani che furono costretti ad accogliere gli indiani

Una giovane coppia visibilmente melanesiana ci invita nella loro umile casa a nord di Suva. Lì, la conversazione porta alla conversazione, gli abbiamo chiesto se non ci sono indo-fijiani che vivono nel villaggio. Al che rispondono con un sorriso sulle labbra ma con determinazione: “In Suva, Nadi e Lautoka, succede anche questo, ma nei villaggi è raro.

Famiglia delle Fiji, condivisione dell'isola di Viti Levu, Fiji

Giovane famiglia nella loro casa alla periferia di Suva.

Di norma, viviamo tra i Fijiani, loro vivono tra gli Indo-Fiji. Anche tra loro ci sarebbero problemi se si mescolassero sconsideratamente. Possono essere indù o musulmani indo-fijiani.

allora sono Calcutta (dal nord dell'India) o madrassi (dal sud dell'India). E per finire, gli indù appartengono ancora a caste diverse. La verità è che è un miracolo che non ci sia più confusione tra loro e tra loro e noi”.

Oltre a partecipare insieme ad alcuni eventi sportivi, culturali e altre occasioni speciali, per molto tempo i due gruppi hanno avuto poca interazione. Le loro priorità educative, sociali ed economiche sono sempre state diverse.

Di conseguenza, gran parte dei Fijiani continua a considerare gli Indo-Fiji come vulagi, vale a dire, semplici intrusi. Di tanto in tanto gli animi si scaldano, ma i conflitti più comuni sono quelli politico-militari.

È chiaro che, man mano che la modernità si impadronisce del Paese, l'integrazione si rafforza e, anche se solo sotto forma di eccezioni, rimescola tutte le regole.

Madre e figlia, condividono l'isola di Viti Levu, Figi

Madre e figlia etniche delle Fiji sotto un ombrello a colori.

Le donne delle Fiji iniziarono a indossare gioielli e tessuti con motivi a sari. Anche alcune delle loro famiglie si sono lasciate contagiare dalla febbre di Bollywood al punto che alcuni recenti successi “indiani” sono stati registrati da artisti indigeni.

Questi, a loro volta, possono essere ascoltati nei bar dove i dipendenti delle Fiji servono bevande in ciotole di curry, come fa la comunità indo-fijiana nelle loro case.

E, come abbiamo visto, nel frattempo, dal bordo di Kings Road, in un pomeriggio piovoso, anche i giovani indo-fijiani si dedicano al rugby, fino a poco tempo fa un'eredità coloniale esclusiva degli indigeni.

Viti Levu, Fiji

Cannibalismo e capelli, vecchi passatempi di Viti Levu, Isole Fiji

Per 2500 anni, l'antropofagia ha fatto parte della vita quotidiana alle Fiji. Nei secoli più recenti, la pratica è stata adornata da un affascinante culto dei capelli. Per fortuna rimangono solo le vestigia dell'ultima moda.
Navala, Fiji

L'urbanistica tribale delle Figi

Le Fiji si sono adattate all'afflusso di viaggiatori con hotel e resort occidentalizzati. Ma negli altopiani di Viti Levu, Navala mantiene le sue capanne accuratamente allineate.
Pentecoste, Vanuatu

Naghol: Bungee Jumping senza modernità

A Pentecoste, nella tarda adolescenza, i giovani si lanciano da una torre con solo viti attaccate alle caviglie. Le corde elastiche e le imbracature sono pignoleria che non si addice a un'iniziazione all'età adulta.
Honiara e Gizo, Isole Salomone

Il Tempio sconsacrato delle Isole Salomone

Li nominò un navigatore spagnolo, desideroso di ricchezze come quelle del re biblico. Devastate dalla seconda guerra mondiale, da conflitti e disastri naturali, le Isole Salomone sono lontane dalla prosperità.
Lifou, Isole della Lealtà

La più grande fedeltà

Lifou è l'isola centrale delle tre che formano l'arcipelago semifrancese al largo della Nuova Caledonia. Col tempo, i nativi Kanak decideranno se vogliono che il loro paradiso sia indipendente dalla lontana metropoli.
Efate, Vanuatu

L'isola sopravvissuta "Survivor"

Gran parte di Vanuatu vive in uno stato benedetto post-selvaggio. Forse per questo, Reality show in cui competono aspiranti candidati Robinson Crusoe si stabilirono uno dopo l'altro sulla loro isola più accessibile e famigerata. Già un po' stordita dal fenomeno del turismo convenzionale, anche Efate ha dovuto resistergli.
Wala, Vanuatu

Cruzeiro à Vista, la Fiera Settles Arraiais

In gran parte di Vanuatu, i giorni dei "nobili selvaggi" del popolo sono alle spalle. In tempi incompresi e trascurati, il denaro ha guadagnato valore. E quando le grandi navi con i turisti arrivano al largo di Malekuka, i nativi si concentrano su Wala e sulla fatturazione.
Espirito Santo, Vanuatu

I misteriosi buchi blu dell'Espiritu Santo

L'umanità ha recentemente gioito con la prima fotografia di un buco nero. In risposta, abbiamo deciso di celebrare il meglio che abbiamo qui sulla Terra. Questo articolo è dedicato a buchi blu da una delle isole benedette di Vanuatu.
Viti Levu, Fiji

Isole ai margini delle isole Plantadas

Una parte sostanziale delle Fiji conserva le espansioni agricole dell'era coloniale britannica. Nel nord e al largo della grande isola di Viti Levu, ci imbattiamo anche in piantagioni che da tempo erano conosciute solo di nome.
Melbourne, Australia

Un'Australia "separata".

capitale culturale aussie, Melbourne è anche spesso votata come la città con la migliore qualità della vita al mondo. Quasi un milione di emigranti orientali ha approfittato di questa accoglienza immacolata.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Bay Watch Hut, Miami Beach, spiaggia, Florida, Stati Uniti,
Architettura & Design
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Corsa di cammelli, Festival del deserto, Dune di Sam Sam, Rajasthan, India
Cerimonie e Feste
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
Città
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
Cultura
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Da Chiang Khong a Luang Prabang, Laos, lungo il Mekong
In viaggio
Chiang Hong - Luang Prabang, Laos

Barca lenta, fiume Mekong sotto

La bellezza e il basso costo del Laos sono buoni motivi per navigare tra Chiang Khong e Luang Prabang. Ma questa lunga discesa del fiume Mekong può essere estenuante quanto pittoresca.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Etnico
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

mar morto, superficie dell'acqua, luogo più basso della terra, israele, riposo
Storia
Mar Morto, Israele

Sopra l'acqua, nelle profondità della Terra

È il luogo più basso della superficie del pianeta e teatro di numerosi racconti biblici. Ma il Mar Morto è speciale anche per la concentrazione di sale che rende la vita impossibile ma sostiene chi vi si bagna.
Kayak sul Lago Sinclair, Cradle Mountain - Parco Nazionale del Lago Sinclair, Tasmania, Australia
Isole
alla Scoperta di Tassiè, Parte 4 - Da Devonport a Strahan, Australia

Attraverso il selvaggio West della Tasmania

Se il quasi-antipode tazzie è già un mondo australiano a parte, che dire della sua inospitale regione occidentale. Tra Devonport e Strahan, fitte foreste, fiumi sfuggenti e una costa frastagliata battuta da un Oceano Indiano quasi antartico generano enigma e rispetto.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
Natura
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Nube lenticolare, Mount Cook, Nuova Zelanda
Parchi Naturali
Mount Cook, Nova Zelândia

Nubi del Monte Fura

Aoraki/Mount Cook può essere molto al di sotto del tetto del mondo, ma è la montagna più imponente e più alta della Nuova Zelanda.
Premio Kukenam
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Soufriere e Pitons, Saint Luci
Spiagge
Soufriere, Santa Lucia

Le Grandi Piramidi delle Antille

In piedi sopra una costa lussureggiante, le cime sorelle Chiodi sono il segno distintivo di Santa Lucia. Sono diventati così iconici che hanno un posto riservato nelle note di testa dei dollari dei Caraibi orientali. Accanto, i residenti dell'ex capitale Soufrière sanno quanto sia preziosa la loro vista.
Chiesa, Madonna, Vergine, Guadalupe, Messico
Religione
San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Festival di Kente Agotime, Ghana, oro
Società
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Rottnest Island, Wadjemup, Australia, Quokka
Animali selvatici
Wadjemup, isola di Rottnest, Australia

Tra i Quokka e altri Spiriti Aborigeni

Nel XNUMX° secolo, un capitano olandese soprannominò quest'isola circondata da un turchese Oceano Indiano, “Rottnest, un nido di topi”. I quokka che gli sfuggivano erano, tuttavia, marsupiali, considerati sacri dagli aborigeni Whadjuk Noongar dell'Australia occidentale. Come l'isola edenica su cui i coloni britannici li martirizzarono.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.