Viti Levu, Fiji

L'improbabile condivisione dell'isola di Viti Levu


Tutti a bordo
I passeggeri delle Fiji e dell'Indo-Fiji condividono un autobus urbano dalla capitale Suva.
L'India lontana dall'India
I contadini indo-fiji vendono verdure al mercato di Ba.
superficie del sud pacifico
Costa idilliaca di un'isola al largo di Viti Levu.
suva rosa
I passanti passano sotto i portici colorati in una strada a Suva, la capitale delle Figi.
Viti Levu rurale
Contadino di origine indiana con due sue mucche nella campagna settentrionale di Viti Levu.
montagne rasate
Prime alture settentrionali di Viti Levu, ancora molto al di sotto degli altopiani interni di Nausori.
Nella comodità di casa
Giovane famiglia nella loro casa alla periferia di Suva.
Domicilio del paese
Casa rurale tra le palme nel nord-est di Viti Levu.
solito posto
Due giovani figiani riposano fuori da un negozio.
mare interno
Baia verde dell'entroterra sulla costa nord-orientale di Viti Levu.
Pascolo sotto gli alberi di cocco
La mucca pascola davanti a uno dei tanti palmeti di cocco a Viti Levu.
L'isola del tesoro delle Figi
Veduta aerea dell'isola del tesoro, una delle tante al largo della costa settentrionale delle Figi.
protezione materna
Madre e figlia etniche delle Fiji sotto un cappello da pioggia a colori.
Nuoto in acque calme
Gli indigeni fanno il bagno accanto a una barca a vela ormeggiata all'ingresso di Suva.
passeggero solitario
Un residente di Suva viaggia a bordo di un autobus colorato dalla capitale.
isola sommersa
Prospettiva aerea di un banco di sabbia al largo della costa settentrionale di Viti Levu.
bandito giovanile
I bambini delle Fiji improvvisano pose in un villaggio fuori Suva.
Percorso Suva Gaji Road
Un autobus sgargiante viaggia lungo una strada a Suva.
Scenario irrigato
Stretti meandri di un fiume fangoso a nord di Viti Levu.
Centro Commerciale Nadovi
Titolari di un piccolo negozio a Nadovi dal nome ambizioso.
Nel mezzo del Pacifico meridionale, una vasta comunità di discendenti indiani reclutati da ex coloni britannici e dalla popolazione indigena melanesiana ha diviso a lungo l'isola principale delle Fiji.

All'arrivo a Viti Levu, abbiamo trovato l'aeroporto di Nadi sovraccarico.

È pieno di famiglie dell'Oceania, desiderose di atterrare sui lettini dei resort offshore, ma anche di viaggiatori zaino in spalla rilassati e senza fretta.

Nadi si scontra con le immagini che la maggior parte dei visitatori occidentali porta nella loro mente. Predominano cemento e asfalto, interrotti solo da piccole radure di vegetazione tropicale contesa da stormi di corvidi dei tropici.

Nuovi arrivati ​​in questo ambiente urbano, siamo rimasti sorpresi di vedere come prospera la comunità indo-fijiana modernizzata delle Fiji. Innumerevoli autonoleggi, hotel e locande, negozi e ristoranti sono nelle mani di famiglie con parenti dimenticati nel subcontinente.

Hanno nomi che non lasciano dubbi: Singh Motel, Narwhal Tours o Shandilya Flowers.

Centro commerciale Nadovi, Condivisione dell'isola di Viti Levu, Figi

Titolari di un piccolo negozio a Nadovi dal nome ambizioso.

“Capiamo che per te è affascinante che siamo finiti qui così lontano, ma è stata una questione di destino…” Sharmila ci assicura, passando lo spolverino sul cruscotto del veicolo non preparato per le strade fangose ​​della interno, che stava per consegnarci. “Abbiamo da tempo una nuova realtà.

E ogni volta che le cose diventano più instabili da queste parti, la nostra mente si rivolge all'Australia o alla Nuova Zelanda, non all'India. Abbiamo membri della famiglia sia australiani che kiwi. Personalmente non mi dispiaceva muovermi affatto".

Casa indiana, condivisione dell'isola di Viti Levu, Figi

Casa rurale tra le palme nel nord-est di Viti Levu.

Fijiani indigeni melanesiani e indiani reclutati britannici

Oggi, la convivenza degli indo-fiji con i melanesiani più discreti dal punto di vista commerciale è spesso messa in discussione dagli interessi politici ed economici dei leader del paese.

Gli indo-figiani, più abili nell'arte del lobbying, vincono elezioni dopo elezioni, a volte in alleanza con rappresentanti delle Fiji. Ma troppo spesso, l'esercito prevalentemente delle Fiji rifiuta la sottomissione agli "invasori" e compie colpi di stato correttivi.

Dal 1987 ad oggi sono stati tre. Il primo causò l'espulsione - temporanea ma prolungata - delle Fiji dal Commonwealth. I successivi diedero quasi origine a guerre civili e nuove espulsioni dalla comunità anglofona.

Eppure la coesistenza politica di entrambe le etnie è una testimonianza viva e mutevole del passato coloniale delle Fiji.

I passeggeri delle Fiji e dell'Indo-Fiji condividono un autobus urbano dalla capitale Suva

A metà del XNUMX° secolo, i coloni inglesi si stavano già infiltrando in importanti sezioni del principali isole dell'arcipelago. A poco a poco, li hanno coperti con piantagioni di canna da zucchero, cotone e tabacco in cui hanno ridotto in schiavitù gli indigeni rapiti nelle odierne Isole Salomone e Vanuatu.

La canna da zucchero, in particolare, si espanse oltre misura e richiedeva sempre più tagliatori che i coloni non potevano più ottenere nelle isole circostanti poiché il lavoro schiavo era, nel frattempo, vietato in Gran Bretagna.

Contratti che hanno espatriato per sempre i lavoratori indiani

In alternativa, gli inglesi ricorsero all'inesauribile forza lavoro della Crown Jewel. Tra il 1879 e il 1916, oltre 60.000 indiani furono legalmente portati alle Fiji.

I contratti quinquennali stipulati erano stati inizialmente visti dai firmatari come benedizioni divine, ma questa percezione è cambiata a colpo d'occhio di fronte alla crudeltà del lavoro e alle misere condizioni di vita in generale, aggravate da lunghi mancati pagamenti e alloggi sovraffollati, condivisi da membri di caste e religioni diverse.

Dopo le scadenze, la maggior parte dei girmitya (girmit significa accordo) ha deciso o è stato costretto a rimanere nelle Fiji. Molte famiglie sono venute dall'India per unirsi a loro.

Suva, Condivisione dell'isola di Viti Levu, Figi

I passanti passano sotto i portici colorati in una strada a Suva, la capitale delle Figi

Le conseguenze di questa immigrazione forzata hanno alterato per sempre il panorama etnico del paese. Oggi, su quasi un milione di abitanti, le Fiji sono più del 40% indo-fiji.

Mentre guidiamo per Viti Levu, vediamo come, come contrappunto sociale ai cittadini indo-fiji di Nadi e Lautoka, piccoli nuclei rimangano nell'entroterra rurale.

Lavorano le terre che ancora esistono, fedeli alla loro esistenza originaria e alla cultura della madrepatria, che dista circa 11.000 km.

Contadino, Condivisione dell'isola di Viti Levu, Figi

Contadino di origine indiana con due sue mucche nella campagna settentrionale di Viti Levu.

India Lontano dall'India di Viti Levu

Come in alcune zone dell'India, per diffondere la propria fede ed evitare confusione, anche a Viti Levu segnano le famiglie indù le loro case con piccole bandiere rosse, mentre le donne musulmane le dipingono preferenzialmente con il verde e il bianco dell'Islam.

Nei mercati, le donne avvolte in sgargianti sari vendono frutta e verdura mentre gli uomini musulmani continuano a indossare i loro abiti salwaar-kameez.

I contadini indo-fiji vendono verdure al mercato di Ba.

Poco è cambiata la cucina, supportata da un'immancabile passione per i rotis serviti direttamente dai forni di casa, per i curry speziati accompagnati dal riso e seguiti dai tradizionali dolci mithai.

Anche il tempo libero continua a seguire le mode di Mumbai e New Delhi che le nuove tecnologie consentono ora di seguire con relativa facilità.

Quasi senza eccezioni, i cinema indù nelle principali città riproducono regolarmente i classici e le nuove hit di Bollywood e, nelle case dei loro fan, i DVD li riproducono più e più volte, così come le stridenti colonne sonore.

Queste e altre abitudini della comunità indo-fijiana hanno convissuto nel tempo con lo stile di vita originario dell'isola. Ma non tutti riconoscono o approvano la spartizione della nazione.

E i Fijiani melanesiani che furono costretti ad accogliere gli indiani

Una giovane coppia visibilmente melanesiana ci invita nella loro umile casa a nord di Suva. Lì, la conversazione porta alla conversazione, gli abbiamo chiesto se non ci sono indo-fijiani che vivono nel villaggio. Al che rispondono con un sorriso sulle labbra ma con determinazione: “In Suva, Nadi e Lautoka, succede anche questo, ma nei villaggi è raro.

Famiglia delle Fiji, condivisione dell'isola di Viti Levu, Fiji

Giovane famiglia nella loro casa alla periferia di Suva.

Di norma, viviamo tra i Fijiani, loro vivono tra gli Indo-Fiji. Anche tra loro ci sarebbero problemi se si mescolassero sconsideratamente. Possono essere indù o musulmani indo-fijiani.

allora sono Calcutta (dal nord dell'India) o madrassi (dal sud dell'India). E per finire, gli indù appartengono ancora a caste diverse. La verità è che è un miracolo che non ci sia più confusione tra loro e tra loro e noi”.

Oltre a partecipare insieme ad alcuni eventi sportivi, culturali e altre occasioni speciali, per molto tempo i due gruppi hanno avuto poca interazione. Le loro priorità educative, sociali ed economiche sono sempre state diverse.

Di conseguenza, gran parte dei Fijiani continua a considerare gli Indo-Fiji come vulagi, vale a dire, semplici intrusi. Di tanto in tanto gli animi si scaldano, ma i conflitti più comuni sono quelli politico-militari.

È chiaro che, man mano che la modernità si impadronisce del Paese, l'integrazione si rafforza e, anche se solo sotto forma di eccezioni, rimescola tutte le regole.

Madre e figlia, condividono l'isola di Viti Levu, Figi

Madre e figlia etniche delle Fiji sotto un ombrello a colori.

Le donne delle Fiji iniziarono a indossare gioielli e tessuti con motivi a sari. Anche alcune delle loro famiglie si sono lasciate contagiare dalla febbre di Bollywood al punto che alcuni recenti successi “indiani” sono stati registrati da artisti indigeni.

Questi, a loro volta, possono essere ascoltati nei bar dove i dipendenti delle Fiji servono bevande in ciotole di curry, come fa la comunità indo-fijiana nelle loro case.

E, come abbiamo visto, nel frattempo, dal bordo di Kings Road, in un pomeriggio piovoso, anche i giovani indo-fijiani si dedicano al rugby, fino a poco tempo fa un'eredità coloniale esclusiva degli indigeni.

Viti Levu, Fiji

Cannibalismo e capelli, vecchi passatempi di Viti Levu, Isole Fiji

Per 2500 anni, l'antropofagia ha fatto parte della vita quotidiana alle Fiji. Nei secoli più recenti, la pratica è stata adornata da un affascinante culto dei capelli. Per fortuna rimangono solo le vestigia dell'ultima moda.
Navala, Fiji

L'urbanistica tribale delle Figi

Le Fiji si sono adattate all'afflusso di viaggiatori con hotel e resort occidentalizzati. Ma negli altopiani di Viti Levu, Navala mantiene le sue capanne accuratamente allineate.
Pentecoste, Vanuatu

Naghol: Bungee Jumping senza modernità

A Pentecoste, nella tarda adolescenza, i giovani si lanciano da una torre con solo viti attaccate alle caviglie. Le corde elastiche e le imbracature sono pignoleria che non si addice a un'iniziazione all'età adulta.
Honiara e Gizo, Isole Salomone

Il Tempio sconsacrato delle Isole Salomone

Li nominò un navigatore spagnolo, desideroso di ricchezze come quelle del re biblico. Devastate dalla seconda guerra mondiale, da conflitti e disastri naturali, le Isole Salomone sono lontane dalla prosperità.
Lifou, Isole della Lealtà

La più grande fedeltà

Lifou è l'isola centrale delle tre che formano l'arcipelago semifrancese al largo della Nuova Caledonia. Col tempo, i nativi Kanak decideranno se vogliono che il loro paradiso sia indipendente dalla lontana metropoli.
Efate, Vanuatu

L'isola sopravvissuta "Survivor"

Gran parte di Vanuatu vive in uno stato benedetto post-selvaggio. Forse per questo, Reality show in cui competono aspiranti candidati Robinson Crusoe si stabilirono uno dopo l'altro sulla loro isola più accessibile e famigerata. Già un po' stordita dal fenomeno del turismo convenzionale, anche Efate ha dovuto resistergli.
Wala, Vanuatu

Cruzeiro à Vista, la Fiera Settles Arraiais

In gran parte di Vanuatu, i giorni dei "nobili selvaggi" del popolo sono alle spalle. In tempi incompresi e trascurati, il denaro ha guadagnato valore. E quando le grandi navi con i turisti arrivano al largo di Malekuka, i nativi si concentrano su Wala e sulla fatturazione.
Espirito Santo, Vanuatu

I misteriosi buchi blu dell'Espiritu Santo

L'umanità ha recentemente gioito con la prima fotografia di un buco nero. In risposta, abbiamo deciso di celebrare il meglio che abbiamo qui sulla Terra. Questo articolo è dedicato a buchi blu da una delle isole benedette di Vanuatu.
Viti Levu, Fiji

Isole ai margini delle isole Plantadas

Una parte sostanziale delle Fiji conserva le espansioni agricole dell'era coloniale britannica. Nel nord e al largo della grande isola di Viti Levu, ci imbattiamo anche in piantagioni che da tempo erano conosciute solo di nome.
Melbourne, Australia

Un'Australia "separata".

capitale culturale aussie, Melbourne è anche spesso votata come la città con la migliore qualità della vita al mondo. Quasi un milione di emigranti orientali ha approfittato di questa accoglienza immacolata.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
dall'ombra
Architettura & Design
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
Percorso in conflitto
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Teatro di Manaus
Città
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
Chiesa Ortodossa Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia
Cultura
Bolshoi Zayatsky, Russia

Misteriose Babilonia russe

Una serie di labirinti a spirale preistorici fatti di pietre decorano l'isola Bolshoi Zayatsky, parte dell'arcipelago delle Solovetsky. Privati ​​di spiegazioni su quando sono stati eretti o cosa significano, gli abitanti di questi angoli settentrionali d'Europa li trattano come vaviloni.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Fuga da Seljalandsfoss
In viaggio
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
Promettere?
Etnico
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Uno degli edifici più alti di La Valletta, Malta
Storia
Valletta, Malta

I capitelli non si misurano con i palmi

Al momento della sua fondazione, l'Ordine dei Cavalieri Ospitalieri lo soprannominò "il più umile". Nel corso dei secoli, il titolo cessò di servirlo. Nel 2018, La Valletta è stata la più piccola Capitale Europea della Cultura di sempre e una delle più ricche di storia e straordinarie che si ricordino.
Isola di Saona, Repubblica Dominicana, Piscina di Playa Palmilla
Isole
Isola di Saona, Repubblica Dominicana

Una Savona nelle Antille

Durante il suo secondo viaggio nelle Americhe, Colombo sbarcò su un'incantevole isola esotica. La chiamò Savona, in onore di Michele da Cuneo, marinaio sabaudo che la vedeva come un elemento di spicco della maggiore Hispaniola. Oggi chiamata Saona, quest'isola è uno degli amati eden tropicali della Repubblica Dominicana.

Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Letteratura
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
Madu River: proprietario di una Fish SPA, con i piedi all'interno del laghetto dei pesci dottore
Natura
Fiume e laguna Madu, Sri Lanka

Nel corso sul buddismo singalese

Per aver nascosto e protetto un dente di Buddha, una minuscola isola della laguna di Madu ha ricevuto un suggestivo tempio ed è considerata sacra. O Maduganga immenso tutt'intorno, a sua volta, è diventato una delle zone umide più apprezzate dello Sri Lanka.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Garranos galoppa attraverso l'altopiano sopra Castro Laboreiro, PN Peneda-Gerês, Portogallo
Parchi Naturali
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda – Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Isola Principe, São Tomé e Principe
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Príncipe, São Tome e Principe

Viaggio al Retiro Nobre sull'Isola del Principe

150 km di solitudine a nord della matriarca São Tomé, l'isola di Príncipe sorge dal profondo Atlantico in un paesaggio brusco e vulcanico di una montagna ricoperta di giungla. A lungo chiusa nella sua natura tropicale mozzafiato e in un passato luso-coloniale contenuto ma commovente, questa piccola isola africana ospita ancora più storie da raccontare che visitatori da ascoltare.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Cahuita, Costa Rica, Caraibi, spiaggia
Spiagge
Cahuita, Costa Rica

Un ritorno adulto a Cahuita

Durante un tour con lo zaino in spalla in Costa Rica nel 2003, ci siamo dilettati nel calore caraibico di Cahuita. Nel 2021, dopo 18 anni, siamo tornati. Oltre a una prevista ma misurata modernizzazione e ispanizzazione del persone, poco altro era cambiato.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Tabatô, Guinea Bissau, tabanca Mandingo musicisti. Baidi
Società
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Animali selvatici
Valdez, Alaska

Sulla rotta dell'oro nero

Nel 1989 la petroliera Exxon Valdez provocò un enorme disastro ambientale. La nave ha smesso di solcare i mari, ma la città vittimizzata che le ha dato il nome continua sulla rotta del greggio dell'Oceano Artico.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.