Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa


pattuglia di rettili
L'alligatore tiene d'occhio i movimenti dei capibara e di altre possibili prede nelle vicinanze.
Cardinale do Banhado
Uno dei tanti uccelli vivaci che popolano la laguna di Iberá.
capibara o carpincho
Capibara semisommersi nell'acqua ricca di vegetazione anfibia della laguna di Iberá.
Iberá de Y Berá (acque splendenti)
Segnaletica ufficiale che identifica Laguna Iberá, una delle più grandi riserve d'acqua dolce del Sud America.
tono estivo
La fine giallastra della giornata conclude un altro torrido pomeriggio estivo nella regione della Laguna Iberá.
Da solo
Una coppia salpa da Pousada Laguna in canoa per un tour dei dintorni.
Chauna Torquata
Un trio di tachãs, chiamato anche in Brasile come inhuma-pocas, chajás, anhumas-do-swamp, tarrã (Rio Grande do Sul) e tachãs-do-sul.
ombre gemelle
Le palme formano sagome emblematiche del paesaggio subtropicale della Laguna Iberá.
Contadini della Pampa
I Gaucho lavorano nell'allevamento di bovini Swiss Agro.
un canale naturale
Il braccio della laguna che conduce all'ancoraggio di Pousada Laguna, vicino a Colónia Pellegrini.
tramonto in Ibera
Il sole tramonta dietro uno dei tanti palmeti che riempiono le isole al centro della Laguna Iberá.
Una comunità di stronzi
I cormorani condividono l'acqua calda della vasta laguna di Iberá.
Scimmie urlatrici o urlatrici
La guida ha fotografato uno stormo di scimmie urlatrici, note per i loro ululati.
Atterraggio perfetto
I cormorani si seccano al sole sui rami proiettati dal lago Iberá.
Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.

Domenica è spuntata l'alba nella capitale dell'ultima provincia dell'Argentina nord-orientale, Posadas.

La giornata non è stata proprio riposante. Non erano ancora le otto del mattino quando guidammo fuori città, guidati da Sancho, un giovane autista loquace e amante della musica pop latina.

Mezz'ora dopo la partenza, ci siamo accorti, in parte, perché ci aveva beccati in un Raccogliere dall'aspetto campestre, invecchiato e polveroso.

Asfalto finito. Abbiamo superato un rettilineo sterrato rosso, perso nell'immensità piatta dell'alta pampa, che sembrava lunga più di 100 km e che solo i successivi saliscendi e buche e le chiacchierare continuo è diventato meno monotono.

Era piena estate nell'emisfero australe.

Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, tramonto

La fine giallastra della giornata conclude un altro torrido pomeriggio estivo nella regione della Laguna Iberá.

Questa regione incuneata tra la punta più meridionale del Brasile e il misterioso Paraguay, era calda davanti agli occhi. "Credi che faccia caldo adesso?" il ragazzo al volante ci ha avvisato quasi indignato. "Questo è nulla. Da queste parti, a dicembre e gennaio, la temperatura raggiunge i 50º”.

Quando arrivammo a Colonia Pellegrini, poco dopo mezzogiorno, eravamo già passati dalle terre di Misiones a quelle meno verdeggianti di Corrientes.

Il calore continuava a salire. In modo tale che percepivamo il forte irraggiamento che saliva nell'aria e il letargo a cui quel forno metteva i pochi residenti al nostro passaggio.

Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Iberá de Y Berá (acque luminose)

Segnaletica ufficiale che identifica Laguna Iberá, una delle più grandi riserve d'acqua dolce del Sud America.

Fai il check-in a Colónia Pellegrini e ai margini di Esteros del Iberá

Questo non era il caso portena Doña Elsa, proprietaria di Posada de La Laguna, che oscillava tra un'accoglienza curiosa ma espansiva e lo svolgersi dei vari compiti del suo stabilimento situato ai margini della laguna di Iberá.

Dopo aver completato le solite presentazioni e spiegazioni, ci siamo sistemati in una stanza quasi sopra l'acqua dolce. Una campana suonata dalla casa principale ha soddisfatto il segnale comune previsto per il pranzo.

Avevamo programmato di lavorare sui computer dopo il pasto, ma l'intensità estiva di quelle soste ha avuto il suo pedaggio.

Ci ha costretto a un lungo pisolino di recupero.

Alle cinque e quaranta del pomeriggio il braciere si era spento. Una cameriera alta un metro e mezzo e lentigginosa che ci ha ricordato uno degli eccentrici personaggi di "Gatto nero, gatto bianco" bussato alla porta.

Ha annunciato in un ispanico liscio:

«Il signor Maximo vi aspetta per uscire in laguna. Ma prima, attraversa la casa. Fanno uno spuntino lì".

Entusiasta dell'incursione dei pionieri nel dominio del lago che ci aveva attratto da così lontano, abbiamo spedito i tè e le fette di torta e ci siamo diretti al molo da dove avremmo dovuto salpare.

Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, canoa in uscita

Una coppia salpa da Pousada Laguna in canoa per un tour dei dintorni.

Prima incursione nel Pantanal Esteros

Maximo era già tornato dal motore.

Contrariamente a quanto ci aspettavamo, aveva compagnia. Un'altra coppia di ospiti ancora più ansiosi aveva congedato lo spuntino ma non la prua della barca. Erano Fred e Lena. Lui austriaco, guida turistica di gruppo e fotografo naturalista, lei russa, modella.

Quando ci siamo sistemati, non ci è voluto molto per renderci conto della quantità gonfiata di attrezzatura fotografica che, insieme, abbiamo portato a bordo.

Il grassoccio Máximo ha colto l'occasione per rompere il ghiaccio dei primi momenti: “con quello che porti, non ti chiederò nemmeno delle aspettative. Immagino che se non vediamo il meglio di tutto, mi getteranno dagli alligatori".

Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore

L'alligatore tiene d'occhio i movimenti dei capibara e di altre possibili prede nelle vicinanze.

È stato subito confermato che non sarebbe stato necessario. La vastità di paludi, distese fangose, stagni, laghi stagnanti e letti di fiumi in cui navigavamo si estende per oltre 20.000 km2, 13.000 dei quali (il 14% della superficie della provincia di Corrientes) fanno parte della Riserva Naturale Iberá.

Esteros del Iberá, il Grande Pantanal dell'Argentina

È la più grande area protetta dell'Argentina e uno dei più importanti bacini d'acqua dolce del Sud America.

Ora, tutta quest'acqua fiancheggiata da terre, in confronto, elevata sulle rive dei fiumi Paraná (a ovest) e Uruguay (a est) è la vita.

Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Cormorani

I cormorani si seccano al sole sui rami proiettati dal lago Iberá.

Tanta vita.

Quando siamo entrati nella grande Iberá, lo scenario costellato di piante ed erbe acquatiche – in alcuni casi, vere e proprie isole galleggianti di canne, giacinti e ninfee – si è rivelato sontuoso.

Riparavano i cervi della pampa, branchi di capibara e di lontre, queste ultime controllate e inseguite da alligatori, caimani e anaconda furtive.

Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Capibara o carpincho

Capibara semisommersi nell'acqua ricca di vegetazione anfibia della laguna di Iberá.

Abbiamo anche visto aironi, colonie di svassi essiccati al sole e altri rapaci, innumerevoli pesci e anfibi, tra tante specie diverse di quel prodigioso ecosistema lacustre.

Tale biodiversità attrae e affascina biologi e fotografi da tutto il mondo che tornano anno dopo anno. È stato il caso di Fred che, come noi, ha puntato freneticamente i suoi teleobiettivi verso gli esemplari che più lo hanno ispirato a registrare.

Questa iperattività contrastava con la contemplazione rilassata ed elegante di Lena, Acqua e Sapone bionda escort della rude, quasi brutale, austriaca, colei che ci ha abbagliato con una confessione inaspettata: “Sono nata in Kamchatka, non so se lo sai?

Quasi notte Ritorno a Posada de la Laguna

È dall'altra parte del Russia. "

Sapendo, sapevamo anche, ma solo vedendo e leggendo, non eravamo mai stati lì. Come ogni viaggiatore che è sempre insoddisfatto dei luoghi in cui è stato, abbiamo sognato di esplorarlo il prima possibile, o non era uno dei regioni vulcaniche più remoto, indomabile e maestoso faccia della terra.

Siamo tornati al molo di Posada Laguna al tramonto. Il cielo sopra Iberá bruciava.

L'acqua si tingeva qua e là di un caldo azzurro, punteggiata dalle forme inquiete di centinaia di cormorani galleggianti, spaventati dall'intrusione tardiva e stridente della nave.

Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, cormorani

I cormorani condividono l'acqua calda della vasta laguna di Iberá.

Un'ora dopo lo sbarco, ci siamo riuniti a Fred, Lena e altri ospiti intorno a una cena che Doña Elsa aveva ordinato preparata secondo lo stile gastronomico che lo Chef figlio di un rinomato ristorante di Buenos Aires aveva creato per la locanda di famiglia.

Oggi Laguna è una delle poche attività ubicate sulle vaste sponde degli Esteros del Iberá, in gran parte intorno alla frazione carovaniera di Colonia Pellegrini.

Conquistatori, missionari e indigeni Guarani: una storia confusa

La regione non era sempre deserta. All'arrivo dei conquistatori spagnoli, nel XVI secolo, diversi gruppi subetnici Guarani o "Guaranizzati" popolarono con la forza queste regioni dopo travolgenti attacchi che si conclusero con spaventosi rituali cannibali.

Secondo gli anziani di Mercedes e Colónia Pellegrini, fino a poco dopo l'inizio del XX secolo si sentivano urla provenienti dalle zone più remote e ancora da scoprire dai coloni bianchi della laguna. Si presumeva, quindi, che fossero ancora abitate dai discendenti di questi indigeni.

Comunque sia, a causa dell'inaccessibilità della regione degli Esteros del Iberá, poche persone si stabilirono lì. Le missioni dei gesuiti arrivarono a dominare e operare in territori con limiti ravvicinati ma l'area allagata fu per lungo tempo considerata inabitabile.

In esso si rifugiarono i fuggiaschi. Da essa vivevano cacciatori e pescatori senza altre risorse.

Eravamo ancora alla ricerca di espressioni e immagini di quell'impressionante natura anfibia.

Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Tramonto a Iberá

Il sole tramonta dietro uno dei tanti palmeti che riempiono le isole al centro della Laguna Iberá.

Un primo raid

Il giorno successivo siamo partiti presto per una nuova rotta imbarcata in laguna, alla ricerca di un numero sempre maggiore di specie che vi continuavano a proliferare, senza grandi speranze di trovare i formichieri e i giaguari stanziali che, oltre ad essere scarse e sfuggenti, erano notturne.

Abbiamo raggiunto aree di grandi isole montuose piene di fitti palmeti dove le scimmie urlatrici saltavano e ululavano, agitate dalla visita inaspettata di un solitario cervo della pampa.

Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, scimmie urlatrici

La guida ha fotografato uno stormo di scimmie urlatrici, note per i loro ululati.

Le palme avevano poco a che fare con quelle che vedevamo in Portogallo.

Erano buritis, jataí e altri simili o più esotici del tipo indaiá.

Alcuni di quelli più alti servivano da punto di osservazione per diversi tachãs, uccelli endemici di queste parti dell'Argentina e del Brasile meridionale.

Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, virate, Chauna Torquata

Un trio di tachãs, chiamato anche in Brasile come inhuma-pocas, chajás, anhumas-do-swamp, tarrã (Rio Grande do Sul) e tachãs-do-sul.

Di ritorno dall'ultima incursione, Doña Elsa ci premia per l'entusiasmo che mettiamo nel nostro lavoro. Contemplaci con una notte in più alla locanda.

Abbiamo colto l'occasione per indagare altri angoli ancora più lontani della laguna, abbiamo dato un'occhiata alla strana Colonia Pellegrini e accompagnato un veterinario e un'équipe di gauchos durante un lungo vaccinazione di un allevamento di bovini chiamato Swiss Agro.

Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, gauchos

I Gaucho lavorano nell'allevamento di bovini Swiss Agro.

Tuttavia, abbiamo lasciato quella palude argentina. Abbiamo viaggiato più a sud della pampa infinita.

Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua

Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.
San Ignacio Mini, Argentina

Le Impossibili Missioni dei Gesuiti di San Ignacio Mini

nel secolo Nel XNUMX° secolo, i Gesuiti ampliarono un dominio religioso nel cuore del Sud America in cui convertirono gli indiani Guarani in missioni dei Gesuiti. Ma le Corone Iberiche hanno rovinato l'utopia tropicale della Compagnia di Gesù.
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Caño Negro , Costa Rica

Una vita di pesca tra la fauna selvatica

Una delle zone umide più importanti del Costa Rica e del mondo, Caño Negro abbaglia con il suo esuberante ecosistema. Non solo. Remoti, isolati da fiumi, paludi e strade dissestate, i suoi abitanti hanno trovato nella pesca a bordo una via per rafforzare i legami della loro comunità.
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Tortuguero: dalla giungla allagata al Mar dei Caraibi

Dopo due giorni di stallo a causa di piogge torrenziali, siamo partiti alla scoperta del Parco Nazionale del Tortuguero. Canale dopo canale, ammiriamo la ricchezza naturale e l'esuberanza di questo ecosistema fluviale in Costa Rica.
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Costa Rica e Tortuguero allagati

Il Mar dei Caraibi e i bacini di numerosi fiumi bagnano il nord-est della nazione tica, una delle zone più umide e ricche di fauna e flora dell'America centrale. Così chiamato perché nelle sue sabbie nere nidificano le tartarughe verdi, Tortuguero si estende, da lì nell'entroterra, per 312 km.2 della splendida giungla acquatica.
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
El Calafate, Argentina

I Nuovi Gaucho della Patagonia

Intorno a El Calafate, al posto dei soliti pastori a cavallo, incontriamo allevatori equestri gauchos e altri che esibiscono, per la gioia dei visitatori, la vita tradizionale della pampa dorata.
Salta e Jujuy, Argentina

Attraverso le Highlands dell'Argentina Deep

Un tour delle province di Salta e Jujuy ci porta alla scoperta di un paese senza segni di pampa. Immerse nella vastità andina, anche queste estremità dell'Argentina nord-occidentale furono perse nel tempo.
Mendoza, Argentina

Viaggio attraverso Mendoza, la grande provincia vinicola argentina

I missionari spagnoli si resero conto, nel XVI secolo, che l'area era destinata alla produzione del “sangue di Cristo”. Oggi la provincia di Mendoza è al centro della più grande regione vinicola dell'America Latina.
Ushuaia, Argentina

L'ultima delle città del sud

Il capoluogo della Terra del Fuoco segna la soglia meridionale della civiltà. Da Ushuaia partono numerose incursioni nel continente ghiacciato. Nessuna di queste avventure mordi e fuggi è paragonabile alla vita nella città definitiva.
Canale di Beagle, Argentina

Darwin e il Canale di Beagle: Sulla strada per l'evoluzione

Nel 1833 Charles Darwin salpò a bordo della "Beagle" attraverso i canali della Terra del Fuoco. Il suo passaggio attraverso questi confini meridionali ha plasmato la teoria rivoluzionaria da lui formulata della Terra e delle sue specie
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Perito Moreno, Argentina

Il ghiacciaio che resiste

Il riscaldamento dovrebbe essere globale, ma non va dappertutto. In Patagonia alcuni fiumi di ghiaccio resistono, di tanto in tanto l'avanzata del Perito Moreno provoca frane che bloccano l'Argentina
El Chalten, Argentina

L'appello del granito della Patagonia

Due montagne rocciose hanno innescato una disputa sul confine tra Argentina e Cile. Ma questi paesi non sono gli unici contendenti: i monti Fitz Roy e Torre hanno attratto a lungo scalatori irriducibili.
Il fiume Zambesi, PN Mana Pools
Safari
Kanga Pan, Mana Pools NP, Zimbabwe

Una fonte perenne di fauna selvatica

Una depressione situata 15 km a sud-est del fiume Zambesi trattiene acqua e minerali durante la stagione secca dello Zimbabwe. Kanga Pan, come è noto, nutre uno degli ecosistemi più prolifici nell'immenso e meraviglioso Parco Nazionale di Mana Pools.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Fogli da Bahia, Eternal Diamonds, Brasile
Architettura & Design
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Isola di Miyajima, Shintoismo e Buddismo, Giappone, Porta dell'Isola Santa
Cerimonie e Feste
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
panoramico, Saint Pierre, Martinica, Antille francesi
Città
Saint-Pierre, Martinique

La città che risorge dalle ceneri

Nel 1900, la capitale economica delle Antille era invidiata per la sua raffinatezza parigina, finché il vulcano Pelée non la carbonizzò e la seppellì. Più di un secolo dopo, Saint-Pierre si sta ancora rigenerando.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Saida Ksar Ouled Soltane, festa di ksour, tataouine, tunisia
Cultura
Tataouine, Tunisia

Festival of the Ksour: castelli di sabbia che non crollano

Gli ksour furono costruiti come fortificazioni dai berberi del Nord Africa. Hanno resistito alle invasioni arabe ea secoli di erosione. Il Festival Ksour rende loro un doveroso omaggio ogni anno.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
In viaggio
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Spaventoso
Etnico

Ambergris Caye, Belize

Parco giochi del Belize

Madonna l'ha cantata come La Isla Bonita e ha rafforzato il motto. Oggi, né gli uragani né i litigi politici scoraggiano i VIP e i vacanzieri benestanti dal godersi questa vacanza tropicale.

Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Little Big Senglea II
Storia
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Santiago, isola, Capo Verde, São Jorge dos Órgãos
Isole
Santiago, Capo Verde

Santiago dal basso verso l'alto

Con sede nella capitale capoverdiana di Praia, esploriamo il suo predecessore pionieristico. Dal centro storico, viaggeremo lungo la splendida dorsale montuosa di Santiago, fino alla cima aperta di Tarrafal.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Palazzo Balestrand, Norvegia
Natura
Balestrand, Norvegia

Balestrand: una vita tra i fiordi

I villaggi sulle pendici dei canyon in Norvegia sono comuni. Balestrand è all'ingresso delle tre. Le sue ambientazioni si distinguono dal resto in modo tale da aver attratto pittori famosi e continuano a sedurre viaggiatori incuriositi.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Donna di Atacama, Vita sull'orlo, Deserto di Atacama, Cile
Parchi Naturali
deserto di Atacama, Cile

La vita ai margini del deserto di Atacama

Quando meno previsto, il luogo più arido del mondo svela nuovi scenari extraterrestri al confine tra l'inospitale e l'accogliente, lo sterile e il fertile che i nativi sono abituati ad attraversare.
Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Tarrafal, Santiago, Capo Verde, Baia di Tarrafal
Spiagge
Tarrafal, Santiago, Capo Verde

Il Tarrafal della Libertà e della Slow Life

Il villaggio di Tarrafal delimita un angolo privilegiato dell'isola di Santiago, con le sue poche spiagge di sabbia bianca. Chi ne rimane incantato trova ancora più difficile comprendere l'atrocità coloniale del vicino campo di prigionia.
Contadino, Majuli, Assam, India
Religione
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Sostituzione lampadine, centrale idroelettrica Itaipu watt, Brasile, Paraguay
Società
Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu, Brasile

Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu: febbre da watt

Nel 1974 migliaia di brasiliani e paraguaiani si sono incontrati nella zona di costruzione della diga più grande del mondo. 30 anni dopo il completamento, Itaipu genera il 90% dell'energia del Paraguay e il 20% di quella brasiliana.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Animali selvatici
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.