Cartagena delle Indie, Colombia

La città desiderata


Nazionalismo colorato
Un residente passa davanti a un'enorme bandiera colombiana da Castillo de San Filipe.
riposo a scacchi
L'ospite riposa nel cortile di un hotel coloniale.
Bersaglio di tutti i cannoni
Il Castillo San Filipe, punto di vista degli innumerevoli attacchi dei pirati che solcavano le acque del Mar dei Caraibi.
supremazia ecclesiastica
Cupole di chiese e cattedrali viste dall'alto del muro che circonda il centro storico di Cartagena.
alla ricerca di passeggeri
La carrozza viaggia attraverso un vicolo luminoso a Cartagena, alla fine della giornata.
lampadario erotico
Il dipendente lucida la statua "La Gorda Gertrudis" di Fernando Botero, meglio noto come La Gordita.
rampa di lancio
I residenti fanno volare gli aquiloni dalle mura di Cartagena.
trasporto popolare
Chiva (vecchio bus) in procinto di lasciare la zona murata di Cartagena.
notizie fresche
Polizia e venditori esaminano un articolo di giornale.
attraversamento
Il venditore di gelati passa su un ponte che unisce due sezioni delle mura di Cartagena.
piattaforma
Venditore di frutta (palnquera) in costumi tipici.
Cancello dell'orologio
La Porta del Reloj è, oggi, uno dei principali accessi all'interno della città murata.
Balconi e balconi
Balconi tipici di Cartagena de Indias.
trasporto coniugale
Gli sposi viaggiano a bordo di un buggy in un vicolo cittadino.
Torre dell'Orologio
Particolare della Puerta del Reloj, con la sua torre staccata dalle mura.
ancora un giro
La carrozza ha appena lasciato Puerta del Reloj, il solito punto di partenza.
Maurizio Barreras
La guida ed ex attore Maurício Barreras, che una volta ha recitato al fianco di Marlon Brando nel film "La Quemada"
Avanti, solo il Mar dei Caraibi
Il vecchio autobus tipico (chiva) lascia la zona murata del centro storico di Cartagena.
Parcheggio Carrozze
Le carrozze parcheggiate vicino alla Puerta del Reloj attendono i passeggeri.
Folclore caraibico
Mostra di danza in Plaza de Cartagena.
Molti tesori sono passati da Cartagena prima della consegna alla corona spagnola, più dei pirati che hanno cercato di depredarli. Oggi le mura proteggono una città maestosa sempre pronta a "rumbe".

Maurício Barrera ripete ancora, sotto il cappello di paglia: “ustés no lo saben pêro… yo soia attore! 🇧🇷Partecipa it La Queimada, con Marlon Brando girato qui a Cartagena…”. Sebbene la carriera sia stata breve, implica che ci sarebbe dovuto essere un nascondiglio per le foto che avremmo scattato.

Il film citato è “Le Bruciare“, realizzato nel 1969 da Gillo Pontecorvo. Marlon Brando interpreta Sir William Walker, un mercenario chiamato a Quemada, l'isola delle Antille, per fomentare una ribellione di schiavi contro il dominio portoghese e favorire i mercanti di zucchero britannici.

È solo una delle numerose testimonianze del lungo passato letterario e cinematografico della città, le cui strade, piazze ed edifici coloniali sono l'ambientazione perfetta per gli innumerevoli film d'epoca e nuovi adattamenti in corso di realizzazione.

attraversamento

Il venditore di gelati passa su un ponte che unisce due sezioni delle mura di Cartagena.

Una città tropicale, coloniale e desiderata dal 7° art

Sono buoni esempi”.La missione”. E il più recente"L'amore ai tempi del colera” tratto dall'omonimo romanzo di Gabriel García Marquéz, scrittore e personaggio che si è rivelato controverso in Colombia e Cartagena (dove aveva una casa) come lo era Saramago in Portogallo.

I battagli praticamente non si fermano.

Benjamin Bratt, Javier Bardem, John Leguizamo e Fernanda Montenegro, tra molti altri del cast del film, avevano lasciato Cartagena de Indias qualche mese fa e John Malkovich stava già passeggiando con la sua famiglia e i suoi amici sui muri di Ciudad Vieja, noi stimato che a causa di qualche nuovo progetto cinefilo.

Accanto, Thierry Forte, ci informa con un inconfondibile accento gallico, del suo hotel La Passion: “…siamo pieni, abbiamo la squadra de “L'Homme de Chevet…” “…sei un nuovo film francese con Sophie Marceau e Cristopher Lambert. Saben quién figlio, no? ... ".

Anche nella storia reale, Cartagena de Indias è sempre stata una città desiderabile.

riposo a scacchi

L'ospite riposa nel cortile di un hotel coloniale.

La Fondazione per quasi mezzo millennio del conquistatore Pedro de Herédia

Nel 1533 il conquistatore spagnolo Pedro de Herédia salpò per un'immensa baia che, in un precedente viaggio, era sembrata “perfetta per le navi” al “collega” Rodrigo de Bastidas. Nell'esatta posizione di un villaggio di Kalamarí fondò Cartagena de Indias, dal nome dell'omonimo porto della regione di Murcia.

La posizione privilegiata della città, vicino alla confluenza centroamericana dell'Oceano Pacifico con l'Atlantico, ne fece uno dei principali avamposti coloniali ispanici dalle sue origini alla fine del XVII secolo.

Dopo un breve viaggio via terra, metalli preziosi, principalmente oro e argento provenienti da Nueva Granada, Perù e altre parti lontane del Pacifico furono caricati lì su galeoni per il viaggio atlantico verso i porti spagnoli, quasi sempre via L'Avana.

Nazionalismo colorato

Un residente passa davanti a un'enorme bandiera colombiana da Castillo de San Filipe.

Oppure, come accadde in seguito, si trasformò in dollari che furono distribuiti in tutto l'impero.

Divenne anche un porto per il commercio di schiavi. È qualcosa che risalta oggi nelle carnagioni scure e mulatte della maggior parte dei Cartageneros, nella loro musica, nei riti e rituali di origine africana praticati nei palenques (villaggi fuggitivi) circostanti.

piattaforma

Venditore di frutta (palnquera) in costumi tipici.

Cartagena e Veracruz (Messico) erano, infatti, le uniche due città ispaniche che potevano svolgere questo tipo di commercio. Ed era la società portoghese Cacheu la principale responsabile della fornitura di neri Venezuela, Indie occidentali, Nuovo Regno di Granada e Virreinato de Perú.

La crescente fama di Cartagena de Indias ne fece un obiettivo primario per pirati e corsari che pattugliavano il Mar dei Caraibi.

Solo trent'anni dopo la sua fondazione subì una lunga serie di assedi, attacchi e saccheggi.

Il francese Robert Baal ha aperto la saga. Seguì Martin Cote. Mesi dopo, fu la volta di un incendio a cogliere di sorpresa la città. Quest'ultima disgrazia ha ispirato la creazione dei primi vigili del fuoco delle Americhe, eccezionale tra i suoi meno di 2000 abitanti.

lampadario erotico

Il dipendente lucida la statua “La Gorda Gertrudis” di Fernando Botero, meglio noto come La Gordita.

I pirati e i corsari che non hanno saputo resistere a Cartagena de Indias

Recuperati dalle macerie, riportati allo splendore, diversi pirati inglesi e francesi tornarono alla carica.

Nel 1568 John Hawkins chiese al governatore di Cartagena il permesso di allestire una fiera straniera nella città con il vero scopo di dominarla dall'interno. Richiesta rifiutata. Finì per assediarla, senza successo.

Francis Drake – nipote di Hawkins, entrambi successivamente proclamati Sir – optò per semplificare i processi: arrivò con una flotta gigantesca e conquistò Cartagena in tre volte e costrinse il governatore e l'arcivescovo all'epoca a pagare 107.000 dollari spagnoli all'epoca (del valore di circa 150 milioni di euro) in riscatto.

Con la casa derubata, la corona spagnola mise a disposizione mondi e fondi per mettere le serrature alle porte e assunse importanti ingegneri militari europei ai quali commissionò la costruzione di nuove mura e fortezze, un progetto che sarebbe diventato noto come “Situado”.

Bersaglio di tutti i cannoni

Il Castillo San Filipe, punto di vista degli innumerevoli attacchi dei pirati che solcavano le acque del Mar dei Caraibi.

La migliore città murata di tutto il Sud America

Il costo del lavoro è cresciuto in modo esponenziale. Tra il 1751 e il 1810 raggiunse l'incredibile cifra di 22 milioni di dollari spagnoli, circa 1,5 trilioni di euro.

Le difese però non aumentarono abbastanza da compiacere Carlo III di Spagna, il quale, guardando alla spesa, gridò nel suo ormai famoso stile ironico: “È rivoltante! Per questo prezzo, quei castelli dovrebbero essere visti da qui!” (riferendosi alla sua corte in Spagna).

Nonostante il dispiacere del monarca, Cartagena de Indias divenne considerata impossibile da prendere e le sue mura sono, ancora oggi, le più grandi del continente.

inoltrare

Il vecchio autobus tipico (chiva) lascia la zona murata del centro storico di Cartagena.

Ora ospitano il città vecchia dell'invasione urbanistica che sta avvenendo, proprio accanto, proprio in una delle zone dove i cannoni di Castillo de San Felipe affondarono le navi nemiche.

La moderna vita colombiana che circondava Cartagena de Indias

Dal 1980 i grattacieli si stanno allargando e chiudendo l'orizzonte dietro il Boca Grande, si dice nelle strade che con i soldi bianchi del narcotraffico. La massiccia concentrazione di investimenti turistici in quest'area periferica ha finito per salvare il centro storico.

ancora un giro

La carrozza ha appena lasciato Puerta del Reloj, il solito punto di partenza.

Lì, nei fine settimana, famiglie numerose e coppie camminano avanti e indietro lungo le rive.

Apprezzano le viste interne ed esterne come la Plaza de los Coches e le piccole flotte di pescherecci nel Mar dei Caraibi, sempre sovralimentate da fregate e stormi di pellicani opportunisti.

Alcune aree più ampie delle pareti fungono anche da trampolino di lancio per centinaia di coloratissimi aquiloni (kissers), uno dei passatempi pomeridiani preferiti della cartageneri minore.

rampa di lancio

I residenti fanno volare gli aquiloni dalle mura di Cartagena.

Intorno agli anni Quaranta, la Colombia si rese conto che la sua vieja Cartagena era una delle città coloniali meglio conservate del mondo, iniziò a restaurarlo e promuoverlo.

Ha imposto ai residenti le regole intransigenti dell'UNESCO che vietavano le antenne paraboliche sui tetti e sottoponevano la gente del posto alla tirannia delle soap opera sudamericane e agli innumerevoli "regni" della bellezza.

Il guadagno è durato un po', ma nel 1984 è diventato Patrimonio dell'Umanità con il prezioso contributo dell'Università di Venezia, che ha contribuito a recuperare l'architettura originaria.

Balconi e balconi

Balconi tipici di Cartagena de Indias.

Cartagena, una splendente città coloniale ma non troppo

Ancora lontana dal perfetto restauro – che ne protegge solo l'anima – Cartagena conta oggi un milione di abitanti ed è la quinta città della Colombia. Continua a imporre il peso schiacciante della sua storia.

Le strade sono strette e lunghe, delimitate da imponenti edifici secolari, a due, tre e anche quattro piani, di cui spiccano le torri dell'Iglésia de Santo Domingo e la Cattedrale.

supremazia ecclesiastica

Cupole di chiese e cattedrali viste dall'alto del muro che circonda il centro storico di Cartagena.

Si intersecano in un'ampia griglia che contiene quattro quartieri distinti: El Centro, San Diego, La Matuna e Getsemani, dove vivevano gli schiavi. Inoltre rende omaggio con i segnali stradali a tutte le figure del suo passato, ai paesi vicini, alle battaglie e ai monumenti colombiani.

Qua e là, queste strade conducono a piazze inaspettate che si adattano al layout e accolgono statue bruciate dal sole quasi equatoriale: quella de los Coches, quella de la Aduana e, ovviamente, quella di Bolívar. Niente come un museo, però.

La vita genuina e la celebrazione di Cartagena de Indias

Nonostante i turisti, la vita a Cartagena è molto seria. Il traffico circola liberamente fino al tardo pomeriggio quando le carrozze prendono il controllo delle strade. Università, scuole di ballo e di musica animano strade e vicoli.

Mostra di danza in Plaza de Cartagena.

Qua e là compaiono lavori e costruzioni rumorose e si sente la frenesia delle mille e una attività locali, dagli eleganti hotel e boutique ai venditori spontanei di chiamate telefoniche, fijo e nazionale, i mestieri dei Boveda e le imprese dell'oscuro Portal de los Dulces.

Dopo il crepuscolo, il rumba – leggi festa – conquista la città.

Qualunque sia il giorno della settimana, i suoi innumerevoli ristoranti e bar seducono con frizzanti ritmi latinoamericani mescolati con il solito 90% di umidità ambientale e, molto spesso, pioggia calda.

Se il weekend è alle porte, Cartagenos sa già in anticipo come recuperare le energie spese.

Le carrozze parcheggiate vicino alla Puerta del Reloj attendono i passeggeri.

La cosa migliore da fare è dirigersi verso la vicina Islas del Rosário, un arcipelago-rifugio situato a soli 40 minuti di motoscafo, nel mezzo del Mar dei Caraibi.

Campeche, Messico

Campeche A proposito di Can Pech

Come accadde in tutto il Messico, arrivarono, videro e conquistarono i conquistadores. Can Pech, la città Maya, contava quasi 40 abitanti, palazzi, piramidi e un'architettura urbana esuberante, ma nel 1540 sopravvissero meno di 6 indigeni. Sulle rovine gli spagnoli costruirono Campeche, una delle città coloniali più imponenti delle Americhe.
Valletta, Malta

I capitelli non si misurano con i palmi

Al momento della sua fondazione, l'Ordine dei Cavalieri Ospitalieri lo soprannominò "il più umile". Nel corso dei secoli, il titolo cessò di servirlo. Nel 2018, La Valletta è stata la più piccola Capitale Europea della Cultura di sempre e una delle più ricche di storia e straordinarie che si ricordino.
Santa Marta e PN Tayrona, Colombia

Il paradiso da cui partì Simón Bolívar

Alle porte di PN Tayrona, Santa Marta è la più antica città ispanica abitata continua in Colombia. In esso, Simón Bolívar iniziò a diventare l'unica figura del continente venerata quasi quanto Gesù Cristo e la Vergine Maria.
Fortezze

Il mondo in difesa - Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Colonia di Sacramento, Uruguay

Colonia del Sacramento: l'eredità uruguaiana di una navetta storica

La fondazione della Colónia do Sacramento da parte dei portoghesi ha generato conflitti ricorrenti con i rivali ispanici. Fino al 1828, questa piazza fortificata, oggi sedativa, cambiò lato innumerevoli volte.
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Isole del mais-Isole del mais, Nicaragua

puro caraibico

Ambienti tropicali perfetti e la vita genuina degli abitanti sono gli unici lussi disponibili nelle cosiddette Corn Islands o Corn Islands, un arcipelago sperduto nelle propaggini centroamericane del Mar dei Caraibi.
Tataouine, Tunisia

Festival of the Ksour: castelli di sabbia che non crollano

Gli ksour furono costruiti come fortificazioni dai berberi del Nord Africa. Hanno resistito alle invasioni arabe ea secoli di erosione. Il Festival Ksour rende loro un doveroso omaggio ogni anno.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
dall'ombra
Architettura & Design
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Big Freedia e buttafuori, Fried Chicken Festival, New Orleans
Cerimonie e Feste
New Orleans, Louisiana, Stati Uniti

Big Freedia: in Modo Bounce

New Orleans è la culla del jazz e dei suoni jazz e risuona nelle sue strade. Come previsto, in una città così creativa emergono nuovi stili e atti irriverenti. Visitando il Big Easy, ci siamo avventurati alla scoperta dell'hip hop di Bounce.
Luderitz, Namibia
Città
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
Cultura
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
In viaggio
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
Etnico
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

DMZ, Corea del Sud, Linea di non ritorno
Storia
ZDM, Dora - Corea del Sud

La linea del non ritorno

Una nazione e migliaia di famiglie furono divise dall'armistizio nella guerra di Corea. Oggi, mentre i turisti curiosi visitano la DMZ, molte delle fughe dei nordcoreani oppressi finiscono in tragedia.
Vista aerea di Moorea
Isole
Moorea, Polinesia Francese

La sorella polinesiana che qualsiasi isola vorrebbe avere

A soli 17 km da Tahiti, Moorea non ha una sola città e ospita un decimo degli abitanti. I tahitiani osservano il tramonto da molto tempo e trasformano l'isola accanto in una sagoma nebbiosa, solo per restituirle, ore dopo, i suoi colori e le sue forme esuberanti. Per chi visita queste parti lontane del Pacifico, conoscere Moorea è un doppio privilegio.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Natura
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parchi Naturali
ghiacciai

Pianeta blu-ghiacciato

Si formano ad alte latitudini e/o altitudini. In Alaska o in Nuova Zelanda, in Argentina o in Cile, i fiumi di ghiaccio sono sempre impressionanti visioni di una Terra tanto gelida quanto inospitale.
Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Controllo corrispondenza
personaggi
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Soufriere e Pitons, Saint Luci
Spiagge
Soufriere, Santa Lucia

Le Grandi Piramidi delle Antille

In piedi sopra una costa lussureggiante, le cime sorelle Chiodi sono il segno distintivo di Santa Lucia. Sono diventati così iconici che hanno un posto riservato nelle note di testa dei dollari dei Caraibi orientali. Accanto, i residenti dell'ex capitale Soufrière sanno quanto sia preziosa la loro vista.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Religione
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Intervento della Polizia, Ebrei Utraortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele
Società
Jaffa, Israele

proteste non ortodosse

Un edificio a Jaffa, Tel Aviv, minacciava di profanare quelle che gli ebrei ultra-ortodossi pensavano fossero vestigia dei loro antenati. E nemmeno la rivelazione che erano tombe pagane impediva loro di contestare.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Animali selvatici
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.