Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda – Gerês


corsa di cavalli
Mandria di Garranos galoppa sull'altopiano sopra Castro Laboreiro, con la Galizia in vista.
E-P
Il punto di riferimento del granito segna un punto di incontro tra Portogallo e Spagna.
scorcio di persone
Le case di Castro Laboreiro oltre la rupe che ospitava l'antico castello dell'attuale villaggio.
Sara e Ramon
Dª Sara Domingues e Ramon, un cane castro-laboreiro, ad Aldeia de Pontes, un villaggio di Inverneira sotto Castro Laboreiro.
Pseudo-capre di montagna
Le capre domestiche con comportamento da montagna si rinfrescano in una giornata afosa sulle scogliere sopra Castro Laboreiro.
puro canyoning
João Barroso scivola lungo la Ribeira da Varziela davanti a un gruppo di ospiti spagnoli.
persone più vicine
Le case del centro storico di Castro Laboreiro, in lontananza, per lo più realizzate in granito e tegole rossastre.
mani che lavorano
Le mani rurali riposano su un manico di zappa.
Tra colline e valli
Il visitatore contempla lo scenario selvaggio dei monti Peneda e Laboreiro.
Castro-Laboreiro
Ramon, un cane autoctono castro-laboreiro, all'ingresso di una delle case di Aldeia de Pontes.
fine della giornata
Tramonto esuberante sopra la catena montuosa di Peneda e il villaggio di Castro Laboreiro.
tradizione III
Sara Domingues, vestita in stile castrista ad Aldeia de Pontes.
Safari in asfalto
Una mandria di vacche cachena su una strada a Castro Laboreiro blocca il traffico.
Persone (ancora) più vicine
Tetti del centro storico di Castro Laboreiro, antico villaggio nell'estremo nord del Portogallo.
Fine giornata II
Ocaso riempie di colore la silhouette di Serra da Peneda.
Nª Sª di (LA) Numão
Il pulpito esterno in granito della Cappella della Senhora de Anumão, dove gli sposi dall'esterno chiedevano la mano delle fanciulle della terra. nbsp;
incroci unici
Sara Wong attraversa il Ponte de Dorna, uno dei numerosi ponti di origine romana o addirittura celtica nella regione di Peneda-Gerês.
fauna rupestre locale
Pietra della tartaruga, strano spettacolo geologico sul sentiero che porta al forte del villaggio.
c278b442-c070-40bd-84c9-db8070b58470
Le case di tegole rosse di Castro Laboreiro.
Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.

Sono le otto e mezza del mattino. Da tempo ormai l'alba estiva si impone sulle montagne che circondano Castro Laboreiro e incoraggia i castrejos a riprendere il loro lavoro.

Avevamo una precisa missione mattutina: conquistare il forte collinare sopra il villaggio che, dopo secoli di reggenza visigota, leonese, musulmana, portoghese e, infine, portoghese, resiste alla dittatura del tempo, della pioggia, della neve e del vento.

Pietra della tartaruga, sulla strada per il castello di Castro Laboreiro, Minho, Portogallo

Pietra della tartaruga, strano spettacolo geologico sul sentiero che porta al forte del villaggio.

Prendiamo il sentiero che parte all'estremità meridionale del paese. Tra rocce, ginestre, ginestre, felci e rovi che ci racchiudono di more, risaliamo il colle che accolse il vecchio e logoro castello. Una scala scavata nel granito ci conduce attraverso una delle porte ogivali e alle alture della ridotta murata.

Un Castello tra le origini portoghesi e il Minho di oggi

Lì ci impegniamo in una feroce disputa tra visione e immaginazione. A nord, nella sottostante valle di pietra e tegole, si estendevano le case grigio-rossastre dell'odierno Castro Laboreiro.

Muro del castello di Castro Laboreiro, Minho, Portogallo

Le case del centro storico di Castro Laboreiro, in lontananza, per lo più realizzate in granito e tegole rossastre

Nella nostra immaginazione, si sono svolte le avventure e le disavventure del conte Hermenegildo (Mendo) Guterres e di un certo Dux Vitiza che si ribellò ad Afonso III delle Asturie.

Per volere del monarca, il Maggiordomo Dom Mendo riunì la nobiltà, pose fine alla rivolta di sette anni che stava sabotando la forza del regno di Galizia e imprigionò il rinnegato. Come ricompensa, durante la prima metà del X secolo, gli furono donati dei domini ancora pieni di fascino medievale che, con grande difficoltà, non siamo riusciti a contemplare.

Anni dopo, i musulmani del Nord Africa li presero.

Fu solo nel 1141 che Afonso Henriques riuscì a riconquistarli alla parte cristiana, rafforzò l'antico castello di Mendo Guterres e lo trasformò in una fortezza chiave nella linea di difesa della nazione portoghese sempre meno embrionale.

La vita imprenditoriale di un Castrejo dei nostri tempi

In questo incanto, le nove del mattino ci erano passate. Torniamo ai piedi del castro e ci lasciamo scorrere nella storia e nelle storie di Castro Laboreiro.

Incontriamo l'ospite e guida turistica Paulo Azevedo accanto al ristorante “Miradouro do Castelo” che i suoi genitori costruirono, dopo quindici anni di prolifica emigrazione in un altro degli antichi territori della cima montuosa dell'Iberia: Andorra.

Paulo è nato e vissuto fino all'età di otto anni nelle terre più profonde di Ribeiro de Baixo, nel mezzo di una gola ai piedi della Serra da Peneda e Serra da Laboreiro, con il confine e il villaggio spagnolo di Olelas in vista.

Da una parte all'altra di quel viottolo, imbarazzante solo per i meno operosi, come tanti altri, la sua famiglia trovò sostentamento: “Mio nonno portò molte mucche in Spagna. E da lì ho portato caffè e cioccolato così rari e pregiati da quelle parti. Allora, uscire da qui era un'avventura.

Sognavamo di andare, se non altro a Melgaço. In quarta elementare mi sono ricordato di inventare un dolore per dover andare dal dottore, ma la battuta è andata fuori controllo.

Quando l'ho notata, il dottore mi stava mandando a Viana do Castelo. A scuola, quelli che andavano a Melgaço erano quasi degli eroi. Senza sapere come, ero l'unico arrivato a Viana do Castelo”.

Ponte Dorna, Castro Laboreiro, Peneda-Gerês PN, Minho, Portogallo

Sara Wong attraversa il Ponte de Dorna, uno dei numerosi ponti di origine romana o celtica nella regione di Peneda-Gerês

Fin da piccolo Paulo e la sua operosa famiglia impararono a costruire ponti. Con lui percorriamo la strada e, ancora una volta, il tempo. Finché non ne troviamo uno dei tanti sui fiumi e torrenti che solcano le colline e le valli di Peneda e Laboreiro.

Ponti di Castro Laboreiro: da un lato all'altro del tempo

Quello di Varziela appare sopra il torrente omonimo, circondato da uno di quei laghetti fluviali dove viene subito voglia di tuffarsi. Si ritiene sia stato riformulato tra il XII e il XIV secolo, da un basamento costruito molto prima dai romani, parte della rete viaria che collegava Bracara Augusta (Braga) a Augusta delle Asturie (Astorga) e molti altri.

Per Rómulo, che ci ha guidato e accompagnato dalla prima delle città, una pausa per fare un bagno lì sembrava avere tanto senso quanto l'origine mitologica del suo nome.

Nella lunga epoca latina in cui fummo abbagliati dai successivi scenari idilliaci e cristallini di Castro Laboreiro, il ponte di Varziela resistette tondo e fermo come era stato abbozzato.

In assenza di comitate e mi sono limitato che un tempo attraversava la regione ricca d'oro, un piccolo distaccamento spagnolo di praticanti di canyoning guidato dalla guida portoghese João Barroso, ha sfilato attraverso il torrente immacolato con uniformi di neoprene contemporanee e caschi sgargianti. Li invidiamo per un momento.

Il Ponte Nuovo e ritorno al Belvedere di Castelo

Dopo di che abbiamo ripreso il nostro viaggio molto più magro alla ricerca di alcuni vicini, il ponte Nova. E, nelle vicinanze, il ponte di Cava da Velha, o Cavada Velha, costruito con un sorprendente dispositivo antigravitazionale sul fiume Castro Laboreiro, che, più in alto, il torrente Varziela rifornisce, nel I secolo, dai romani.

Nonostante la solidità dei fatti, chiamato anche dal popolo di Ponte Nova.

Interrompiamo il giro per un rinvigorente pranzo al “Punto panoramico del castello” dove Paulo ci affascina con nuove storie e deliziose specialità gastronomiche locali. Uscendo dal ristorante, diamo uno sguardo al castello e alla massiccia rupe che corona le montagne circostanti.

Notiamo che, dai boschi lontani, spiccano figure di animali. Paolo ci dice che sono capre. Prendiamo il nostro obiettivo più potente ed esaminiamo i campioni. In effetti, erano capre.

Ma i domestici, non le montagne che abbondano nel Parco Nazionale di Peneda-Gerês. "Quando andiamo a Planalto, è probabile che ne vedremo degli altri".

Capre su una scogliera sopra Castro Laboreiro, PN Peneda-Gerês, Portogallo

Le capre domestiche con comportamento da montagna si rinfrescano in una giornata afosa sulle scogliere sopra Castro Laboreiro.

La benedizione dell'apicoltura di Nostra Signora di (A) Numão

Saliamo il pendio della Serra de Laboreiro verso altre enormi scogliere, territorio di aquile reali che vediamo librarsi in uno stormo inaspettato di sette o otto. Proseguendo lungo la strada sterrata, alla base di una di queste falesie, incontriamo una cappella di granito.

Uno sciame di api selvatiche si stabilì con armi e bagagli in una fessura sopra la porta chiusa. La cappella era stata eretta per celebrare un miracolo. Non un miracolo ha salvato Paul da un disastro fatale.

Sebbene i più atei e miscredenti affermino che furono gli stessi credenti a collocarvi le figure, la leggenda narra che, perforando un masso, fu trovata un'immagine della Madonna, poi portata all'Igreja Matriz de Castro Laboreiro.

La mistica testardaggine di Nostra Signora di (A) Numão

Prega inoltre che da lì sia scappata e sia tornata nel luogo in cui era stata trovata o nei dintorni, anche dopo essere stata restituita alla chiesa madre. Tale fu la tenacia di questa Madonna che meritava il proprio santuario di Nostra Signora di (A) Numão.

Rimane circondato da rocce granitiche e da un peculiare pulpito aggiunto alla faccia di uno di essi. È adornato con un fiore d'acqua delle Asturie, di probabili radici celtiche.

Una rosa a sei petali che simboleggia la purezza e la bellezza associata alle janas (fate asturiane) e al resto della mitologia che, proveniente dal vicino nord, è arrivata da queste parti.

Pulpito della cappella di Nossa Senhora de Numão, Castro Laboreiro, PN Peneda-Gerês, Portogallo

Il pulpito esterno in granito della Cappella della Senhora de Anumão, dove gli sposi dall'esterno chiedevano la mano delle fanciulle della terra.

Diverse messe sono state celebrate nella cappella. Alcuni con tempo gelido quando, secondo il libro Santuário Mariano, del 1712, di Fra Agostinho de Santa Maria “…per provare la freddezza della terra, basta che il vino si congeli d'inverno, così che per la Messa sia necessario riscaldarlo”.

Come descritto da Paulo dall'immaginario popolare di Castro Laboreiro, il pulpito serviva anche a suggellare le unioni in cui lo sposo di altri luoghi si proponeva alle fanciulle della terra.

In questi casi, la fanciulla saliva al pulpito. E di là ascoltò le parole che lo sposo pronunciava da terra.

Da Barreiro all'altopiano di Raiano di Serra de Laboreiro

Da Anumão torniamo alle aree popolate del versante di Laboreiro. Attraversiamo il villaggio di Barreiro. E da due donne anziane in abiti tradizionali neri che ci lavorano campi gemelli separati da moderne recinzioni che impediscono al loro bestiame di allontanarsi.

In uno di essi, Maria da Conceição, 85 anni, raccoglie patate per l'unico dei tanti sacchi da riempire. "Buon pomeriggio, è stata la signora che ha già catturato tutti questi?" iniziamo una conversazione. “No, la pensano così. Alla mia età non ce la faccio più. È stata mia figlia a prendersi cura della maggior parte di loro”.

Abbiamo continuato a parlare e non è passato molto tempo prima che le abbiamo chiesto il permesso di fotografarla, cosa che abbiamo fatto in alternanza e con molta tenacia. “Oh, questi signori di Lisbona sono davvero dei mascalzoni”, si lamenta Dª Maria da Conceição, senza mai rinunciare alla sua pazienza, simpatia e gentilezza.

Alzira de Fátima, sua figlia entra nel campo davanti a un gregge. Le pecore non perdono tempo. Si gettano sulle viti e anche sulle patate.

Paulo si era unito a noi e aveva assicurato alla signora che era della terra. "Oh! Lo vedo già!”, gli dice Maria da Conceição, sei il figlio di Maria dos Prazeres, del ristorante. Hai sposato una brasiliana, vero?" La vecchia e la figlia si alternano negli sforzi.

A volte interrogano Paulo per aggiornarsi sui pettegolezzi, a volte si girano e lapidano le pecore che si ostinavano a divorare le patate. Come si suol dire con logica aggiunta in campagna, qualcuno deve lavorare. Non volevamo più disturbare il lavoro delle donne.

Il visitatore ammira il tramonto nella catena montuosa sopra Castro Laboreiro, Gerês, Portogallo

Il visitatore contempla lo scenario selvaggio dei monti Peneda e Laboreiro

Li informammo che saremmo saliti al Planalto e li salutammo. "Altopiano? E dov'è?" chiede Maria da Conceição, incuriosita, che non aveva mai sentito le terre più pianeggianti sopra il suo villaggio e Castro Laboreiro chiamato con quel nome.

L'Altopiano: tra le cachenas e le guarnigioni di Castro Laboreiro

Torniamo alla jeep. Attraversiamo Curral do Gonçalo, che, a quasi 1200 m, è il villaggio più alto della parrocchia di Castro Laboreiro e Lamas de Mouro, uno dei più alti in Portogallo. Abbiamo conquistato il ripido pendio della Serra de Laboreiro.

Entriamo in un mondo disabitato e selvaggio ben evidenziato al di sopra della realtà che stavamo vivendo, ma che era stata a lungo percorsa dai popoli che lì si sono succeduti.

Ci fermiamo al piccolo Ponte dos Portos, che si ritiene sia stato costruito dai Celti, parte della rete stradale che collegava queste fermate all'imminente nord della Galizia.

Poche centinaia di metri dopo, il verde lascia il posto a un vasto prato multicolore di ginestre gialloverdi, felci ed eriche viola.

Nelle zone primaverili, le mandrie di vacche Cachena e Barrosã condividono i teneri pascoli con altre di Garrano semibrado e ombroso. Alcuni sono così contrari alle incursioni umane che, per evitarci, galoppano senz'anima, con la criniera al vento.

Garranos galoppa attraverso l'altopiano sopra Castro Laboreiro, PN Peneda-Gerês, Portogallo

Mandria di Garranos galoppa sull'altopiano sopra Castro Laboreiro, con la Galizia in vista.

La fauna non si ferma qui. In un altro meandro del sentiero, con la Galizia già in vista, incontriamo una famiglia di cinghiali anche loro di fretta. Dopo qualche discussione, abbiamo convenuto che, almeno fino a quando non sono scomparsi tra le alte felci, un giovane lupo li stava inseguendo.

Proseguiamo lungo l'altopiano con la Spagna. Diamo un'occhiata a uno dei dolmen che costellano il prolifico campo megalitico.

Ci accontentiamo dell'assenza delle capre di montagna.

E apprezziamo il tramonto di un promontorio di confine che domina l'armata di pale eoliche che ora ruotano sulle cime di Serra da Peneda e Serra Laboreiro.

Tramonto sulla Serra da Peneda, Portogallo

Ocaso riempie di colore la silhouette di Serra da Peneda.

Gli autori desiderano ringraziare le seguenti entità per il loro supporto nella creazione di questo articolo:

Porto e Turismo del Nord

Colline operaie

Prenota il tuo tour e le tue attività nella regione di Peneda-Gerês sul sito Web di Montes de Laboreiro, Facebook e App

Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Ilheu de Cima, Porto Santo, Portogallo

La prima luce di coloro che navigano dall'alto

Fa parte del gruppo di sei isolotti intorno all'isola di Porto Santo, ma è ben lungi dall'essere solo uno in più. Nonostante sia la soglia orientale dell'arcipelago di Madeira, è l'isolotto più vicino alla popolazione di Porto. Di notte fa anche il tifoso che conferma la giusta rotta per le navi provenienti dall'Europa.
Isola Pico, Azzorre

L'isola ad est del monte Pico

Di norma chi arriva a Pico sbarca sul suo versante occidentale, con il vulcano (2351 m) che sbarra la visuale sul versante opposto. Dietro il monte Pico, c'è un intero e meraviglioso "est" dell'isola che richiede tempo per svelarsi.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Teatro musicale e sala espositiva, Tbilisi, Georgia
Architettura & Design
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Festival di Kente Agotime, Ghana, oro
Cerimonie e Feste
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
Dotonbori, Osaka, Giappone
Città
Osaka, Giappone

Il Giappone giovanile urbano di Osaka

La terza città più popolosa del Giappone e una delle più antiche, Osaka non perde troppo tempo in formalità e cerimonie. La capitale della regione del Kansai è famosa per la sua gente estroversa sempre pronta a celebrare la vita.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
cibo
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal
Cultura
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
sagome islamiche
Etnico

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Pellegrini in cima, Monte Sinai, Egitto
Storia
Monte Sinai, Egitto

Forza nelle gambe e fede in Dio

Mosè ricevette i Dieci Comandamenti sulla vetta del monte Sinai e li rivelò al popolo di Israele. Oggi centinaia di pellegrini conquistano, ogni notte, i 4000 passi di quella dolorosa ma mistica ascesa.
Vanuatu, crociera a Wala
Isole
Wala, Vanuatu

Cruzeiro à Vista, la Fiera Settles Arraiais

In gran parte di Vanuatu, i giorni dei "nobili selvaggi" del popolo sono alle spalle. In tempi incompresi e trascurati, il denaro ha guadagnato valore. E quando le grandi navi con i turisti arrivano al largo di Malekuka, i nativi si concentrano su Wala e sulla fatturazione.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Asparagi, Isola di Sal, Capo Verde
Natura
Salt Island, Capo Verde

Il sale dell'isola di Sal

Nell'imminenza del XIX secolo Sal rimase priva di acqua potabile e praticamente disabitata. Fino all'estrazione e all'esportazione dell'abbondante sale si favorì un progressivo popolamento. Oggi le saline e le saline danno un altro sapore all'isola più visitata Capo Verde.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Vista di La Graciosa de Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Parchi Naturali
La Graciosa, isole Canarie

La più graziosa delle Isole Canarie

Fino al 2018, la più piccola delle Canarie abitate non contava nell'arcipelago. Sbarcati a La Graciosa, scopriamo il fascino insulare dell'ormai ottava isola.
Case tradizionali, Bergen, Norvegia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
conversazione al tramonto
Spiagge
Boracay, Filippine

La spiaggia filippina di tutti i sogni

È stato svelato dai viaggiatori zaino in spalla occidentali e dalla troupe cinematografica di "Heroes Are Born". Seguirono centinaia di resort e migliaia di vacanzieri orientali più bianchi della sabbia gessosa.
Monastero di Tawang, Arunachal Pradesh, India
Religione
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Società
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Animali selvatici
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.