Zanzibar, Tanzania

Le Isole delle Spezie Africane


candela nel vento
Dhow (tipica imbarcazione della costa occidentale dell'Oceano Indiano) naviga lungo il nord di Unguja.
hobby millenario
I nativi giocano a bao, un gioco di strategia tradizionale africano.
sulla strada per la terraferma
I passeggeri aspettano di salire a bordo di un traghetto diretto alla capitale della Tanzania Dar-es-Salam, di fronte all'edificio storico dell'antica farmacia della città di Zanzibar.
indiano poco profondo
Un banco di sabbia si staglia sul blu-verde del poco profondo Oceano Indiano intorno all'arcipelago di Zanzibar.
Ashura
Nativo di Anguja in abiti tradizionali colorati all'ombra di uno degli ingressi del vecchio forte arabo.
Stagioni diverse, stili diversi
La Casa das Maravilhas - l'edificio più grande di Zanzibar - si staglia dietro il forte arabo che fu costruito sul sito di una cappella portoghese.
Le uniformi di Allah
Giovani studenti di Zanzibar camminano lungo un vicolo di Stone Town nelle loro tradizionali uniformi islamiche.
scimmie colobo
Gli abitanti più socievoli della Foresta Jozani indagano sull'arrivo di nuovi visitatori umani.
arte balneare
Venditore di dipinti installato all'ombra di un albero di cocco sulla costa di Nungwi, sulla costa nord di Unguja, l'isola più grande di Zanzibar.
lontano dal sole
Hassam, la guida di Jozani, si installa sulle forti radici delle mangrovie ai margini della foresta pluviale.
spezia fresca
L'ospite di una piccola fattoria di spezie mostra una noce moscata appena aperta.
Africa in catene
Particolare del memoriale alla schiavitù fuori dalla chiesa anglicana, nel cuore di Cidade da Pedra.
Dhow senza vela
Un dhow naviga a motore mentre il sole cala all'orizzonte di fronte a Nungwi, all'estremità settentrionale dell'isola di Anguja.
Pescheria Darajani
Venditori raggruppati nel settore ittico del vecchio mercato di Darajani, all'ingresso della Città di Pietra.
attività (molto) registrata
Un passante passa davanti a un famoso negozio di Stone Town, pieno di targhe.
Espressioni dell'Islam
Donne di diverse fazioni islamiste - una più radicale dell'altra - passano in una piazza della Stone City di Zanzibar City.
Riposa nei toni del blu
Ali, residente a Stone Town vicino alle terme persiane di Hamamni.
destinazioni opposte
I Dhow si incrociano sulla costa settentrionale dell'isola di Anguja, con il sole che tramonta ad alta velocità.
solo per uomini
Gli abitanti di Stone Town giocano e socializzano in una vivace piazza della cittadella.
Fine giornata, a metà turno
Sicurezza dell'hotel al tuo posto di lavoro al mare con il sole che quasi tramonta sull'Oceano Indiano.
Vasco da Gama aprì l'Oceano Indiano all'impero portoghese. Nel XNUMX° secolo l'arcipelago di Zanzibar divenne il maggior produttore di chiodi di garofano e le spezie disponibili si diversificarono, così come i popoli che si batterono per loro.

A un certo punto della conversazione, Othamn Masoud apre una lezione sui gentili in swahili: “In inglese diciamo Kiingereza, in francese Kifaransa.

Portogallo?? Il Portogallo è Ureno e il portoghese è Kireno! Non so spiegare perché” confessa l'adolescente quando cerchiamo di capire la discrepanza fonetica del termine.

Il mistero ci intriga.

Nel frattempo, oltre vaste risaie aride in attesa dei monsoni, siamo arrivati ​​alla verdeggiante foresta di Jozani. Chiamaci Hassan.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, Mangrovie Jozani

Hassam, la guida di Jozani, si installa sulle forti radici delle mangrovie ai margini della foresta pluviale.

È vestito secondo la sua religione e occupazione.

La Fauna Eccentrica della Foresta di Jozani

Indossa un kofia – un berretto islamico in stile sudafricano – e copriscarpe di gomma.

Sugli stretti sentieri, ci svela un raro toporagno saltellante prima di dirigersi verso la roccaforte delle specie meno timide e, quindi, più in via di estinzione di quel minuscolo ecosistema: la scimmia colobo.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, Scimmie Colobus

Gli abitanti più socievoli della Foresta Jozani indagano sull'arrivo di nuovi visitatori umani.

In tre fasi decine di esemplari lanuginosi ed elencati, bianchi e neri, scendono dalle cime degli alberi in prossimità della vasta mangrovia e concedono loro una curiosa convivialità investigativa.

Dato che la giornata era ancora nel mezzo, abbiamo colto l'occasione per passare attraverso uno dei tanti aziende agricole di spezie che convivono ad Anguja, l'isola più grande di Zanzibar.

Ci ha guidato, in questa occasione, Abdallah Rasih, una guida nativa esperta con una voce e un comportamento all'altezza.

Da quanto abbiamo capito, nel tempo si è sviluppato uno stile molto specifico di presentazione di queste fattorie e piante ai visitatori.

Un raid sulle abbondanti spezie di Zanzibar

Il suo ingrediente chiave era la totale mancanza di espressione facciale e suspense. “Hai visto queste foglie, chiede Ysuf, un ospite della fattoria? Questa trama, lo sai?

E questo odore? Forse per l'odore sono già lì? E se schiacci le foglie in quel modo?

Quindi sai già di cosa si tratta? Brava, è citronella!” confermaci.

Dopo aver attraversato rituali più o meno estenuanti per chiodi di garofano, cannella, noce moscata, pepe e così via.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, Noce moscata

L'ospite di una piccola fattoria di spezie mostra una noce moscata appena aperta.

Il Forte Portoghese e la Ragione d'Essere di Termo Ureno

La spiegazione della sua presenza così lontana dall'origine geografica era legata al mistero di “Ureno”. Non ci è voluto molto per capirlo.

“Ebbene, visto che abbiamo visto uno dei vostri lasciti e siamo così vicini qui, diamo un'occhiata al luogo dove si crede che i navigatori portoghesi si siano ancorati per la prima volta”.

Siamo andati a Fukuchani. Lì, Abdallah ci mostra le rovine di un edificio che per molto tempo si è creduto fungesse da fortificazione per i primi scopritori sbarcati da quelle parti.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania,

Le rovine del forte che i portoghesi costruirono a Fukuchani

un pIl tour dell'arcipelago di Vasco da Gama ne dettò l'incorporazione nella provincia dell'Arabia e dell'Etiopia del regno del Portogallo, che poi si espanse a ritmo sostenuto in un impero.

Come abbiamo scoperto su Internet e sembrava avere perfettamente senso, Ureno, il gentile swahili veniva dal portoghese essendo stato connotato come il popolo del Regno.

Furono anche responsabili della diffusione delle spezie nell'Africa orientale.

A bordo di Dala Dal (autobus) 117, verso Stone Town

In una nuova giornata, soleggiata come tutti, lasciamo l'accogliente Mapenzi, ci dirigiamo verso la strada che costeggia la costa orientale dell'isola e aspettiamo il passaggio del primo dala dala (autobus locale), diretti alla città di Zanzibar, capoluogo dell'isola.

Non abbiamo aspettato cinque minuti quando è apparso il 117, proveniente dal Kiwenga e dalle pigne. Il conducente percepisce un profitto aggiuntivo. Ci fa seguire al suo fianco invece che nella cabina sovraffollata. Addebitaci il doppio.

Da un lato ci impedisce di interagire con gli altri passeggeri, ma dall'altro ci godiamo meglio il viaggio.

O daglielo fermate in ogni momento e in ogni luogo istruite da autoctoni che escono dal nulla o da passeggeri in frequenti controversie verbali.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, Bao

I nativi giocano a bao, un gioco di strategia tradizionale africano.

Si passa da moto, biciclette, carri trainati da buoi e pedoni che si radunano all'ingresso dei villaggi, sperduti tra fitte colonie di palme da cocco e piantagioni di banane.

Le scuole abbondano, facilmente identificabili a quell'ora del mattino dai numerosi gruppi di giovani in divisa, tanto più quando abbiamo visto lunghi cortei di ragazze tutte coperte di jilbab o combinazioni di hijab con tuniche.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, Studenti Musulmani

Giovani studenti di Zanzibar camminano lungo un vicolo di Stone Town nelle loro tradizionali uniformi islamiche.

I lati della strada sono stretti ma la popolazione sembra essersi abituata a vivere la propria vita sincronizzata e anche dipendente dal traffico.

daglielo  il civico 117 passa da una casa che trovammo essere il domicilio del L'esploratore scozzese David Livingstone.

Inoltre, diversi masai lavorare in edilizia.

Alla deriva per le strade e i vicoli di Stone Town, capitale di Zanzibar

Quindi, si immerge ai margini della città di Zanzibar e della stazione ferroviaria. dala dala dal mercato di Darajani.

Questa parte della città è piena di gente. I sensi di movimento, colori, odori e suoni ci inondano della miriade di prodotti e transazioni che vi avvengono.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, Pescivendolo

Venditori raggruppati nel settore ittico del vecchio mercato di Darajani, all'ingresso della Città di Pietra.

Lo esploriamo con il fascino che ogni vero mercato in una città africana secolare risveglia in noi.

Persi in quel labirinto sovraffollato, ci rivolgiamo a una mappa e ci dirigiamo verso quello che pensiamo sia un ingresso praticabile a Cidade de Pedra, la città vecchia con un'architettura predominante del XNUMX° secolo che UNESCO classificato nel 2000 come Patrimonio mondiale.

Soprattutto per l'incredibile mescolanza di influenze di elementi arabi, persiani, indiani ed europei, mezzo centinaio di moschee, sei templi indù e due chiese cattoliche alla base della cultura aggregativa swahili.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, Abitante di Jilaba

Ali, residente a Stone Town vicino alle terme persiane di Hamamni.

Camminiamo con l'orientamento unico del mare attraverso i vicoli a volte ombrosi, a volte assolati, raramente deserti. La maggior parte degli edifici che li circondano sono degradati o in rovina.

Conservano un fascino decadente.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, Via delle targhe

Un passante passa davanti a un famoso negozio di Stone Town, pieno di targhe.

È il caso del Forte Arabo che fu costruito come difesa dagli occupanti dell'Oman, nel 1780, nel luogo dove sorgeva una cappella portoghese.

A febbraio ospita il Sauti za Busara, Zanzibar Music Festival, uno dei più grandi eventi di musica etnica del mondo.

L'origine zanzibarita di Farouk Bulsara, meglio conosciuto come Freddy Mercury

Cidade da Pedra ha un altro affascinante rapporto con la musica.

È stato in Kenyatta Street che abbiamo anche camminato che Farrokh Bulsara è nato, nel 1946, da genitori Parse e zoroastriani indiani.

Ex casa di famiglia di Farou Boulsara, famoso come Freddy Mercury.

Farouk visse a Zanzibar fino all'età di nove anni fino a quando la famiglia si trasferì a India. Nel 1970 è arrivato a Londra. Nella capitale inglese, sotto lo pseudonimo di Freddie Mercury, ha guidato una band di cui pochi lettori saranno all'oscuro, chiamata Queen.

Torniamo indietro nel tempo e al lungomare di Stone Town.

Proprio accanto al Forte Arabo, il Beit-el-Ajaib o Casa das Maravilhas si distingue per la sua dimensione suprema. Un sultano la fece costruire nel 1883.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, Forte e Casa delle Meraviglie

La Casa das Maravilhas, l'edificio più grande di Zanzibar, si staglia dietro il forte arabo che fu costruito sul sito di una cappella portoghese.

Ha vinto il titolo per essere stato il primo edificio dell'isola ad essere dotato di illuminazione elettrica e il primo in Africa orientale ad essere dotato di ascensore elettrico.

In questi giorni, l'accesso all'interno è vietato. La grande torre dell'orologio ferma dà tempo falso.

Nelle vicinanze, l'antica casa dello zanzibarita Tippu Tip è considerata una delle rovine più maestose dell'Africa.

Tippu Suggerimento, prende il nome dal suono che le numerose armi a sua disposizione emettevano nelle incursioni degli schiavi che portava nell'interno dell'Africa con l'obiettivo di catturare schiavi per le loro piantagioni di chiodi di garofano e per quelle di altri proprietari.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, Memoriale del mercato degli schiavi

Particolare del memoriale alla schiavitù fuori dalla chiesa anglicana, nel cuore di Cidade da Pedra.

Quindi, le barche che sono state utilizzate sono partite dal lungomare dove ci siamo seduti a goderci il dhow (Barche a vela triangolari arabe) e altri nel loro trambusto turistico o di pesca.

Al dhow in particolare li vedremmo ripassare con grande frequenza dalle sabbie di borotalco al largo della punta settentrionale di Anguja, l'isola principale di Zanzibar.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, Beach Women

Lavoratori in abiti tradizionali raccolgono pietre su una spiaggia di Nungwi all'estremità settentrionale di Unguja, l'isola principale dell'arcipelago di Zanzibar.

Durante il giorno, barche veloci solcavano le acque turchesi del caldo oceano in cui ci bagnavamo.

Con il tramonto, si sono trasformate in sagome geometriche che abbiamo seguito fino al tramonto.

Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, dhow al tramonto

Un dhow naviga a motore mentre il sole cala all'orizzonte di fronte a Nungwi, all'estremità settentrionale dell'isola di Anguja.

Morondava, Viale dei Baobab, Madagascar

Il sentiero malgascio per stupire

Uscendo dal nulla, una colonia di baobab alta 30 metri e vecchia di 800 anni fiancheggia un tratto di strada di argilla e ocra parallela al Canale del Mozambico e alla costa peschereccia di Morondava. Gli indigeni considerano questi alberi colossali le madri della loro foresta. I viaggiatori li venerano come una specie di corridoio iniziatico.
La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
maschio, Maldive

Le Maldive per davvero

Dall'alto, Malé, la capitale delle Maldive, sembra poco più che un campione di un'isola angusta. Chi lo visita non troverà palme da cocco sdraiate, spiagge da sogno, SPA o piscine a sfioro. Lasciati abbagliare dalla genuina vita quotidiana maldiviana che gli opuscoli turistici omettono.
bazaruto, Mozambico

Il miraggio invertito del Mozambico

A soli 30 km dalla costa orientale dell'Africa, un improbabile ma imponente erg sorge dal mare traslucido. Bazaruto ripara paesaggi e persone che hanno vissuto a lungo separate. Chiunque atterri su questa lussureggiante isola sabbiosa si ritrova rapidamente in una tempesta di stupore.
Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Isola di Ibo, Mozambico

Isola di un Mozambico scomparso

Fu fortificato nel 1791 dai portoghesi che cacciarono gli arabi dalle Quirimba e si impadronirono delle loro rotte commerciali. Divenne il 2° entrepot portoghese sulla costa orientale dell'Africa e, in seguito, capoluogo della provincia di Cabo Delgado, Mozambico. Con la fine della tratta degli schiavi all'inizio del XX secolo e il passaggio della capitale a Porto Amélia, l'isola di Ibo si è trovata nell'affascinante ristagno in cui si trova.
Maurizio

Una Mini India nell'Oceano Indiano

Nel XNUMX° secolo, i francesi e gli inglesi hanno combattuto per un arcipelago a est del Madagascar precedentemente scoperto dai portoghesi. Gli inglesi trionfarono, ricolonizzarono le isole con tagliatori di canna da zucchero del subcontinente ed entrambi ammisero la lingua, la legge e le modalità precedenti francofono. Da questo mix è emersa l'esotica Mauritius.
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
dall'ombra
Architettura & Design
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Aventura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Cerimonie e Feste
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Celebrazione nahuatl
Città

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Controllo corrispondenza
Cultura
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
viaggio in australia occidentale, Surfspotting
In viaggio
Perth ad Albany, Australia

Attraverso il selvaggio West australiano

Poche persone venerano l'evasione come fanno Australiani. Con l'estate meridionale in pieno svolgimento e il fine settimana alle porte, i Perthiani si stanno rifugiando dalla routine urbana nell'angolo sud-occidentale della nazione. Da parte nostra, senza compromessi, esploriamo l'infinito Western Australia fino al suo limite meridionale.
Forte di São Filipe, Città Vecchia, Isola di Santiago, Capo Verde
Etnico
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Barca sul fiume Giallo, Gansu, Cina
Storia
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Cattedrale, Funchal, Madera
Isole
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Chiesa Armena, Penisola Sevanavank, Lago Sevan, Armenia
Natura
lago Sevan, Armenia

Il grande lago agrodolce del Caucaso

Racchiuso tra montagne a 1900 metri di altitudine, considerato un tesoro naturale e storico dell'Armenia, il Lago Sevan non è mai stato trattato come tale. Il livello e la qualità delle sue acque si deteriorano da decenni e una recente invasione di alghe prosciuga la vita che vi sussiste.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Case in miniatura, Chã das Caldeiras, vulcano Fogo, Capo Verde
Parchi Naturali
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan “francese” alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Museo dell'olio, Stavanger, Norvegia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Stavanger, Norvegia

Motor City della Norvegia

L'abbondanza di petrolio e gas naturale offshore e le sedi delle società incaricate di esplorarli hanno promosso Stavanger da capitale della riserva a capitale energetica norvegese. Questa città non era conforme. Con una prolifica eredità storica, alle porte di un maestoso fiordo, il cosmopolita Stavanger ha a lungo spinto la Terra del Sole di Mezzanotte.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Isola Martinica, Antille francesi, Monumento caraibico Cap 110
Spiagge
Martinique, Antille Francesi

Baguette caraibiche sotto il braccio

Vaghiamo per la Martinica con la stessa libertà dell'Euro e le bandiere tricolori sventolano sovrane. Ma questo pezzo di Francia è vulcanico e lussureggiante. Appare nel cuore insulare delle Americhe e ha un delizioso sapore d'Africa.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Religione
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
cabina affollata
Società
Saariselka, Finlândia

Il delizioso caldo artico

Si dice che i finlandesi abbiano creato SMS in modo da non dover parlare. L'immaginazione dei freddi nordici si perde nella nebbia delle loro amate saune, vere e proprie sedute di terapia fisica e sociale.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Animali selvatici
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.