Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL


Isola minore, abitante XL
Tupola Tapaau, residente nell'isola di Manono, un'isola più piccola delle Samoa.
Ricordo II
I nativi di Tongatapu perlustrano le barriere coralline durante la bassa marea.
Ricordo I
Un residente dell'isola di Tongatapu mostra un polpo appena pescato.
allo sportello
Kosetalau Toreafoa, proprietario di un negozio lungo la strada nelle Samoa occidentali.
sovraffollato
Passeggero ingombrante in abiti tradizionali sale a bordo di un minibus da Tongatapu.
foresta alimentare
Grandi taros, un tempo il tubero nella base alimentare di Tonga e gran parte della Polinesia.
capitano XL
Timoniere al timone di una barca che collega Tongatapu a? Resort dell'isola di Fafa.
crepacuore
Signore di un cimitero di Tongatapu dove hanno visitato un parente morto per malattie non trasmissibili che affliggono Tonga e il Pacifico meridionale.
Ricordo III
Nativo di Tongatapu perlustra le barriere coralline durante la bassa marea.
la possibile delicatezza
I residenti di Tongatapu cucinano ciccioli un? moda locale, un'altra merenda malsana.
razza letteraria
Samoano corre su e giù per la collina su cui si trova? seppellì Robert Louis Stevenson per perdere peso.
Ricordo IV
I nativi di Tongatapu perlustrano le barriere coralline durante la bassa marea.
Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.

Abbiamo sentito il tema dell'eccesso di peso sulla nostra pelle molto prima di quanto pensassimo.

Salimmo sull'aereo diretto a Nuku'Alofa, la capitale delle Tonga. Meno di un minuto dopo esserci seduti a bordo, abbiamo conosciuto i nostri compagni di volo più immediati. Una signora che si avvicina dal fondo della navata guadagna un volume intimidatorio.

Con molto sforzo, si inserisce nel sedile angusto. Senza poterlo evitare, fa sparire il bracciolo sinistro della nostra sedia più vicina e invade lo spazio che ci era riservato.

L'aereo rallenta sulla pista dell'aeroporto di Fua'amotu e si ferma davanti al suo edificio principale. Liberi dalla morsa, abbiamo percorso gli ultimi metri di asfalto, attenti alle peculiarità inaugurali della nazione.

Decine di altri passeggeri tongani ci hanno seguito lentamente, salutando familiari e amici sul balcone dell'aeroporto.

Tra di loro spiccava ancora una volta la dimensione esagerata e arrotondata delle persone. Né il tupenus e kofu-tupenus – le tradizionali gonne a righe – mascheravano la corpulenza delle figure, molte delle quali oltre i 90, i 100 o anche molti più chili.

Mentre esploriamo la città e l'isola di Tongatapu intorno, ci siamo resi conto di quanto fosse diffuso l'eccesso di peso e la dimensione della popolazione. E come, nel tempo, si fosse costruito dall'alto della sua sfera dinastica.

Una monarchia di peso

Nel settembre 2006, dopo 41 anni sul trono, Tonga ha perso il suo re Taufa'ahau Tupou IV.

Nei tre decenni prima della sua morte, Tupo IV mantenne il suo posto nei libri dei primati come il monarca più pesante del mondo, all'epoca della prima immatricolazione (1976) con un modesto 209 kg. Per tutta la vita si sono susseguiti problemi di salute, cuore, diabete e derivati.

Il re si avventurava persino a fare esercizio tre volte a settimana e perse quasi la metà di quel peso. Sceso a 130 kg. Lo sforzo non è stato sufficiente per evitare un anno e mezzo di esilio e cure ad Auckland. E la sua morte, all'età di 88 anni, non era ancora così precoce come si sarebbe potuto prevedere.

Molti dei suoi sudditi innocenti e umili soccombono agli stessi disturbi, troppi, nella mezza età o poco dopo.

Non è sempre stato così. Nonostante la prevalenza di una dieta povera e di malattie, una parte significativa dei tongani resiste, soprattutto coloro che non hanno i soldi per mangiare fuori casa o per consumare qualcosa di diverso da quello che la loro terra fornisce loro.

Il nativo di Tongatapu sfoggia un polpo appena pescato

Un residente dell'isola di Tongatapu sfoggia un polpo appena pescato

La base alimentare dell'arcipelago delle Tonga, di tutte le isole della vasta Polinesia, infatti, era a base di tuberi (soprattutto taro), banane, cocco e pesce e crostacei pescati al largo.

Tuttavia, dal XNUMX° e XNUMX° secolo, influenzato dall'emigrazione di questi isolani nel Nova Zelândia e in Australia, cominciarono a diventare popolari, all'origine, pezzi di carne grassi (ricchi di grassi saturi, cartilagine e pelle) e poco costosi.

Taros, Tongatapu, Tonga

I grandi taro erano un tempo l'alimento base di Tonga e di gran parte della Polinesia.

Tonga: dal cibo tradizionale al nocivo

Questi erano i casi di cinciallegre e code di tacchino, considerate scarti nei paesi produttori di bestiame. L'abitudine di mangiarli si sarà sviluppata in quegli stessi paesi. Nel tempo, i coltivatori hanno scoperto che gli immigrati polinesiani li apprezzavano.

Consapevoli della difficoltà che le isole isolate di Tonga, Samoa e il resto della Polinesia avevano a consumare carne, sia per la sua scarsità che per l'alto costo dei pezzi della migliore qualità, trovarono nell'esportazione di quegli “avanzi” un business redditizio nicchia.

A Nova Zelândia iniziato ad esportare il appartamenti di montone che produceva in quantità industriali o non contava molti più ovini abitanti degli umani. già il Stati Uniti, detentori delle vicine Samoa americane, esportavano code di tacchino.

In poco tempo, i polinesiani del Pacifico meridionale li videro come prelibatezze.

Allo stesso tempo, questa pseudo-carne ha generato un'epidemia di obesità che sarebbe solo peggiorata, il che non sorprende se teniamo conto che ogni 100 g di Lembi di montone contengono 40 g di grassi, di cui 20 g saturi.

Alcuni tongani consumano quasi 1 kg in un unico pasto.

Preparazione croccante a Tongatapu, Tonga

I residenti di Tongatapu cucinano ciccioli allo stile locale, un altro spuntino malsano

Os Lembi di montone, al posto di Pesce e Verdure

Nei giorni che dedichiamo a Nuku'Alofa, lavoriamo al computer, ci riposiamo e mangiamo in una sorta di “Caffè degli amici” una tana cosmopolita che ha attratto e riunito outsider, turisti e per affari.

Anche se il suo menu occidentalizzato si è rivelato uno dei più costosi della città e il WiFi offerto ha impiegato mezz'ora per inviare o ricevere file con poche decine di kb.

Abbiamo anche noleggiato un'auto e siamo andati alla scoperta Tongatapu, l'isola madre di Tonga. In questi tour, abbiamo notato il numero di indigeni che, durante la bassa marea, passavano gli scogli con un pettine a denti fini e raccoglievano tutto ciò che si muoveva o sembrava vivo: polpi, seppie, molluschi, ricci e creature simili.

I residenti di Tongatapu perlustrano le barriere coralline con la bassa marea a Tonga.

I nativi di Tongatapu perlustrano le barriere coralline con la bassa marea

E, nell'entroterra, diverse famiglie continuavano ad arare la terra e a piantare e raccogliere gli ortaggi più pregiati.

Tuttavia, privi di qualsiasi nozione di salute o nutrizione, molti di questi pescatori, raccoglitori e agricoltori cercano di vendere i prodotti del loro lavoro.

Se ci riescono (cosa non sempre facile), acquisiscono il desiderato Lembi di montone che ha nutrito e assuefatto le ultime generazioni che sono cresciute senza alternative di carne praticabili. Spesso, il Lembi di montone erano l'unico pezzo di video in vendita.

Le carni più sane di altri animali avevano un prezzo fuori portata. Allo stesso tempo, i consumatori sono stati ingannati dal diffuso pregiudizio che ciò che proveniva da fuori fosse di qualità superiore:

“C'era una volta i tongani remavano attraverso la vastità di questi mari del Pacifico sulle loro grandi canoe”, ha detto alla BBC l'anziano Papiloa Bloomfield Foliaki in merito al problema. “Quando non era più necessario, abbiamo rovesciato queste canoe a terra e le abbiamo usate come abitazioni.

Il dannoso pregiudizio che se sei straniero è meglio

Adesso nessuno è più contento di queste case. Solo quelli occidentali più evoluti, quelli che si trovano nel Nova ZelândiaA Australia e Stati Uniti soddisfare le famiglie. È lo stesso con il cibo”.

Quando la modernità inondò Tonga e altre isole polinesiane, si diffusero diverse ricette dello stesso male.

A immagine di ciò che abbiamo visto nelle comunità più povere e socialmente non protette in Nova Zelândia, per lo più di etnia Maori o immigrati polinesiani, più tardi ad Apia - la capitale delle Samoa occidentali - i MacDonald, Burger King, KFC e franchisee simili arricchirono i proprietari e le società madri.

Ha generato grandi profitti generati dall'ignoranza delle famiglie su ciò che dovrebbero o non dovrebbero mangiare, ciò che è sano o rovinerebbe la loro salute.

In ripetute occasioni, abbiamo notato come i loro grandi clan si radunassero a pochi mesi da questi stabilimenti. E come si rimpinzavano di hamburger, ali di pollo e patatine fritte, di gelati e frullati e li infilavano quasi secchi di bevande gassate e zuccherate.

In altre occasioni, abbiamo visto come si concedevano vivaci barbecue fatti in casa dove divoravano costine, salsicce e altri snack che erano come o più grassi e unti.

O come, a Samoa, Kosetalau Toreafoa, il proprietario è tornato dalla diaspora in Australia e EUA di un negozio lungo la strada aveva poco più in vendita di bibite, conserve e pacchetti cinesi di tagliatelle istantaneo, ricco di MSG, sale e grassi saturi.

Proprietario del negozio dell'isola di Upolu, Samoa occidentali

osetalau Toreafoa, proprietario di un negozio lungo la strada nelle Samoa occidentali.

La vulnerabilità genetica dei polinesiani

Come se non bastasse, gli scienziati hanno scoperto che molti polinesiani sono portatori di un gene dell'obesità sviluppatosi nei secoli, si ritiene che, nei loro viaggi e tentativi di colonizzare il Pacifico, siano stati costretti a sopportare lunghi periodi senza cibo. .

Secondo quanto riferito, questo gene fa accumulare più grasso nei loro corpi e li fa aumentare di peso e volume più velocemente.

Questo fattore sarà determinante nel predominio polinesiano ai vertici della classifica dei paesi più pesanti del mondo.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, nove dei primi dieci paesi sono Samoa americane, Nauru, Isole Cook, Tokelau, Tonga, Samoa, Isole Marshall, Kiribati e Palau.

Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.

Tupola Tapaau, residente nell'isola di Manono, un'isola più piccola delle Samoa.

Solo Qatar, Kuwait, Saint Kitts e Nevis, Bahamas, Barbados e altre isole caraibiche sono tra i primi 20 in questo esclusivo club di obesi. In molti dei territori più del 50% della popolazione è obeso.

In alcuni, la percentuale nazionale supera l'80%. In tempi più recenti, le Samoa americane, con nove obesi su dieci abitanti, si sono distinte dalle altre. A cui l'ancor più intensa adozione del fast food che ha a lungo dissolto il EUA

I polinesiani come il tatuato, tozzo e panciuto Kosetalau Toreafoa, che ci aiuta ad accarezzare la sua grande pancia esposta sopra il bancone, resistono all'abbandono delle credenze culturali secondo cui “grande è bello e un segno di ricchezza e prosperità”.

Donne Tongatapu in lutto, Tonga

Signore di un cimitero di Tongatapu dove hanno visitato un parente morto a causa delle malattie non trasmissibili che affliggono Tonga e il Pacifico meridionale.

Non riescono a capire che magro non significa necessariamente povero o affamato e a distinguere tra grande e grasso.

Altri agenti nocivi a Tonga e Samoa: Chiese e multinazionali

La religione, a sua volta, riempie una variabile non trascurabile nel tema.

I sacerdoti di chiese come la Free Wesleyan Church, la Chiesa mormone di Gesù Cristo e dei Santi degli Ultimi Giorni, la Free Church of Tonga e persino le Chiese cattoliche romane occupano posti di autorità e modello sociale influenti ma dannosi se teniamo presente che quasi tutti sono obesi.

Non tutto è negativo. Sia a Tonga che a Samoa giovani e uomini fino alla mezza età continuano a giocare a rugby la sera o la mattina nei fine settimana e nei giorni festivi, in varie praterie naturali sparse per l'arcipelago.

Fare jogging intorno alla tomba di Robert Louis Stevenson a Upolu, nelle Samoa occidentali

I samoani corrono su e giù per la collina dove è sepolto Robert Louis Stevenson per perdere peso

Un rugby non sempre di prim'ordine ma atletico e desideroso, in spazi violenti e che fa della piccola nazione la dodicesima potenza mondiale dello sport, fornitrice di innumerevoli naturalizzati soprattutto all'onnipotente Nova Zelândia.

Na Polinesia Francese, le autorità galliche hanno reagito nel 2009 con tasse sulle bevande zuccherate. Da allora, altre nazioni del Pacifico hanno seguito l'esempio, con scarso successo.

Le multinazionali sono così diffuse che finiscono per manipolare i governi e aggirare le restrizioni. Qua e là, i loro loghi e disegni decoravano le facciate di case, bar e altri esercizi commerciali delle isole, come quelle delle multinazionali di fast food prominente.

Nel frattempo, la maggior parte dei polinesiani non sa ancora come districarsi dal flagello nutrizionale che li perseguita.

Maggiori informazioni su questo argomento nella rispettiva pagina di wikipedia.

Moorea, Polinesia Francese

La sorella polinesiana che qualsiasi isola vorrebbe avere

A soli 17 km da Tahiti, Moorea non ha una sola città e ospita un decimo degli abitanti. I tahitiani osservano il tramonto da molto tempo e trasformano l'isola accanto in una sagoma nebbiosa, solo per restituirle, ore dopo, i suoi colori e le sue forme esuberanti. Per chi visita queste parti lontane del Pacifico, conoscere Moorea è un doppio privilegio.
Maui, Havai

Maui: le divine Hawaii che hanno ceduto al fuoco

Maui è un ex capo ed eroe delle immagini religiose e tradizionali hawaiane. Nella mitologia di questo arcipelago, il semidio prende al laccio il sole, alza il cielo ed esegue una serie di altre imprese per conto degli umani. L'isola omonima, che i nativi credono di aver creato nel Pacifico settentrionale, è essa stessa prodigiosa.
Apia, Samoa Occidentali

Fia Fia - Folclore Polinesiano ad Alta Velocità

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e da qui alle Hawaii, ci sono molte varianti di danze polinesiane. Le notti samoane di Fia Fia, in particolare, sono allietate da uno degli stili più frenetici.
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Rapa Nui - Isola di Pasqua, Cile

Sotto lo sguardo dei Moai

Rapa Nui fu scoperta dagli europei il giorno di Pasqua del 1722. Ma se il nome cristiano Isola di Pasqua ha un senso, la civiltà che l'ha colonizzata dagli osservatori moai rimane avvolta nel mistero.
Samoa  

Alla ricerca del tempo perduto

Per 121 anni è stata l'ultima nazione sulla Terra a cambiare giorno. Ma Samoa si rese conto che le sue finanze erano in ritardo e, alla fine del 2012, decise di trasferirsi a ovest sulla LID - International Date Line.
Papeete, Polinesia Francese

Il Terzo Sesso di Tahiti

Eredi dell'antica cultura polinesiana, i Mahu conservare un ruolo insolito nella società. Persi da qualche parte tra i due sessi, questi uomini-donne continuano a lottare per il senso delle loro vite.
Tongatapu, Tonga

L'ultima monarchia polinesiana

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e alle Hawaii, nessun'altra monarchia ha resistito all'arrivo degli scopritori e della modernità europei. Per Tonga, per diversi decenni, la sfida è stata quella di resistere alla monarchia.
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Maupiti, Polinesia Francese

Una società al margine

All'ombra della fama quasi planetaria della vicina Bora Bora, Maupiti è remota, scarsamente abitata e anche meno sviluppata. I suoi abitanti si sentono abbandonati ma chi la visita è grato per l'abbandono.
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Upolu, Samoa  

Nel cuore spezzato della Polinesia

L'immagine dell'idilliaco Sud Pacifico è indiscutibile a Samoa, ma la sua bellezza tropicale non paga i conti né per la nazione né per gli abitanti. Chiunque visiti questo arcipelago trova un popolo combattuto tra l'assoggettarsi alla tradizione e alla stasi finanziaria o lo sradicarsi in paesi con orizzonti più ampi.
Savai'i, Samoa

Le Grandi Samoa

Upolu ospita la capitale e gran parte dell'attenzione turistica. Dall'altra parte dello stretto di Apolima, l'anch'essa vulcanica Savai'i è l'isola più grande e più alta dell'arcipelago delle Samoa e la sesta dell'immensa Polinesia. I samoani lodano così tanto la sua autenticità che la considerano l'anima della nazione.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Teatro musicale e sala espositiva, Tbilisi, Georgia
Architettura & Design
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Aventura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Cerimonie e Feste
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
San Juan, Città Vecchia, Porto Rico, Reggaeton, Flag at Gate
Città
San Juan, Porto Rico (parte 2)

Al ritmo del reggaeton

I portoricani irrequieti e fantasiosi hanno reso San Juan la capitale mondiale del reggaeton. Al ritmo preferito della nazione, hanno riempito la loro "città murata" con altre arti, colori e vita.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Cultura
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
In viaggio
Lago Inle, Myanmar

Una piacevole sosta forzata

Nella seconda delle forature che abbiamo durante un giro intorno al Lago Inlé, aspettiamo che ci venga portata la bici con la gomma rattoppata. Al negozio lungo la strada che ci accoglie e ci aiuta, la quotidianità non si ferma.
Coda vietnamita
Etnico

Nha Trang-Doc Let, Vietnam

Il sale della terra vietnamita

Alla ricerca di attraenti coste nella vecchia Indocina, siamo rimasti delusi dall'asprezza della spiaggia di Nha Trang. Ed è nel lavoro femminile ed esotico delle saline di Hon Khoi che troviamo un Vietnam più confortevole.

Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Teatro di Manaus
Storia
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Bonaire, isola, Antille olandesi, ABC, Caraibi, Rincon
Isole
Rincon, Bonaire

Il Pioneer Nook delle Antille olandesi

Poco dopo l'arrivo di Colombo nelle Americhe, i castigliani scoprirono un'isola caraibica che chiamarono Brasile. Temendo la minaccia dei pirati, nascosero il primo insediamento in una valle. Dopo un secolo, gli olandesi presero possesso di quell'isola e la ribattezzarono Bonaire. Non hanno cancellato il nome senza pretese della colonia precursore: Rincon.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Preikestolen, Pulpit Rock, trono rischioso
Natura
Preikestolen - Pulpito Rock, Norvegia

Pellegrinaggio al pulpito di roccia in Norvegia

Non mancano scenari grandiosi negli infiniti fiordi della Norvegia. Al centro del fiordo di Lyse, la cima distaccata, liscia e quasi squadrata di una scogliera di oltre 600 metri forma un inaspettato pulpito roccioso. Salire sulle sue vette, sbirciare i precipizi e godersi i panorami circostanti è molto rivelatore.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Repubblica Dominicana, Spiaggia Bahia de Las Águilas, Pedernales. Parco Nazionale di Jaragua, Spiaggia
Parchi Naturali
Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
Acri, Fortezza dei Templari, Israele, Caramelle croccanti
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Giovanni d'Acri, Israele

La fortezza che ha resistito a tutto

Era un obiettivo frequente delle Crociate e fu preso e riconquistato più e più volte. Oggi, israeliano, Acri è condiviso da arabi ed ebrei. Vive in tempi molto più sereni e stabili di quelli che ha vissuto.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
personaggi
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Il pescatore manovra la barca vicino alla spiaggia di Bonete, Ilhabela, Brasile
Spiagge
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Glamour vs Fede
Religione
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Società
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Animali selvatici
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.