Samarcanda, Uzbekistan

Un'eredità monumentale della Via della Seta


sagome di registrazione
Due passanti camminano nell'ombra in piazza Registan, il cuore storico di Samarcanda e la dinastia fondata da Timur.
cupola blu
Cupola della madrasa di Tilla Qori, una di quelle che compongono la piazza Registão.
girone femminile
Donne uzbeke in visita alla necropoli di Shaki-Zinda.
la tigre insegue la capra
I famosi mosaici della tigre, presenti sulla facciata delle madrasse del Registan contro i precetti dell'Islam.
resto della gonna
Donne di diverse generazioni riposano su una panchina da giardino a Praça do Registão.
Vicolo mortuario
Le donne camminano davanti a due mausolei nella necropoli di Shaki-Zinda.
In procinto di partire
I visitatori lasciano la necropoli di Sakhi-zida.
Gara automobilistica
I bambini guidano macchinine in un parco adiacente a Praça do Registão.
Raifa Egamnazarova
Una babushka uzbeka ossessionata dai suoi nipoti e dai suoi figli riposa su una panchina del parco in piazza Registan.
Disco del Crepuscolo
I colori della piazza del Registão sotto una luce crepuscolare.
di nuovo al sole
I visitatori lasciano un vecchio edificio religioso ai margini di una madrasa di Samarcanda.
Albicocche, noci e altri
Negozio di frutta secca in un mercato cittadino.
pane uzbeko
Venditori di pane in uno dei mercati di Samarcanda.
Foto con Timur
Due visitatori di Samarcanda vengono fotografati accanto alla statua dell'idolo storico nazionale Timur.
In una penombra funebre
Stranieri visitano una tomba in una moschea alla periferia di Samarcanda.
sposi sotto le stelle
Gli sposi accanto a un murale del museo dedicato all'astronomo Ulugh Beg.
Una necropoli uzbeka
Edifici di Shaki-Zinda, una necropoli che raggruppa undici mausolei di personaggi di spicco di Samarcanda.
A Samarcanda, il cotone è ora la merce più scambiata e Lada e Chevrolet hanno sostituito i cammelli. Oggi, invece delle roulotte, Marco Polo troverebbe i peggiori guidatori in Uzbekistan.

La lunga estate dell'Asia centrale è appena iniziata.

Il sole sorge all'orizzonte. Rafforza l'oro della croce a otto braccia della Chiesa ortodossa di Sant'Alessio e il verde degli alberi del Viale dell'Università.

Sono passati 21 anni da quando l'Uzbekistan ha colto l'opportunità offerta da Gorbaciov e si è liberato dal giogo del Cremlino. Molti russi hanno scelto di ignorare il flusso della storia. Rimasero dov'erano.

Come altrove nel paese, a Samarcanda, hanno approfittato del vantaggio sociale ed economico precedentemente acquisito dalle famiglie e hanno occupato posti vacanti nelle migliori imprese e posti di lavoro. Vediamo giovani donne orgogliosamente bionde e belle che camminano sui marciapiedi mentre si dirigono verso il centro, con i tacchi alti, in abiti attillati.

E uomini dal portamento altezzoso preoccupati di sfruttare al meglio i loro investimenti, siano essi ancora gli emarginati dei sovietici o quelli che sono recenti nella nuova era dell'onnipotente presidente Karimov.

L'Antico Magazzino delle Culture e del Commercio di Samarcanda

Samarcanda è sempre stata vista come un crocevia di culture. Accoglie persone da ogni parte, a cominciare dai visitatori nazionali che approfittano dei brevi periodi di vacanza estiva per rendere omaggio alla città.

statua, Timur, eroe uzbeko, Via della Seta, Samarcanda, Uzbekistan

Due visitatori di Samarcanda vengono fotografati accanto alla statua dell'idolo storico nazionale Timur.

Raggiungiamo l'estremità nord-est del viale e incontriamo l'imponente statua nera di Timur, l'emiro di stirpe mongolo-turca che, nel XIV secolo, conquistò uno dei più grandi imperi del mondo e fondò un'ambiziosa dinastia islamica.

Lo esaminiamo con calma, mentre tre uzbeki scendono da un taxi e attraversano la rotatoria circostante incautamente.

Per uno di loro, un fotografo di strada, la mattinata era iniziata meglio di quanto si aspettasse. I due connazionali stavano per lasciare la città.

Lo salvarono dal suo posto di lavoro perché potessero portare come ricordo un'immagine di compagnia e venerazione, ai piedi del grande monarca, terrore dei nemici mamelucchi, degli ottomani e persino degli Ospitalieri.

Piazza Registan, la Monumentale Eredità Timuride di Samarcanda

Piazza Registan, a meno di un chilometro, celebra lo splendore dell'era timuride. Quando la troviamo, viene accarezzata da un battaglione di giardinieri devoti e la supervisione promiscua di diversi "cetrioli", come gli uzbeki chiamano i poliziotti della loro nazione, per aver indossato uniformi completamente verdi.

Vediamo arrivare colorati gruppi di pellegrini musulmani, entusiasti di trovarsi finalmente di fronte alle madrase più emblematiche del mistico Turkestan. Seguiamo i loro movimenti di solidarietà fino a quando non scompaiono attraverso gli imponenti portici.

piazza della registrazione, crepuscolo, notte, via della seta, samarcanda, uzbekistan

I colori della piazza del Registão sotto una luce crepuscolare.

Ulugh Beg (1417-1420) e Sher-dor (1619-1636) furono i primi ad essere costruiti. Si confrontano e contestano il protagonismo architettonico della piazza con la più giovane, Tilya-Kori (1646-1660) che si presenta davanti a chi arriva.

Un tempo fungevano da importanti scuole islamiche in cui la popolazione veniva convocata per ascoltare i proclami reali e partecipare alle esecuzioni pubbliche.

E l'eredità astronomica dell'emiro Ulugh Beg

Ulugh Beg, l'ultimo emiro della dinastia, aveva molto di più da trasmettere. Oltre ad essere un leader, ha dimostrato di essere un maestro matematico e astronomo. Ha trasformato la sua madrasa in una delle migliori università dell'Oriente musulmano.

Ha anche costruito un osservatorio spaziale pionieristico.

sagome, piazza di registrazione, via della seta, samarcanda, uzbekistan

Due passanti camminano nell'ombra in piazza Registan, il cuore storico di Samarcanda e la dinastia fondata da Timur.

Ai nostri giorni, le autorità lo trasformarono in un museo, completato da giardini aperti che gli abitanti della città adattarono all'uso del territorio.

L'urgenza sociale uzbeka del matrimonio e della procreazione

Ci uniamo all'entourage di un matrimonio. Ci siamo divertiti ad accompagnare i fotografi di turno mentre posizionavano gli sposi contro un cielo dipinto su un muro e provavano pose appassionate quanto sature del velo della sposa in bilico sostenuti da un'illusoria assenza di gravità.

sposi, museo di ulugh beg, via della seta, samarcanda, uzbekistan

Gli sposi accanto a un murale del museo dedicato all'astronomo Ulugh Beg.

Il matrimonio e le famiglie infinite sono sacre in Uzbekistan. Le donne native ci chiedono più e più volte se siamo sposati e quanti figli abbiamo. La risposta li lascia quasi sempre a pezzi. Alcuni non riescono nemmeno a conformarsi.

Raifa Egamnazarova si è trasferita da Valle di Fergana per trascorrere il fine settimana a Samarcanda. Indossa un fazzoletto bianco per incorniciare il suo viso logoro. cazzate tenero.

Ci permette di fotografarla e mostra le sue iridi d'acciaio e i suoi denti d'oro.

donna, panca da giardino, piazza della registrazione, via della seta, samarcanda, uzbekistan

Una babushka uzbeka ossessionata dai suoi nipoti e dai suoi figli riposa su una panchina del parco in piazza Registan.

Il servizio fotografico genera un po' di apprensione nella signora: “Guarda lì! Mio marito lo vede ancora sulle riviste e mi chiederà se sono andato a fare shopping o a frequentarmi Portogallo".

Finisce per adottarci come suoi figli e, per una buona mezz'ora, insiste che dobbiamo dargli il suo primo nipote l'anno successivo.

L'importanza del matrimonio e dei legami familiari emerse indenne dagli esperimenti comunisti, ma durante l'era coloniale russa e poi in quella sovietica furono distrutti diversi edifici sacri dell'Islam e la loro influenza nella società fu annullata.

L'assolutismo e il controllo dell'islamismo del presidente Karimov

Il presidente Karimov ha adottato parte della ricetta sovietica e tiene sotto controllo la religione. Ci sono poche madrase nel paese che continuano a servire i vecchi scopi.

I Samarcanda non fanno eccezione alla regola. In molti, ospitano famiglie diverse e occupano le ex stanze al piano terra degli studenti con bazar di artigianato e altri souvenir.

All'interno di Sher-dor, un commesso dallo sguardo portentoso di Nikhita Mikhalkov si avvicina a Nilufar, la giovane guida che ci accompagna. In russo, cerca prima di forzargli una visita al suo negozio di fotografia.

Presto, polverose videocassette che pretendono di illustrare la gloria della città a cui è rimasto fedele: «Di' loro che sono di grande interesse per loro.

Non c'è bisogno di dare così tanti problemi con queste macchine enormi! Costano solo 20 euro…”. Presto infettati, altri venditori dall'aspetto uzbeko cercano di convocarci nei loro mini-market e vetrine.

Visitatori, edificio Madraca, Via della Seta, Samarcanda, Uzbekistan

I visitatori lasciano un vecchio edificio religioso ai margini di una madrasa di Samarcanda.

L'era prospera della Via della Seta

Ai tempi della Via della Seta, il commercio doveva fluire molto meglio di adesso.

Samarcanda era a metà strada tra la Cina (Xi An), e le civiltà del Mediterraneo, in particolare Roma. Prodotti di valore provenienti dall'Asia e dall'Europa che viaggiavano in entrambe le direzioni su lunghe carovane di cammelli hanno trovato acquirenti lungo la strada e nelle loro destinazioni finali.

La seta esotica giustificò il lungo viaggio della famiglia veneziana Polo, che venne a vivere nella vicina Bukhara, finché non si diresse verso est e cadde in mano all'imperatore mongolo Kublai Khan. Anni dopo, Kublai Khan ha nominato i Polo come ambasciatori per i suoi messaggi al Papa. Li nominò suoi diplomatici per altre missioni.

Secondo Marco Polo, qualche tempo dopo la seconda visita del padre e dello zio Cina – il primo di Marco –, i tre polacchi chiesero più volte all'imperatore di tornare in Europa.

la tigre insegue la capra, madraca, registrazione, via della seta, samarcanda, uzbekistan

I famosi mosaici della tigre, presenti sulla facciata delle madrasse del Registan contro i precetti dell'Islam.

Al Khan piaceva così tanto la loro compagnia che avrebbe posticipato la loro partenza più e più volte. Senza alternative, i polacchi si accontentarono di rispettare la loro volontà.

Stalin e altri leader sovietici perseguirono diversi capricci.

L'età del cotone, l'oro bianco che ha sostituito la seta

Al momento della validità del Stalin, il cotone era conosciuto come Ouro Branco, aveva un enorme valore commerciale. Attratti dalla fortuna che potevano coltivare nell'allora colonia uzbeka, i politici del Cremlino decretarono la deviazione dell'acqua dalla Mare d'Aral e i principali fiumi del paese per irrigare raccolti infiniti nei deserti Kyzyl Kum e Aral Kum.

L'esperimento si è rivelato tanto catastrofico in termini ambientali quanto redditizio. Il cotone è ancora la principale produzione dell'Uzbekistan e della regione di Samarcanda.

Donne, necropoli di Sakhi-zida, Uzbeq, Via della Seta, Samarcanda, Uzbekistan

I visitatori lasciano la necropoli di Sakhi-zida.

Ma non tutte le eredità sovietiche hanno generato tale controversia. Una flotta di auto Lada continua a guidare attraverso Samarcanda e resiste a essere sostituita dai modelli Chevrolet appena arrivati.

Impariamo rapidamente a valutare questa longevità. Le strade secondarie della città si dimostrano distruttive come pochi altri possono, e gli uomini uzbeki, generalmente calmi e cortesi, sono spesso entusiasti. al volante dei loro bolidi invecchiati.

Per qualche ragione che non siamo stati in grado di accertare, sembrano generare più adrenalina e testosterone – e, di conseguenza, molto più clacson, litigi, collisioni e ammaccature – a Samarcanda che nel resto del Paese.

Uzbekistan

Viaggio attraverso lo Pseudo-Tar in Uzbekistan

Passarono i secoli. Le vecchie e fatiscenti strade sovietiche tagliano i deserti e le oasi un tempo percorse dalle carovane del Via della Seta. Soggetto al suo giogo per una settimana, sperimentiamo ogni sosta e incursione nei luoghi e nei paesaggi uzbeki come ricompense della strada storica.
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Samarcanda, Uzbekistan

L'astronomo Sultano

Nipote di uno dei grandi conquistatori dell'Asia centrale, Ulugh Beg preferiva le scienze. Nel 1428 costruì un osservatorio spaziale a Samarcanda. I suoi studi sulle stelle gli diedero il nome di un cratere sulla Luna.
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
Khiva, Uzbekistan

La fortezza della Via della Seta che l'Unione Sovietica Velluta

Negli anni '80, i leader sovietici rinnovarono Khiva in una versione ammorbidita, che, nel 1990, l'UNESCO dichiarò Patrimonio dell'Umanità. L'URSS si disintegrò l'anno successivo. Khiva ha conservato il suo nuovo splendore.
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
Mare d'Aral, Uzbekistan

Il lago assorbito dal cotone

Nel 1960, il Lago d'Aral era uno dei quattro laghi più grandi del mondo, ma i progetti di irrigazione hanno prosciugato gran parte dell'acqua e dello stile di vita dei pescatori. In cambio, l'URSS ha inondato l'Uzbekistan di oro bianco vegetale.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
dall'ombra
Architettura & Design
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Cerimonie e Feste
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
Street Bar, Fremont Street, Las Vegas, Stati Uniti
Città
Las Vegas, EUA

La culla della città del peccato

La famosa Strip non ha sempre focalizzato l'attenzione di Las Vegas. Molti dei suoi hotel e casinò replicavano il glamour neon della strada che un tempo spiccava di più, Fremont Street.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Cabina Sapphire, Purikura, Tokyo, Giappone
Cultura
Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Motociclista nella gola di Sela, Arunachal Pradesh, India
In viaggio
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
San Cristobal de Las Casas, Chiapas, Zapatismo, Messico, Cattedrale di San Nicolau
Etnico
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Estancia Harberton, Terra del Fuoco, Argentina
Storia
Terra di Fuoco, Argentina

Una fattoria alla fine del mondo

Nel 1886 Thomas Bridges, un orfano inglese portato dalla sua famiglia di missionari adottivi negli angoli più remoti dell'emisfero meridionale, fondò l'antica fattoria della Terra del Fuoco. Bridges e i suoi discendenti si sono arresi alla fine del mondo. Oggi, il tuo Estancia harberton è un abbagliante monumento argentino alla determinazione e alla resilienza umana.
Luci VIP
Isole
L'isola di Moyo, Indonesia

Moyo: un'isola indonesiana solo per pochi

Poche persone conoscono o hanno avuto il privilegio di esplorare la riserva naturale di Moyo. Una di loro era la principessa Diana che, nel 1993, vi si rifugiò dall'oppressione dei media che l'avrebbe vittimizzata.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Serra Dourada, Cerrado, Goiás, Brasile
Natura
Serra Dourada, Goiás, Brasile

Dove il Cerrado ondeggia Dorato

Uno dei tipi di savana del Sud America, il Cerrado si estende su più di un quinto del territorio brasiliano, che fornisce gran parte dell'acqua dolce. Situato nel cuore dell'altopiano centrale e dello stato di Goiás, il Parco statale della Serra Dourada brilla di doppio.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Premio Kukenam
Parchi Naturali
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
personaggi
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Magnifiche giornate atlantiche
Spiagge
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
cavalieri del divino, fede nello spirito santo divino, Pirenopolis, Brasile
Religione
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Società
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Tartaruga appena nata, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.