Pearl Harbor, Havai

Il giorno in cui il Giappone è andato troppo lontano


Visita silenziosa e solenne
I visitatori ammirano il pannello in onore di coloro che sono morti durante il bombardamento della USS Arizona.
A bordo del Memorial
Il pubblico esplora il corridoio aperto del memoriale che si affaccia sul Southern Marine Channel a Pearl Harbor.
Memoriale della USS Arizona
Museo-memoriale della corazzata USS Arizona, una delle navi affondate dall'aviazione giapponese
In procinto di partire
I visitatori lasciano l'edificio del museo commemorativo della USS Arizona sulla via del ritorno a riva.
Elenco delle vittime
La coppia resiste al muro che onora le vittime della USS Arizona.
Servizio militare
I militari scendono le scale per accogliere una nuova ondata di visitatori al museo-memoriale della USS Arizona.
La USS Arizona è affondata
Camino della corazzata USS Arizona, leggermente fuori dall'acqua per la poca profondità del fondale su cui poggia.
Angolo Byodo
Angolo del tempio buddista Byodo In, una delle innumerevoli testimonianze della presenza giapponese alle Hawaii rinvenute nell'isola di Oahu.
Stelle e strisce
Bandiera degli Stati Uniti che sventola sul memoriale della USS Arizona.
posa del kendo
I praticanti di kendo tengono un'esibizione nel giardino del tempio buddista di Byodo In.
Il 7 dicembre 1941, il Giappone attaccò la base militare di Pearl Harbor. Oggi, parti delle Hawaii sembrano colonie giapponesi, ma gli Stati Uniti non dimenticheranno mai l'affronto.

Sul viale hawaiano più famoso, la maggior parte dei passanti, dei clienti e anche dei residenti sono di origine giapponese, sono sudditi dell'imperatore, in vacanza, o lavoratori emigrati che servono il primo.

Molti degli alti edifici lungo la linea di galleggiamento appartengono a società giapponesi multimilionarie che sostengono finanziariamente la presenza storica dei loro compatrioti e la loro ultima passione per il bagno: Waikiki.

I primi giapponesi arrivarono a bordo dell'Inawaka-maru, una nave mercantile che fu colta da una tempesta di neve e pioggia, si allontanò dalla rotta tra Kanagawa e Shimoda e finì, senza albero, arenata all'estremità occidentale dell'arcipelago hawaiano.

Tra il 1869 e il 1885, le autorità imperiali vietarono l'immigrazione alle Hawaii. Ma da quel momento in poi, migliaia di giapponesi impoveriti non poterono resistere al fascino delle piantagioni di canna da zucchero e ananas.

La monarchia hawaiana si rifiutò di considerarli cittadini e le autorità giapponesi agirono per ripristinare il proprio rispetto sociale. Ad un certo punto, la marina giapponese ebbe una presenza continua ei giapponesi iniziarono a influenzare la politica hawaiana.

Gli americani temevano che i rivali avrebbero fermato la loro annessione dell'arcipelago e coltivavano un forte sentimento anti-giapponese.

Al culmine dell'emigrazione nel 1920, i giapponesi locali o Kepani – come vengono talvolta chiamati – costituivano il 43% della popolazione hawaiana.

Erano preoccupati da tempo per la crescente americanizzazione dei loro discendenti e, in quell'anno, avevano già costruito più di 150 scuole giapponesi frequentate dal 98% dei bambini giapponesi. Come abbiamo visto, la cura dell'identità-madre continua ad avere un senso.

Durante un viaggio di un fine settimana nella campagna di Oahu, ci siamo ritrovati con la Valle dei Templi e il suo tempio Byodo-In, la replica locale del santuario quasi millenario di Uji, situato nella prefettura di Kyoto.

Mostra di Kendo, Byodo-in, Oahu, Hawaii

I praticanti di kendo tengono un'esibizione nel giardino del tempio buddista di Byodo In.

Là, nei giardini in riva al lago pieni di carpe (koi), si svolge un evento commemorativo della cultura giapponese e una hostess introduce, in giapponese e inglese, diverse mostre: “a seguito della simulazione di un combattimento di kendo, un'arte marziale che si è evoluta dall'abilità dei samurai nell'uso della katana in Giappone ma sta diventando sempre più popolare alle Hawaii”.

Dopo il kendo, vengono presentate altre espressioni giapponesi e principalmente al pubblico nikkei gioisce dell'eleganza e della raffinatezza della civiltà degli antenati.

Nel dicembre 1941, l'imperatore Hirohito e il suo entourage di comandanti militari inaugurarono un lungo periodo di guerra in cui sarebbero venuti a disonorarli. Spinti dall'esempio espansionistico nazista, decisero di estendere il sovraffollato territorio giapponese al vasto Pacifico.

Iniziarono con la conquista della Malesia e delle Indie orientali olandesi, dove contavano di rifornirsi di gomma, petrolio e altre materie prime. Per questo, avevano bisogno di cancellare la forza navale nordamericana incaricata di pattugliare quella parte del mondo. Le migliaia di abitanti di sangue giapponese residenti alle Hawaii non meritavano alcuna considerazione.

La mattina del 7, sei portaerei hanno lanciato 353 caccia, bombardieri e torpediniere verso l'isola di Oahu. Gli americani lo hanno identificato a 252 km e hanno emesso l'avvertimento, ma un ufficiale di nuova nomina ha ipotizzato che fosse l'arrivo previsto di 6 bombardieri americani B-17 e ha scelto di non convalidare l'allarme.

I primi aerei sono arrivati ​​a Oahu alle 7:48. L'equipaggio delle navi americane si è svegliato al suono di allarmi, bombe e spari.

Si vestirono frettolosamente e corsero alle loro postazioni di battaglia mentre risuonava un messaggio dall'altoparlante "Aria incursione a Pearl Harbor. Questo non è un trapano” (Air Raid su Pearl Harbor, questo non è un esercizio) mentre il capo squadrone trasmetteva via radio il famoso codice “Torà, Torà, Torà” comunicando che la missione si stava compiendo perfettamente.

Bandiera americana - USS Arizona, Pearl Harbor, Hawaii

Bandiera degli Stati Uniti che sventola sul memoriale della USS Arizona.

Nonostante la sorpresa, alcuni soldati yankee sono riusciti a rispondere invano alla 2a e 3a ondata. A novanta minuti dall'inizio dell'attacco, 18 navi erano state distrutte, così come 188 dei 402 aerei parcheggiati lì. Duemilatrecentottantasei americani persero la vita e 1139 furono feriti.

Il giorno dopo l'attacco, Roosevelt pronunciò un discorso al Congresso che iniziava con la famosa frase "Ieri, 7 dicembre 1941 - data che vivrà nell'infamia - gli Stati Uniti d'America furono improvvisamente e deliberatamente attaccati dalle forze navali e aeree di l'Impero del Giappone”.

Gli americani dichiararono formalmente guerra al Giappone. L'11 dicembre Germania e Italia onorarono gli impegni assunti con il Patto Tripartito e dichiararono guerra agli Stati Uniti. Il conflitto divenne così effettivamente mondiale e sarebbe terminato solo 4 anni dopo.

Gli USA hanno trionfato, prosperato e si sono confermati la grande potenza mondiale, ma non hanno mai dimenticato Pearl Harbor.

Ci sono solo 17 chilometri di asfalto che separano Waikiki dalla baia, percorsa con vista sugli alti edifici di Honolulu e dintorni o in valli delimitate da verdi pendii. Nel parcheggio c'è un cartello che avverte che gli oggetti lasciati nei veicoli possono essere rubati, ma le autorità tutelano soprattutto la sicurezza della Base Militare.

Non è consentito portare zaini o borse all'interno del complesso. Le telecamere, queste, devono essere più piccole di 30.5 cm e sono filtrate in dettaglio dai raggi X, il che giustifica l'enorme coda che fa soffrire i visitatori sotto il sole tropicale.

Quasi tutte le attrazioni sono concentrate nella zona portuale più vicina dove – non siamo più sorpresi – la fotografia è vietata. Spiccano il sottomarino USS Bowfin Museum e la Missouri Battleship, in cui il generale Douglas MacArthur in seguito accettò la resa giapponese che pose fine alla seconda guerra mondiale.

Insieme, queste tre navi rappresentano l'inizio, la metà e la fine del conflitto e gli americani si sono assicurati che i loro eventi principali fossero narrati e spiegati nei loro interni.

USS Arizona, Pearl Harbor, Hawaii

Museo-memoriale della corazzata USS Arizona, una delle navi affondate dall'aviazione giapponese

Ma la testimonianza storica più eclatante del complesso, la USS Arizona, si trova al largo, in fondo all'insenatura ei militari di turno ci tengono a proteggerla come il monumento dogmatizzato in cui, nel tempo, l'hanno trasformata.

Un traghetto coperto trasporta i visitatori al memoriale. Durante la breve navigazione si ripetono fino al ridicolo gli arroganti ed esagerati ordini e rimproveri militari: “Signore, mettete il braccio dentro la barca”, “giovani, sedetevi sulle sedie se non vi dispiace”.

Militare USS Arizona, Pearl Harbor, Hawaii

I militari scendono le scale per accogliere una nuova ondata di visitatori al museo-memoriale della USS Arizona.

Durante lo sbarco, più di una persona viene avvertita semplicemente perché ha superato quella dietro o accanto a lui, ma la castrazione non si ferma qui.

Molto grazie agli sforzi di Elvis Presley – che ha tenuto un concerto meritorio e raccolto 50.000 dollari USA, più del 10% del valore totale – la struttura bianca del santuario sarebbe stata costruita sopra la sezione centrale della nave, con una geometria che è detto per simboleggiare la sconfitta iniziale. , la vittoria finale e la serenità eterna.

La USS Arizona fu colpita direttamente da diverse bombe e affondò in meno di 9 minuti. Ha intrappolato il suo equipaggio sott'acqua e oltre l'80% degli uomini a bordo (1177) sono morti. Una delle 3 camere del santuario funge da tomba.

I nomi delle vittime sono incisi su una parete di marmo e, di tanto in tanto, i familiari o gli amici vengono a pregare per loro oa renderle omaggio. È l'unico motivo ammissibile per cui le guardie militari sono così offese e furiose ogni volta che qualcuno intraprende dialoghi, commenti o sussurri anche più percettibili.

Pearl Harbor è una delle più grandi ferite nella storia della nazione americana e la USS Arizona sta ancora sanguinando. Ammiriamo la sommità del suo grande camino, che sarebbe entrato in una pompa e, attraverso l'acqua bluastra della laguna, parte della struttura arrugginita rimasta.

Chamine USS Arizona, Pearl Harbor, Hawaii

Camino della corazzata USS Arizona, leggermente fuori dall'acqua per la poca profondità del fondale su cui poggia.

Il grande incrociatore conteneva circa 5.5 milioni di litri di petrolio”Bunker C”. Dopo l'attacco, questo combustibile ha alimentato un incendio che è durato due giorni e mezzo ma non si è esaurito. Sommerge lentamente e rinnova le macchie colorate che divennero note come le lacrime del vaso.

Gli ambientalisti hanno già avvertito che, se rilasciato, il petrolio che rimane nei depositi della barca è sufficiente a causare un disastro ambientale e impedire la normale attività della Marina americana nell'area.

Ponte USS Arizona, Pearl Harbor, Hawaii

I visitatori lasciano l'edificio del museo commemorativo della USS Arizona sulla via del ritorno a riva.

Ma dal 1982, le autorità hanno consentito che le ceneri di 30 sopravvissuti della USS Arizona fossero depositate da subacquei sotto una delle loro torrette. L'equipaggio che ha prestato servizio prima dell'affondamento è stato e può essere lasciato cadere sull'area dei relitti.

Key West, EUA

Il selvaggio West tropicale degli Stati Uniti

Siamo giunti alla fine della Overseas Highway e all'ultima ridotta della propaganda Florida Keys. Il Stati Uniti continentali qui si arrendono a un'abbagliante vastità marina color smeraldo-turchese. E un sogno ad occhi aperti del sud alimentato da una sorta di incantesimo caraibico.
Maui, Havai

Maui: le divine Hawaii che hanno ceduto al fuoco

Maui è un ex capo ed eroe delle immagini religiose e tradizionali hawaiane. Nella mitologia di questo arcipelago, il semidio prende al laccio il sole, alza il cielo ed esegue una serie di altre imprese per conto degli umani. L'isola omonima, che i nativi credono di aver creato nel Pacifico settentrionale, è essa stessa prodigiosa.
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.
Hiroshima, Giappone

Hiroshima: una città arresa alla pace

Il 6 agosto 1945 Hiroshima soccombette all'esplosione della prima bomba atomica usata in guerra. Dopo 70 anni, la città si batte per la memoria della tragedia e per lo sradicamento delle armi nucleari entro il 2020.
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
Waikiki, OahuHavai

L'invasione giapponese delle Hawaii

Decenni dopo l'attacco Pearl Harbor e alla capitolazione nella seconda guerra mondiale, i giapponesi tornarono alle Hawaii armati di milioni di dollari. Waikiki, il suo bersaglio preferito, insiste per arrendersi.
Florida Keys, EUA

Il trampolino di lancio dei Caraibi degli Stati Uniti

Os Stati Uniti i continenti sembrano finire, a sud, nella sua capricciosa penisola della Florida. Non si fermano qui. Più di cento isole di corallo, sabbia e mangrovie formano un'eccentrica distesa tropicale che ha sedotto a lungo i vacanzieri nordamericani.
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Miami Spiaggia, EUA

La spiaggia di tutte le vanità

Poche coste concentrano, allo stesso tempo, tanto calore e manifestazioni di fama, ricchezza e gloria. Situata nell'estremo sud-est degli Stati Uniti, Miami Beach è accessibile tramite sei ponti che la collegano al resto della Florida. È magro per il numero di anime che lo desiderano.
Little Havana, EUA

L'Avana degli anticonformisti

Nel corso dei decenni e fino ad oggi, migliaia di cubani hanno attraversato lo Stretto della Florida alla ricerca della terra della libertà e dell'opportunità. Con gli Stati Uniti a soli 145 km di distanza, molti non sono andati oltre. La sua Little Havana a Miami è oggi il quartiere più emblematico della diaspora cubana.
Grand Canyon, EUA

Viaggio attraverso l'abisso del Nord America

Il fiume Colorado e gli affluenti iniziarono a confluire nell'omonimo altopiano 17 milioni di anni fa, esponendo metà del passato geologico della Terra. Hanno anche scolpito una delle sue viscere più sbalorditive.
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
Juneau, Alaska

La piccola capitale della Grande Alaska

Da giugno ad agosto, Juneau scompare dietro le navi da crociera che attraccano al suo molo marginale. Tuttavia, è in questa piccola capitale che si decide il destino del 49° stato nordamericano.
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Big Island, Havai

Big Island delle Hawaii: Alla ricerca dei fiumi di lava

Ci sono cinque vulcani che fanno aumentare di giorno in giorno la grande isola delle Hawaii. Kilauea, la più attiva sulla faccia della Terra, rilascia costantemente lava. Nonostante questo, viviamo una sorta di epopea per intravederla.
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Navajo Nation, EUA

Attraverso Navajo Nation Lands

Da Kayenta a Page, passando per Marble Canyon, esploriamo l'altopiano del Colorado meridionale. Drammatica e desertica, le ambientazioni di questo dominio indigeno ritagliato in Arizona si rivelano magnifiche.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Architettura & Design
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Sfilata e sfarzo
Cerimonie e Feste
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Vittoriosa, Birgu, Malta, Lungomare, Marina
Città
Birgu, Malta

Alla conquista della Città Vittoriosa

Vittoriosa è la più antica delle Tre Città di Malta, sede dei Cavalieri Ospitalieri e, dal 1530 al 1571, sua capitale. La resistenza che offrì agli ottomani nel Grande Assedio di Malta mantenne l'isola cristiana. Anche se, in seguito, Valletta ha assunto il ruolo amministrativo e politico, la vecchia Birgu risplende di gloria storica.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
cibo
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
Tombola, Street Bingo - Campeche, Messico
Cultura
Campeche, Messico

200 anni di gioco con la fortuna

Alla fine del XNUMX° secolo, Campechanos si arrese a un gioco introdotto per raffreddare la febbre per i bancomat. Oggi, giocato quasi solo da Abuelitas, un lotteria il posto è poco più che intrattenimento.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
In viaggio
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
sagome islamiche
Etnico

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Victoria Falls, Zambia, Zimbabwe, Zambesi
Storia
Victoria Falls, zimbabwe

Dono tonante di Livingstone

L'esploratore stava cercando una rotta per l'Oceano Indiano quando gli indigeni lo portarono a un salto del fiume Zambesi. Le cascate che trovò erano così maestose che decise di nominarle in onore della sua regina.
Vista da Pico Verde a Praia Grande, São Vicente, Capo Verde
Isole
São Vicente, Capo Verde

L'arido bagliore vulcanico di Soncente

Un ritorno a São Vicente rivela un'aridità tanto abbagliante quanto inospitale. Chi la visita rimane sorpreso dalla grandiosità e dall'eccentricità geologica della quarta isola più piccola di Capo Verde.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Natura
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Parchi Naturali
Moçamedes a PN Iona, Namibe, Angola

Grande ingresso all'Angola das Dunas

Sempre partendo da Moçâmedes, abbiamo viaggiato alla ricerca delle sabbie del Parco Nazionale di Namibe e Iona. La meteorologia del cacimbo impedisce la continuazione tra l'Atlantico e le dune dello splendido sud di Baía dos Tigres. Sarà solo questione di tempo.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Lancio netto, isola di Ouvéa-Ilhas Lealdade, Nuova Caledonia
Spiagge
Ouvea, Nuova Caledonia

Tra lealtà e libertà

La Nuova Caledonia ha sempre messo in discussione l'integrazione nella lontana Francia. Sull'isola di Ouvéa, arcipelago di Lealdade, troviamo una storia di resistenza ma anche nativi che prediligono la cittadinanza e i privilegi francofoni.
Pemba, Mozambico, Capitale di Cabo Delgado, da Porto Amélia a Porto de Abrigo, Paquitequete
Religione
Pemba, Mozambico

Da Porto Amélia al Porto di Abrigo de Moçambique

Nel luglio 2017 abbiamo visitato Pemba. Due mesi dopo, il primo attacco ha avuto luogo a Mocímboa da Praia. Nemmeno allora osavamo immaginare che la capitale tropicale e soleggiata di Cabo Delgado sarebbe diventata la salvezza di migliaia di mozambicani in fuga da un terrificante jihadismo.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Intervento della Polizia, Ebrei Utraortodossi, Jaffa, Tel Aviv, Israele
Società
Jaffa, Israele

proteste non ortodosse

Un edificio a Jaffa, Tel Aviv, minacciava di profanare quelle che gli ebrei ultra-ortodossi pensavano fossero vestigia dei loro antenati. E nemmeno la rivelazione che erano tombe pagane impediva loro di contestare.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Coccodrilli, Queensland tropicale dell'Australia selvaggia
Animali selvatici
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.