alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso


foresta fitta
Enormi felci dominano la lussureggiante vegetazione del Franklin-Gordon PN.
Calzature ariose
Stendibiancheria di vecchie scarpe sollevate da gente del posto e viaggiatori in una recinzione lungo la strada sulla strada per PN Frecynet.
Posta 26, posta 18
Cassette postali tradizionali del vecchio villaggio di Ross, nel cuore delle Midlands.
pietra calda
Una luce fioca sotto una coltre di nuvole temporalesche illumina il Ross Bridge.
Passaggio Echidna
Il segnale stradale avverte della presenza di echidna, uno dei numerosi mammiferi della Tasmania meridionale.
vita marsupiale
Canguro giovanile su una spiaggia selvaggia in PN Frecynet.
mare antartico
Costa selvaggia di PN Frecynet, sulla costa orientale della Tasmania.
Marea dell'art
Strisce di acqua e sabbia su una spiaggia a sud di Hobart.
ponte verso un altro giorno
Il sole tramonta su Ross, uno degli insediamenti secolari delle Midlands.
Nuoto in acqua fredda
Un leone marino sorge dal Mar di Tasmania vicino all'isola di Brunet.
ponte più antico
L'Old Richmond Bridge, il più antico in uso in Australia.
foreste di felci
Lussureggianti felci del Franklin-Gordon PN nel piovoso interno orientale della Tasmania.
Da lì alla capitale
Indicatore di distanza storica per Hobart, evidenziato sul ponte di Richmond.
Illuminazione provvidenziale
Torre della Chiesa anglicana di S. Giovanni, a Richmond.
British Gardens ad Antipodas
Elegante gazebo nel Cataract Gorge Park di Launceston, la seconda città della Tasmania.
curiosità comunitaria
Colonia di leoni marini al largo dell'isola di Brunet, al largo della costa sud-orientale della Tasmania.
Wineglass Bay
La baia quasi perfetta di WineGlass, la più visitata del Frecynet National Park.
Prati senza pioggia
Terre aride delle Midlands nel mezzo dell'estate meridionale della Tasmania.
Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.

Dopo diversi giorni trascorsi nella parte posteriore della Tasmania, siamo finalmente emersi, puntando a nord.

Come addio alla città, abbiamo deciso di salire ai 1271 metri del Mount Wellington, la sommità dell'omonima catena montuosa che blocca l'espansione delle case della capitale e la separa dalla vastità insulare sopra sulla mappa.

Monte Wellington sopra

Venti minuti di curve e controcurve in un ambiente metà selvaggio e metà roccioso, abbiamo raggiunto la cima, ben identificata da un belvedere dall'architettura impavida. Abbiamo lasciato la macchina.

Siamo saliti su un balcone in legno strapiombante. Da lì, apprezziamo la profusione di massi magmatici rosa che si estendono lungo il pendio.

Collina del Monte Wellington, Hobart, Tasmania

Striature di nuvole appaiono da più lontano lungo il pendio del monte Wellington, a sud a nord di Hobart.

Vediamo accenni di nuvole che salgono, da più in basso, di nascosto, come se volessero sorprendere gli intrusi della loro montagna. Più che le matasse di gas, è la meteorologia della montagna a coglierci alla sprovvista. Ci siamo resi conto, al di là di ogni dubbio, di quanto fosse cruciale Hobart il riparo orografico della catena montuosa.

Senza di essa, soprattutto durante l'inverno australe, Hobart sarebbe esposta ai capricci dei venti di sud e sud-ovest provenienti dall'Oceano Antartico.

Anche se i venti prevalenti soffiassero da nord, provenienti dalla sempre calda terraferma australiana, ogni volta che venissero fatte eccezioni, i cittadini si congelavano.

Era quello che ci stava succedendo a poco a poco, il motivo per cui ci siamo arresi all'evidenza e ai tremori sempre più intensi. Ci ritiriamo all'interno dell'edificio vetrato.

Edificio del punto di vista del monte Wellington

L'edificio vetrato nel punto panoramico del Monte Wellington protegge i visitatori dal vento furioso che spazza la vetta.

Al riparo dalle raffiche gelide e furiose, ci godemmo il panorama ancora per un po': il taglio del lungo estuario del fiume Derwent e, oltre, le terre più lisce della penisola di Tasman che avevamo esplorato in quei giorni.

Punto di vista del monte Wellington, Hobart, Tasmania, Australia

Visitatori sul balcone del punto panoramico di Mount Wellington, in alto sopra Hobart.

Dalle alture alle pianure delle Midlands

Siamo tornati di corsa al parcheggio. Siamo saliti in macchina. Da lì si scende verso le pianure delle Midlands.

Come suggerisce il nome, possiamo identificarli nell'imminenza del centro dell'isola, dominato dai toni verdi e gialli delle piantagioni di cereali, compartimentate da siepi successive.

Le Midlands divennero rurali nei primi anni della colonizzazione. Questa realtà e l'opulenza raggiunta dalle famiglie di coloni contadini è evidente nel numero di città e villaggi di pietra e di vecchie guarnigioni e città di posta che ancora abbondano.

Oatlands, ad esempio, ospita la più grande collezione australiana di architettura georgiana, con 87 edifici storici solo su Main Street. Poche dozzine di chilometri a nord, Ross irradia fascino coloniale.

E una tranquillità interrotta solo dal gracchiare dei corvi e dal suono della campana della chiesa. Non è sempre stato così.

Cassette postali a Ross, Tasmania, Australia

Vecchie cassette postali di Ross, Tasmania Midlands.

La guarnigione secolare di Ross

Ross è stata fondata intorno al 1812 per proteggere i viaggiatori che vagavano per l'isola da cima a fondo dagli aborigeni. A quel tempo, il rapporto con gli indigeni rimase più conflittuale che mai. La guarnigione teneva le carrozze di notte. Ha mantenuto i passeggeri al sicuro.

Ross ospita ancora uno dei ponti più fotografati dell'isola della Tasmania. Come tante altre strutture dell'isola, l'hanno costruita i detenuti. Anche il capomattone era uno di loro.

L'esilio e l'opera di Daniel Herbert

Mentre era ancora in Gran Bretagna, Daniel Herbert aveva un padre militare e un lavoro. Anche così, non ha potuto resistere a uno dei piatti molto più redditizi che gli sono stati proposti. Durante una rapina in strada, è stato catturato. Recidivo in violente rapine, fu condannato a morte. Ha visto la pena essere cambiata in esilio a vita.

pochi anni di esilio della Tasmania in seguito, le autorità decisero di premiare il suo esauriente lavoro sui 186 pannelli che decorano gli archi di Ross Bridge. Gli hanno concesso la grazia.

Anche se l'intero villaggio ci sembra pittoresco, animato da botteghe artigiane e accoglienti case da tè, il ponte con l'arte di Daniel Herbert conserva il monumento dei monumenti.

Tramonto al di là di Ross Bridge, Tasmania, Australia

Il sole indora il ponte più iconico di Ross, una città storica nelle Midlands della Tasmania.

Sempre in Ross, ci troviamo di fronte a un incrocio con quattro possibili significati per la vita: Tentazione, rappresentata dall'hotel-pub Man O'Ross; Salvezza, offerta dalla Chiesa Cattolica; Ricreazione, assicurata dall'edificio culturale del Comune e, infine, dalla Condanna dell'antico carcere.

La mattina dopo, con il tempo per Taz che stava finendo, li abbiamo schivati ​​tutti e quattro.

Ritorniamo sulla strada 1. Dopo qualche chilometro svoltiamo a est, indicando la costa orientale della Tasmania, nota come Costa del Sole grazie al suo clima mite.

Dietro le curve, da World Road Kill Capital

La strada, stretta e tortuosa, ondula su e giù per colline successive. Ma più del tuo eccentrico layout delle montagne russe, è la quantità di cadaveri di animali sull'asfalto che ci commuove.

Alberi secchi delle Midlands, Tasmania, Australia

Alberi appassiti su un pendio arido nelle Midlands della Tasmania.

Il proliferare di esemplari con abitudini notturne - con predominanza di marsupiali - e la mancanza di protezioni che ne impedissero l'attraversamento sul catrame, fecero dell'isola di Tasmania la Capitale mondiale degli incidenti stradali, titolo assegnato e riconosciuto tra i popoli di lingua inglese.

Le vittime dei veicoli della Tasmania possono anche essere divise tra specie e sottospecie.

Riconosciamo i canguri, wallabies (piccoli canguri) e pademelon (canguri anche più piccoli) echidna, volpi e opossum (puzzola), quest'ultima è la più temuta dai conducenti, in quanto il loro fisico robusto provoca enormi danni a motori e carrozzerie.

Segnale di avvertimento di attraversamento di Echidnas, Tasmania, Australia

Un cartello avverte dell'attraversamento degli echidna, animali endemici dell'Australia che troppo spesso sono vittime delle auto.

L'elenco delle vittime non finisce qui. Le uccisioni stradali sono una causa sostanziale per la quasi estinzione dei famosi diavoli della Tasmania.

Il destino demoniaco del diavolo della Tasmania

In uno di quei cartoni presentati dal compianto Vasco Granja, Bugs Bunny viene molestato da uno di loro. Si rivolge a un dizionario per scoprire quali strane specie lo minacciano: “…eccolo, il diavolo della Tasmania: bestia forte e omicida, dotata di mascelle potenti come una trappola d'acciaio.

È insaziabile, si nutre di tigri, leoni, elefanti, bufali, asini, giraffe, polpi, rinoceronti, alci, anatre… a cui il predatore aggiunge: “E conigli!” “Conigli? Qui non dice niente". risponde Bugs Bunny. Con la pazienza che si sta esaurendo, Taz decide di imporre la sua volontà e completa il dizionario con una matita.

Nel mondo reale, il diavolo della Tasmania si rivela un debole cacciatore. Spazzino, onnivoro, si nutre principalmente di animali morti.

I loro colpi di scena si verificano, in gran parte, quando divorano cadaveri sulle strade. Come se la sfortuna non bastasse, i "demoni" si sono trovati devastati da un'epidemia di tumori facciali che, in alcune zone della Tasmania, li ha ridotti di quasi l'80%.

Dopo intenso atrio, Il governo della Tasmania ha ottenuto l'autorizzazione dalla Warner Bros. per vendere XNUMX peluche Taz e utilizzare i proventi per combattere l'epidemia di tumore al viso.

Scienziati e ambientalisti hanno valutato l'offerta avara. Questo è qualcosa su cui è difficile non essere d'accordo, considerando che l'immagine dell'animale fa guadagnare all'azienda milioni di dollari ogni anno.

Negli ultimi tempi sono stati compiuti ulteriori sforzi per controllare il numero di morti. Allo stesso tempo, questo mammifero marsupiale sembra aver reagito al tumore. Tutto indica che la creatura sopravviverà al destino a cui sembrava destinata.

E l'estinzione fulminante della tigre della Tasmania

L'ex principale predatore del diavolo della Tasmania, la tigre della Tasmania, non è stato così fortunato. Il suo aspetto esotico ha sedotto i cacciatori. Come se non bastasse, il tilacino preda del bestiame.

I coloni lo perseguitarono in successive cacce e vendette. Nel 1936, meno di un secolo dopo l'inizio dell'insediamento della Tasmania, l'avevano già estinta.

Come è consuetudine in questi casi, ci sono sostenitori che alcuni esemplari furtivi si nascondano ancora nella profonda isola della Tasmania. Abbiamo proseguito il nostro itinerario con gli occhi sbarrati.

Autista in piedi da una vecchia scarpiera sul lato della strada, Tasmania, Australia

L'autista si ferma sul ciglio di una strada nella Tasmania occidentale per lasciare un'altra vecchia scarpa su uno stendibiancheria a lungo dedicato.

Dall'entroterra rurale, ci dirigiamo verso la costa orientale lungo un percorso tortuoso che rivela solo attività artigianali lungo la strada e - il più inaspettato degli scorci - una sezione di stendibiancheria per vecchie scarpe installate ai lati che i conducenti aumentano per divertimento e per riverenza per la tradizione inaugurata da un contadino della regione.

L'autostrada B34 prosegue verso nord lungo la ventosa costa orientale. Quando arriva al centro dell'isola, taglia sulla mappa una penisola in pendenza.

Il dominio peninsulare di Freycinet

Inserisci il Parco Nazionale di Freycinet, un territorio protetto dove abbondano spiagge selvagge con sabbia bianca e mare mosso e calette tranquille dalle acque azzurre che si affacciano su imponenti scogliere e pendii boscosi. Due di queste baie toccano quasi Wineglass Bay.

Il duo è diventato uno dei paesaggi preferiti dell'isola della Tasmania. Determinati a indagare sulla sua vicinanza turchese, abbiamo conquistato gli oltre 600 gradini che portano a un punto panoramico dedicato. Invano. Ultimamente la vegetazione era cresciuta.

Wineglass Bay, PN Freycinet, Tasmania, Australia

Le gelide acque blu della baia più arrotondata e popolare di PN Freycinet.

Da quell'altezza intermedia, potevamo vedere solo la baia tondeggiante di Wineglass Bay. Invece di graffiare la morte arrampicandoci sulla collina tra cespugli spinosi, abbiamo preso il lungo e ripido sentiero che scendeva.

Nella baia ci imbattiamo in un mare troppo freddo e insidioso per premiarci con un tuffo. È comune canguro sospettoso.

Wallaby, Wineglass Bay, PN Frecynet, Tasmania, Australia

Wallaby incuriosito dalle sabbie di Wineglass Bay, PN Freycinet.

Da Freycinet alla Capitale del Nord: Launceston

Abbiamo ripreso forza camminando lungo il bordo della risacca. Quando la sabbia si arrende alle scogliere rocciose, torniamo sulla strada principale dell'isola di Tasmania. Ancora una volta la conduciamo su, entriamo a Launceston.

Siamo arrivati ​​al tramonto, strisciando. Quando stiamo cercando un pub irlandese locale con alcune delle stanze più economiche della città, un'auto della polizia ci ferma. Nella fatica di trovare l'indirizzo, avevamo perso un colpo. L'agente che si avvicina a noi sembra tutt'altro che australiano.

Esamina i nostri nomi e nazionalità sui nostri passaporti. Noi ispezioniamo il tuo battesimo nell'identificazione dell'uniforme. Su nostra richiesta, ci informa di essere nato in El Salvador. “Scusa ma devo darti una nota di avvertimento. Non hai niente da pagare ma cerca di non commettere altri reati”.

Se doveva essere, così sia. Abbiamo finito per parlare spagnolo e ridere a crepapelle. Dietro l'angolo, ci imbattiamo nel pub. Abbiamo cenato. Nonostante qualche rumore previsto di alcol, abbiamo dormito profondamente. Arrivando nella nuova mattina, ci siamo messi alla scoperta di Launceston.

Launceston è la seconda città più grande dell'isola. Ancora anni luce dalla capitale in termini di sviluppo e ritmo di vita, la città ha reagito solo di recente alla frenesia turistica del resto dell'isola della Tasmania.

Le sue attrazioni si limitano ad alcuni ristoranti regionali e l'attrazione ingiustificata di una Gola della Cataratta che non si apprezza nemmeno dall'alto, da una funivia, ci riempie di misure.

Gazebo nella gola della cataratta di Launceston, Tasmania, Australia

Gazebo integrato nel lussureggiante paesaggio di Cataract Gorge a Launceston.

La costa della disillusione

Sapevamo che la Tasmania occupava posti speciali. Desiderando anticiparli, abbiamo lasciato Launceston.

Puntiamo alla costa nord dell'isola, la svolta verso grande isola australiana. Una volta lì, seguiamo la strada di vetta verso ovest. Poche decine di chilometri dopo, ci siamo resi conto che la vicinanza all'isola madre aveva fatto di quella costa il principale covo industriale di Taz.

Lì c'erano enormi serbatoi di carburante e altri prodotti chimici, raffinerie e diverse unità di stoccaggio e lavorazione dei prodotti, il tutto sulla sponda di un mare molto più calmo rispetto alle coste orientali e meridionali.

Abbiamo sopportato quel panorama repellente per una quarantina di minuti. Senza alcun segno che sarebbe cambiato, intorno a Devonport, abbiamo girato a sud, sulla La Tasmania selvaggia di tutti i sogni.

Non eravamo lontani. Questo è per un prossimo articolo.

Alla scoperta di Tassie, parte 2 - Da Hobart a Port Arthur, Australia

Un'isola condannata al crimine

Il complesso carcerario di Port Arthur ha sempre terrorizzato gli emarginati britannici. 90 anni dopo la sua chiusura, un crimine atroce commesso lì ha costretto la Tasmania a tornare ai suoi tempi più bui.
alla Scoperta di Tassiè, Parte 1 - Hobart, Australia

La porta sul retro dell'Australia

Hobart, la capitale della Tasmania e la più meridionale dell'Australia, fu colonizzata da migliaia di esuli dall'Inghilterra. Non sorprende che la sua popolazione mantenga una forte ammirazione per gli stili di vita marginali.
Perth ad Albany, Australia

Attraverso il selvaggio West australiano

Poche persone venerano l'evasione come fanno Australiani. Con l'estate meridionale in pieno svolgimento e il fine settimana alle porte, i Perthiani si stanno rifugiando dalla routine urbana nell'angolo sud-occidentale della nazione. Da parte nostra, senza compromessi, esploriamo l'infinito Western Australia fino al suo limite meridionale.
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
Sydney, Australia

Dall'esilio criminale alla città esemplare

La prima delle colonie australiane fu costruita da detenuti in esilio. Oggi, gli australiani di Sydney si vantano degli ex detenuti del loro albero genealogico e sono orgogliosi della prosperità cosmopolita della megalopoli in cui abitano.
Grande Strada dell'Oceano, Australia

Ocean Out, attraverso il Greater South Australia

Una meta preferita dai residenti dello stato australiano del Victoria, la rotta B100 svela una costa sublime modellata dall'oceano. Ci sono voluti solo pochi chilometri per capire perché si chiamava The Great Ocean Road.
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
strade imperdibili

Grandi viaggi, grandi viaggi

Con nomi pomposi o semplici codici stradali, alcune strade attraversano scenari davvero sublimi. Dalla Road 66 alla Great Ocean Road, sono tutte avventure di guida imperdibili.
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Perth, Australia

la città solitaria

A più di 2000 km da un luogo simile degno di questo nome, Perth è considerata la città più remota sulla faccia della Terra. Nonostante sia isolata tra l'Oceano Indiano e il vasto Outback, poche persone si lamentano.
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Michaelmas Cay, Australia

Le miglia del Natale (parte I)

In Australia, viviamo il più insolito del 24 dicembre. Salpiamo per il Mar dei Coralli e atterriamo su un isolotto idilliaco che condividiamo con le sterne dal becco arancione e altri uccelli.
Altopiano di Atherton, Australia

Le miglia del Natale (parte II)

Il 25 dicembre esploriamo la campagna alta, bucolica ma tropicale del Queensland settentrionale. Ignoriamo il luogo in cui si trova la maggior parte degli abitanti e siamo sorpresi dall'assoluta assenza del periodo natalizio.
Melbourne, Australia

Un'Australia "separata".

capitale culturale aussie, Melbourne è anche spesso votata come la città con la migliore qualità della vita al mondo. Quasi un milione di emigranti orientali ha approfittato di questa accoglienza immacolata.
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Red Center, Australia

Nel cuore spezzato dell'Australia

Il Red Centre ospita alcuni dei monumenti naturali imperdibili dell'Australia. Ci colpisce la grandiosità degli scenari ma anche la rinnovata incompatibilità delle sue due civiltà.
Wycliff Wells, Australia

I piccoli file segreti di Wycliffe Wells

Residenti, esperti di UFO e visitatori sono stati testimoni di avvistamenti intorno a Wycliffe Wells per decenni. Qui Roswell non ha mai dato l'esempio e ogni nuovo fenomeno viene comunicato al mondo.
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
alla Scoperta di Tassiè, Parte 4 - Da Devonport a Strahan, Australia

Attraverso il selvaggio West della Tasmania

Se il quasi-antipode tazzie è già un mondo australiano a parte, che dire della sua inospitale regione occidentale. Tra Devonport e Strahan, fitte foreste, fiumi sfuggenti e una costa frastagliata battuta da un Oceano Indiano quasi antartico generano enigma e rispetto.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Frederikstad-Saint-Croix-America-Vergine-Isole-Libertà
Città
Frederiksted, Saint Croix, Isole Vergini Americane

La città dell'emancipazione delle Indie occidentali danesi

Se Christiansted si affermò come capitale e principale centro commerciale dell'isola di Saint Croix, la “sorella” della parte sottovento, Frederiksted ebbe il suo apogeo di civiltà quando ci fu la rivolta e la successiva liberazione degli schiavi che assicurarono la prosperità della colonia.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Fatica nei toni del verde
Cultura
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Barca e timoniere, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana
In viaggio
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Spaventoso
Etnico

Ambergris Caye, Belize

Parco giochi del Belize

Madonna l'ha cantata come La Isla Bonita e ha rafforzato il motto. Oggi, né gli uragani né i litigi politici scoraggiano i VIP e i vacanzieri benestanti dal godersi questa vacanza tropicale.

portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

I cavalieri attraversano il ponte Carmo, Pirenópolis, Goiás, Brasile
Storia
Pirenópolis, Brasile

Una Polis nei Pirenei sudamericani

Le miniere di Nossa Senhora do Rosário da Meia Ponte furono costruite da pionieri portoghesi, nel periodo di massimo splendore del ciclo dell'oro. Per nostalgia, probabilmente gli emigranti catalani chiamavano le montagne intorno ai Pirenei. Nel 1890, già in un'era di indipendenza e di innumerevoli ellenizzazioni delle loro città, i brasiliani battezzarono questa città coloniale Pirenópolis.
Little Big Senglea II
Isole
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
bianco inverno
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Monte Denali, McKinley, Sacro Tetto Alaska, America del Nord, Ridge, Mal di montagna, Mal di montagna, Prevenire, Trattare
Natura
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Punto di vista del punto di vista, Alexander Selkirk, a Pele Robinson Crusoe, Cile
Parchi Naturali
Isola Robinson Crusoe, Cile

Alexander Selkirk: Nella pelle del vero Robinson Crusoe

L'isola principale dell'arcipelago Juan Fernández ospitava pirati e tesori. La sua storia era fatta di avventure come quella di Alexander Selkirk, il marinaio abbandonato che ha ispirato il romanzo di Dafoe.
Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Spiagge
Gizo, Isole Salomone

Gala dei Piccoli Cantanti di Saeraghi

A Gizo sono ancora ben visibili i danni causati dallo tsunami che ha devastato le Isole Salomone. Sulla costa di Saeraghi, la felicità balneare dei bambini contrasta con la loro eredità di desolazione.
Tempio di Kongobuji
Religione
Monte koya, Giappone

A metà strada per il Nirvana

Secondo alcune dottrine buddiste, ci vogliono diverse vite per raggiungere l'illuminazione. Il ramo di shingon sostiene che puoi farlo in uno. Dal Monte Koya, può essere ancora più facile.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Società
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Parco Nazionale Etosha Namibia, pioggia
Animali selvatici
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.