Rapa Nui - Isola di Pasqua, Cile

Sotto lo sguardo dei Moai


vittima del destino
Un moai semiscolpito abbandonato nella cava di Rano Raraku, un tempo utilizzato dai nativi di Rapa Nui per scolpire le loro figure mitologiche.
Ahu Ature Huki – Retroilluminazione
Silhouette del moai Ahu Ature Huki, ricostruito dall'esploratore norvegese Thor Heyerdahl.
esercito di moai
Il turista asiatico posa davanti alla formazione moai di Ahu Tongariki.
cavalli anfibi
I cavalli si rinfrescano nelle pozze fangose ​​di Rapa Nui.
empanadas e altri
Dipendenti in una casa mobile che vende empanadas e altri snack cileni.
Moai di Ahu Tongariki
Sezione di Ahu Tongariki, la più grande formazione moai di Rapa Nui.
le ultime palme
Silhouette di palme dalla spiaggia di Anakena, presumibilmente alcune delle poche risparmiate dalla civiltà di Rapa Nui.
mentire moai
Moai semiscolpito e abbandonato sul pavimento della cava di Rano Raraku, dove il nativo Rapa Nui ha creato le loro statue.
Spiaggia di Anakena
Anakena Bay, una delle poche spiagge di sabbia bianca di Rapa Nui.
Formazione Ahu Ature Huki
Moais de Ahu Ature Huki con i loro Pukao, nel mezzo della spiaggia di Anakena.
Alla ricerca di estranei
Padre e figli sotto lo sguardo del moai anu Tahai.
Posa di Rapa Nui
La ballerina Rapa Nui esegue una danza tradizionale durante uno spettacolo al bar Matato'a.
Moai con Pukau
Uno dei moai di Ahu Tongariki, con il suo originale Pukao (cappello).
Pau e supporto
Due donne cilene sono emigrate a Rapa Nui, conformandosi al profilo "Truman Show" dell'isola.
Tranquillità di Rapa Nui
Baia delle acque traslucide e calme di Rapa Nui.
Guardiani di Rapa Nui
Sequenza di moai di Ahu Tongariki, di fronte all'interno dell'isola.
un pascolo infinito
I cavalli pascolano in un rigoglioso prato di Rapa Nui.
Ospitalità Rapa Nui
Moa Teru Eru sbuccia noci di cocco per un turista cileno.
rano raraku
Moai semisepolto nel cratere Rano Raraku, la cava dove per mezzo millennio è stato realizzato il 95% delle statue monolitiche dell'isola.
busti moai
Altri moai semisepolti nel cratere di Rano Raraku, la cava in cui, per mezzo millennio, è stato realizzato il 95% delle statue monolitiche dell'isola.
Rapa Nui fu scoperta dagli europei il giorno di Pasqua del 1722. Ma se il nome cristiano Isola di Pasqua ha un senso, la civiltà che l'ha colonizzata dagli osservatori moai rimane avvolta nel mistero.

Nessun altro posto è così solitario come l'Isola di Pasqua.

Sdraiati su un piccolo prato verde in riva al mare, Amparo Ortiz Sainz e Pau Santibañez sondano il vasto Oceano Pacifico alla ricerca di qualcosa.

Le isole abitate più vicine, le Pitcairn, distano 2100 km e l'arcipelago Juan Fernández, di cui il Isola Robinson Crusoe, 3700 km.

Deportati dalla capitale Santiago e dalle loro famiglie, i due amici continuano ad aspettare una salvezza che non arriva e che, anche se arrivasse, dovrebbero rifiutare.

La situazione economica ora più rilassata e stabile di Cile non favorisce tutta la sua giovinezza.

In mancanza di lavori gratificanti vicino a casa, i due hanno deciso di trasferirsi nella parte più remota della nazione dove, tenendo conto solo delle finanze, la separazione inizialmente sembrava vantaggiosa.

Il duo cileno di “Truman Show”

Dopo tre giorni di maltempo, un sole insolitamente morbido per queste latitudini tropicali accarezza Rapa Nui mentre il mare si calma.

Amparo e Pau volevano perfezionare le loro abilità di surfisti principianti, ma la pigrizia e il facile piacere hanno avuto la meglio su di loro.

Sia loro che la tavola erano a terra.

Pau e Amparo, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Due donne cilene sono emigrate a Rapa Nui, secondo il profilo “Truman Show” dell'Isola di Pasqua

Interrompiamo una passeggiata accelerata lungo il lungomare di Hanga Roa per chiarire ogni dubbio sull'orientamento e finiamo per unirci al tuo ritiro.

La conversazione scorre presto con il suono delle onde in sottofondo: “spettacolo di truman“. È quello che chiamavamo la nostra vita da queste parti. Ricordi quella scena in cui Jim Carrey si schianta contro la capsula invisibile dello studio? A noi succede ogni giorno.

Anche i visitatori come te che soggiornano qui per una settimana o più, scoprono i moai e i migliori paesaggi, girano l'isola e poi non sanno cosa fare. Devi aver già iniziato a notarlo, giusto? Se vuoi, fatti vedere a Matato'a più tardi.

È l'unico luogo vivace per molte migliaia di chilometri.

Torniamo alla locanda che ci ospita ancora prima del tramonto e torniamo a socializzare con due portoghesi di Porto che, per puro caso, si erano stabiliti anche loro lì.

Portoghese anche nell'ombelico del mondo.

L'Isola di Pasqua era l'ultimo dei luoghi in cui ci aspettavamo di incrociare i nostri connazionali ma, ispirati dalla storica vocazione portoghese di attraversare i mari, Verónica e Miguel si erano trasferiti da Invicta per studiare architettura a Valparaíso.

Si stavano godendo dei giorni di vacanza piuttosto piovosi in quei confini quasi illogici del Cile.

Sulla via del ritorno, quando abbiamo finito di contare, c'erano la metà dei quattro portoghesi che abbiamo trovato in un anno in giro per il mondo.

Le danze polinesiane di Matato'a Bar

Cala la notte e daremo un'occhiata al Matato'a Bar, anche perché Carole, la nostra giovane hostess francese di Papeete...Tahiti aveva passato ore a lodare lo spettacolo di danza ivi presentato o, più precisamente, la forma fisica – per così dire – e la bellezza dei protagonisti.

Il nome del bar significa l'occhio del guerriero.

Viene utilizzato anche dal gruppo familiare formato nel 1996 da Kevamatato'a Atan. Abbinati, i balli maschili sono veloci e acrobatici.

Ballerina, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

La ballerina Rapa Nui esegue una danza tradizionale durante uno spettacolo al bar Matato'a dell'Isola di Pasqua

Drammatizzata da una calda illuminazione che mette in risalto corpi e dipinti sudati. Sono segni inconfondibili di una genetica e di una cultura polinesiana che nemmeno la mancanza di tatuaggi sembra mettere in discussione.

Rileviamo il patrimonio artistico di quello che si ritiene sia stato il passato intensamente bellicoso dell'isola.

Anche se siamo in un settore dell'Oceano Pacifico quasi opposto a quello di Nova Zelândia, identifichiamo anche espressioni e movimenti a cui il popolo Maori potrei chiamare il tuo

Enigma dietro Enigma

Sappiamo che la Polinesia custodisce innumerevoli segreti e la civiltà perduta di Rapa Nui, in particolare, genera le teorie più disparate e inaspettate. La funzione della tua popolazione moai è in cima agli enigmi.

In una delle giornate di sole che seguono, ispezioniamo la strana formazione di Ahu Tongariki, la più grande di molte altre sparse per l'isola. Si compone di 15 statue dalla testa grossa del peso di molte tonnellate.

Ci chiediamo cosa avrebbe giustificato gli erculei compiti della sua scultura, trasporto e posizionamento.

ahu tongariki, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Sequenza di moai da Ahu Tongariki, rivolto verso l'entroterra da Rapa Nui, Isola di Pasqua

Ma possiamo anche immaginare lo shock del suo rovesciamento da parte delle fazioni nemiche durante le guerre civili di Rapa Nui.

E, più recentemente, di essere stata trascinata nell'entroterra dalle onde dello tsunami che nel 1960 invase l'isola.

Scopriamo anche l'ironia che, dopo essere stati recuperati da un team di archeologi cileni, i quindici moai siano stati riposizionati e ricostruiti tra il 1992 e il 1995 da Tadano, azienda del Paese che ha dato il nome al fenomeno naturale che li aveva spostati nel mondo.

Da lì ci dirigiamo verso il cratere Rano Raraku, la cava dove, per mezzo millennio, è stato realizzato il 95% delle statue monolitiche dell'isola, fino all'inizio del XNUMX° secolo.

Rano Raraku, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Moai semisepolto nel cratere Rano Raraku, la cava di Rapa Nui dove il 95% delle statue monolitiche dell'isola di Pasqua sono state realizzate per mezzo millennio

In una comunità muta di 397 esemplari, abbiamo scoperto diversi moai giganteschi (fino a 21.6 metri e 270 tonnellate) metà scolpiti e metà sepolti.

E tanti altri, già in piedi ma erosi, tra cui il pittoresco Tukuturi, più piccolo, con la barba e inginocchiato.

Se ci sono pochi dubbi sulla provenienza degli idoli oscuri, quella della civiltà che li ha ideati e idolatrati non è scientificamente inequivocabile.

L'origine e il destino della civiltà Rapa Nui

Moa Teru Eru, uno dei tremilatrecento sopravvissuti Rapa Nuis dell'isola, avrà un'opinione ma sembra più preoccupato per la continuità della cultura del suo popolo.

Nazionalista e caparbio, è diventato famoso per il suo amore per la causa e ci sorprende in piena azione propagandistica quando fotografamo il pensieroso e curioso moai con occhi bianchi e occhi intriganti dell'ahu Tahai.

Appare dal nulla, vestito a malapena alla moda dei suoi antenati. Indossa una sottoveste, una sciarpa, bracciali e una fascia che tiene i capelli intrappolati anche da un voluminoso nodo sulla schiena. Tutti gli indumenti e gli accessori sono naturali, realizzati con le fibre essiccate della vegetazione dell'isola.

Così come il palo portatile della bandiera bianca e rossa di Rapa Nui che sventola e sventola altezzosamente verso l'oceano pronunciando brevi discorsi cerimoniali nel dialetto locale.

Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua

Moa si addentra nel mare poco profondo dell'Isola di Pasqua, a braccia aperte, in una posa evocativa del culto rapa nui del tangata manu.

Ci sembra di convocare i popoli ancestrali alla celebrazione delle loro gesta. Se lo fa, l'appello è soffocato dal vento contrario e dal moto ondoso. Si perde nell'isolamento e nell'origine non confermata della sua civiltà quasi scomparsa.

Al giorno d'oggi, la risposta più popolare all'origine del popolo Rapa Nui è che sarebbero arrivati ​​dall'arcipelago delle Marchesi o Gambier intorno al IV o V secolo.

Si ritiene che uno o anche entrambi questi arcipelaghi avrebbero fornito anche i primi abitanti del Havai e Nova Zelândia.

Che i suoi abitanti avevano raggiunto i nuovi territori insulari allo stesso modo: in enormi canoe doppie preparate per trasportare viveri e animali domestici necessari alla colonizzazione.

Thor Heyerdahl e Theory on the Edge of Theories

L'ipotesi discordante più famosa è stata formulata dallo scrittore e L'avventuriero norvegese Thor Heyerdahl chi ha viaggiato a Perù, lì costruì una rudimentale zattera a vela che chiamò Kon-tiki

E che l'ha imbarcato con altri cinque compagni per 101 giorni, fino a quando la zattera si è arenata su una scogliera nel gruppo delle Tuamotu, quasi 7000 km dopo nell'Oceano Pacifico.

Pacific Inlet, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Baia di acque traslucide e calme di Rapa Nui, Isola di Pasqua

Sulla base degli scavi da lui effettuati ad Aku Aku (zona di Rapa Nui), dell'esperienza della spedizione marittima e di altre coincidenze storiche, ad esempio l'esistenza di patate dolci sull'isola, Heyerdahl ha affermato che Rapa Nui era occupata da peruviani ancestrali o che, nel peggiore dei casi, avrebbe contatti con quelle persone.

Le varie analisi genetiche e anatomiche effettuate sugli indigeni hanno confermato un'origine molto più probabile dai Gambier o Marchesi. Inoltre, un membro dell'equipaggio che James Cook aveva reclutato a Bora Bora era in grado di comunicare con i nativi.

Non ci vorrebbe nemmeno così tanto. Come ogni visitatore che arriva da quei luoghi, noi stessi lo riconosciamo facilmente iorana (Ciao), mauru (grazie), tra le altre espressioni elementari.

Anche così, nel 1999, è stata organizzata una gita con barche provenienti da quelle regioni che da Mangareva (arcipelago di Gambier) hanno portato a Rapa Nui in soli 19 giorni. L'evidenza ha sempre predominato.

Non sorprende che l'Isola di Pasqua sia stata a lungo considerata l'angolo sud-orientale della vasta Polinesia.

Moais Ahu Tongariki, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Sezione di Ahu Tongariki, la più grande formazione moai a Rapa Nui, Isola di Pasqua

Mentre era ancora a Papeete, Carole ci aveva chiesto di portare in aereo delle tipiche gonne tahitiane che le aveva chiesto Ika, una delle amiche di Rapa Nui che aveva conosciuto in una delle sue numerose visite sull'isola.

Quando li consegniamo, Ika si rallegra: “Esatto! Grazie mille! Li useremo nei nostri spettacoli.

Stiamo anche provando i balli del Tahiti e volevamo avere oggetti di scena originali. Mi hanno solo reso molto felice.

Quella reazione divenne la nostra prova definitiva che, al di là del DNA, i nativi dell'isola di Pasqua si sentivano polinesiani, nonostante le successive intrusioni e invasioni straniere della loro terra.

L'ascesa e la caduta dei Moai e la civiltà Rapa Nui

Nel 1700, le navi spagnole avevano a lungo utilizzato i passaggi dall'Atlantico meridionale al Pacifico aperti da Ferdinando Magellano e Sir Francis Drake durante il XVI secolo.

È stata la spedizione olandese di Jacob Roggeveen a imbattersi per prima nella minuscola Rapa Nui, domenica Pasqua di 1722.

Lì, l'equipaggio ha trovato i nativi amichevoli.

Lo stupiva la presenza dei moai che gli indigeni scolpivano come caricature delle proprie immagini, con lunghe orecchie (gli indigeni usavano pezzi di legno sui lobi che le tendevano) e che veneravano con piccoli fuochi e prostrandosi davanti a le statue.

ahu-tongariki, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Un turista asiatico posa davanti alla formazione moai di Ahu Tongariki, la più grande di Rapa Nui, Isola di Pasqua.

I visitatori successivi furono esploratori spagnoli che, come previsto, lasciarono i primi segni del cristianesimo: tre croci di legno sulle colline nella zona di Poike.

Quando l'inevitabile James Cook arrivò nel 1744, non vide più quelle croci.

Trovò invece gran parte dei terreni incolti e segni dell'abbattimento intenzionale delle statue - che gli indigeni chiamavano ora moai – va avanti da tempo, a causa di divisioni e conflitti interni.

Rapa Nui. Sullo schermo di uno pseudo-cinema locale sull'Isola di Pasqua

Disperati dal maltempo, dopo aver letto dei seguenti episodi della storia abbiamo finito per arrenderci a una versione hollywoodiana.

L'hotel ha annunciato, in manifesti affissi in giro per la capitale, la proiezione di “Rapa Nui”, l'opera cinematografica del regista Kevin Reynolds, coprodotta da Kevin Costner, che pone grande enfasi sulla Il culto di Rapa Nui di Birdman.

Moai, Rano Raraku, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Un moai semiscolpito abbandonato nella cava di Rano Raraku, un tempo utilizzato dai nativi di Rapa Nui per scolpire le loro figure mitologiche, dall'odierna Isola di Pasqua

Nonostante fossimo sospettosi, ci siamo presentati alla reception all'ora stabilita. Una cameriera cilena ci accoglie con indifferenza, poco sorpresa di essere gli unici spettatori della pseudo-sessione.

Ci conduce ad un soggiorno attiguo. Lì accende il dispositivo che proietta immediatamente il film, sopra un tavolo da biliardo e contro la parete opposta. Poi dice addio: "Bene, divertiti! Yo l'ho visto cinquecento volte".

Ci siamo presto resi conto che i due Kevin avevano scommesso su azione e romanticismo ma che, in nome del profitto, avevano anche sacrificato la presunta veridicità di alcuni aspetti. Tuttavia, la trama in costume non ha omesso quello che si pensa sia stato il punto cruciale della questione.

I documenti archeologici dimostrano che, al momento dell'arrivo dei primi abitanti, sull'isola prosperavano diverse specie di alberi.

Comprese quelle che all'epoca avrebbero potuto essere le palme più grandi del mondo, il Aphitonia zizyphoides e Elaeocarpus Rarotongensis.

Last Palms, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Silhouette di palme dalla spiaggia di Anakena, presumibilmente alcune delle poche risparmiate dalla civiltà di Rapa Nui.

L'ipotesi più probabile per il declino di Rapa Nui

Ma il suo utilizzo nella sfrenata produzione e trasporto di moai avrebbe provocato tragici disboscamenti e conseguente degrado ambientale.

Costruire pescherecci efficienti sarà diventato impossibile.

E ciò ha portato alla brusca estinzione degli uccelli terrestri – si ritiene che i polli siano la principale fonte di proteine ​​– e a un drastico calo di quelli marini. Jared Diamond, uno scienziato americano, ha osato suggerire che potrebbe essere seguito il cannibalismo.

Che tutto ciò sia vero o meno, qualcosa ha fatto passare la popolazione da quasi 15.000 abitanti al suo apice a circa 2000 quando gli olandesi scoprirono l'isola.

Anakena Beach, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Anakena Bay, una delle poche spiagge di sabbia bianca di Rapa Nui, Isola di Pasqua.

La tecnologia multimilionaria utilizzata ha portato il budget di “Rapa Nui”, il film, a 15 milioni di euro.

Ci ha svelato l'omonima isola, gli scenari in cui si svolgeva la gara e i suoi momenti più agghiaccianti in piani e prospettive a cui non potevamo aspirare.

Ma non ci ha mostrato il paesaggio vivente. Insoddisfatti, il giorno dopo abbiamo noleggiato una piccola jeep, scalato strade fangose ​​e enormi pozzanghere fino a conquistare i paesaggi surreali dell'isola.

L'annessione quasi incontrastata di Rapa Nui da parte del Cile

Il cibo e altre risorse essenziali di sussistenza sono state recentemente fornite dal potenziale illimitato delle forniture aeree del Cile che inaugurò il suo dominio coloniale nel 1888, dopo aver sottratto altri territori al Perù e la Bolivia in uno slancio espansionistico euforico.

Anche così, non abbiamo potuto evitare una certa apprensione di fronte ai prezzi iper-gonfiati a causa dell'insularità da record. Dopotutto, viaggiavamo da nove mesi.

Come le antiche foreste dell'Isola di Pasqua, i nostri fragili conti bancari subivano detrazioni disperate.

"Chiquillos, los de Lan Il Cile non ci tradisce da tempo! Che bello che i gringo abbiano preparato la pista per ricevere lo space shuttle di emergenza“Dona Teresa, la proprietaria della locanda Cabañas Vaianny, scherza quando ci vede ripetere per la terza volta il pranzo in scatola”.

Empanadas e altri, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Cameriere cilene in una roulotte che vende empanadas e altri snack cileni.

La vita di routine di Hanga Roa, la capitale di Rapa Nui e l'isola di Pasqua

Come Pau e Amparo, la sua famiglia iniziò a soffrire per l'abbandono della terraferma. Ma il tempo passa.

Sara a volte.

Anche in uno spazio minuscolo come Hanga Roa, le routine gratificanti si adattano: "Dalla mattina, per lasciare la mia nieta a scuola, devo solo attraversare la strada. Dopo di che, ho preso tutta la mia vita qui vicino".

Anche con scarsa qualità e sempre “piovose”, le soap opera cilene e altri sfortunati programmi televisivi sembrano mascherare un vuoto che non osiamo nemmeno garantire che esista.

D'altra parte, le stanze ammuffite e senza finestre della tua casa in affitto potrebbero non aspirare al livello di sofisticatezza del pretenzioso hotel Explora, a quasi 6 km di distanza, ma supportano il tuo clan bandito.

Una logica simile giustifica che la popolazione cilena costituisca già il 40% dei 5000 abitanti attuali dell'isola. La maggior parte dei coloni ha persino collaborato con i partner di Rapa Nui. Ciò non ferma le proteste contro il frequente disprezzo del governo di Santiago per i diritti degli indigeni.

Nonostante le usurpazioni culturali e territoriali, la cittadinanza cilena fu concessa ai Rapa Nui solo nel 1966.

Moa ci assicura che preferisce la sua strategia. Concludi la tua cerimonia all'ahu Tahai. Poco dopo si rende conto che siamo giornalisti portoghesi.

Insiste perché lo accompagniamo in taxi ad Anakena, il luogo dove aveva progettato di promuovere la saggezza ei valori del rapa nui.

Mandria, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

I cavalli pascolano in un rigoglioso prato di Rapa Nui, Isola di Pasqua

Il sentiero attraversa verdi prati dove pascolano lontane mandrie di cavalli e termina in vista di piccoli palmeti.

Quando siamo arrivati, la spiaggia era piena di vacanzieri cileni e stranieri.

Moa si annuncia con il vento. Lo abbiamo perso, in un lampo, davanti a una folla curiosa di donne e bambini ai quali si è dedicato a spiegare le tecniche ancestrali polinesiane per l'utilizzo delle fibre di cocco.

Moa teru eru, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Moa Teru Eru sbuccia noci di cocco per un turista cileno.

Abbiamo bisogno di recuperare energie. Nemmeno apposta, abbiamo avvistato diversi bar trailer sul lato opposto della baia e ci siamo trasferiti in una delle sue spianate mal gestite.

È metà pomeriggio e l'offerta è già scarsa. In assenza di specialità Rapa Nui, ci arrendiamo alla solidità coloniale delle empanadas.

L'Ahu Ature Huki, ricostruito da Thor Heyerdahl con l'aiuto degli isolotti, dista solo poche decine di metri.

Ahu Ature Huki, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile

Silhouette del moai rapa nui Ahu Ature Huki, ricostruita dall'esploratore norvegese Thor Heyerdahl.

E mentre divoriamo pasticcini sudamericani, non possiamo fare a meno di sentire che anche quei moai ci stanno guardando.

Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
Bora Bora, Raiatea, Huahine, Polinesia Francese

Un intrigante trio di società

Nel cuore idilliaco del vasto Oceano Pacifico, l'Arcipelago della Società, parte della Polinesia francese, abbellisce il pianeta come una creazione quasi perfetta della Natura. L'abbiamo esplorato per un po' di tempo da Tahiti. Gli ultimi giorni sono stati dedicati a Bora Bora, Huahine e Raiatea.
El Tátio, Cile

El Tatio Geyser - Tra il ghiaccio e il caldo dell'Atacama

Circondato da vulcani supremi, il campo geotermico di El Tatio deserto di Atacama appare come un miraggio dantesco di zolfo e vapore a una quota ghiacciata di 4200 m. I suoi geyser e le sue fumarole attirano orde di viaggiatori.
Moorea, Polinesia Francese

La sorella polinesiana che qualsiasi isola vorrebbe avere

A soli 17 km da Tahiti, Moorea non ha una sola città e ospita un decimo degli abitanti. I tahitiani osservano il tramonto da molto tempo e trasformano l'isola accanto in una sagoma nebbiosa, solo per restituirle, ore dopo, i suoi colori e le sue forme esuberanti. Per chi visita queste parti lontane del Pacifico, conoscere Moorea è un doppio privilegio.
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Isola del nord, Nova Zelândia

Viaggio lungo il sentiero della maggioranza

La Nuova Zelanda è uno dei paesi in cui i discendenti di coloni e nativi si rispettano di più. Mentre esploravamo la sua Isola del Nord, abbiamo appreso della maturazione interetnica di questa nazione Repubblica come maori e polinesiano.
Maupiti, Polinesia Francese

Una società al margine

All'ombra della fama quasi planetaria della vicina Bora Bora, Maupiti è remota, scarsamente abitata e anche meno sviluppata. I suoi abitanti si sentono abbandonati ma chi la visita è grato per l'abbandono.
Spettacoli

Il mondo in scena

In tutto il mondo, ogni nazione, regione o città e persino quartiere ha la sua cultura. Quando si viaggia, niente è più gratificante che ammirarli, dal vivo e in loco, che li rende unici.
Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas

Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.
Papeete, Polinesia Francese

Il Terzo Sesso di Tahiti

Eredi dell'antica cultura polinesiana, i Mahu conservare un ruolo insolito nella società. Persi da qualche parte tra i due sessi, questi uomini-donne continuano a lottare per il senso delle loro vite.
PN Torres del Paine, Cile

Il più drammatico della Patagonia

In nessun altro luogo le zone meridionali del Sud America sono così mozzafiato come nella catena montuosa del Paine. Lì, un forte naturale di colosso granitico circondato da laghi e ghiacciai si protende dal pampas e si sottomette ai capricci del tempo e della luce.
San Pedro de Atacama, Cile

San Pedro de Atacama: La vita ad Adobe nel più arido dei deserti

I conquistatori spagnoli erano partiti e il convoglio ha deviato il bestiame e le carovane di nitrati. San Pedro stava riguadagnando la pace, ma un'orda di stranieri alla scoperta del Sud America invase il pueblo.
Isola Robinson Crusoe, Cile

Alexander Selkirk: Nella pelle del vero Robinson Crusoe

L'isola principale dell'arcipelago Juan Fernández ospitava pirati e tesori. La sua storia era fatta di avventure come quella di Alexander Selkirk, il marinaio abbandonato che ha ispirato il romanzo di Dafoe.
deserto di Atacama, Cile

La vita ai margini del deserto di Atacama

Quando meno previsto, il luogo più arido del mondo svela nuovi scenari extraterrestri al confine tra l'inospitale e l'accogliente, lo sterile e il fertile che i nativi sono abituati ad attraversare.
Puerto Natales-Porto Montt, Cile

Crociera su una nave mercantile

Dopo una lunga elemosina di viaggiatori zaino in spalla, la compagnia cilena NAVIMAG ha deciso di accoglierli a bordo. Da allora, molti viaggiatori hanno esplorato i canali della Patagonia insieme a container e bestiame.
Vulcano Villarrica, Cile

Salita al Cratere del Vulcano Villarrica, Sempre in Attività

Pucón abusa della fiducia della natura e prospera ai piedi del monte Villarrica.Abbiamo seguito questo cattivo esempio attraverso sentieri ghiacciati e abbiamo conquistato il cratere di uno dei vulcani più attivi del Sud America.
Pucón, Cile

Tra gli alberi di Araucaria di La Araucania

Ad una certa latitudine del Cile longitudinale, entriamo nell'Araucanía. Questo è un Cile aspro, pieno di vulcani, laghi, fiumi, cascate e foreste di conifere che hanno dato il nome alla regione. Ed è il cuore del pinolo della più grande etnia indigena del Paese: i Mapuche.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Scirocco, Arabia, Helsinki
Architettura & Design
Helsinki, Finlândia

Il design che è venuto dal freddo

Con gran parte del territorio sopra il Circolo Polare Artico, i finlandesi rispondono al clima con soluzioni efficienti e un'ossessione per l'arte, l'estetica e il modernismo ispirati dalla vicina Scandinavia.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Parata dei nativi americani, Pow Pow, Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
Cerimonie e Feste
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
accogliente Las Vegas
Città
Las Vegas, EUA

Capitale mondiale del matrimonio contro Sin City

L'avidità del gioco d'azzardo, la lussuria della prostituzione e l'ostentazione diffusa fanno tutti parte di Las Vegas. Come le cappelle che non hanno né occhi né orecchie e promuovono matrimoni eccentrici, veloci ed economici.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Cultura
Apia, Samoa Occidentali

Fia Fia – Folclore Polinesiano ad Alta Velocità

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e da qui alle Hawaii, ci sono molte varianti di danze polinesiane. Le notti samoane di Fia Fia, in particolare, sono allietate da uno degli stili più frenetici.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Manatee Creek, Florida, Stati Uniti d'America
In viaggio
Florida Keys, EUA

Il trampolino di lancio dei Caraibi degli Stati Uniti

Os Stati Uniti i continenti sembrano finire, a sud, nella sua capricciosa penisola della Florida. Non si fermano qui. Più di cento isole di corallo, sabbia e mangrovie formano un'eccentrica distesa tropicale che ha sedotto a lungo i vacanzieri nordamericani.
Tabatô, Guinea Bissau, tabanca Mandingo musicisti. Baidi
Etnico
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Barca sul fiume Giallo, Gansu, Cina
Storia
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Vista della Serra do Cume, Isola di Terceira, Azzorre Ímpares
Isole
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Merida a Los Nevados sul confine delle Ande, Venezuela
Natura
Merida, Venezuela

Mérida a Los Nevados: nei confini andini del Venezuela

Negli anni '40 e '50, il Venezuela attirò 400 portoghesi, ma solo la metà rimase a Caracas. A Mérida troviamo luoghi più simili alle origini e all'eccentrica gelateria di un portoportista immigrato.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Ippopotamo nella laguna di Anôr, isola di Orango, Bijagós, Guinea Bissau
Parchi Naturali
Isola Keré ad Orango, Bijagos, Guinea Bissau

Alla Ricerca degli Ippopotami Lacustri-Marini e sacri delle Bijagós

Sono i mammiferi più letali dell'Africa e, nell'arcipelago di Bijagós, conservati e venerati. A causa della nostra particolare ammirazione, ci siamo uniti a una spedizione nella loro ricerca. Partendo dall'isola di Kéré e arrivando nell'entroterra di Orango.
La Repubblica Dominicana Balneario de Barahona, Balneario Los Patos
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Controllo corrispondenza
personaggi
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
Spiagge
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Contadino, Majuli, Assam, India
Religione
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Bufali, isola di Marajo, Brasile, Bufali della polizia acida
Società
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
avanti e indietro fluviale
Animali selvatici
Iriomote, Giappone

Iriomote, una piccola amazzone del Giappone tropicale

Le foreste pluviali e le impenetrabili mangrovie riempiono Iriomote sotto il clima di una pentola a pressione. Qui, i visitatori stranieri sono rari come il yamaneko, un'inafferrabile lince endemica.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.