La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale


brigata incredula
I visitatori di La Digue nell'acqua catturano l'incredibile scenario delle scogliere di Anse Source d'Argent.
sfumatura di blu
Una donna fotografa le acque turchesi della costa settentrionale dell'isola.
Grande Anse
L'onda rotola sulle sabbie coralline della costa orientale di La Digue, la più battuta dall'Oceano Indiano.
Ciao !!
Thomas e Yencel tornano a La Passe dopo aver catturato polpi e seppie nelle acque poco profonde di Anse Gaulettes.
verde ciano
Baia tropicale di fronte al villaggio di Patatran.
riposo tropicale
Le amiche si rilassano sul lungomare di Anse Source d'Argent.
pesca facile
Thomas e Yencel mostrano il pescato del giorno.
Cuore di pietra
Massi isolati nella giungla fradicia a nord-est di La Digue.
In equilibrio geologico
Ciottoli di granito spiccano sulla spiaggia idilliaca di Petite Anse.
dolce scorcio
Colori abbaglianti da un'altra delle baie della costa orientale di La Digue.
Benvenuti a Grande Anse
Titolare di un bar all'ingresso della Grande Anse de La Digue, si prepara a grigliare il pesce.
Attenzione
Un grande poster informa i visitatori di La Union sulla cura delle tartarughe locali.
Succhi di Tropicalità
Commessa di succhi alla bancarella di solito gestita da suo fratello.
Di partenza
Trawler in procinto di salpare dal porto di La Digue.
Vita sottomarina
I pesci circondano i bagnanti che rimuovono la sabbia vicino ai loro territori.
le case. In vacanza
Case sulla collina boscosa intorno al molo dove attraccano i traghetti.
bozoo
Guida in un carrello da golf, saluto i conoscenti.
Fiore & Pietra
Creeper si adatta al granito predominante a La Digue e alle Seychelles in generale.
Cuore di granito
Grande blocco di granito all'interno di La Digue.
Marina
Le barche a vela riempiono il porto turistico di La Digue, vicino al molo dei traghetti.
Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.

Fino a qualche tempo fa sulla piccola isola non era consentito possedere un'auto.

Oggi sono ancora rari.

Daniel, ci aspettava in una mazza da golf, il tipo di veicolo più popolare a La Digue, fianco a fianco con la bicicletta. Ci accoglie fuori dal molo dove attracca il traghetto da Praslin e ci invita a salire a bordo.

Con noi installati, apre il breve viaggio di traversata dalla costa occidentale alla costa orientale. Si percorre un sentiero di blocchi di cemento che la vegetazione avvolge e rende cupo.

Daniel incontra tutti i non stranieri che incontra, siano essi al volante di golf cart, in bicicletta oa piedi, e li saluta alternativamente. Alcuni saluta con un semplice “Allo”, altri danno un “bozzo”, il creolo locale per “ciao".

La Digue, Seychelles, Strada

Guida in un carrello da golf, saluto i conoscenti.

Altri ancora, li vede così regolarmente che dà loro solo un accenno di onda. Cinque minuti dopo, arrivammo all'ingresso lussureggiante della Grande Anse.

Dopo una persistente esitazione, ci siamo accordati sull'ora in cui sarebbe venuto a prenderci e siamo partiti per il breve sentiero che, tra palme da cocco, portava alla spiaggia.

Le spiagge selvagge di La Digue orientale

Una targa ne segna la fine e l'inizio del vero litorale. L'avvertimento che trasmette allarmi il più possibile, in bianco e rosso e in cinque diversi dialetti, a cominciare dalle Seychelles: “Atansyon: Corano tre danzare".

Ciò che però cattura maggiormente la nostra attenzione è la bellezza dell'immensa spiaggia che si estende sia a nord che a sud, la sabbia bianchissima, il mare cristallino bagnato da sfumature di azzurro che si inserisce perfettamente nella baia.

La Digue, Seychelles, Spiaggia vicino a Patatran

Un bagnante lascia il mare turchese al largo di Patatran.

E le piccole penisole ricoperte di scogliere che ne racchiudono la longitudine, dal mare già senza piedi al lembo verdeggiante della giungla equatoriale, che gli indigeni chiamano “punta".

Eravamo alle Seychelles da una settimana.

Dopo le isole sorelle di Mahé e Praslin, questi tipi di formazioni rocciose non erano esattamente nuovi. Tuttavia, avevano un'armonia di forme e linee senza precedenti che, insieme ad alcuni intrepidi alberi di cocco e vegetazione arbustiva, li rendeva unici.

La Digue, Seychelles, indicazione freccia Petite Anse

Indicazione del sentiero per Petite Anse.

Grande Anse è stata solo la prima delle spiagge deserte, selvagge e seducenti che abbiamo esplorato in quella mattina radiosa di sole. A nord si nascondeva la Petite Anse.

Oltre a questo più piccolo c'era Anse Coco.

picco dopo picco, Gli ansi perfetti di La Digue

Dopo le sabbie di ciascuno, l'accesso al successivo seguiva sentieri che attraversavano piccole paludi e salivano in vetta al nuovo "punta” sia attraverso la foresta pluviale che tra le rocce aguzze che ne svettano.

Ovunque fosse, l'umidità rimaneva opprimente e, per quanta acqua bevevamo, a poco a poco ci distillava.

La giungla è cresciuta così sfrenata che la conquista della cima di questi non è sempre statapunta” ci ha garantito una vista senza ostacoli sulle baie sottostanti. Più di una volta, per raggiungerli abbiamo dovuto eseguire acrobazie su rocce aguzze, a volte con equilibri davvero precari.

Quando, finalmente, abbiamo raggiunto punti privi di rocce o baldacchini di palme da cocco, i panorami del “maniglie” arrotondato, con le sue colonie di massi granitici, il mare azzurro e la giungla verde brillante ci hanno lasciato senza parole.

La Digue, Seychelles, costa orientale

Colori abbaglianti da un'altra delle baie della costa orientale di La Digue.

Scendemmo alla spiaggia di Anse Cocos fradici di sudore.

Un segno simile a quello della Grande Anse segnalava correnti marine più insidiose ma, cotti com'eravamo dalla calda clorofilla di quelle latitudini, non abbiamo resistito.

Abbiamo scelto un luogo senza apparenti anomalie nell'andirivieni del mare e abbiamo fatto il bagno come meritava quella piccola isola delle Seychelles: in assoluta estasi.

Precipitati dal vergognoso ritardo che già avevamo rispetto all'accordo con Daniel, abbiamo completato il ritorno alla Grande Anse in un quinto del tempo.

Ritorno in ritardo al villaggio di La Digue

Quando siamo arrivati, ero già tornato al villaggio di La Digue.

Abbiamo ripreso le energie in un bar sulla spiaggia creolo, socializzando con i proprietari e con un pazzo straniero di cinquant'anni che sembrava tornarci dopo qualche anno e che, tra lo stupore del trio, li ha trattati come se fossero intimi .

La Digue, Seychelles, Bar a Grande Anse

Titolare di un bar all'ingresso della Grande Anse de La Digue, si prepara a grigliare il pesce.

Daniel appare con aria calma ma rassegnata. Ancora una volta nel tuo giro torniamo al centro quasi urbano dell'isola. A La Passe siamo passati dal golf cart a due bici senza cambio, il più accidentate possibile, forse le peggiori dell'isola.

Anche in modalità piagnucolona, ​​abbiamo pedalato lungo la costa settentrionale.

Ciclisti, La Digue, Seychelles

I residenti condividono le biciclette nel villaggio della piccola La Digue.

Proprio sulla prima rampa, abbiamo potuto vedere perché molti altri ciclisti-turisti stavano guidando le loro biciclette a piedi.

È a piedi che arriviamo ai margini del locale cimitero, un conglomerato di tombe e croci bianche colorate da fiori che si succedono sull'erba fino al dominio più alto della foresta.

Anse Severe e la costa urbanizzata di La Digue

I primi coloni francesi di La Digue sbarcarono sull'isola accompagnati da schiavi africani, a partire dal 1769.

Molti tornarono in Francia, ma i nomi di molti altri si trovano sulle lapidi più antiche che abbiamo avuto prima di noi, come nei soprannomi degli attuali abitanti, discendenti dei coloni che vi soggiornarono, degli schiavi che nel frattempo furono liberati e dei Emigranti asiatici che si unirono a loro.

Dal cimitero siamo scesi di nuovo al lungomare delle Anse Severe.

Ci siamo fermati ad esaminare quella spiaggia semi-nascosta all'ombra di un potente esercito di alberi di takamaka con rami che invadevano la sabbia.

Sotto uno di questi alberi, abbiamo trovato un venditore di succhi installato dietro una bancarella ricoperta di colorati frutti tropicali che aveva decorato con fiori di ibisco rosa.

Una rinfrescante convivialità con Dona Alda dos Sumos

Abbiamo chiesto quanto costa ogni succo. Alda, la signora, ci risponde dieci euro come se niente fosse. Gli abbiamo spiegato che non possiamo spendere venti euro così per niente per due succhi.

La signora riconosce che il prezzo è esagerato e ricorre a una serie di spiegazioni: “Sapete che la banca non è mia, è di mio figlio ed è stato il prezzo che lui e sua moglie hanno deciso.

La Digue, Seychelles, venditore di succhi

Commessa di succhi alla bancarella di solito gestita da suo fratello.

Contrariamente a quanto si pensa, la frutta qui a La Digue è costosa, arriva da Mahé a prezzi molto alti". Nel frattempo, ci siamo presentati. Alda commenta ciò che ci ha incuriosito di più: “Non è così facile per noi piantare frutti qui.

La terra è molto costosa in tutte le Seychelles. Ognuno di noi ha spazi minimi intorno alle case. Quello che possiamo piantare è che la famiglia lo consumi”. Passiamo mezz'ora a parlare con la signora che ci sfoga metà dei problemi della sua vita.

Sensibilizzata dalla compagnia, ci offre i succhi che beviamo, dedita a più conversazioni. Dopo le bevute, abbiamo ripreso le bici e la tortuosa strada di cemento.

Abbiamo pedalato duramente ma ci siamo reidratati quando abbiamo raggiunto lo stretto meandro all'estremità nord dell'isola e siamo passati da Anse Severe ad Anse Patates.

La Digue Seducente da Patatran a sud-est

Intorno al villaggio di Patatran, la costa di La Digue, che lì è molto più dolce di quella che si affaccia sul grande Oceano Indiano sulla costa orientale, migliora ancora.

Si veste di una favolosa tavolozza di blu marino e ciano che si estende nel cielo sopra. Matasse bianche verticali attraversano il firmamento e sopra e nascondono l'orizzonte lontano.

Nell'aereo sotto il balcone da cui abbiamo goduto di questo favoloso panorama tropicale unico, seppur paragonabile al "The Baths" dell'isola caraibica di Virgin Gorda, Isole Vergini britanniche.

Dalla sabbia emanava un bianco riflettente che le onde della decorazione non potevano bagnare.

Cocchi assetati di freschezza si protendono sul mare e lasciano le loro sagome sulla sabbia, ancora una volta delimitata da “punta“elegante granito.

Mentre costeggiamo la costa da nord a ovest, la costa di La Digue deriva poco da questo ambiente incontaminato.

La Digue, Seychelles, Silhouette a Ciano

Una donna fotografa le acque turchesi della costa settentrionale dell'isola.

La pesca pazza di Thomas e Yencel

Già pedalando su Anse Gaulettes, ci fermiamo a dare un'occhiata all'attività di due autoctoni che perlustravano il mare, con l'acqua fino alle ginocchia. Abbiamo rivolto loro la nostra curiosità. Ci rispondono di aspettare un po'. Passano solo un minuto sdraiati in acqua.

Quando si alzano, ci mostrano il risultato della loro ricerca: un polpo e una seppia fresca.

Soddisfatti del premio quasi istantaneo, escono dall'acqua. Ancora prima di partire, uno di loro riesce comunque a sorprenderci: “Aspetta un attimo! Pensavano fosse finita.

La Digue, Seychelles, Pesca

Thomas e Yencel mostrano il pescato del giorno.

C'è ancora di più". Immerge le mani nell'acqua e le rimuove già tenendo in mano una piccola tartaruga. “Se vuoi fotografare, affrettati!

Si stressano se li teniamo fuori dall'acqua troppo a lungo.

OK, lo lascio cadere!" Thomas ci avverte con l'accordo di Yencel di condividere una risata facile e solare mentre lottavano con i tentativi della tartaruga di mordere e con le onde che, anche trattenute, li sbilanciavano.

La Digue, Seychelles, Tartaruga

Turtle ha fretta di tornare nell'Oceano Indiano che bagna La Digue e le Seychelles.

Li abbiamo lasciati a impacchettare le vongole e abbiamo continuato a pedalare avanti. Difficilmente andiamo oltre quando lasciamo cadere una bottiglia d'acqua e dobbiamo accostare al lato della strada.

Mentre ci ricomponiamo, il duo ci supera con grande clamore. Thomas guida una bicicletta rosa da bambino che sembra uscita da una promozione di Barbie.

I due ci salutano con grandi sorrisi e “bye” stridendo sotto una nuvola dall'aspetto mascotte e fuori posto a bassa quota. le urlò Thomas, mostrando i suoi denti grandi e perfetti, resi ancora più bianchi dal contrasto con la sua pelle nera.

La Digue, Seychelles, Ciclisti

Thomas e Yencel tornano a La Passe dopo aver catturato polpi e seppie nelle acque poco profonde di Anse Gaulettes.

Così comica e surreale, la scena ci ricorda parte di uno di quegli storici spot televisivi per il rum Malibu girati nei Caraibi.

La Digue e le sue tartarughe iperboliche e quasi giurassiche

Proseguiamo lungo la costa orientale fino a raggiungere il “battuta finale” da Anse Caiman che ci separava da Anse Cocos dove avevamo terminato la nostra passeggiata mattutina.

Lì, siamo tornati ancora una volta al punto di partenza di La Passe, abbiamo acquistato generi alimentari in un negozio di alimentari che stava per chiudere e abbiamo indicato l'ormai storica fattoria Union e fabbrica di copra.

La Digue, Seychelles, cura delle tartarughe

Un grande poster informa i visitatori di La Union sulla cura delle tartarughe locali.

In passato, questa proprietà concentrava la produzione principale di La Digue, le noci di cocco.

Oggi è un parco a tema informale.

Ospita la più grande e una delle più antiche rocce granitiche dell'isola, 700 milioni di anni, alta quaranta metri e si dice che una superficie di 4000 m2 e, alla sua base, una puzzolente e rumorosa colonia di tartarughe giganti Aldabra.

La Digue, Seychelles, Granito e Cocco

Grande blocco di granito all'interno di La Digue.

Anche osceno, dobbiamo dire.

La Digue, Seychelles, Tartarughe in accoppiamento

Vecchie tartarughe di La Digue colte in piena attività sessuale.

Anse Source d'Argent: la Monumentale La Digue

Diamo un'occhiata a loro e anche al vecchio cimitero locale.

Proseguiamo fuori dalla fattoria e arriviamo alla spiaggia più famosa di La Digue: Anse Source d'Argent. Entriamo nella sua ancor più eccentrica rocca granitica attraverso alcune delle rocce che tanto la caratterizzano.

Dall'altro lato, troviamo la marea vuota perché se lo fosse sarebbe perfetta. Entriamo con cautela in mare, tra coralli sommersi e letti di alghe.

E quando ci allontaniamo abbastanza dal mare, ci rendiamo conto della sontuosità del paesaggio davanti a noi.

Lo vediamo composto da successive rocce striate e striate, alcune arroccate sopra altre, quelle inferiori coronate da palme da cocco e circondate da una foresta rigogliosa e rigogliosa.

La Digue, Seychelles, Anse d'Argent

I visitatori di La Digue nell'acqua catturano l'incredibile scenario delle scogliere di Anse Source d'Argent.

Durante tutto il tempo che abbiamo ammirato e fotografato il paesaggio, una famiglia di pesci pipistrello rotondi ci nuota intorno alle gambe, controllando cosa potrebbero sfruttare la turbolenza che stavamo causando sul fondo del mare.

Pesce di La Digue, Seychelles, Anse d'Argent

I pesci circondano i bagnanti che rimuovono la sabbia vicino ai loro territori.

Il tramonto stava arrivando e il traghetto per Praslin sarebbe partito tra un'ora.

Senza un appuntamento per rimanere a La Digue, siamo corsi in spiaggia, abbiamo preso le biciclette ancora attaccate alle palme da cocco e abbiamo pedalato alla velocità consentita da quei fornai verso il molo di La Passe.

Abbiamo preso il traghetto senza intoppi e ancora con abbastanza luce per dare un'ultima occhiata ad alcune delle incredibili opere d'arte granitiche di La Digue.

Praslin, Seychelles

 

L'Eden degli enigmatici Coconuts-of-the-Sea

Per secoli, i marinai arabi ed europei hanno creduto che il seme più grande del mondo, che hanno trovato sulle coste dell'Oceano Indiano a forma di fianchi voluttuosi di una donna, provenisse da un albero mitico sul fondo degli oceani. L'isola sensuale che li ha sempre generati ci ha lasciato estasiati.
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I "Caraibi" divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
maschio, Maldive

Le Maldive per davvero

Dall'alto, Malé, la capitale delle Maldive, sembra poco più che un campione di un'isola angusta. Chi lo visita non troverà palme da cocco sdraiate, spiagge da sogno, SPA o piscine a sfioro. Lasciati abbagliare dalla genuina vita quotidiana maldiviana che gli opuscoli turistici omettono.
Cilaos, Reunion Island

Rifugio sotto il tetto dell'Oceano Indiano

Cilaos appare in una delle antiche caldere verdi dell'isola della Riunione. Inizialmente era abitato da schiavi fuggiaschi che credevano che sarebbero stati al sicuro a quell'estremità del mondo. Una volta reso accessibile, né la posizione remota del cratere impediva il rifugio di un villaggio ora peculiare e lusingato.
Reunion Island

Il melodramma balneare della riunione

Non tutte le coste tropicali sono ritiri piacevoli e corroboranti. Battuto da violente onde, minato da correnti insidiose e, peggio, teatro dei più frequenti attacchi di squali sulla faccia della Terra, quello di Isola della Riunione non riesce a garantire ai suoi bagnanti la pace e il piacere che bramano.
Maurizio

Una Mini India nell'Oceano Indiano

Nel XNUMX° secolo, i francesi e gli inglesi hanno combattuto per un arcipelago a est del Madagascar precedentemente scoperto dai portoghesi. Gli inglesi trionfarono, ricolonizzarono le isole con tagliatori di canna da zucchero del subcontinente ed entrambi ammisero la lingua, la legge e le modalità precedenti francofono. Da questo mix è emersa l'esotica Mauritius.
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Costa Rica e Tortuguero allagati

Il Mar dei Caraibi e i bacini di numerosi fiumi bagnano il nord-est della nazione tica, una delle zone più umide e ricche di fauna e flora dell'America centrale. Così chiamato perché nelle sue sabbie nere nidificano le tartarughe verdi, Tortuguero si estende, da lì nell'entroterra, per 312 km.2 della splendida giungla acquatica.
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Tortuguero: dalla giungla allagata al Mar dei Caraibi

Dopo due giorni di stallo a causa di piogge torrenziali, siamo partiti alla scoperta del Parco Nazionale del Tortuguero. Canale dopo canale, ammiriamo la ricchezza naturale e l'esuberanza di questo ecosistema fluviale in Costa Rica.
Mahé, Seychelles

La Grande Isola delle Piccole Seychelles

Mahé è la più grande delle isole del paese più piccolo dell'Africa. Ospita la capitale della nazione e quasi tutte le Seychelles. Ma non solo. Nella sua relativa piccolezza, nasconde uno splendido mondo tropicale, fatto di giungla montuosa che si fonde con l'Oceano Indiano in baie di tutte le sfumature del mare.
Victoria, Mahé, Seychelles

Dall'"establishment" francofono alla capitale creola delle Seychelles

I francesi diedero il loro "L'Etablissement” con coloni europei, africani e indiani. Due secoli dopo, i rivali britannici presero loro l'arcipelago e ribattezzarono la città in onore della loro regina Vittoria. Quando la visitiamo, la capitale delle Seychelles rimane tanto multietnica quanto minuscola.
Isola Felicité e Isola Curieuse, Seychelles

De Lebbrosario a casa de Tartarughe Giganti

A metà del XVIII secolo rimase disabitata e ignorata dagli europei. La spedizione navale francese”La Curieuse” lo rivelò e ispirò il suo battesimo. Gli inglesi la mantennero un lebbrosario fino al 1968. Oggi l'Île Curieuse ospita centinaia di tartarughe di Aldabra, l'animale terrestre più longevo.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Architettura & Design
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Sfilata e sfarzo
Cerimonie e Feste
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Assuan, Egitto, fiume Nilo incontra l'Africa Nera, Isola Elefantina
Città
Assuan, Egitto

Dove il Nilo accoglie l'Africa nera

1200 km a monte del suo delta, il Nilo non è più navigabile. L'ultima delle grandi città egiziane segna la fusione tra territorio arabo e nubiano. Fin dalla sua sorgente nel Lago Vittoria, il fiume ha dato vita a innumerevoli popoli africani dalla carnagione scura.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Impressioni Mostra di Lijiang, Yangshuo, Cina, Red Entusiasmo
Cultura
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
San Cristobal de Las Casas, Chiapas, Zapatismo, Messico, Cattedrale di San Nicolau
Etnico
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Hiroshima, città ceduta alla pace, Giappone
Storia
Hiroshima, Giappone

Hiroshima: una città arresa alla pace

Il 6 agosto 1945 Hiroshima soccombette all'esplosione della prima bomba atomica usata in guerra. Dopo 70 anni, la città si batte per la memoria della tragedia e per lo sradicamento delle armi nucleari entro il 2020.
Isola di Pico, a ovest della montagna, Azzorre, Lajes do Pico
Isole
Isola Pico, Azzorre

L'isola ad est del monte Pico

Di norma chi arriva a Pico sbarca sul suo versante occidentale, con il vulcano (2351 m) che sbarra la visuale sul versante opposto. Dietro il monte Pico, c'è un intero e meraviglioso "est" dell'isola che richiede tempo per svelarsi.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
António do Remanso, Comunità di Quilombola Marimbus, Lençóis, Chapada Diamantina
Natura
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Fuga da Seljalandsfoss
Parchi Naturali
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Mangrovie tra Ibo e Quirimba Island-Mozambico
Spiagge
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
Promettere?
Religione
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Società
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Animali selvatici
Valdez, Alaska

Sulla rotta dell'oro nero

Nel 1989 la petroliera Exxon Valdez provocò un enorme disastro ambientale. La nave ha smesso di solcare i mari, ma la città vittimizzata che le ha dato il nome continua sulla rotta del greggio dell'Oceano Artico.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.