Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.


Ngawal, il villaggio
Assortimento buddista
Le bandiere di preghiera sventolano nel vento e controluce.
pasto animato
natura morente
La registrazione degli elettori è obbligatoria
cornice nepalese
mandati
Gemellaggio
duo bovino
residente
vita al sole
una pausa di sole
Stupa & Tunnel
Stupa vs Annapurna
fede nel vento
Colore della luce e della fede
amuleto d'oro
casa buddista
Stupa quasi a Braga
Un antico ed elegante stupa, tra Munchi e Braga.
Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.

Il bagno: quel tema trascendentale e quasi bellicoso del Circuito dell'Annapurna.

I padroni di casa nepalesi sono incuriositi dall'urgenza dei viaggiatori con lo zaino di fare il bagno. Le successive richieste di acqua calda ci esasperano: alla fine di ogni giornata. Subito dopo il risveglio.

La maggior parte degli indigeni è cresciuta facendo il bagno ogni quindici giorni. I più grandicelli lo fanno, con fortuna, di mese in mese. È al di là della tua ragione per cui gli ospiti chiedono docce fluide con acqua calda. Eppure, alla domanda se i loro hotel garantiscono bagni caldi, che sia vero o meno, promettono.

Così avevamo deciso di stabilirci nella Ngawal Mountain Home, all'ingresso del villaggio invece che nel suo centro. Un'ora dopo il check-in, eravamo a letto. Coperto da sacchi a pelo polari e da tutte le coperte che la stanza offriva, cercando di riprendersi da un'ipotermia inaspettata.

“I tedeschi l'hanno appena preso. Sembra che sia stato buono!” così ci ha incoraggiato i nepalesi del servizio alla locanda. Siamo entrati nella doccia, abbiamo pensato che fosse sicuro. Dopo tre minuti, ancora saponosa, abbiamo sentito l'acqua passare da tiepida a ghiacciata.

Siamo costretti a continuare il bagno a 0º crudele (o vicino ad esso) ea congelarci ancora di più sulla via del ritorno nella stanza.

Quando torniamo là dentro, tremiamo come bastoncini verdi. Solo dopo mezz'ora di convalescenza a letto riprendiamo il normale controllo dei movimenti. Ancora tempo per la cena.

Alla scoperta di Ngawal

Diminuito rispetto alla precedente salita al alture panoramiche di Ghyaru, abbiamo dormito presto. Ci siamo svegliati più tardi di quanto avremmo voluto in un luminoso lunedì. Uscimmo verso le case di pietra e adobe che si intravedevano in lontananza. Già nel mezzo delle abitazioni, troviamo uno dei numerosi stupa del villaggio.

Alla sua base, una scala serpeggiava lungo il pendio a perdita d'occhio, ornata da una colonia variopinta di stendardi di preghiera buddisti che sventolavano al vento.

C'era anche un cartello che con tre avvertimenti in inglese di "bacheca” e doppi punti esclamativi avvisavano dell'ingresso del trekking Nar-Phoo, ramo del circuito dell'Annapurna che saliva ai 5300 metri di quota della Gola di Kang-La.

Ngawal, Circuito di Anapurnna, Nepal

Panorama di Ngawal, con le montagne di Anapurnna sullo sfondo.

Siamo rimasti sulle scale. Poco dopo mezzogiorno, l'abbiamo lasciato per il ripido pendio dove abbiamo zigzagato con molta attenzione per evitare di rotolare laggiù.

Prima ancora di raggiungere un punto di osservazione che ci sembra ideale, lasciamo cadere un grosso sasso tanto tondeggiante quanto instabile.

Il ciottolo guadagna slancio. Rotola in direzione delle case più vicine e della strada lungo la quale eravamo entrati in paese e sulla quale si vedevano volteggiare delle figure.

Per un momento, crediamo che si fermerebbe in fondo. La gravità lo accelera così tanto che ce lo immaginiamo entrare in una casa e noi fuggire da una folla inferocita nepalese.

Fortunatamente, la roccia finisce per schiantarsi tra il monastero e un altro stupa. Nessun danno.

Il sollievo ci fa apprezzare il paesaggio sottostante e avanti con raddoppiato piacere.

Ritorno alle colline di Ngawal

Ngawal si estende in una zona pianeggiante ma elevata della valle, che domina il letto del fiume Marsyangdi e il locale aeroporto che si annida ai piedi della catena montuosa dell'Annapurnas, lì, già dal monte Annapurna III, con Gangapurna che suggerisce l'ovest.

Come l'abbiamo visto da quel punto panoramico, era formato da un nucleo di argilla liscia e tetti di paglia, ciascuno con il suo stendardo buddista svolazzante al vento.

Bandiere di preghiera, Ngawal, circuito di Anapurnna, Nepal

Le bandiere di preghiera sventolano nel vento e controluce.

Torniamo alle scale e scendiamo per le strade ancora semi-soleggiate del paese.

Come avevamo fatto nei paesini di ritorno, anche lì abbiamo ammirato la pigra vita quotidiana dei pochi abitanti e i dettagli architettonici delle case e degli edifici religiosi: le finestre colorate con cornici ritagliate, i portici e i balconi che si aprono alla pura atmosfera dell'Himalaya e garantire ai residenti un primato sempre utile sulle strade adiacenti.

Ci avviciniamo al più grande hotel di Ngawal, ben evidenziato nel suo cuore. Due signore nepalesi in allerta per l'arrivo dei turisti insistono per costringerci a fare la colazione che avevamo già consumato.

Abbiamo continuato a camminare per un'altra mezz'ora finché non abbiamo deciso di salvare i grandi zaini dalla Ngawal Mountain Home e di avanzare verso il villaggio che avevamo programmato per la nuova fine della giornata.

Nativo, Ngawal, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Anziana di Ngawal sotto il portico di casa sua.

Ngawal, sulla strada per Braga.

Avevamo appena superato il cancello della proprietà quando ci siamo imbattuti in Fevsi. Avevamo lasciato lui, il tedesco Josh e la coppia italo-spagnola Edu e Sara ghyaru.

Quella mattina, Josh era tornato alla ricerca del permesso del circuito in cui si era dimenticato Chame. Edu e Sara erano già andati avanti. Fevsi, camminava da solo dietro di lui. Vi salutiamo felici di avere compagnia.

Mentre camminiamo, ci aggiorniamo sulle ultime novità e ci divertiamo con argomenti successivi, da quelli legati al circuito alla vita di Fevsi nella sua terra turca sull'orlo del Georgia e persino le sue incursioni a Batumi e in altre coste del Mar Nero e nell'ex repubblica sovietica.

Noi tre siamo scesi dalla vetta intermedia dove Ngawal si estendeva fino alla gola di Marsyangdi sottostante. Abbiamo camminato lungo l'estensione alpina della valle, con le cime innevate della catena dell'Annapurna che squarciavano il cielo azzurro. Contrariamente a quanto accaduto in altri, questo tratto rimane occupato.

Ci imbattiamo in un gruppo di donne che portano i propri figli da scuola. Presto, anche con due o tre motociclisti indicò terre basse.

Due ore dopo costeggiavamo il fondo raggiato di un pendio che quasi chiudeva la valle.

L'altro versante svela un nuovo villaggio e una sfilza di ristorantini locali dove, nonostante la vicinanza della meta finale, scegliamo di pranzare.

Pranzo presso una Munchi Tea House, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Un gruppo di donne pranza e socializza in una piccola casa da tè a Munchi, a poca distanza da Braga.

Il meritato riposo di Munchi

È bello mettere giù i nostri zaini pesanti di piombo. Buoni quasi quanto le chiacchiere e i succhi di olivello spinoso che sorseggiamo sulla minuscola terrazza mentre aspettiamo i nostri spuntini.

Ci sentiamo riposati. Anche così, non così vivace come il gruppo di indigeni insediati nelle campagne che, in compagnia dei proprietari, alternano chiacchiere chiacchiere e risate sfrenate.

Piccoli plotoni di escursionisti tedeschi e israeliani, per lo più diretti a Manang, ci passano davanti e la statua dorata del Buddha che benedice il villaggio.

Consapevoli che il nostro destino era vicino, lasciamo trascinare il pasto tardivo di zuppe, stufato di yak e pane tibetano. Fino a quando il sole tramonta dietro le montagne e il tepore che ci accarezza il viso lascia il posto alla brezza gelida che, di regola, preannuncia la notte.

Paghiamo il pranzo. Ci mettiamo gli zaini sulle spalle. Abbiamo ripreso il tortuoso della lunga strada di Manang Sadak che ha continuato ad emulare quella del Marsyangdi. Dopo poche centinaia di metri, ci siamo imbattuti in una profusione di cartelli stradali che indicavano il Lago di Ghiaccio e una certa Grotta di Milarepa.

All'epoca non ne eravamo a conoscenza, ma entrambe le escursioni si sarebbero rivelate ardue, determinanti per l'acclimatamento che ci ha richiesto la conquista del Passo Thorong-La, fatta a 5.416 metri di altitudine.

L'ultimo sforzo

Abbiamo lasciato queste targhe e ci siamo imbattuti in un antico stupa drappeggiato con bandiere di preghiera. Nel prossimo meandro, ci siamo imbattuti in quattro o cinque yak neri in arrivo da chissà dove.

A quel punto, il gruppo di donne che abbiamo incontrato insieme nel ristorante di Munchi ci aveva quasi raggiunto. Quando si sono resi conto dell'interesse fotografico che avevamo per gli animali, hanno bloccato il loro percorso finché non ci siamo avvicinati. Anche se c'è stato poco beneficio perché gli animali si sono immediatamente sciolti, li ringraziamo per l'impegno e la gentilezza.

Fevsi ha continuato la sua passeggiata. Abbiamo accorciato lo spazio che ci separava da lui in compagnia delle donne, che parlavano un po' di inglese ed erano dello stesso buon umore con cui le avevamo viste per la prima volta.

Le signore si salutano e riprendono un ritmo accelerato che i nostri zaini non ci darebbero mai. Nel frattempo abbiamo raggiunto Fevsi che, invece, aveva rallentato.

Ci uniamo a lui in un nuovo meandro. Ci giriamo intorno, ancora una volta curiosi. Finché non intravediamo un monastero buddista bianco e rosso incastonato nel mezzo di una collina coronata da scogliere aguzze.

Non poteva che essere Braga. O Braka, come era anche conosciuta.

Stupa, Braka, Circuito dell'Annapurna, Nepal

Un antico ed elegante stupa, tra Munchi e Braga.

Comunque Braga

Scendiamo dal pendio che chiudeva l'anfiteatro naturale dove era riparato il paese al prato in pendio e semi-inzuppato nel mezzo.

Il pascolo che vi era esposto era molto più rigoglioso che nella maggior parte del Nepal, servito da cibo e da letto per alcuni yak pigri.

Ma non solo. Stormi di germani reali e altri uccelli sguazzavano e perlustravano l'erba fangosa in cerca di cibo. Di tanto in tanto sbarcava un nuovo gregge che rafforzava il contingente di visitatori arrostiti.

Stavamo ancora arrivando ma Braga ci stava già conquistando. Siamo tornati al Manang Sadak da cui avevamo perso. Abbiamo notato che quasi tutti gli hotel del villaggio erano allineati sul lato della strada.

Questa nuova tappa sul circuito dell'Annapurna potrebbe anche essere molto diversa da quella di Ngawal. Il tema incalzante nella scelta del soggiorno, quello, è stato quello della sera prima e il solito: il bagno.

Il New Yak Hotel – il primo che abbiamo trovato a Braga – prometteva docce riscaldate con bombole di gas. Veniva anche servito da una panetteria ripiena di torta di mele e altri dolci appetitosi.

I prezzi di vitto e alloggio erano un po' fuori dall'ordinario, quindi abbiamo subito deciso di stabilirci lì. In tempo utile. I bagni a gas delle bombole erano rari lungo il circuito. Ci hanno offerto solo hotel che, come il New Yak, hanno raggiunto la fama online e, come tali, sono rimasti pieni.

Anche senza il dramma termale di fine giornata a Ngawal, la doccia di apertura ci delude ancora. A differenza di Braga Nepal, che non smetterà mai di incantarci.

Maggiori informazioni sull'escursionismo Nepal sul sito ufficiale del Nepal Turismo.

Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Cerimonie e Feste
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Graffiti della dea inquietante, Haight Ashbury, San Francisco, USA, Stati Uniti d'America
Città
L'Haight, San Francisco, EUA

Orfani dell'estate dell'amore

Anticonformismo e creatività sono ancora presenti nel vecchio quartiere Flower Power. Ma quasi 50 anni dopo, la generazione hippie ha lasciato il posto a giovani senzatetto, incontrollati e persino aggressivi.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
La sposa entra in macchina, il matrimonio tradizionale, il tempio Meiji, Tokyo, Giappone
Cultura
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Passeggero M:S Viking Tor rivestito di traghetto, Aurlandfjord, Norvegia
In viaggio
Flamm a Balestrand, Norvegia

Dove le montagne cedono ai fiordi

La stazione finale della Ferrovia Flam segna la fine della vertiginosa discesa ferroviaria dagli altopiani di Hallingskarvet alle pianure di Flam. In questo villaggio troppo piccolo per la sua fama, lasciamo il treno e navighiamo lungo il fiordo di Aurland verso il prodigioso Balestrand.
casco capillare
Etnico
Viti Levu, Fiji

Cannibalismo e capelli, vecchi passatempi di Viti Levu, Isole Fiji

Per 2500 anni, l'antropofagia ha fatto parte della vita quotidiana alle Fiji. Nei secoli più recenti, la pratica è stata adornata da un affascinante culto dei capelli. Per fortuna rimangono solo le vestigia dell'ultima moda.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Aloe excelsa presso il muro del Grande Recinto, Grande Zimbabwe
Storia
Grande Zimbabwe

Grande Zimbabwe, mistero infinito

Tra l'XI e il XIV secolo, i popoli bantu costruirono quella che divenne la più grande città medievale dell'Africa subsahariana. Dal 1500 in poi, con il passaggio dei primi esploratori portoghesi provenienti da Mozambico, la città era già in declino. Le sue rovine, che hanno ispirato il nome dell'attuale nazione dello Zimbabwe, hanno molte domande senza risposta.  
Ribeira Grande, Santo Antao
Isole
Ribeira Grande, Santo AntãoCapo Verde

Santo Antão, Ribeira Grande Sopra

Originariamente un piccolo villaggio, Ribeira Grande ha seguito il corso della sua storia. Divenne il villaggio, poi la città. È diventato un bivio eccentrico e inevitabile sull'isola di Santo Antão.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Cowboy Basotho, Malealea, Lesotho
Natura
Malealea, Lesoto

La vita nel regno africano dei cieli

Il Lesotho è l'unico stato indipendente situato interamente al di sopra dei XNUMX metri. È anche uno dei paesi in fondo alla classifica mondiale dello sviluppo umano. Il suo popolo altezzoso resiste alla modernità ea tutte le avversità in cima alla terra grandiosa ma inospitale che le è stata donata.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parchi Naturali
Viaggi in barca

Per coloro che si stancano di navigare in rete

Sali a bordo e lasciati trasportare da imperdibili gite in barca come l'arcipelago filippino di Bacuit e il mare ghiacciato del Golfo di Botnia finlandese.
Palazzo Gyeongbokgung, Seoul, Korea Travel, Color Maneuvers
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Seul, Corea del Sud

Uno sguardo alla Corea medievale

Il palazzo Gyeongbokgung è protetto da guardiani con abiti di seta. Insieme, formano un simbolo dell'identità sudcoreana. Senza aspettarcelo, siamo finiti per ritrovarci nell'era imperiale di queste terre asiatiche.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Lifou, Isole della Lealtà, Nuova Caledonia, Mme Moline popinée
Spiagge
Lifou, Isole della Lealtà

La più grande fedeltà

Lifou è l'isola centrale delle tre che formano l'arcipelago semifrancese al largo della Nuova Caledonia. Col tempo, i nativi Kanak decideranno se vogliono che il loro paradiso sia indipendente dalla lontana metropoli.
Da Chiang Khong a Luang Prabang, Laos, lungo il Mekong
Religione
Chiang Hong - Luang Prabang, Laos

Barca lenta, fiume Mekong sotto

La bellezza e il basso costo del Laos sono buoni motivi per navigare tra Chiang Khong e Luang Prabang. Ma questa lunga discesa del fiume Mekong può essere estenuante quanto pittoresca.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Cabina Sapphire, Purikura, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Pecore ed escursionisti a Mykines, Isole Faroe
Animali selvatici
Mykines, Isole Faroe

Nell'estremo ovest delle Faroe

Mykines stabilisce il confine occidentale dell'arcipelago delle Faroe. Ospitò 179 persone ma la durezza del ritiro ebbe la meglio. Oggi, lì sopravvivono solo nove anime. Quando la visitiamo, troviamo l'isola dedita alle sue mille pecore e alle inquiete colonie di pulcinelle di mare.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.